35 immagini che catturano il periodo d'oro dei Beatniks a New York City

Foto del movimento beatnik nel Greenwich Village degli anni '50 che ospitava Jack Kerouac, Allen Ginsberg e la fiorente Beat Generation.

Alla fine degli anni Quaranta, intorno agli scritti di Allen Ginsberg, Jack Kerouac e William Burroughs si formò una nuova controcultura che abbracciava l'anticonformismo, la liberazione sessuale e uno stile di vita bohémien. Conosciuta come la Beat Generation, hanno gettato le basi filosofiche per un espressionismo dallo spirito libero che si sarebbe evoluto nel più ampio movimento hippie negli anni '60.

I Beatniks hanno trovato la loro casa nel Greenwich Village, un quartiere allora degradato di New York City con affitti bassi e una comunità isolata ma accogliente. Come descritto da un residente:



in quale contea si trova Irvine California?

Tipo, amico, se sei Beat, dove altro puoi andare se non il Greenwich Village, sulla Terra? Tipo, è Endsville, amico, capisci?



In questa galleria, guardiamo immagini affascinanti di come appariva la vita nella New York dei Beatniks degli anni '50 e '60:

Corso Ginsberg Kerouac Kerouac tiene la corte Gregory Corso Poetry Reading Beat Generation Mimi Margoux

E se ti è piaciuto questo post, assicurati di dare un'occhiata a questi post popolari:

33 Foto CBGB dal periodo d
33 Foto CBGB dal periodo d'oro del punk rock di New York City
27 immagini grezze di quando il punk dominava New York
27 immagini grezze di quando il punk dominava New York
26 foto incredibili di New York prima che diventasse New York City
26 foto incredibili di New York prima che diventasse New York City
1 di 36Al centro del movimento Beat c'erano gli scrittori Allen Ginsberg, Gregory Corso e Jack Kerouac, che mantennero amicizie per tutta la vita tra loro. Nel 1956, Ginsberg pubblicò 'Howl', una poesia seminale che illuminò l'inquietudine spirituale di una generazione.

Da sinistra, Ginsberg, Kerouac e Corso vengono fotografati nel Greenwich Village nel 1957.
Burt Glinn / Magnum2 di 36Allo stesso modo, il romanzo di Kerouac Sulla strada esplorò l'America dalla lente di una nuova generazione che abbracciava la droga, la liberazione sessuale e il jazz. Dopo la sua uscita nel 1956, Il New York Times lo definì 'l'espressione più splendidamente eseguita, più chiara e più importante mai fatta dalla generazione Kerouac stesso chiamata anni fa come' beat '.'

In questa fotografia, Kerouac tiene corte al Seven Arts Cafe nel Greenwich Village nel 1959.
Burt Glinn / Magnum3 di 36Prima di diventare un poeta e un appuntamento fisso della comunità Beat, Gregory Corso trascorse la maggior parte della sua vita in orfanotrofi e prigioni. Grazie alla donazione di una vasta biblioteca presso la prigione di stato di Clinton da parte del famoso mafioso Charles 'Lucky' Luciano, Corso è stato in grado di studiare poesia e letteratura, che avrebbero acceso i suoi talenti creativi.

Nella foto, Corso aspetta sulla tromba delle scale per leggere le sue poesie al Seven Arts Cafe nel 1959.
Burt Glinn / Magnum4 di 36Intitolata 'On the Scene in the Village', questa fotografia riprende un gruppo di beatnik che bazzicano davanti alla Farmacia del Greenwich Village 'in attesa dell'inizio dell'azione'.Bettmann / Getty Images5 di 36Mimi Margaux, che si è descritta come una 'ballerina, attrice, modella e seguace de' la Vie Boheme ', gode della vista dal balcone in un ritrovo dell'East Village nel 1959.Burt Glinn / Magnum6 di 36La musica jazz era al centro della filosofia Beat e fungeva da colonna sonora per il movimento. Gran parte del vocabolario e dell'etica del jazz è stata infusa nella cultura beat, e in effetti la parola 'Beat' è stata presa dal gergo jazz, che significa down and out.Bettmann / Getty Archives7 di 36Una band jazz suona dall'alto di un armadietto dei liquori al nightclub Half Note, un ritrovo regolare per i New York Beats, nel 1959.Burt Glinn / Magnum8 di 36Un gruppo suona musica folk a una folla a Washington Square Park a New York City nel giugno 1955.Bettman / Getty Images9 di 36Il movimento Beat ha mescolato elementi disparati di surrealismo, jazz e post-modernismo nei suoi modi di espressione unici. Durante una lettura in Thompson Street nel Greenwich Village, un uomo recita poesie accompagnato da un flautista.Bettmann / Getty Images10 di 36La cultura beat trovò casa nell'allora nuovo, ora onnipresente coffee shop. Qui le persone potevano riunirsi, ascoltare musica e bere la loro bevanda preferita senza vincoli di tempo.Bettmann / Getty Images11 di 36Un cartello fatto a mano fuori dal Cafe Wha? offre 'Beat poets, jazz, crazy bongos, congos, Live Beatniks, Creepnik,?!?!?!'Bettmann / Getty Images12 di 36Le caffetterie servivano anche come luoghi di fatto per esibizioni Beat improvvisate. In questa fotografia, una donna recita poesie durante una sessione a tarda notte in un caffè del Greenwich Village nel 1959.Bettman / Getty Images13 di 36Una lettura di poesie al Greenwich Village nel 1959.Burt Glinn / Magnum14 di 36Il Gaslight Cafe era un luogo popolare per spettacoli di musica popolare e, mentre la storia va, gli applausi del pubblico si sono riverberati negli appartamenti circostanti, il che ha causato diverse denunce di disturbo alla polizia. I membri del pubblico sono stati quindi istruiti a scattare invece di applaudire.Bettmann / Getty Images15 di 36Un momento candido dalla caffetteria Cock N 'Bull nel 1959.Burt Glinn / Magnum16 di 36Un uomo suona la chitarra mentre un suo amico scrive poesie al Gaslight Cafe nel 1959. Come descritto dal fotografo:

