872 Days In Hell: 38 foto agghiaccianti dell'assedio di Leningrado

2,5 milioni di residenti furono ridotti a poco meno di 800.000 dalla fame, dalle malattie e dall'esposizione durante l'assedio di Leningrado.

Edificio distrutto dopo l Bambini Che Giocano Per Le Strade Casa civile in fiamme I civili abbandonano l I civili ispezionano il carro armato capovolto nella neve

E se ti è piaciuto questo post, assicurati di dare un'occhiata a questi post popolari:



I diari appena scoperti rivelano gli orrori del cannibalismo durante l
I diari appena scoperti rivelano gli orrori del cannibalismo durante l'assedio nazista di Leningrado
36 foto della battaglia di Stalingrado, il più grande scontro nella storia della guerra
36 foto della battaglia di Stalingrado, il più grande scontro nella storia della guerra
28 foto inquietanti della battaglia di Kursk: lo scontro che ha cambiato la seconda guerra mondiale
28 foto inquietanti della battaglia di Kursk: lo scontro che ha cambiato la seconda guerra mondiale
1 di 34Rovine lasciate dopo che Leningrado fu bombardata dai nazisti durante l'assedio della città.B. Kudoyarov / Hulton Archive / Getty Images2 di 34Gli avvisi stradali leggono 'guida lentamente! bomba inesplosa! Pericolo!' dietro un gruppo di ragazzi che giocano sugli scooter. L'assedio di Leningrado è durato quasi 900 giorni e la violenza è diventata la norma, anche per i bambini.Sovfoto / UIG / Getty Images3 di 34Immagine di Ullstein / Getty Images4 di 34Quasi 3 milioni di persone sono rimaste intrappolate in città durante l'assedio. Più di 1/3 di loro sono morti.TASS / Getty Images5 di 34La maggior parte dei carri armati di fanteria prodotti prima della seconda guerra mondiale erano troppo vulnerabili per l'attacco tedesco, come questi carri armati sovietici rovesciati. Tuttavia, immagini come queste non sono mai state pubblicate dalla stampa sovietica.Alexander Ustinov / Collezione Slava Katamidze / Getty Images6 di 34I sovietici erano estremamente impreparati per un simile assedio. Solo nel primo giorno dell'assedio, circa 1.800 velivoli furono distrutti, alcuni anche prima del decollo.Sovfoto / UIG / Getty Images7 di 34Due figure femminili raccolgono i resti di un cavallo morto per il cibo durante l'assedio di Leningrado perché il cibo era diventato così straziante.Archivio storico universale / UIG / Getty Images8 di 34TASS / Getty Images9 di 34Centinaia di corpi civili giacciono per le strade dopo l'inizio dell'attacco a Leningrado. Altre centinaia di migliaia sarebbero vittime di fame, malattie e crimini disperati.Immagine di Ullstein / Getty Images10 di 34TASS / Getty Images11 di 34Tutti i cittadini normodotati dovevano aiutare a fortificare la città contro gli attacchi tedeschi quando iniziò l'assedio.Sovfoto / UIG / Getty Images12 di 34I residenti sono costretti a raccogliere l'acqua potabile dall'acqua che scorre dopo un'interruzione dell'acqua principale.Sovfoto / UIG / Getty Images13 di 34Le razioni erano riservate a coloro che erano più parte integrante della protezione della città. Di conseguenza, i bambini non erano una priorità per il cibo.Sovfoto / UIGGetty Images14 di 34Ci sono da qualche parte tra 1.000 e 2.000 casi documentati di cannibalismo durante l'assedio.Sovfoto / UIG / Getty Images15 di 34Keystone / Hulton Archive / Getty Images16 di 34Coloro che non erano una priorità per le razioni ricevevano solo tre fette sottili di pane al giorno.TASS / Getty Images17 di 34I nazisti hanno sfornato molta propaganda durante la guerra. Un esempio è questa foto che sul retro dell'immagine dice: 'Anche i ragazzi di dodici anni devono difendere Leningrado seguendo i principi bolscevichi. Questo ragazzo in piena uniforme è stato arrestato durante i combattimenti.Berliner Verlag / Archive / Picture Alliance / Getty Images18 di 34Archivio Daily Herald / SSPL / Getty Images19 di 34Nel gennaio 1943, i difensori della città e le truppe del Fronte Volkhov lanciarono un'offensiva combinata nota come Operazione Spark. Dopo aspri combattimenti, i due eserciti russi furono in grado di unirsi e stabilire un ponte di terra attraverso il quale potevano essere riforniti gli abitanti affamati di Leningrado.Art Media / Print Collector / Getty Images20 di 34Un regolatore del traffico sulla rotta di approvvigionamento del lago Ladoga. Il lago ghiacciato era l'unico collegamento della città con il mondo esterno per il cibo, i rifornimenti e l'evacuazione dei rifugiati. In quanto tale, è stato soprannominato 'Street of Life'.Sovfoto / UIG / Getty Images21 di 34Archivio Daily Herald / SSPL / Getty Images22 di 34Soldati e ufficiali dei fronti di Volchov e Leningrado si incontrano e si abbracciano dopo essere riusciti ad aprire uno stretto corridoio di terra durante l'assedio.TASS / Getty Images23 di 34D. Trakhtenberg / Collezione Slava Katamidze / Getty Images24 di 34Berliner Verlag / Archive / Picture Alliance / Getty Images25 di 34Anche durante una bufera di neve, i cecchini russi continuano la lotta al fronte di Leningrado.Archivio Hulton / Getty Images26 di 34L'inverno 1941-1942 fu freddo e mortale quando i tedeschi affrontarono l'esercito sovietico durante l'assedio di Leningrado.Archivio Hulton / Getty Images27 di 34Sovfoto / UIG / Getty Images28 di 34Immagine di Ullstein / Getty Images29 di 34I residenti di Leningrado non hanno sofferto allo stesso modo. Proprietari di negozi, lavoratori dell'orfanotrofio, partner degli ufficiali di rifornimento dell'esercito e funzionari del partito sono rimasti relativamente sani durante l'assedio.Picture Post / Hulton Archive / Getty Images30 di 34Non c'era riscaldamento durante il primo e il più freddo inverno dell'assedio, quando le temperature esterne a volte scendevano a -40 gradi Fahrenheit.TASS / Getty Images31 di 34Coloro che non ce l'hanno fatta sono morti di fame o di polmonite. Uomini e donne erano così emaciati che in molti casi erano diventati indistinguibili l'uno dall'altro.Sovfoto / UIG / Getty Images32 di 34L'assedio di Leningrado terminò il 27 gennaio 1944, dopo 872 giorni.D. Trakhtenberg / Collezione Slava Katamidze / Getty Images33 di 34Questo edificio in via Mayakovsky a Leningrado va in fumo dopo un attacco nazista.Sovfoto / UIG / Getty Images34 di 34

