Gli assassinii, i bombardamenti e la bizzarra fama di Carlos The Jackal, il primo 'terrorista delle celebrità' della storia

Nato Ilich Ramírez Sánchez in Venezuela, Carlos lo Sciacallo trovò l'infamia mondiale negli anni '70 come rivoluzionario marxista e terrorista che ammise di aver ucciso almeno 80 persone.

Carlos lo sciacallo

Getty ImagesNato Ilich Ramírez Sánchez, Carlos lo Sciacallo notoriamente teneva in ostaggio membri dell'OPEC e assassinava ufficiali dell'intelligence francese.

Per tutti gli anni '70, Ilich Ramírez Sánchez, venezuelano, alias 'Carlos lo Sciacallo', ha condotto una campagna di terrore e violenza in nome della liberazione e del comunismo palestinese.



Braccato da Israele, Francia, Stati Uniti e molti altri, è stato finalmente catturato dopo 20 anni di carriera di assassinio, presa di ostaggi, estorsione e terrorismo. Nel corso degli anni, si è preso il merito di almeno 80 omicidi e sembrava apprezzare la sua fama intrisa di sangue.



Questa è la storia di come uno dei terroristi più pericolosi e determinati al mondo sia passato dal prendere ostaggi e togliere vite a scontare l'ergastolo.

L'indottrinamento precoce di Ilich Ramírez Sánchez

Combattenti palestinesi

Wikimedia CommonsI combattenti del FPLP sono stati addestrati nei campi in Giordania, dove ai più seri di loro, come Carlos, è stato insegnato a usare esplosivi, armi da fuoco, meccaniche e una varietà di altre abilità necessarie per la guerra clandestina.



Nato il 12 ottobre 1949 a Caracas, in Venezuela, Ilich Ramírez Sánchez è stato addestrato per la guerra sin dalla tenera età.

Suo padre, José Altagracia Ramírez Navas, un avvocato di successo e un marxista devoto, ha chiamato i suoi tre figli Ilich, Vladimir e Lenin in omaggio al primo premier dell'Unione Sovietica, nonostante le proteste della madre cattolica dei ragazzi, Elba.

A casa, Ramírez Sánchez ha imparato i principi del marxismo-leninismo non appena ha potuto parlare. Ha provocato un grande orgoglio per suo padre leggendo una biografia di Lenin due volte prima di compiere 10 anni. L'interesse di Ramírez Sánchez per le convinzioni politiche di José lo ha reso il figlio prediletto.



La prima educazione di Ramírez Sánchez ha avuto luogo in una scuola nota per il suo programma di formazione di sinistra radicale, e ha partecipato a rivolte e proteste da adolescente prima di seguire presumibilmente un addestramento di guerriglia a Cuba.

Nel 1966, quando Ramírez Sánchez aveva 17 anni, il governo venezuelano stava diventando sempre più violento nei confronti dei dissidenti e il matrimonio dei suoi genitori andò in pezzi. Sua madre portò i ragazzi a Londra e nel 1968 il padre di Ramírez Sánchez fece in modo che frequentasse l'Università Patrice Lumumba di Mosca.

L'Università era un campo di addestramento per attivisti politici radicali, leader rivoluzionari e combattenti ribelli diretti dal governo sovietico, che speravano di rimandare gli studenti nei loro paesi d'origine per fomentare la rivoluzione.



La disciplina era severa e le aspettative erano alte, quindi non fu una sorpresa quando Ramírez Sánchez, che preferiva rincorrere le ragazze e festeggiare, fu espulso. Questa potrebbe essere stata la fine di Ilich Ramírez Sánchez, ma per Carlos lo Sciacallo è stato solo l'inizio.

La rinascita di Carlos lo Sciacallo in Palestina

Wadie Haddad seduto

Wikimedia CommonsIl dottor Wadie Haddad, mentore di Carlos, inventore del dirottamento aereo e leader spietato del Fronte popolare per la liberazione della Palestina.



