aborigeni australiani Australian

aborigeni australiani Australian , uno dei due distinti gruppi di indigeno popoli dell'Australia, gli altri sono i popoli delle Isole dello Stretto di Torres.

gli artisti futuristi si sono concentrati sui loro dipinti
Gli aborigeni dell

Aborigeni dell'isola di Galiwnku si riuniscono per assistere al procedimento durante il quale il primo ministro Kevin Rudd si è scusato formalmente con gli aborigeni per i maltrattamenti subiti dai precedenti governi australiani, febbraio 2008. Mark Graham/AP Images



recinzione per la cattura dei pesci

Recinzione per la cattura di pesci Recinzione per la cattura di pesci nel centro-nord di Arnhem Land, Territorio del Nord, Australia. Trappole come questa sembrano offrire prove della pratica dell'acquacoltura da parte dei primi aborigeni australiani. Per gentile concessione dell'AIATSIS; creatore, Jon C. Altman (collezione n. N03211_35)



Conoscere gli sforzi per seppellire i resti degli indigeni australiani che sono stati portati via per studio o mostra nel 21° secolo

Conoscere gli sforzi per seppellire i resti di indigeni australiani che sono stati portati via per studio o mostra nel 21° secolo Panoramica degli sforzi nel 21° secolo per seppellire i resti di indigeni australiani che erano stati presi per studi scientifici e mostre museali. Dietro le notizie (un partner editoriale Britannica) Guarda tutti i video per questo articolo

È stato a lungo convenzionalmente ritenuto che l'Australia sia l'unico continente in cui l'intera popolazione indigena ha mantenuto un unico tipo di adattamento: caccia e raccolta —in tempi moderni. Alcuni studiosi ora sostengono, tuttavia, che ci sono prove della pratica precoce sia dell'agricoltura che dell'acquacoltura da parte dei popoli aborigeni. Questa scoperta solleva interrogativi riguardo al punto di vista tradizionale che presenta i popoli aborigeni e gli abitanti delle isole dello Stretto di Torres come forse unici nel grado di contrasto tra la complessità della loro organizzazione sociale e vita religiosa e la relativa semplicità delle loro tecnologie materiali. (Per una discussione sui nomi dati ai popoli indigeni dell'Australia, vedere Nota del ricercatore: standard di utilizzo della Britannica: popolazioni aborigene e popolazioni australiane delle isole dello Stretto di Torres .)



Preistoria

Si ritiene generalmente che i popoli aborigeni australiani provenissero originariamente da Asia modo insulare Sud-est asiatico (ora Malesia, Singapore, Brunei, Timor Est , Indonesia e Filippine) e sono stati in Australia per almeno 45.000–50.000 anni. Sulla base della ricerca nei siti archeologici di Nauwalabila I e Madjedbebe nel Territorio del Nord, tuttavia, alcuni scienziati hanno affermato che i primi esseri umani arrivarono molto prima, forse già da 65.000 a 80.000 anni fa. Tale conclusione è coerente con l'argomento avanzato da alcuni studiosi secondo cui la migrazione di umani anatomicamente moderni fuori dall'Africa e adiacente le aree dell'Asia sudoccidentale verso l'Asia meridionale e sudorientale lungo la cosiddetta Rotta meridionale hanno preceduto la migrazione verso l'Europa. Altri studiosi mettono in dubbio la precedente datazione dell'arrivo umano in Australia, che si basa sull'uso della luminescenza stimolata otticamente (misurazione dell'ultima volta che la sabbia in questione è stata esposta alla luce solare), perché i siti del Territorio del Nord si trovano in aree di attività di termiti, che può spostare artefatti verso il basso a livelli più vecchi.

In entrambi i casi, il primo insediamento sarebbe avvenuto durante un'era di abbassamento del livello del mare, quando c'erano ponti di terra più coestensivi tra l'Asia e l'Australia. La moto d'acqua deve essere stata usata per alcuni passaggi, tuttavia, come quelli tra Bali e Lombok e tra Timor e la Grande Australia, perché comportano distanze superiori a 120 miglia (200 km). Questa è la prima navigazione confermata al mondo. Circa 35.000 anni fa tutto il continente era stato occupato, compresi gli angoli sud-ovest e sud-est (la Tasmania divenne un'isola quando il livello del mare salì tra 13.500 e 8.000 anni fa, isolando così gli aborigeni che vivevano lì dalla terraferma) così come gli altopiani dell'isola della Nuova Guinea. L'evidenza archeologica suggerisce che l'occupazione dell'interno dell'Australia da parte dei popoli aborigeni durante il rigido regime climatico dell'ultimo massimo glaciale (tra 30.000 e 18.000 anni fa) era altamente dinamico , e tutti i paesaggi aridi furono occupati permanentemente solo circa 10.000 anni fa.

Il dingo, un tipo di cane selvatico, è apparso in Australia solo da 5.000 a 3.000 anni fa, data successiva al momento in cui gli aborigeni iniziarono a maneggiare piccole pietre attrezzi in strumenti compositi circa 8.000 anni fa. Mentre il dingo è stato introdotto dal sud-est asiatico, i piccoli attrezzi sembrano essere invenzioni indipendenti dall'Australia. Negli ultimi 1.500-3.000 anni, altri importanti cambiamenti si sono verificati a livello continentale generale: aumento della popolazione, sfruttamento di nuovi habitat, sfruttamento più efficiente delle risorse e aumento dello scambio di oggetti di valore su vaste aree.



quale particella subatomica non ha carica

Ci sono prove di comportamenti sociali complessi molto prima, tuttavia, tra cui la cremazione prima di 40.000 anni fa, gli ornamenti personali (perline di conchiglie) di 30.000 anni fa e il commercio a lunga distanza di oggetti prima di 10.000 anni fa. Non è ancora stato accertato se ci siano state ondate migratorie singole o multiple in Australia, sebbene recenti prove genetiche indichino più gruppi di donatori, sia da un singolo eterogeneo migrazione o ondate multiple. Mentre non c'è dubbio che solo gli umani anatomicamente moderni ( Homo sapiens sapiens ) hanno mai occupato l'Australia, i crani trovati nel sud-est suggeriscono ad alcuni l'esistenza di due distinti tipi fisici. Tuttavia, la maggior parte ora accetta che esistesse un'ampia gamma di variazioni nelle popolazioni pre-europee. È stato anche affermato che un gruppo sul fiume Murray praticava una forma di deformazione cranica cosmetica che portava al loro aspetto diverso. Alcuni hanno ipotizzato che aborigeno culture hanno una delle cronologie del tempo profondo più lunghe di tutti i gruppi sulla Terra.