Australopiteco

Scopri la scoperta del genere Australopithecus

Scopri la scoperta del genere Australopithecus Scopri il Australopiteco genere. Contunico ZDF Enterprises GmbH, Magonza Guarda tutti i video per questo articolo

Australopiteco , (latino: scimmia del sud) (genere Australopiteco ), gruppo di primati estinti strettamente imparentati, se non proprio antenati, dei moderni esseri umani e noto da una serie di fossili trovati in numerosi siti nell'est, nel centro-nord e nel sud Africa . I vari specie di Australopiteco visse da 4,4 milioni a 1,4 milioni di anni fa (mya), durante le epoche del Pliocene e del Pleistocene (che durò da 5,3 milioni a 11.700 anni fa). Il nome del genere, che significa scimmia australe, si riferisce ai primi fossili rinvenuti, scoperti in Sudafrica. Forse l'esemplare più famoso di Australopiteco è Lucia , uno scheletro fossile straordinariamente conservato proveniente dall'Etiopia che è stato datato a 3,2 milioni di anni fa.



Australopithecus afarensis

Australopithecus afarensis Rendering dell'artista di Australopithecus afarensis , che visse da 3,8 a 2,9 milioni di anni fa. Enciclopedia Britannica, Inc.



replica del teschio di Lucy

replica del teschio di Lucy Replica ricostruita del teschio di Lucy, una bambina di 3,2 milioni di anni Australopithecus afarensis trovata dall'antropologo Donald Johanson nel 1974 ad Hadar, in Etiopia. Cloni ossei, www.boneclones.com

Come caratterizzato dalle prove fossili, i membri di Australopiteco portava una combinazione di tratti umani e scimmieschi. Erano simili agli umani moderni in quanto erano bipedi (cioè camminavano su due gambe), ma, come scimmie , avevano cervelli piccoli . I loro canini erano più piccoli di quelli trovati nelle scimmie e i loro denti guanciali erano più grandi di quelli degli umani moderni.



Il termine generale australopite (o australopitecina ) è usato informalmente per riferirsi a membri del genere Australopiteco . Le australopitecine comprendono il genere paraantropo (2,3-1,2 milioni di anni fa), che comprende tre specie di australopitechi, chiamati collettivamente i robusti a causa dei loro grandissimi molari inseriti in massicce mascelle. Membri non australopiteci della stirpe umana ( ominidi ) includere Sahelanthropus tchadensis (7-6 anni), Orrorin tugenensis (6 anni), Ardipithecus kadabba (5,8–5,2 milioni di anni fa), e Con. ramidus (5,8-4,4 milioni di anni fa), ovvero pre- Australopiteco specie che sono considerate esseri umani antichi e una specie aggiuntiva di primi umani, Kenyanthropus platyops (3,5 milioni di anni fa). La prima prova indiscussa del genere omo —il genere che include gli esseri umani moderni—appare già nel 2,8 mya, e alcune delle caratteristiche di omo assomigliano a quelli delle specie precedenti di Australopiteco ; tuttavia, un notevole dibattito circonda l'identità delle prime specie di omo . Al contrario, i resti più vecchi di sei milioni di anni sono ampiamente considerati quelli delle scimmie fossili.

siti fossili di ominidi nell

Siti fossili di ominidi nell'Africa sub-sahariana Una selezione di luoghi dell'Africa sub-sahariana dove sono stati trovati fossili di ominidi. Enciclopedia Britannica, Inc.

Gli australopiti

specie precoci e Australopithecus anamensis

Identificare il primo membro della tribù umana ( Hominini ) è difficile perché i predecessori del moderno umani diventano sempre più scimmieschi man mano che i reperti fossili vengono seguiti indietro nel tempo. Assomigliano a ciò che ci si aspetterebbe nell'antenato comune degli umani e scimmie in quanto possiedono un mix di umano e scimmia tratti. Ad esempio, la presunta specie più antica, Sahelanthropus tchadensis , è simile all'uomo nell'avere un canino leggermente ridotto e una faccia che non sporge molto in avanti. Tuttavia, per molti altri aspetti, comprese le dimensioni del cervello, è simile a una scimmia. Non è noto se la specie camminasse eretta perché solo un singolo cranio, frammenti di una o più mandibole (inferiore mascella s), e sono stati trovati alcuni denti.



posizioni fossili di australopite

Posizioni fossili di australopite Intervalli di tempo approssimativi dei siti che producono fossili di australopite. Enciclopedia Britannica, Inc.