872 Days In Hell: 38 foto agghiaccianti dell'assedio di Leningrado Visualizza la galleria

Conosciuto come l'assedio di 900 giorni, l'assedio di Leningrado da parte delle forze dell'asse nella seconda guerra mondiale è ampiamente considerato uno dei blocchi più lunghi e distruttivi nella storia della guerra mondiale, con alcuni storici che lo classificano addirittura come un genocidio.

In totale, circa 1,5 milioni di miliziani e civili sono stati uccisi durante l'assedio di Leningrado, nonostante circa 1,4 milioni siano stati evacuati. Per ordine di Hitler, la città sovietica fu barricata e subì una raffica quotidiana di attacchi di artiglieria da parte delle forze tedesche e finlandesi che la circondavano. L'approvvigionamento idrico e alimentare della città fu interrotto e la carestia estrema divenne presto la norma.



L'assedio di Leningrado iniziò l'8 settembre 1941 e terminò dopo un estenuante periodo di due anni il 27 gennaio 1944. Dopo 872 giorni di fame, malattie e tormenti psicologici, i cittadini di Leningrado furono liberati. Ma la popolazione totale della città di due milioni era stata ridotta a circa 700.000 e la loro psiche sopravvissuta distrutta per sempre.

L'assedio di Leningrado

I carri armati sovietici guidano al fronte

Berliner Verlag / Archive / Picture Alliance / Getty ImagesLe forze sovietiche marciano verso il fronte del blocco.

Dopo aver conquistato con successo la Francia all'inizio della seconda guerra mondiale, Adolf Hitler era ansioso di affrontare l'Unione Sovietica. I sovietici riuscirono ancora a mantenere la loro posizione a est, in gran parte in parte a causa dell'enorme numero di truppe dell'Armata Rossa sotto il loro comando, nonostante molti di quegli uomini dell'esercito fossero per lo più non addestrati.



Hitler vedeva la presenza sovietica come niente di più che una ripresa habitat , 'spazio vitale' per i tedeschi. Inoltre, era ansioso di continuare la sua tirannia razzista distruggendo la popolazione ebraica sovietica.

Per sconfiggere i sovietici, gli strateghi militari di Hitler escogitarono una campagna a tutto campo per invadere l'Unione Sovietica, che divenne nota come Operazione Barbarossa , così chiamato per il tirannico imperatore del Sacro Romano Impero Federico I.

