7 caratteristiche vestigiali del corpo umano

Occhio. Ciglio. Bulbo oculare. Visione.

AdstockRF

Le vestigia sono i resti della storia evolutiva: impronte o tracce, come tradotto dal latino vestigiale . Tutte le specie possiedono caratteristiche vestigiali, che variano nel tipo da anatomico a fisiologico a comportamentale. Negli esseri umani si verificano più di 100 anomalie vestigiali. Il seguente elenco ne esplora 7.




  • Riflesso della presa palmare

    Riflesso di presa di Palmer in un neonato.

    riflesso ereditario Riflesso palmare da presa in un neonato. Tony Wear/Shutterstock.com



    Il riflesso di presa palmare è un comportamento caratteristico dei neonati umani, che si sviluppa già a 16 settimane di età gestazionale, quando il feto inizia ad afferrare il cordone ombelicale nell'utero materno. Le prime ricerche hanno scoperto che i neonati umani, basandosi sul loro riflesso di presa, potevano sostenere il proprio peso per almeno 10 secondi quando erano appesi per le mani a un'asta orizzontale. In confronto, i bambini scimmia, che possiedono un simile comportamento di presa involontaria, sono stati in grado di rimanere appesi a una mano per più di mezz'ora. Il riflesso è essenziale per i bambini scimmia, poiché consente loro di aggrapparsi alla pelliccia del corpo della madre. Ma gli umani, che si sono evoluti da un'esistenza arborea e hanno perso la copertura di pelo sul corpo, presumibilmente non hanno più bisogno di quella potente presa. I neonati umani in genere iniziano a perdere il riflesso intorno ai tre mesi di età. Nonostante la sua diminuita forza e perdita nella prima infanzia, alcuni ricercatori pensano che il riflesso della presa possa mantenere importanti funzioni negli esseri umani.

  • code

    Nella sesta settimana di gestazione, l'embrione umano possiede una coda, completa di diverse vertebre. Nelle successive due settimane di sviluppo, tuttavia, la coda scompare e nel tempo le vertebre si fondono per formare il coccige, o coccige, nell'adulto. Gli umani e i loro parenti scimmie si distinguono dagli altri gruppi di primati in parte per la loro mancanza di coda, sebbene non sia chiaro il motivo per cui le scimmie abbiano perso la coda. In rare occasioni, un bambino umano nasce con una coda rudimentale. Nella moderna letteratura medica, tali code mancano di vertebre e sono tipicamente innocue, sebbene alcune siano associate alla spina bifida (mancanza delle vertebre di racchiudere completamente il midollo spinale). Le code nei neonati umani in genere vengono rimosse attraverso un intervento chirurgico senza complicazioni.



  • Dente del giudizio

    I denti da latte umani cadono e vengono sostituiti con una serie di denti adulti.

    denti Zoonar/Thinkstock

    cosa significa il nome yahweh?

    Quando la specie umana è emigrata dall'Africa, è arrivata a popolare una varietà di habitat e, alla fine, le civiltà umane si sono sviluppate. In coincidenza con quegli eventi ci fu uno spostamento della dieta umana verso il consumo di cibi morbidi e lavorati, che gradualmente eliminò la necessità di mascelle grandi e potenti. Con una riduzione delle dimensioni della mascella umana, i molari, in particolare i terzi molari o denti del giudizio, sono diventati altamente inclini all'impatto. Sempre più spesso i denti del giudizio sono congenitamente assenti. Di conseguenza, ora sono considerati una caratteristica vestigiale del corpo umano.

  • Membrana nittitante

    occhio (iride, pupilla, occhiali)

    occhio Sam23/Fotolia



    La plica semilunaris è una piega della congiuntiva nell'angolo interno dell'occhio umano. La sua somiglianza con la membrana nittitante, o terza palpebra, di altri animali ha portato all'idea che potrebbe essere il vestigio di una tale struttura, che fa ancora parte dell'occhio in alcuni primati, inclusi i gorilla. Nello scimpanzé, tuttavia, uno dei parenti più stretti della specie umana, anche la plica semilunaris sembra essere vestigiale. La funzione della membrana nittitante in molti animali è protettiva, ad esempio mantenendo l'occhio pulito e umido o nascondendo l'iride dai predatori. In alcune specie, la membrana è sufficientemente trasparente da consentire la visione sottoterra o sott'acqua. Sebbene la ragione della perdita di una membrana nittitante nell'uomo non sia chiara, i cambiamenti nell'habitat e nella fisiologia dell'occhio potrebbero aver reso il tessuto non necessario.

  • Muscoli auricolari

    Struttura dell

    Struttura dell'orecchio Encyclopædia Britannica, Inc.

    I muscoli auricolari o estrinseci dell'orecchio umano comprendono il muscolo auricolare anteriore, il muscolo auricolare superiore e il muscolo auricolare posteriore. Insieme, controllano il padiglione auricolare, o la parte visibile dell'orecchio. In molti mammiferi, i movimenti dell'orecchio prodotti dai muscoli auricolari giocano un ruolo nella localizzazione del suono e nell'espressione delle emozioni, ma nell'uomo i muscoli sono considerati non funzionali. Darwin propose che gli esseri umani catturassero efficacemente i suoni posizionando la testa per riceverli, compensando così la perdita o eliminando la necessità dei muscoli auricolari. Attraverso sforzi ripetuti, tuttavia, gli esseri umani possono recuperare una certa capacità di muovere le orecchie.



  • Muscolo palmare lungo

    La ricerca ha indicato che il palmaris longus, una sottile striscia di muscolo che corre tra il polso e il gomito, è assente da entrambe le braccia in circa il 10% degli esseri umani. Il muscolo presumibilmente funzionava in presa, con alcune speculazioni che fosse di particolare importanza per l'impiccagione. Negli esseri umani moderni, tuttavia, l'assenza del muscolo non ha alcun impatto sulla forza di presa. Oggi, il palmaris longus viene comunemente raccolto come fonte di tessuto per l'innesto di tendini nella chirurgia ricostruttiva.

  • Muscolo piramidale

    Il muscolo piramidale è un muscolo accoppiato di forma triangolare che, quando presente, si trova nel basso addome tra il muscolo e la guaina muscolare del retto addominale. I muscoli piramidali variano in dimensioni e numero, con alcune persone che ne hanno due, uno o nessuno. Possono servire a contrarre la linea alba, attività considerata irrilevante per la funzione dei muscoli addominali. I ricercatori hanno stimato che uno o entrambi i muscoli piramidali sono presenti in circa l'80% della popolazione umana.