La battaglia di Cowpens e lo stratagemma che ha trasformato la rivoluzione americana

Prima della battaglia di Cowpens della guerra rivoluzionaria, i coloni correvano il rischio di perdere il sud a favore degli inglesi, ma il genio militare di un uomo ha cambiato le sorti della guerra.

GIF di Battle Of Cowpens

Il 17 gennaio 1781, la battaglia di Cowpens segnò un punto di svolta nella guerra rivoluzionaria americana nel sud, aumentando il morale e offrendo ai coloni nuovo coraggio in quelli che sarebbero stati gli ultimi giorni della lotta per l'indipendenza.



Non è arrivato un momento troppo presto: i coloni erano sul punto di perdere la Carolina per sempre quando la straordinaria vittoria ha cambiato le sorti. Il loro trionfo è stato dovuto in gran parte alle tattiche creative e non convenzionali del generale di brigata americano Daniel Morgan, il cui percorso finto e il cui doppio avvolgimento sono stati considerati alcuni degli stratagemmi più intelligenti nella storia militare.



Il sud americano è sull'orlo della sconfitta

Battle Of Cowpens Pittura

Frederick Kemmelmeyer / Wikimedia CommonsUna rappresentazione del 1809 della battaglia di Cowpens. Le bandiere britanniche e americane sono ben visibili.

Prima del 1781, la Carolina era stata teatro di una serie di disastri militari per i coloni. L'anno precedente, gli americani avevano perso l'assedio di Charleston. Il conflitto di sei settimane si concluse con la resa di 3.371 uomini agli inglesi. Ha effettivamente messo fine all'esercito americano nel sud.



Le cose andarono ancora peggio per i coloni durante la battaglia di Camden più tardi quell'estate, una perdita così spettacolare che il generale americano responsabile non comandò mai più le truppe.

Nell'inverno del 1781, tutto ciò che era rimasto era una resistenza frammentaria e un gruppo di guerriglieri americani che affliggevano tutte le truppe britanniche catturate nelle terre periferiche. A tutti gli effetti, gli inglesi controllavano la Carolina del Sud.

Il generale di brigata Daniel Morgan si è trovato a South Caroline per due motivi. In primo luogo, le sue truppe avevano un disperato bisogno di rifornimenti e avevano in programma di foraggiare nell'area. Dovevano anche incoraggiare i coloni locali a continuare a combattere la buona battaglia: il morale nella contea di Cherokee stava diminuendo.



L'intelligence britannica, tuttavia, sospettava uno stratagemma; avevano ricevuto alcune cattive informazioni che li portarono a credere che Morgan ei suoi uomini stessero pianificando un assalto a tutto campo contro un forte vicino che era tenuto dai lealisti britannici.

Preparare il terreno per la battaglia di Cowpens

Banastre Tarleton

Joshua Reynolds / Wikimedia CommonsIl tenente colonnello Banastre Tarleton, l'astro nascente della Legione britannica.

Per occuparsi di Morgan e dei suoi uomini, gli inglesi inviarono Sir Banastre Tarleton, l'astro nascente dell'esercito britannico. Il tenente colonnello era al tempo stesso irascibile e spietatamente persistente.



Era anche molto giovane. A 26 anni, aveva già compiuto più di molti comandanti britannici il doppio della sua età: si era distinto nelle vittorie decisive a Charleston e Camden, aveva recentemente catturato un generale americano e al momento guidava una forza mortale e notoriamente esperta di lealisti britannici.

Circolavano anche alcune voci spiacevoli su di lui: nella battaglia di Waxhaw, i suoi soldati avevano ucciso le truppe americane che si erano già arrese - una grave violazione delle regole di ingaggio e che lui negava di aver sanzionato.



Consapevole che Tarleton si era aggiunto alle sue truppe ed era sulle sue tracce, Daniel Morgan si ritirò, fuggendo a nord nella speranza di attraversare il Broad River.

Ma la fortuna non era dalla sua parte. Tarleton stava guidando le sue forze a un ritmo brutale e stava facendo un tempo migliore del previsto. Con il fiume davanti e l'inseguimento a poche ore di distanza, Morgan sapeva di essere intrappolato; se lui ei suoi uomini fossero stati scoperti a guadare il fiume, sarebbe stato un massacro. La loro migliore opzione era voltarsi e combattere.

Così scelse il suo campo di battaglia, un'area di pascolo aperta chiamata 'Hannah's Cowpens', e iniziò a mettere a punto strategie.

La battaglia di Cowpens

Battaglia di Cowpens durante la guerra rivoluzionaria

La Guardia Nazionale / FlickrLa rappresentazione di Don Troiani della battaglia di Cowpens nella Carolina del Sud il 17 gennaio 1781.

Gli storici discutono ancora esattamente quanti uomini Morgan aveva con lui nella battaglia di Cowpens. Le stime vanno da 800 a 1.900. Ciò che è chiaro è che era fortunato con le sue truppe: la maggior parte erano veterani esperti, e anche i miliziani locali che venivano in aiuto erano insolitamente ben addestrati, una rarità per le reclute locali.

I soldati di Morgan furono anche fortunati nel loro comandante, uno stratega non convenzionale che era consapevole sia delle debolezze delle sue truppe che di quelle del suo nemico.

Primo, consapevole della tendenza tra i combattenti della milizia a ritirarsi presto e ad abbandonare i clienti abituali meglio addestrati, Morgan intrappolò deliberatamente il suo esercito tra due fiumi, rendendo impossibile la ritirata.