Circa l'80% dell'esercito tedesco fu inviato a prendere parte a questa invasione.



La strategia comprendeva una vasta rete di attacchi separati di tre diverse grandi città sovietiche: Leningrado a nord, Mosca al centro e Ucraina a sud. I cinque milioni di soldati e 23.000 carri armati di Joseph Stalin non erano preparati ad affrontare questo attacco.

Nell'estate del 1941, 500.000 soldati tedeschi erano avanzati verso la città di Leningrado. Sotto il comando del generale feldmaresciallo Wilhelm Ritter von Leeb, le truppe tedesche scesero sulla seconda città più grande del Soviet.



Ma invece di prenderne il controllo, Adolf Hitler stabilì un blocco intorno a Leningrado, rendendolo inaccessibile al mondo esterno.

L'intera popolazione normodotata di Leningrado fu mobilitata per fortificare il perimetro della città a sostegno dei restanti 200.000 difensori dell'Armata Rossa di Leningrado. Fino a quando i loro militari non sarebbero riusciti a sfondare il blocco tedesco, i cittadini di Leningrado avrebbero dovuto aspettare.

I primi giorni dell'assedio di 900 giorni

Sebbene si chiami Assedio dei 900 giorni, l'assedio di Leningrado in realtà è durato 872 giorni.

Le truppe tedesche erano ansiose di conquistare una città sovietica e così l'ordine di assediare Leningrado invece di bruciarla al suolo fu accolto con protesta.

'Le truppe stanno gridando come se fossero una' vogliamo marciare in avanti! '', Ha scritto il braccio destro di Hitler Joseph Goebbels nel suo diario.

Alla fine, tutte le comunicazioni via terra a Leningrado furono interrotte poiché la città fu bombardata giorno dopo giorno da attacchi di artiglieria. I tedeschi continuarono diligentemente il loro assedio di Leningrado, e ad agosto l'ultima ferrovia che collegava la città al mondo esterno fu bloccata.

C'era solo un'apertura fuori dalla città circondata e attraversava il lago ghiacciato Ladoga. La strada del ghiaccio era poco più che una via di morte, considerando che era l'unico punto attraverso il quale potevano passare scarse provviste e rifugiati - inoltre, era costantemente sotto il fuoco tedesco.

Il percorso del lago era ufficialmente chiamato 'Military Road No.101', ma la gente del posto lo chiamava comunemente 'Street of Life'. Alcuni locali furono infine evacuati verso la fine dell'assedio di Leningrado attraverso questa rotta. Tuttavia, ciò ha lasciato ancora soffrire milioni di cittadini di Leningrado all'interno della città barricata.

Estrema sofferenza e fame

I cavalli tirano rifornimenti a Leningrado

TASS / Getty ImagesI cavalli trasportano rifornimenti a Leningrado attraverso il lago ghiacciato di Ladoga, soprannominato la 'Strada della vita'.

Dopo mesi tenuti prigionieri nelle proprie case, la gente di Leningrado ne fu sopraffatta grave fame , povertà e malattia. Nelle prime settimane del blocco, i cittadini iniziarono a morire di fame.

Il cibo era rigorosamente razionato e ogni residente riceveva la propria quota in base a quanto fossero essenziali per le difese della città. Quelli più essenziali, come soldati, rifornimenti e operai di fabbrica, ricevevano la maggior parte delle razioni. La popolazione più vulnerabile, inclusi bambini, anziani e disoccupati, purtroppo non è stata considerata prioritaria.

Quelli più bassi nel sistema di razione avevano diritto a 125 grammi o tre fette di pane ogni giorno. I panifici hanno utilizzato la cellulosa nelle loro pagnotte per ingrassare il pane, tuttavia, molti residenti sono stati costretti a sopravvivere con circa 300 calorie al giorno, che è meno di un quinto di quello che dovrebbe essere l'assunzione sana di un adulto di taglia media.

Il primo inverno dopo l'assedio di Leningrado fu particolarmente orrendo. Le temperature sono precipitate a -40 gradi Fahrenheit. Coloro che erano abbastanza fortunati da avere un riparo, anche senza calore, si sarebbero rannicchiati con la loro famiglia per riscaldarsi. Hanno bruciato mobili e poi libri. Sono stati costretti a dormire con i loro morti.

A metà inverno durante l'assedio di Leningrado, la combinazione di fame e freddo ha generato un numero crescente di cadaveri nelle strade della città. Durante l'operazione di pulizia primaverile del governo, fino a 730 cadaveri sono stati raccolti da un solo ospedale. Per prevenire la diffusione della malattia, la città ha radunato la gente del posto per ripulire i cortili che erano pieni di tutti i tipi di rifiuti, feci e corpi.

