Dopo la schiavitù e prima della libertà: 44 immagini della vita dopo l'emancipazione

La vita di molti afroamericani è cambiata molto poco durante l'era della ricostruzione, nonostante il 13 ° emendamento. Dai 'codici neri' alla mezzadria, la lotta per l'uguaglianza è continuata.

Ritratto Di Robert Smalls La prima illustrazione del voto nero Burning Freedmens Schoolhouse illustrazione Il Memphis Freedmens Bureau Convenzione nazionale colorata

E se ti è piaciuto questo post, assicurati di dare un'occhiata a questi post popolari:



La storia di Juneteenth, la festa che celebra la fine della schiavitù
La storia di Juneteenth, la festa che celebra la fine della schiavitù
30 immagini della Grande Depressione portate in vita con colori sbalorditivi
30 immagini della Grande Depressione portate in vita con colori sbalorditivi
Quando i Freedom Riders cavalcarono attraverso il sud per l
Quando i Freedom Riders cavalcarono attraverso il sud per l'uguaglianza razziale e affrontarono la violenza
1 di 45Nato in schiavitù, Robert Smalls fu costretto a prestare servizio nella marina confederata durante la guerra civile.

Prese il comando di una nave e la consegnò alle forze dell'Unione. Alla fine divenne un pilota della Marina degli Stati Uniti e avanzò al grado di capitano nel 1863.

Smalls divenne il più alto ufficiale afroamericano dell'esercito dell'Unione. In seguito è diventato membro della Camera dei rappresentanti dello Stato della Carolina del Sud.Wikimedia Commons2 di 45Un'incisione di Alfred R. Waud pubblicata sulla copertina del 1867 Il bazar di Harper , raffigurante i primi voti degli afroamericani.Wikimedia Commons3 di 45Uno schizzo raffigurante l'incendio intenzionale di una scuola per bambini neri da parte di una folla bianca durante le rivolte di Memphis del 1866.Wikimedia Commons4 di 45L'Office of the Freedmen's Bureau di Memphis, Tennessee, era un'agenzia federale creata nel 1865 per aiutare gli schiavi appena liberati. L'ufficio ha costruito scuole, ha aiutato a ricollegare le famiglie e ha fornito avvocati legali per gli afroamericani nel sud.Wikimedia Commons5 di 45Un'illustrazione della Coloured National Convention nel Tennessee, 1876.

La Coloured National Convention ha aiutato gli afroamericani a organizzare servizi di istruzione, lavoro e giustizia legale prima, durante e dopo la guerra civile.Collezione Smith / Gado / Getty Images6 di 45Il primo afroamericano a prestare servizio nel Congresso degli Stati Uniti, Hiram R. Revels.

Nato libero a Fayetteville, nella Carolina del Nord nel 1827, fu ordinato ministro e fu cappellano dell'esercito dell'Unione durante la guerra civile. Fu eletto al Senato nel 1870.Time Life Pictures / Timepix / The LIFE Picture Collection / Getty Images7 di 45Il primo senatore nero eletto a servire un intero mandato (1875-1881), Blanche Bruce. Ha continuato a essere un membro di spicco dell'alta società a Washington, DC dopo aver lasciato l'incarico.Wikimedia Commons8 di 45Organizzazioni della supremazia bianca come il Ku Klux Klan e la Lega Bianca terrorizzavano gli afroamericani nel sud. Il governo federale è stato inizialmente in grado di ridurre parte della violenza, ma quando gli stati del sud si sono riuniti al governo degli Stati Uniti e le leggi che limitano i Confederati dal detenere cariche sono state rimosse, il sud ha approvato leggi che frenano l'intervento del governo federale.Wikimedia Commons9 di 45Joseph Hayne Rainey è stata la seconda persona di colore a servire nel Congresso degli Stati Uniti. I suoi elettori comprendevano il primo distretto della Carolina del Sud.Wikimedia Commons10 di 45The Ironclad Oath richiedeva che chiunque cercasse un seggio al Congresso giurasse di non aver mai sostenuto la Confederazione. Qui è raffigurato un eletto bianco del Congresso del Sud che dice a un impiegato della Camera dei Rappresentanti che vorrebbe assicurarsi il suo vecchio seggio, solo per sentirsi dire che, a causa della ricostruzione, 'non possiamo accoglierla'.Wikimedia Commons11 di 45Una famiglia afroamericana su un carro arriva alle linee dell'Unione, dove la libertà attende.