Durante i suoi anni a Mosca, Ramírez Sánchez era rimasto affascinato dalle storie che gli studenti palestinesi gli raccontavano sulla lotta contro Israele. Concludendo che questa lotta fosse un'opportunità per incanalare il suo odio per l'autorità e il capitalismo, si recò ad Amman, in Giordania, nell'estate del 1970 per iniziare l'addestramento con il Fronte popolare per la liberazione della Palestina (FPLP).

Nel campo di addestramento, ha incontrato Wadie Haddad, un combattente veterano che credeva che il sostegno internazionale a Israele potesse essere combattuto solo con terroristi internazionali. Fin dall'inizio, ha riconosciuto un talento nel giovane venezuelano, e lui conferitogli il nome di battaglia 'Carlos', colto dal nulla.

Nel 1973 Carlos lo era un prolifico terrorista per il FPLP , tentando di assassinare il magnate ebreo del commercio al dettaglio Joseph Sieff a Londra, rapinando banche in Francia, bombardando giornali e tentando di dirottare aeroplani - una tattica preferita di Haddad.

In due anni, ha accumulato un considerevole record di violenza, attaccando qualsiasi bersaglio fintanto che sembrava simpatico o utile per Israele. Durante questo periodo ha lavorato principalmente per il PFLP, ma ha anche collaborato con l'Armata Rossa giapponese nell'occupazione del 1974 dell'ambasciata francese a L'Aia. Ha anche continuato a coltivare la sua immagine alla moda e lo stile di vita da playboy.

Aerei che vengono fatti saltare in aria

Wikimedia CommonsUna tattica preferita del FPLP era quella di dirottare aerei commerciali e tenere in ostaggio i passeggeri. Questi aerei furono rubati e distrutti durante i dirottamenti sul campo di Dawson, poco prima che Carlos si unisse al gruppo nel 1970.

Ma non potrebbe durare per sempre. Nel giugno 1975, il suo gestore del FPLP, Michel Moukharbal, fu catturato dagli ufficiali dell'intelligence francese. Moukharbal rinunciò a tutti i nomi che conosceva, accettando di condurre i suoi carcerieri nell'appartamento di Carlos a Parigi. Quando sono arrivati, Carlos sapeva che il gioco era finito.

Ha intrattenuto gli ufficiali e Moukharbal e ha offerto loro da bere, prima di sparare loro a morte e fuggire al quartier generale del FPLP a Beirut.

Lui lasciato indietro una copia del romanzo di Frederick Forsyth del 1971 Il giorno dello sciacallo , in cui un gruppo paramilitare complotta per uccidere il presidente francese Charles De Gaulle - e 'Carlos lo Sciacallo' è nato.

L'assedio dell'OPEC del 1975 a Vienna

Carlos The Jackals OPEC prigionieri

Getty ImagesI prigionieri di Carlos furono trasferiti dalla sede dell'OPEC a un autobus, e poi a un aereo diretto in Algeria.

Rimbalzando da Beirut alla Germania dell'Est fino all'Ungheria, Carlos era sempre alla ricerca della prossima opportunità. Alla fine del 1975, aveva concepito un'operazione che avrebbe sconvolto il mondo e sarebbe passata alla storia come l'archetipo dell'attacco terroristico.

In un piano in parti uguali brutale, semplice e ambizioso, l'avrebbe fatto assalto la riunione dell'Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) a Vienna.

Con una squadra eccezionale di una mezza dozzina di agenti tedeschi e palestinesi, ha preso in ostaggio gli 80 rappresentanti a Vienna, compresi i ministri del petrolio di 11 paesi.

I ministri dell'Arabia Saudita e dell'Iran - a quel tempo filo-USA. stato - avrebbero dovuto essere fucilati immediatamente, mentre gli altri sarebbero stati riscattati per somme di denaro astronomicamente grandi in nome della liberazione palestinese.

Dopo aver subito un intervento di chirurgia plastica e aver perso molto peso, Carlos ha attraversato il confine austriaco il 21 dicembre 1975, incontrando la sua squadra a Vienna. Con una fornitura di contrabbando di armi da fuoco e anfetamine, si sono diretti verso la sede dell'OPEC nel centro della città.