Cannibalismo

Durante l'assedio di Leningrado, molti hanno combattuto, rubato, ucciso e persino fatto ricorso al cannibalismo per sopravvivere.

La disperazione durante l'assedio di Leningrado ha portato molti residenti a fare l'impensabile.

Le persone si ingannano e si rubano a vicenda. Alcuni, uomini e donne, vendevano i loro corpi in cambio di cibo. Alcune persone sono diventate così disperate che si sono persino impegnate cannibalismo .

La sopravvissuta e autrice di Leningrado Daniil Granin ha descritto come una madre ha dato da mangiare al figlio morto al figlio sopravvissuto per mantenerla in vita: 'Un bambino è morto - aveva solo 3 anni. Sua madre ha deposto il corpo all'interno della finestra con i doppi vetri e ogni giorno ne ha tagliato un pezzo per nutrire la sua seconda figlia, una figlia. È così che l'ha presa, però.

Secondo lo storico Guy Walters, c'erano due tipi di cannibalismo: uno era trupoedstvo , o mangiare la carne dei morti, e il secondo tipo era liudoedstvo , che si riferiva all'atto atroce di mangiare la carne di qualcuno che hai ucciso intenzionalmente per nutrire te stesso. Secondo alcuni resoconti, sono stati registrati fino a 2.000 casi di cannibalismo. Coloro che sono stati sorpresi in questo atto, tuttavia, sono stati condannati a morte immediata.

I cittadini scavano tra le macerie e la neve Leningrado

Sovfoto / UIG / Getty ImagesResidenti che sgombrano neve e ghiaccio. La città ha dichiarato un'operazione di bonifica per prevenire la diffusione di malattie dovute a feci sparse e cadaveri insepolti.

Caos e criminalità

Alexis Peri, professore alla Boston University, ha compilato i diari dei sopravvissuti e li ha intervistati per il suo libro The War Within: Diaries From the Siege of Leningrado . I conti sono inquietanti.

'Ci sono molte scene con un diarista che si confronta allo specchio e non riesce a riconoscersi', ha scritto.

“È il tipo di morte che crea davvero quel tipo di destabilizzazione interna, al contrario dei diari che ho letto dai luoghi di battaglia: le battaglie di Mosca e Stalingrado, dove c'è un nemico molto chiaro e quel nemico è esterno. Con la fame, il nemico viene interiorizzato. '

Questa interiorizzazione è chiaramente espressa nelle loro riviste. Ad esempio, la diciassettenne Elena Mukhina era così emaciata che ha descritto il proprio riflesso come il 'vecchio' nello specchio, non più 'una giovane donna che ha tutto davanti a sé'.

Come Mukhina, le persone che erano in grado di sopravvivere divennero irriconoscibili per se stesse. Sia i ragazzi che le ragazze hanno iniziato a crescere i peli sul viso a causa della fame estrema; un diarista ha scritto dei bambini barbuti: 'Li chiamavamo vecchietti'.

L'Armata Rossa a Leningrado ha continuato a tenere basse le difese della città.

Gli adulti non hanno fatto eccezione. Gli uomini sono diventati impotenti mentre le donne hanno perso la capacità di mestruare e il loro seno si è indurito e ha smesso di produrre latte. Alla fine, uomini e donne divennero indistinguibili l'uno dall'altro poiché entrambi erano stati trasformati in cadaveri ambulanti.

'Tutti sono raggrinziti, i loro seni infossati, i loro stomaci enormi e invece di braccia e gambe, solo le ossa fuoriescono dalle rughe', ha scritto Leningrader Aleksandra Liubovkaia.

La carestia ha portato fuori il peggio anche nelle persone.

Molti si sono rivoltati contro le proprie famiglie. Ci sono storie di genitori che abbandonano i loro figli, coniugi che litigano per le razioni e persino resoconti di furti e omicidi - tutto per mangiare un boccone.

La tredicenne Valia Peterson ha scritto candidamente di come odiava il suo patrigno perché le aveva rubato le razioni e mangiato il suo cane. 'La fame ha scoperto la sua anima sporca, e io devo conoscerlo', scarabocchiò.

'Una donna anziana, in attesa del pane, scivola lentamente a terra', ha scritto la ballerina russa Vera Kostrovitskaia. «Ma a nessuno importa. O è già morta o verrà calpestata a morte. Kostrovitskaia ha poi assistito a come i residenti in fila per le razioni giornaliere hanno iniziato a sbirciare la tessera annonaria della donna per vedere se era caduta dalla sua mano morta.