Posizione non specificata. 31 gennaio 1863.
Wikimedia Commons12 di 45Una folla scende in strada per celebrare l'anniversario del Giorno dell'emancipazione.

Richmond, Virginia. 1905.
Wikimedia Commons13 di 45Una banda suona durante la celebrazione dell'anniversario dell'emancipazione degli schiavi afroamericani.

Texas. 19 giugno 1900.
Wikimedia Commons14 di 45Un'immagine creata da un suprematista bianco, fatta per avvertire i bianchi di ciò che credeva sarebbe venuto dopo l'emancipazione: un mondo in cui i ragazzi bianchi lucidano le scarpe degli uomini di colore.

Circa 1861-1862.
Wikimedia Commons15 di 45Un carro pieno di uomini afro-americani, arrestati secondo le leggi di Jim Crow, che sono stati costretti a tornare in schiavitù come parte di una banda di catene di prigioni.

Contea di Pitt, Carolina del Nord. 1910.
Libreria del Congresso16 di 45Una folla di persone, troppo grande per entrare nell'obiettivo della telecamera, si raduna per aiutare a linciare il diciottenne Jesse Washington, condannato per aver violentato e ucciso la moglie del suo datore di lavoro bianco.

Waco, Texas. 15 maggio 1916.
Wikimedia Commons17 di 45Il corpo bruciato di Jesse Washington è appeso a un albero.

Waco, Texas. 15 maggio 1916.
Wikimedia Commons18 di 45Afroamericani liberati stanno davanti alle loro case.

Poco è cambiato. Vivono ancora negli alloggi degli schiavi nella piantagione di un uomo bianco.

Isola di Sant'Elena, Carolina del Sud. Circa 1863-1866.
Libreria del Congresso19 di 45I liberti tornano a lavorare nella piantagione, facendo esattamente lo stesso lavoro che facevano come schiavi.

Isola di Sant'Elena, Carolina del Sud. Circa 1863-1866.
Libreria del Congresso20 di 45La casa di un mezzadro.

Molte famiglie liberate finirono per affittare proprietà da ex proprietari di schiavi. Dovevano restituire una parte importante di ciò che coltivavano ai loro ex proprietari.

Questa famiglia ha fatto insolitamente bene nel raccolto. La didascalia originale lo chiama 'prove di abbondanza'.

Atlanta, Georgia. 1908.
Biblioteca pubblica di New York21 di 45Gli schiavi liberati vanno a lavorare a raccogliere cotone nella piantagione del loro ex padrone.

Beaufort, Carolina del Sud. Circa 1863-1865.
Libreria del Congresso22 di 45Un saloon avverte i suoi clienti che servirà solo bianchi.

Atlanta, Georgia. 1908.
Biblioteca pubblica di New York23 di 45Una fila di case fatiscenti dove, come dice la didascalia originale, vivono 'alcuni dei negri più poveri'.

Atlanta, Georgia. 1908.
Biblioteca pubblica di New York24 di 45Una banda di catene di uomini afroamericani.

Posizione non specificata. 1898.
Libreria del Congresso25 di 45Una famiglia posa per una fotografia poco dopo aver conquistato la libertà.

Richmond, Virginia. 1865.
Biblioteca pubblica di New York26 di 45Un'immagine che avverte le persone di 'negri di tipo criminale'.

Atlanta, Georgia. 1908.
Biblioteca pubblica di New York27 di 45Braccianti non pagati in una banda di catene al lavoro.

Atlanta, Georgia. 1908.
Biblioteca pubblica di New York28 di 45Una delle prime scuole costruite nel sud per liberti.

Beaufort, Carolina del Sud. Circa 1863-1865.
Libreria del Congresso29 di 45All'interno di una scuola tutta nera, 40 anni dopo la guerra civile.