In posti come il Gaslight, che si autodefinisce la più antica caffetteria del villaggio, i ritmi si incontrano per bere caffè espresso (e talvolta gelati) e tenere pesanti discussioni filosofiche sull'arte e sulla vita. Le loro barbe, le acconciature spettinate e gli strani costumi esprimono la loro ribellione contro le convenzioni.
Bettman / Getty Images17 di 36Una donna siede in contemplazione mentre si gusta un espresso al Gaslight Cafe nel 1959.Bettman / Getty Images18 di 36Jack Kerouac legge per un pubblico al Seven Arts Cafe nel 1959.Burt Glinn / Magnum19 di 36Famoso per il suo motto 'il jazz è la mia religione e il surrealismo è il mio punto di vista', il poeta e trombettista Ted Joans era un appuntamento fisso della scena Beat di New York City. Era altrettanto famoso per aver tenuto feste bohémien, come in questa fotografia scattata a una festa in costume nel Greenwich Village nel 1960.ICP / Getty Images20 di 36Ted Joans legge poesie al caffè Bizarre nel 1959.Burt Glinn / Magnum21 di 36La Walter Bows Band suona una festa nel loft di un artista nel 1959.Burt Glinn / Magnum22 di 36Jack Kerouac parla con un amico a una festa Beat.Burt Glinn / Magnum23 di 36Alcuni ritardatari a una festa Beat che hanno goduto di alcune libagioni.Burt Glinn / Magnum24 di 36Una donna e un uomo ballano con l'accompagnamento di un batterista che picchia sulle congas a una festa nel Greenwich Village nel 1956.ICP / Getty Images25 di 36Batte godersi una festa, 1959.Burt Glinn / Magnum26 di 36Quattro amici condividono un letto in un appartamento del Greenwich Village dopo una lunga notte fuori nel 1956.ICP / Getty Images27 di 36Il Cafe Rienzi, aperto dal pittore David Grossblatt, è stato uno dei primi coffee shop di New York. Situato in MacDougal Street, è stato descritto da Il New York Times come il centro della vita intellettuale nel Village durante la Beat Generation.Bettmann / Collaboratore tramite Getty Images28 di 36Una coppia condivide una soda al Cock N 'Bull in Bleecker Street nel 1959.Bettmann / Getty Images29 di 36Un uomo suona la chitarra al tramonto a Washington Square Park nel 1959.Burt Glinn / Magnum30 di 36Hugh Nanton Romney canta al saloon di McSorley nel 1959. Successivamente, Romney adotterà il nome di 'Wavy Gravy' e diventerà un attivista per la pace per tutta la vita.Burt Glinn / Magnum31 di 36Le caffetterie erano spesso gestite in modo illecito e talvolta gestite come copertura per lo spaccio di droga. Nel 1960, i vigili del fuoco e il dipartimento di polizia iniziarono a chiudere le caffetterie in tutta New York City. In questa fotografia, un gruppo si prepara per una protesta contro le azioni cittadine.Gamma-Keystone / Getty Images32 di 36I Beatnik protestano davanti al municipio di New York nel 1960 in risposta alla chiusura dei caffè.Bettmann / Getty Images33 di 36I partecipanti al concorso 'Miss Beatnik' posano per una fotografia nel 1959.Wikimedia Commons34 di 36Il vincitore di 'Miss Beatnik', identificato solo come 'Angel', è circondato dai giudici del concorso.Bettmann / Getty Images35 di 36La cultura Beatnik è stata rapidamente mercificata dal mainstream ed è stata utilizzata per vendere cose come giradischi e film. Simile a ciò che sarebbe accaduto più tardi negli anni '60 agli hippy di San Francisco, il Greenwich Village divenne una destinazione turistica e offrì tour in autobus per vedere i 'beatnik nella vita reale'.Archivio Hulton / Getty Images36 di 36 35 immagini che catturano il periodo d'oro dei Beatniks a New York City View Gallery

Se sei affascinato da quest'epoca, guarda questo breve documentario del 1961 sulla cultura Beat a New York:



qual è la storia di rut nella Bibbia?

E se ti è piaciuta questa galleria di beatnik a New York, dai un'occhiata alle nostre altre su San Francisco al culmine della rivoluzione hippie . Quindi, dai un'occhiata ad alcuni terrificanti foto della metropolitana di New York negli anni '80 .