Mentre migliaia in città morivano di fame, quelli in posizioni influenti rimasero in buona salute. Infatti, il membro sovietico Nikolai Ribkovskii ha registrato come durante l'assedio gli piacessero caviale, tacchino, oca e prosciutto. Ad un certo punto dovette essere ricoverato in clinica perché aveva mangiato tanto.

Entro la fine dell'estate 1942, l'evacuazione e la fame avevano ridotto la popolazione di Leningrado da 2,5 milioni a circa 750.000. La maggior parte degli storici sostiene che l'assedio sia stato in realtà un genocidio per fame.

La fine dell'assedio di Leningrado

Regolatore Del Traffico Sul Lago Ladoga

TASS / Getty ImagesIl regolatore del traffico segnala la via di rifornimento sul lago Ladoga.

Nell'aprile 1942, la difesa sovietica intesa a violare il blocco tedesco sul fronte di Leningrado ricevette un nuovo comandante, il tenente generale Leonid Govorov. Il precedente comandante, Georgy Zhukov, aveva guidato le difese della città e aveva impedito ai tedeschi di occupare completamente la città, ma era stato inviato da Joseph Stalin a difendere il fronte a Mosca.

Sebbene le capacità di leadership di Govorov non fossero immediatamente evidenti al fronte durante l'assedio di Leningrado, i soldati arrivarono comunque a rispettare la sua sobria genialità militare.

'In termini di leadership, Govorov era l'esatto opposto di un comandante spietato come Zhukov,' l'operatore radiofonico di Leningrado Mikhail Neishtadt notato . 'Era un uomo colto e intelligente, sempre preoccupato di salvare le vite dei suoi soldati.'

Questa preoccupazione ha dato i suoi frutti. Il 12 gennaio 1944, le difese sovietiche finalmente perforarono l'accerchiamento tedesco e permisero a più rifornimenti di arrivare lungo il gelido lago Ladoga. Alla fine, dopo 872 giorni di miseria, il popolo di Leningrado fu liberato quando l'assedio fu revocato ei tedeschi furono spinti a ovest.

Le folle hanno festeggiato nella città ora liberata bevendo e ballando. C'era anche uno spettacolo di fuochi d'artificio.

'Abbiamo tirato fuori la vodka', ha scritto un insegnante delle celebrazioni per la vittoria. 'Abbiamo cantato, pianto e riso. Ma era comunque triste: le perdite erano semplicemente troppo grandi. Un grande lavoro era finito, erano state compiute azioni impossibili, lo sentivamo tutti ... Ma sentivamo anche confusione. Come dovremmo vivere adesso?

Gli effetti dell'assedio di Leningrado furono così immensi che sono ancora avvertiti dalle famiglie sopravvissute fino ad oggi.

Il tributo di Putin ai sopravvissuti all'assedio di Leningrado

Il soldato acquista il biglietto per lo spettacolo sinfonico di Leningrado

Sovfoto / UIG / Getty ImagesUn soldato sovietico acquista un biglietto per il concerto sinfonico di Leningrado.

quando sono entrati gli israeliti nella terra promessa?

Nato a Leningrado dopo la fine della guerra, il presidente russo Vladimir Putin è stato toccato direttamente dalle devastazioni della guerra. Suo fratello maggiore è morto da bambino durante la devastazione ed è sepolto a Piskaryovskoye, dove circa mezzo milione di Leningrado sono stati sepolti nelle 186 fosse comuni del cimitero.

Inoltre, la madre di Putin è quasi morta di fame durante l'assedio, mentre suo padre ha combattuto ed è stato ferito in prima linea a Leningrado.

'Secondo i piani del nemico, Leningrado avrebbe dovuto scomparire dalla faccia della terra', ha detto Putin durante un concerto commemorativo in onore delle vittime di Leningrado. 'Questo è quello che viene chiamato un crimine contro l'umanità.'

Oggi questa è una parata annuale per commemorare l'assedio di Leningrado, ma lo è disegnato sia critiche che elogi da parte dei russi moderni. Alcuni pensano che la parata militare sia 'bella', mentre altri pensano che i soldi per essa sarebbero meglio spesi per finanziare i sopravvissuti.

Un po 'più di 100.000 veterani militari e sopravvissuti all'assedio di Leningrado vivono ancora oggi nell'ex capitale.


Ora che hai imparato la storia dell'assedio di Leningrado, continua a leggere i 'Soldati fantasma' della guerra invernale che hanno contribuito a garantire la seconda guerra mondiale agli alleati . Quindi, scopri questi 48 foto sanguinose dalle trincee di Verdun, la battaglia più lunga della storia moderna.