Atlanta, Georgia. 1908
Biblioteca pubblica di New York30 di 45Una famiglia afroamericana affitta un piccolo appezzamento di proprietà da un proprietario di una piantagione bianca.

Atlanta, Georgia. 1908.
Biblioteca pubblica di New York31 di 45Gli adolescenti che vivono nelle baraccopoli urbane spazzano le strade.

La didascalia originale afferma che 'dà loro lavoro e insegna loro responsabilità civica e orgoglio'.

Philadelphia, Pennsylvania. 1908.
Biblioteca pubblica di New York32 di 45Una chiesa costruita da schiavi liberati.

Essendo stata interdetta per tutta la vita dall'istruzione, la congregazione ha etichettato la loro chiesa 'Colard Foakes', con grande divertimento del fotografo bianco.

Beaufort, Carolina del Sud. Circa 1863-1865.
Libreria del Congresso33 di 45Un'insegnante bianca, la signorina Harriet W. Murray, insegna a leggere ai bambini neri liberi.

Sea Island, Georgia. 1866.
Biblioteca pubblica di New York34 di 45Una delle prime scuole completamente nere, costruita all'interno di un'ex fattoria.

Atene, Georgia. Circa 1863-1866.
Biblioteca pubblica di New York35 di 45Gli studenti della Fisk University, una scuola tutta nera creata appena sei mesi dopo la fine della guerra civile, si siedono per le preghiere mattutine.

Nashville, Tennessee. 1900.
Wikimedia Commons36 di 45Agli studenti neri viene insegnato come fare le scarpe.

Long Beach, California. 1898.
Biblioteca pubblica di New York37 di 45I bambini di un orfanotrofio imparano a costruire e riparare mobili.

Long Beach, California. 1898.
Biblioteca pubblica di New York38 di 45I bambini in una scuola tutta nera praticano l'antincendio.

Long Beach, California. 1898.
Biblioteca pubblica di New York39 di 45Una squadra di baseball in una scuola tutta nera.

Long Beach, California. 1898.
Biblioteca pubblica di New York40 di 45A più di 70 anni dalla proclamazione dell'emancipazione, poco è cambiato.

I bambini qui vivono ancora nella casa di un mezzadro, pagando i debiti ai figli degli ex proprietari di schiavi.

West Memphis, Arkansas. 1935.
Biblioteca pubblica di New York41 di 45Questo gruppo di uomini lavora ancora in un'ex piantagione di schiavi. Ogni giorno lavorano 11 ore e, per il loro tempo, vengono pagati $ 1.

Clarksdale, Mississippi. 1937.
Biblioteca pubblica di New York42 di 45Altri lavorano come lavoratori migranti. Questo gruppo è costretto a lavorare dietro una recinzione di filo spinato.

Bridgeville, Delaware. 1940.
Biblioteca pubblica di New York43 di 45Una donna di 82 anni, nata schiava, impara a leggere.

Sta lavorando per ottenere le cose che non avrebbe potuto avere da giovane, anche nei suoi ultimi anni.

Gee's Bend, Alabama. Maggio 1939.
Biblioteca pubblica di New York44 di 45Un vecchio schiavo, più di 70 anni dopo aver vinto la libertà, posa davanti alla baracca in rovina che chiama casa sua.

Rhode Island. Circa 1937-1938.
Libreria del Congresso45 di 45



Dopo la schiavitù e prima della libertà: 44 immagini della vita dopo l'emancipazione Visualizza la galleria

Per gli schiavi afroamericani appena liberati, la vita non è cambiata dall'oggi al domani. Dopo la fine della guerra civile, il Proclama di emancipazione e il 13 ° emendamento potrebbe aver posto fine alla schiavitù di nome - ma, durante l'era della Ricostruzione e oltre, i proprietari di schiavi bianchi trovarono altri modi per mantenere vivo lo spirito di schiavitù.

Secondo Storia , la vittoria dell'Unione nel 1865 diede la libertà a circa quattro milioni di schiavi. Tuttavia, il sud non lascerebbe andare il suo controllo sugli afroamericani senza una lotta legislativa. Sotto l'amministrazione del presidente Andrew Johnson, ad esempio, il sud ha approvato i 'codici neri'.