Successivamente, ha lasciato i fianchi esposti, facendo affidamento sui vantaggi geografici - come un torrente e un burrone - per impedire agli inglesi attaccanti di avvicinarsi furtivamente ai suoi lati.

Conoscendo Tarleton, pensò che il pericolo più probabile sarebbe venuto dal fronte: il generale avversario preferiva un approccio frontale e sotterfugi usati raramente.

Ma solo per essere sicuro, Morgan ha organizzato le sue forze in tre linee e ha posizionato gli uomini più verdi verso il fronte, rendendo impossibile resistere alla tentazione di un attacco diretto per l'aggressivo Tarleton.

Per la pièce de résistance, ordinò alle truppe in prima linea di sparare diverse raffiche e poi ritirarsi, fingendo di fuggire come spaventate dall'avanzata britannica. Quindi si riformerebbero segretamente per attaccare di nuovo.

In fondo alle sue forze, Morgan ha messo i suoi combattenti migliori e più esperti. Non c'era modo che gli inglesi sarebbero stati in grado di farsi prendere dal panico questa terza linea: avrebbero resistito fino all'arrivo del regno.

Ma non c'era motivo per cui Tarleton avesse bisogno di saperlo, così Morgan disse alla terza linea di ritirarsi un po 'quando gli inglesi, esausti dopo essersi fatti strada nelle prime due linee, arrivarono a loro.

Lo stratagemma ha funzionato perfettamente.

Arrivano Tarleton e il suo esercito

Cowpens Battle

Wikimedia CommonsLa battaglia di Cowpens, dipinta da William Ranney nel 1845. La scena raffigura un soldato nero senza nome (a sinistra) che spara con la pistola e salva la vita del colonnello William Washington (sul cavallo bianco al centro).

Mentre l'esercito britannico si avvicinava all'alba, era chiaro che lo stesso Tarleton aveva già fatto parte del lavoro degli americani per loro. Consapevole che le truppe di Morgan sarebbero state intrappolate dall'inondazione del fiume, aveva spinto i suoi uomini a raggiungerlo.

Non si erano presi il tempo di riapprovvigionarsi durante la marcia, il che significava che erano gravemente malnutriti, e nelle 48 ore precedenti la battaglia di Cowpens, erano state concesse solo quattro ore di sonno.

Ma Tarleton puzzava di sangue e stava per uccidere. Con la testa calda come sempre, ha fatto esattamente ciò su cui Morgan aveva contato: si è precipitato direttamente al centro della prima linea americana.

Quando si sono ritirati, ha pensato che l'intera forza stesse fuggendo, e ha ordinato ai suoi uomini di addentrarsi nella mischia. Fu allora che si scontrarono con la terza linea americana.

La terza linea, come quelle precedenti, sembrava andare e venire - così gli inglesi hanno dato la caccia. Erano a soli 30 metri di distanza quando gli americani improvvisamente si voltarono e spararono.

L'effetto è stato devastante. E quando il precedente gruppo di combattenti americani che erano presumibilmente fuggiti si presentò dietro di loro, la maggior parte delle truppe britanniche cadde a terra in segno di resa. Erano rimasti intrappolati in un doppio avvolgimento, la tenaglia che le forze combattenti temono.

In meno di un'ora, la battaglia era finita e Tarleton era fuggito.

Le conseguenze della battaglia

Daniel morgan

Wikimedia CommonsDaniel Morgan, l'eroe della battaglia di Cowpens, dipinto nel 1794 da Charles Willson Peale.

Alla fine, 110 soldati britannici furono uccisi e 712 furono catturati dagli americani. Tarleton ei suoi uomini erano chiaramente finiti; non rappresenterebbero più una minaccia per nessuna forza americana.

Peggio ancora per gli inglesi, Tarleton, allora una giovane stella in ascesa, aveva ricevuto il meglio dei combattenti britannici attualmente nelle colonie. Quando il generale britannico Cornwallis ha sentito la notizia della loro perdita, si dice che abbia accidentalmente spezzato la spada in due.

definizione di gentili nella Bibbia

Morgan era un eroe , e la notizia della sua vittoria diede nuova vita agli assediati coloni della Carolina. Rinnovarono la loro resistenza e l'esercito britannico, sebbene non fosse affatto sconfitto, fu improvvisamente in fuga.

Nei mesi successivi, la necessità di uno spettacolare successo militare avrebbe spinto le forze britanniche nella sconsiderata battaglia di Guilford Court House, dove il prezzo della vittoria era devastante.

Nell'ottobre di quell'anno, George Washington mise all'angolo gli inglesi nella battaglia di Yorktown, che pose fine alla guerra.

La battaglia di Cowpens ha cambiato il corso della guerra rivoluzionaria ed è ricordata con affetto nella cultura popolare fino ad oggi. Il patriota , il film del 2000 interpretato da Mel Gibson e Heath Ledger, fonde la battaglia di Guilford Court con la battaglia di Cowpens in una rievocazione drammatica e fantasiosa degli ultimi conflitti della guerra. Il personaggio di Benjamin Martin è stato ispirato da Daniel Morgan, un eroe il cui nome è ancora ricordato più di 200 anni dopo.


Dopo questo sguardo alla battaglia di Cowpens, guarda queste foto inquietanti del Battaglia di Gettysburg . Quindi, dai un'occhiata ad alcuni dei più incredibili Foto della guerra civile .