Annibale Carracci

Annibale Carracci , (nato il 3 novembre 1560, Bologna , Stato Pontificio [Italia] - morto il 15 luglio 1609, Roma), pittore italiano che fu influente nel recuperare la tradizione classicista dell'Alto Rinascimento dalle affettazioni del Manierismo. Era il più talentuoso dei tre pittori della famiglia Carracci.

I figli di un sarto, Annibale e il fratello maggiore Agostino, furono dapprima guidati dal cugino maggiore Lodovico, pittore che li convinse a seguirlo nella sua professione. di Annibale precoce talenti sviluppati in un tour del nord Italia nel 1580, la sua visita a Venezia è di particolare significato. Si dice che abbia soggiornato in quella città presso il pittore Jacopo Bassano, il cui stile pittorico lo influenzò per qualche tempo. Ad Annibale si deve la riscoperta del pittore Correggio del primo Cinquecento, di fatto dimenticato fuori Parma per una generazione; di Annibale Battesimo di Cristo (1585) per la Chiesa di San Gregorio a Bologna è un brillante omaggio a questo maestro parmense.



l'accelerazione è definita come la variazione di velocità divisa per

Back in Bologna, Annibale joined Agostino and Lodovico in founding a school for artists called the Accademia degli Incamminati. The Madonna in trono con San Matteo (1588) Annibale dipinse per la Chiesa di San Prospero, Reggio, mostra due delle caratteristiche più persistenti della sua arte: un nobile ceppo classicista unito ad un geniale e bucolico tono. Quando Annibale collaborato con gli altri due Carracci sugli affreschi di Palazzo Magnani (oggi Palazzo Salem; 1588-1590) e di altre due casate nobiliari bolognesi, ne era diventato il principale maestro. I suoi paesaggi ordinati e ariosi in questi palazzi hanno contribuito a iniziare quel genere come soggetto principale in italiano pittura ad affresco .



Nel 1595 Annibale si recò a Roma per lavorare per il giovane e ricco cardinale Odoardo Farnese, che voleva decorare di affreschi il piano nobile del suo palazzo, che era uno dei più splendidi di Roma. In quella città Annibale si volse premurosamente allo studio di Michelangelo , Raffaello, e l'antica arte greca e romana per adattare al nuovo ambiente lo stile che si era formato nei centri artistici dell'Italia settentrionale. Decorato il Camerino (studio) in Palazzo Farnese, fu affiancato da Agostino (1597) nell'impresa principale della sua carriera: dipingere gli affreschi del soffitto a volta della Galleria (1597-1603/04) con favole d'amore di Ovidio . Queste decorazioni, che intrecciano varie illusioni della realtà in un modo che era anche più complesso di Raffaello famosi dipinti nella loggia vaticana, furono un trionfo di classicismo temperato con umanità. Le figure potentemente modellate in questi affreschi sono ambientate in un ambiente altamente complesso composizione i cui dispositivi illusionistici rappresentano una fantasiosa risposta agli affreschi di Michelangelo sulla Michelangelo Soffitto Sistina . Nonostante la loro elaborata organizzazione, gli affreschi sono capaci di un richiamo diretto per i loro colori ricchi e il vigore e il dinamismo di tutto il loro approccio. La Galleria Farnese divenne ben presto e rimase uno studio pressoché indispensabile per i giovani pittori fino al XVIII secolo inoltrato e fu un terreno particolarmente ricco per l'immaginazione barocca di Peter Paul Rubens e Gian Lorenzo Bernini , tra gli altri.

Annibale Carracci: affresco di Venere e Anchise a Palazzo Farnese, Roma

Annibale Carracci: affresco di Venere e Anchise a Palazzo Farnese, Roma Venere e Anchise, particolare degli affreschi della Galleria di Palazzo Farnese, Roma, di Annibale Carracci, 1597-1603/04. SCALA/Risorsa artistica, New York



Carracci, Annibale: portrait of Giulio Mascheroni

Carracci, Annibale: ritratto di Giulio Mascheroni Ritratto di Giulio Mascheroni con un liuto, olio su tela di Annibale Carracci, c. 1593/94; nella Staatliche Kunstammlungen di Dresda in Germania. Look russo/Immagini del patrimonio

qual è lo scopo del linguaggio?

Le lunghe e intense fatiche di Annibale a Palazzo Farnese erano state miseramente sottopagate dal cardinale Farnese, e il pittore non si riprese mai completamente dall'ingratitudine del suo mecenate. Smise del tutto di lavorare a Palazzo Farnese nel 1605, ma in seguito produsse alcuni dei suoi migliori dipinti religiosi, in particolare Signore, dove stai andando? (1601–02) e il Pietà ( c. 1607). Queste opere presentano figure pesanti e potenti in modo drammaticamente semplice composizioni . I paesaggi a forma di lunetta che Annibale dipinse per Palazzo Aldobrandini, in particolare il Fuga in Egitto e il tumulazione (tutti e due c. 1604), si rivelò importante nella successiva evoluzione del paesaggio eroico dipinto a Roma da Domenichino e Nicolas Poussin. Annibale morì a Roma dopo diversi anni di malinconica malattia e intermittente produzione.