Questi regolavano solo come, dove e quando gli ex schiavi e altri afroamericani potevano lavorare. Il Nord era così infuriato per questa strategia che qualsiasi sostegno alla Ricostruzione presidenziale, che diede libero sfogo al Sud bianco nella transizione degli ex schiavi dalla schiavitù alla libertà.

Di conseguenza, la fazione più estrema del Partito Repubblicano guadagnò importanza, portando alla ricostruzione radicale nel 1867. Ciò consentì agli afroamericani che a malapena divennero cittadini di avere una voce attiva nel governo per la prima volta nella storia americana.

Anche se queste non erano piccole vittorie, poiché alcuni di questi uomini di colore hanno vinto le elezioni per le legislature degli stati meridionali e per il Congresso degli Stati Uniti, il passaggio dall'essere etichettati come tre quinti di una persona al guadagnarsi il rispetto come essere umano era tutt'altro che finito.



Celebrazione della proclamazione di emancipazione

Wikimedia CommonsCelebrando la proclamazione di emancipazione in Massachusetts. La folla e una banda dell'Unione posano per una foto. Come vuole la tradizione, l'onorevole, un uomo di colore, è seduto comodamente su una carriola.

Entro 10 anni, i cambiamenti incrementali imposti dalla Ricostruzione portarono alla furiosa risposta reazionaria di entità come il Ku Klux Klan. Le modifiche apportate dalla ricostruzione radicale furono annullate. La violenza esplose in tutto il Sud e la supremazia bianca divenne una crociata per la vecchia guardia razzista.

In sostanza, la ricostruzione non è stata facile e le cose non sono cambiate dall'oggi al domani. Ci sono state innumerevoli battaglie - legali, culturali e fisiche - che hanno dovuto affrontare coloro che lottavano per un paese unito per far sì che il cambiamento avvenisse.



Alcuni schiavi liberati continuarono a lavorare nelle stesse piantagioni

Mentre il Sud si preparava alla realtà della perdita della Guerra Civile, i suoi leader iniziarono a pianificare come mantenere la forza lavoro nera sotto il loro controllo. 'Non c'è davvero alcuna differenza,' disse Il giudice dell'Alabama D.C. Humphreys a un'assemblea nel marzo 1964, 'sia che li consideriamo schiavi assoluti o che otteniamo il loro lavoro con qualche altro metodo'.

Ottenere lavoro nero non sarebbe stato così difficile. Molti schiavi non sapevano altro che le loro vite di servitù nella piantagione del padrone e, con la loro ritrovata libertà, non potevano trovare nuove opportunità. All'inizio dell'era della Ricostruzione, molti schiavi rimasero dov'erano, lavorando nelle stesse piantagioni per gli stessi sorveglianti bianchi.



Nonostante i grandiosi proclami di libertà, ben poco era cambiato. 'Non so quando arriverà la libertà. Non l'ho mai saputo ', il liberto Charles Anderson dell'Arkansas ha detto alla Works Progress Administration negli anni '30, cercando di spiegare perché era ancora nella stessa piantagione. 'Master Stone non ha mai costretto nessuno di noi ad andarsene.'

I detenuti sono stati costretti a tornare alla schiavitù

Il fatto che la schiavitù non fosse del tutto vietata dopo la guerra civile è passato in gran parte inosservato nei corsi di storia americani di base. Il tredicesimo emendamento conteneva una clausola che alcuni degli stati meridionali sfruttarono profondamente per mantenere il controllo. L'emendamento non consente 'né la schiavitù né la servitù involontaria ... tranne che come punizione per il crimine'.

Questi 'codici neri' furono successivamente ampliati nelle famose leggi di Jim Crow che consentivano agli stati del sud di rinchiudere uomini neri liberati per quasi nulla. Durante l'era della ricostruzione, gli uomini di colore potevano persino essere arrestati per aver imprecato vicino a una donna bianca. Successivamente sarebbero stati inseriti in una banda di catene e, quindi, sarebbero stati ricacciati ai lavori forzati.