Il bipedismo, tuttavia, sembra essere stato stabilito nel bambino di sei milioni di anni Orrorin tugenensis e pre- Australopiteco trovato nelle colline di Tugen vicino al lago Baringo nel Kenya centrale. Nel 2001 questi fossili sono stati descritti come il primo ominide conosciuto. G. tugenensis è primitivo nella maggior parte se non in tutta la sua anatomia, tranne che per femori (cosce) che sembrano condividere i tratti del bipedismo con gli umani moderni. Come gli ominidi successivi, ha denti con uno spesso smalto molare, ma, a differenza degli umani, ha denti canini e premolari tipicamente scimmieschi. Il caso per il suo status di ominide si basa sulle caratteristiche umane del femore. Secondo i suoi scopritori, le caratteristiche del femore che implicano il bipedismo includono le sue proporzioni complessive, la struttura interna del collo femorale (la colonna che unisce la testa sferica del femore all'asta dell'osso) e una scanalatura sull'osso per un muscolo utilizzato nella deambulazione eretta (l'otturatore esterno).

Ardipithecus kadabba e Con. ramidus

Un altro candidato per il primo ominide è classificato nel genere Ardipiteco (5,8-4,4 milioni di anni fa). I resti di Ar. kadabba (5,8-5,2 mya), che sono stati scoperti nella media valle del fiume Awash nella regione di Afar in Etiopia (una depressione situata nella parte settentrionale del paese che si estende a nord-est fino al mar Rosso ), comprendere frammenti di ossa degli arti, denti isolati, una mandibola parziale e un osso di un dito del piede. Mentre il dente canino è per alcuni aspetti simile a quello di una scimmia, non presenta il classico complesso di levigatura ad incastro (dove il lato interno del canino superiore si affila contro il premolare inferiore [o premolare]). L'osso del piede assegnato a Ardipiteco mostra un'anatomia bipede, ma è stato trovato in sedimenti 400.000 anni più giovani del fossile usato per definire Ar. kadabba e può appartenere ad un'altra specie di primi ominidi.



confine tra nord e sud corea

Con. ramidus , che è stato scoperto nella media valle di Awash nel 1992 in un sito chiamato Aramis , è noto da uno scheletro parziale schiacciato e distorto. Il cranio è simile a quello di una scimmia con un cervello minuscolo - 300-350 cc (18,3-21,4 pollici cubi), che equivale a un peso cerebrale di circa 300-350 grammi (10,6-12,3 once) - e un muso prognatico (sporgente). Il forame magno (grande foro) alla base del cranio si trova sotto la scatola cranica, come in un bipede, e non posteriormente, come in una scimmia quadrupede (a quattro zampe) ( vedere cranio).

Diverse altre caratteristiche anatomiche di Con. ramidus suggeriscono che sia stato adattato ad un ambiente arboreo. L'arto superiore differisce da quello dell'uomo moderno. È molto lungo, il che ha permesso alle sue dita di estendersi almeno fino al ginocchio . Le mani estremamente grandi della specie suggeriscono uno stile di vita che includeva importanti arrampicate e altre attività tra gli alberi. Il bacino è un mix di scimmie e tratti umani; sembra essere più ampio, più corto e più stretto del bacino di una scimmia e ricorda un bacino bipede. Il piede è particolarmente simile a una scimmia con dita allungate e un alluce completamente divergente per muoversi sugli alberi. Fossili animali, polline e altre prove associate a Con. ramidus indicare anche che era a casa in un bosco ambiente ( Guarda anche Ardi).



Australopithecus anamensis

Il primo membro del genere Australopiteco è Au. anamensis , che è stato scoperto nel nord del Kenya vicino al lago Turkana a Kanapoi e Allia Bay. La specie è stata descritta per la prima volta nel 1995 dopo un'analisi di denti isolati, mascella superiore e inferiore, frammenti di un cranio e una tibia rinvenuti nei siti di scoperta. I fossili risalgono a 4,2-3,9 milioni di anni fa e, come Ardipiteco , Au. anamensis è associato agli animali del bosco e anche ad alcune specie di praterie.

Il muso è prognatico. I denti hanno uno smalto spesso, come i denti di tutti gli ominidi successivi ma a differenza di quelli di Con. ramidus , che hanno uno smalto sottile simile a quello delle scimmie. La tibia (tibia) mostra un'anatomia sia all'estremità del ginocchio che della caviglia caratteristica degli ominidi bipedi successivi.

Un cranio gravemente schiacciato e distorto trovato a Lomekwi sulla sponda occidentale del lago Turkana nel nord del Kenya nel 1998 è stato assegnato a un nuovo genere e specie, umano del Kenya, Kenyanthropus platyops (3,5 milioni di anni fa). Anch'esso è associato alla fauna del bosco. Se questo singolare esemplare sia veramente una nuova specie è ampiamente dibattuto, dal momento che il cranio potrebbe essere un esempio altamente distorto di un'altra specie, A. afarensis .

replica di platyops Kenyanthropus

replica di Kenyanthropus platyops Replica di un 3,2-3,5 milioni di anni Kenyanthropus platyops cranio trovato dall'antropologo Meave Leakey nel 1998 a Lomekwi, vicino al lago Turkana, in Kenya. Cloni ossei, www.boneclones.com