cortisolo

cortisolo , chiamato anche idrocortisone , un composto organico appartenente alla famiglia degli steroidi che è il principale ormone secreto dal ghiandole surrenali . È un potente agente antinfiammatorio ed è usato per il trattamento palliativo di una serie di condizioni, incluso il prurito causato da dermatite o punture di insetti, infiammazione associata ad artrite o colite ulcerosa e malattie delle ghiandole surrenali.

ormoni steroidei

ormoni steroidei Molte importanti funzioni fisiologiche dei vertebrati sono controllate dagli ormoni steroidei. Enciclopedia Britannica, Inc.



Scopri come lo stress influisce sul corpo umano

Scopri come lo stress influisce sul corpo umano Scopri gli effetti dello stress sul corpo umano. American Chemical Society (Un partner editoriale Britannica) Guarda tutti i video per questo articolo



Il cortisolo è il principale glucocorticoide nell'uomo. Ha due azioni principali: stimola la gluconeogenesi —la scomposizione delle proteine ​​e Grasso per fornire metaboliti che possono essere convertiti in glucosio nel fegato e attiva le vie antistress e antinfiammatorie. Ha anche una debole attività mineralcorticoide. Il cortisolo svolge un ruolo importante nella risposta del corpo a fatica . Aiuta a mantenere le concentrazioni di glucosio nel sangue aumentando la gluconeogenesi e bloccando l'assorbimento del glucosio nei tessuti diversi dal sistema nervoso centrale. Contribuisce inoltre al mantenimento della pressione sanguigna aumentando gli effetti costrittivi di catecolamine sui vasi sanguigni.

Cortisolo, insieme a un più potente e ad azione più lunga sintetico derivati ​​come prednisone, metilprednisolone e desametasone, hanno potenti azioni antinfiammatorie e antiallergiche. A livello cellulare, glucocorticoidi inibire la produzione e l'azione delle citochine infiammatorie. In dosi elevate, i glucocorticoidi possono compromettere la funzione del sistema immunitario, riducendo così le reazioni immunitarie cellulo-mediate e riducendo la produzione e l'azione di anticorpi . La riduzione della funzione del sistema immunitario con i glucocorticoidi è utile per prevenire il rigetto del trapianto e per il trattamento di malattie allergiche o autoimmuni, come l'artrite reumatoide e disseminato lupus eritematoso . Tuttavia, questi benefico gli effetti sono compensati dai gravi effetti collaterali di alte dosi di glucocorticoidi, specialmente se somministrati per un lungo periodo di tempo. Il dimostrazioni dell'esposizione cronica del corpo a livelli eccessivi di glucocorticoidi può essere osservata in pazienti con sindrome di Cushing . Inoltre, i glucocorticoidi non sono generalmente utilizzati nei pazienti con malattie infettive perché le azioni immunosoppressive e antinfiammatorie possono consentire la diffusione dell'infezione.



Il cortisolo esiste nel siero in due forme. La maggior parte del cortisolo è in forma legata, attaccata alla globulina legante il cortisolo (transcortina), mentre la restante quantità di cortisolo è in forma libera o non legata. Quando il cortisolo libero lascia il siero per entrare nelle cellule, il pool di cortisolo libero nel siero viene reintegrato dal cortisolo rilasciato dalla transcortina o dal nuovo cortisolo secreto dalla corteccia surrenale. Nel citoplasma di una cellula bersaglio, il cortisolo si lega a un recettore specifico. Il complesso cortisolo-recettore entra quindi nel nucleo della cellula. Nel nucleo il complesso si attiva o inibisce la trascrizione di geni specifici, alterando così la produzione di molecole di acido ribonucleico messaggero (mRNA) che dirigono la sintesi di molte proteine, inclusi enzimi e proteine ​​strutturali.

A differenza del cortisolo, l'aldosterone e gli androgeni surrenali non si legano così facilmente alle proteine ​​sieriche. Mentre piccole quantità di cortisolo e altri ormoni steroidei vengono escrete nelle urine, la maggior parte di questi ormoni viene inattivata nel fegato o in altri tessuti.