In alcuni stati, retribuzioni disuguali e misure punitive affliggevano anche gli schiavi appena liberati. Le leggi li costringevano ad accettare un minuscolo rimborso - e se un uomo di colore fosse scoperto senza lavoro, poteva essere accusato di vagabondaggio.

I tribunali gli avrebbero trovato un lavoro e lo avrebbero costretto a lavorarlo, ma questa volta non avrebbero nemmeno dovuto pagarlo un centesimo.

La mezzadria rendeva schiavi i debiti

Il governo ha promesso agli schiavi liberati 40 acri di terra e un mulo per lavorarla, ma non è mai successo. Si sono ritirati dall'accordo non appena l'hanno promesso. Gli schiavi liberati non avevano un posto dove andare e la maggior parte dei proprietari terrieri bianchi si rifiutava di vendere loro.

Invece, molti schiavi liberati iniziarono la mezzadria. I proprietari terrieri bianchi affitterebbero piccoli appezzamenti di terra ai liberti, ma a caro prezzo. I proprietari terrieri bianchi potevano dire loro cosa dovevano coltivare, pretendere la metà di quello che guadagnavano e far loro un debito a cui era impossibile sfuggire.

Era schiavitù in tutto tranne che nel nome. Le famiglie nere liberate vivevano ancora sulla terra di un uomo bianco, coltivando ciò che aveva ordinato e dandoglielo. Non avevano ancora modo di andarsene e la mobilità verso l'alto rimaneva in gran parte fuori dalla portata delle persone di colore.

E tutte queste pratiche sono proseguite per decenni. Quando scoppiò la seconda guerra mondiale, innumerevoli famiglie di neri vivevano ancora nelle case dei mezzadri, lavoravano nelle piantagioni o erano costrette a far parte di bande di prigionieri. Gli Stati Uniti stavano combattendo l'ingiustizia e la disumanità all'estero, pur mantenendoli governati con assoluta moralità in patria.

Privazione dei diritti civili nell'era della ricostruzione e insurrezione di Wilmington

Nonostante il fatto che il 15 ° emendamento, approvato nel 1870, concedesse agli afroamericani il diritto di voto, c'erano poche speranze per un cambiamento diffuso attraverso le vie politiche tradizionali.

Pochi eventi lo hanno reso più chiaro dell'insurrezione di Wilmington. Durante l'era della ricostruzione, i democratici che avevano governato a Wilmington, nella Carolina del Nord, si trovarono improvvisamente minacciati da una popolazione nera appena emancipata che costituiva il 55% della popolazione di Wilmington - ed era chiaro che avrebbero votato per il partito che li aveva liberati. : i repubblicani.

Primo Senatore Colorato E Illustrazione Dei Rappresentanti

Wikimedia Commons'Primo senatore di colore e rappresentanti nel 41 ° e 42 ° Congresso degli Stati Uniti' dal 1872. Da sinistra a destra: il senatore Hiram Revels del Mississippi, i rappresentanti Benjamin Turner dell'Alabama, Robert DeLarge della Carolina del Sud, Josiah Walls della Florida, Jefferson Long della Georgia, Joseph Rainey e Robert B. Elliot della Carolina del Sud.

Le cose iniziarono a sembrare terribili per i Democratici quando i bianchi poveri, affrontando le proprie difficoltà economiche, si schierarono con i repubblicani neri e formarono la Fusion Coalition, un gruppo di grande successo che elesse i repubblicani neri agli uffici locali e aiutò molti cittadini neri a ottenere risultati importanti ruoli nelle attività di Wilmington.

Poi, i Democratici hanno subito il peggior colpo: le elezioni del 1894 e del 1896 misero i membri del partito Fusion al potere in ogni ufficio statale.

Quindi una coalizione segreta di nove strateghi democratici ha escogitato un piano: avevano bisogno di riconquistare il potere rapidamente, e il modo più semplice per farlo sarebbe stato quello di dividere la coalizione per la fusione e gli elettori bianchi in preda al panico. Hanno deciso di correre su una piattaforma della supremazia bianca.