Carlos e la sua squadra hanno attraversato l'ingresso principale e hanno aperto il fuoco, uccidendo un agente di polizia, una guardia di sicurezza e un membro dello staff più giovane. Gli aggressori hanno diviso gli ostaggi in gruppi e hanno iniziato un assedio che è durato tutta la notte.

una tassa sulle importazioni si chiama a

Durante l'attacco di Vienna, Carlos aveva chiesto a un diplomatico iracheno di dire alla polizia che lo era “Il famoso Carlos. Loro mi conoscono.' L'assassino ben vestito era chiaramente soddisfatto della propria notorietà.

Quindi, la sua richiesta di un autobus dalla polizia di Vienna è stata finalmente accolta e ha rilasciato alcuni degli ostaggi. Quarantuno prigionieri al seguito, si è diretto all'aeroporto per prendere un aereo per Algeri.

La squadra dello Sciacallo è poi andata a Tripoli, dove sono stati rilasciati altri ostaggi, prima di tornare di nuovo ad Algeri. Lì il presidente algerino, Houari Boumédiène, convinse Carlos a rinunciare ai restanti 11 ostaggi - inclusi Yamani e Amuzegar, i ministri sauditi e iraniani - in cambio di asilo. Solo 48 ore dopo l'inizio, il raid dell'OPEC era finito.

La cattura di Carlos lo sciacallo in Sudan

Non è noto se Carlos abbia trattenuto i soldi del riscatto dall'assedio dell'OPEC. È stato suggerito che una somma fino a $ 50 milioni per i ministri del petrolio siriano e saudita è stata divisa tra Carlos, Haddad e il partner di Haddad George Habash per il loro uso personale.

Se è così, il denaro sembra essere stato una piccola consolazione per Haddad. Era furioso con Carlos per non aver ucciso Yamani e Amuzegar e lo espulse dal PFLP.

Successivamente, si ritiene che Carlos abbia contribuito a pianificare il famigerato dirottamento aereo di Entebbe del 1976. È anche noto che ha intrapreso una campagna di bombardamenti in Francia quando sua moglie, Magdalena Kopp, è stata arrestata lì, e potrebbe aver bombardato gli uffici di una rivista che ha rifiutato di ritrattare un'intervista con lui.

Carlos lo sciacallo in prigione

Thomas Coex / Getty ImagesOggi, Carlos è uno dei prigionieri viventi più famosi al mondo.

Andando alla deriva attraverso l'Ungheria, la Francia, la Germania orientale e occidentale, la Libia, la Siria, l'Iraq, lo Yemen e l'Iran, Carlos si stabilì finalmente a Khartoum, in Sudan, dove mantenne un basso profilo dopo anni di attacchi.

Lì, agenti dell'intelligence francese, israeliana e americana lo raggiunsero finalmente nel 1994, dove pagarono le autorità sudanesi per consegnarlo e lo portarono a Parigi per il processo.

Lì in un processo del 1997, è stato condannato per l'omicidio degli ufficiali dell'intelligence francese a Parigi nel 1975 condannati all'ergastolo.

Ha ottenuto una seconda condanna a vita nel 2011, quando è stato processato per una serie di attentati avvenuti in Francia nel 1982 e nel 1983.

Carlos è stato ritentato nel 2017 in relazione a un attacco con granate del 1974 a Parigi. Al processo, è entrato in tribunale vestito a festa e ha baciato la mano del suo avvocato e fidanzato Isabelle Coutant-Peyre. Sebbene si sia dichiarato innocente, è stato condannato a una terza condanna a vita in prigione.

È ancora detenuto nella prigione francese di Clairvaux, dove si trova mantenuto una corrispondenza con il presidente venezuelano Hugo Chávez.

Nonostante abbia tentato più volte di presentare una petizione per il rilascio, ogni tentativo è stato rifiutato, lasciando Carlos lo Sciacallo permanentemente in gabbia.


Dopo aver appreso la storia di Carlos lo Sciacallo, continua a leggere il massacro del settembre nero , quando l'omicidio di atleti israeliani ha scatenato una reazione a catena di omicidio e terrore. Quindi, impara Lehi, i terroristi sionisti che ha cercato di stabilire Israele con l'aiuto dei nazisti.