Un colpo di stato negli Stati Uniti

Nell'era della ricostruzione, la tensione razziale non era mai lontana dalla superficie, il che rendeva la propaganda un'arma mortale per alimentare le fiamme.

annibale carracci è stato uno dei fondatori di

Gli strateghi democratici hanno schierato un gruppo di oratori di talento per diffondere una virulenta oratoria razzista in tutto lo stato. Hanno organizzato club per la supremazia bianca. E hanno diffuso la voce che gli uomini afroamericani stavano violentando donne bianche nel momento in cui i loro mariti hanno voltato le spalle.

La loro campagna ha funzionato e folle furiose hanno iniziato a terrorizzare i cittadini neri. Hanno rapito i neri dalle loro case per frustarli e torturarli, hanno sparato con le pistole nelle case dei neri e nei passanti neri e hanno organizzato manifestazioni bianche.

Quando i neri hanno cercato di acquistare armi per autodifesa, i giornali bianchi hanno riferito che si stavano armando per uno scontro violento con i bianchi. Per i bianchi ricchi, i neri non stavano avanzando economicamente abbastanza rapidamente, mentre i bianchi poveri si sentivano messi da parte. L'argomento pubblicato da Il Washington Post di seguito spiega succintamente questa prospettiva frustrante.

«Sebbene sia così numericamente forte, il negro non è un fattore nello sviluppo della città o della sezione. Con trent'anni di libertà alle spalle e con un'assoluta uguaglianza di vantaggi educativi con i bianchi, non c'è oggi a Wilmington una singola cassa di risparmio negra o qualsiasi altra istituzione educativa o caritatevole distintamente negra; mentre la gara non ha prodotto un medico o un avvocato degno di nota. In altre parole, il negro di Wilmington è progredito in misura molto lieve dal tempo in cui era uno schiavo. Le sue condizioni possono essere riassunte in una riga. Delle tasse nella città di Wilmington e nella contea di New Hanover i bianchi pagano il 96 2/3 per cento; mentre i negri pagano il resto - 3 1/3 per cento. Il negro della Carolina del Nord, come mostrano queste cifre, è poco parsimonioso, imprevidente, non accumula denaro e non è considerato un cittadino desiderabile ». - Henry L. West, giornalista di Il Washington Post , Novembre 1898

L'ultima goccia è arrivata quando Alexander Manly, un redattore di un giornale nero, ha pubblicato un editoriale sottolineando che la stragrande maggioranza dei rapporti sessuali tra uomini neri e donne bianche erano del tutto consensuali.

I democratici hanno risposto pubblicando una 'Dichiarazione di indipendenza bianca' che richiedeva l'immediata espulsione di Manly dalla città e la distruzione del suo giornale, accusando la comunità afroamericana di farlo accadere.

Quando i leader neri protestarono di non essere responsabili delle azioni di Manly, i leader democratici chiamarono 500 uomini d'affari bianchi all'armeria di Wilmington, dove raccolsero le armi e marciarono verso l'ufficio del giornale, dandogli fuoco.

La folla si gonfiò fino a raggiungere una folla di 2.000 persone e perse ogni ragione: mentre marciavano per le strade, decisero di uccidere ogni afroamericano che incontravano. Hanno costretto il sindaco repubblicano, gli assessori e il capo della polizia a dimettersi sotto la minaccia delle armi e hanno insediato un nuovo consiglio comunale democratico il giorno successivo.

Da qualche parte tra i 60 ei 300 cittadini afroamericani di Wilmington hanno perso la vita e più di 2.000 sono fuggiti dalla città nei giorni successivi al massacro.

Senza elettori neri a fermarli, i Democratici di Wilmington hanno codificato i nascenti codici neri dell'era della Ricostruzione nel sistema di Jim Crow, raccogliendo i frutti del primo e unico successo Ribellione nella storia degli Stati Uniti fino ad oggi.

E così la schiavitù in America è continuata. Molto tempo dopo la Guerra Civile e l'era della Ricostruzione, la schiavitù, almeno nello spirito, sopravvisse.


Quindi, leggi Ona Judge , lo schiavo sfuggito a George Washington, dai un'occhiata a questi lettere di ex schiavi ai loro padroni .