David Livingstone: il grande missionario scozzese che ha cambiato il corso della storia dell'Africa

David Livingstone è andato più lontano di quanto qualsiasi europeo fosse andato in Africa nella storia europea, ma le sue esplorazioni avrebbero avuto conseguenze devastanti.

Ritratto di Livingstone

Wikimedia Commons1861 ritratto di David Livingstone

Il missionario scozzese David Livingstone sbarcò in Africa con il desiderio di diffondere la sua zelante tradizione cristiana come mezzo per liberare il paese dalla schiavitù. Invece, Livingstone ha generato un'eredità di missionari e colonialisti allo stesso modo che hanno sciamato il paese indiscriminatamente per terra e risorse in quello che ora è noto come ' la corsa per l'Africa 'Della fine del XIX secolo.



Primi anni di vita

David Livingstone's prima infanzia si legge come un romanzo di Charles Dickens, anche se ambientato nelle Highlands scozzesi piuttosto che nelle strade di Londra. Nato il 19 marzo 1813 a Blantyre, in Scozia, Livingstone ei suoi sei fratelli furono allevati in un'unica stanza in un caseggiato che ospitava le famiglie dei dipendenti della fabbrica di cotone locale.



Quando aveva dieci anni, Livingstone lavorava lui stesso nella fabbrica. I genitori di David, Neil e Agnes, erano entrambi fanatici religiosi e hanno fortemente sottolineato l'importanza della lettura e dell'educazione, nonché instillato in lui disciplina e perseveranza.

David Livingstone Lion statua

La resistenza di Livingstone sarebbe stata messa alla prova in Africa, ma un'infanzia difficile lo aveva preparato.



David Livingstone ha poi frequentato la scuola del villaggio nonostante le sue 14 ore di lavoro. Quando nel 1834 le chiese britanniche e americane lanciarono un appello affinché i missionari medici venissero inviati in Cina, decise di fare domanda. Dopo quattro anni di studio in latino, greco, teologia e medicina, è stato accettato dalla società missionaria londinese.

Quando Livingstone fu ordinato sacerdote nel 1840, il viaggio in Cina era stato reso impossibile dalle guerre dell'oppio e così Livingstone puntò invece gli occhi sull'Africa, uno scherzo del destino che avrebbe sigillato il suo posto nella storia britannica.

La missione abolizionista di David Livingstone

Nel 1841 David Livingstone fu assegnato a una missione a Kuruman, vicino al deserto del Kalahari, nell'Africa meridionale. Fu lì che fu ispirato dal suo collega missionario Rober Moffat - la cui figlia Livingstone ci sarebbe stata nel 1845 - e si convinse che era la missione della sua vita non solo diffondere il cristianesimo alle persone di tutto il continente, ma liberarle dai mali della schiavitù .



cosa unisce il mediterraneo e il mar rosso

Il background religioso di Livingstone lo aveva trasformato in un feroce abolizionista. Sebbene la tratta degli schiavi nell'Atlantico fosse stata abolita sia in Gran Bretagna che in America nel 1807, le persone che popolavano la costa orientale dell'Africa erano ancora sequestrate da persiani, arabi e commercianti dell'Oman. Livingstone decise di dedicarsi allo sradicamento della schiavitù dall'intero continente ed era convinto che tracciare un percorso dalla costa orientale alla costa occidentale, qualcosa che non era stato ancora fatto nella storia documentata, sarebbe il modo per farlo.

David Livingstone pittura

Wikimedia CommonsQuando Livingstone tornò in Inghilterra dopo le sue prime esplorazioni in Africa, era una celebrità internazionale.

Fare il suo nome in Africa

Nel 1852 Livingstone si era già avventurato più a nord nel territorio del Kalahari rispetto a qualsiasi altro europeo a quel punto.



Anche nelle prime esplorazioni, David Livingstone mostrato un talento per fare amicizia con i nativi, che era spesso la differenza tra la vita e la morte per un esploratore. Inoltre, Livingstone viaggiava leggero. Ha portato con sé pochi servi o aiuto e ha barattato lungo la strada. Inoltre non predicava la sua missione a coloro che erano riluttanti ad ascoltarla.

Un punto di svolta avvenne nel 1849 quando gli fu assegnato un premio dalla British Royal Geographical Society per la sua scoperta del lago Ngami. Con il sostegno e il finanziamento della società, Livingstone sarebbe stato in grado di intraprendere avventure più drammatiche e nel 1853 dichiarò che 'aprirò una strada verso l'interno o morirò'.



Partì dallo Zambesi l'11 novembre 1853 e nel maggio dell'anno successivo mantenne il suo voto e raggiunse la costa occidentale a Luanda.

Livingstone Africa

Flickr CommonsLivingstone ha catturato l'immaginazione del pubblico raccontando pubblicamente i suoi viaggi.

Nei tre anni successivi, Livingstone ha collezionato più risultati. Ha scoperto le Cascate Vittoria nel novembre del 1855 per le quali le ha chiamate in onore del monarca regnante d'Inghilterra. Quando tornò in Inghilterra nel 1856, era un eroe nazionale festeggiato in tutto il paese e folle di fan accorrevano a lui per le strade. Le sue avventure in Africa, tuttavia, erano tutt'altro che finite.

Livingstone esplora le origini del Nilo

Le origini del Nilo erano state un mistero sin dai tempi antichi. Lo storico greco Erodoto lanciò le prime spedizioni documentate per trovare la sorgente del fiume nel 461 a.C., ma quasi duemila anni dopo, non era ancora stata trovata. Eppure David Livingstone si convinse che sarebbe stato lui a risolvere il mistero duraturo.

Livingstone Journal Tibes

Le descrizioni di Livingstone delle persone che ha incontrato in Africa hanno affascinato il pubblico britannico.

Nel gennaio del 1866, con il sostegno della Royal Geographic Society e di altre istituzioni britanniche, David Livingstone partì con un piccolo gruppo di Mikindani sulla costa orientale dell'Africa.

Il viaggio fu denso di drammi fin dall'inizio e, quando un gruppo di suoi seguaci tornò improvvisamente e dichiarò di essere stato ucciso, sembrò che anche lui avesse fallito in questo compito insormontabile. Livingstone era molto vivo, tuttavia, i suoi seguaci avevano inventato la storia per paura di essere puniti per averlo abbandonato. Era gravemente malato e uno dei disertori era scappato con le sue scorte mediche, ma non aveva abbandonato la sua ricerca.

Dall'altra parte dell'oceano, un altro uomo aveva intrapreso una sua missione. Henry Morton Stanley , un giornalista per il New York Herald , era stato incaricato dai suoi redattori di trovare l'esploratore britannico, che a quel punto aveva la reputazione internazionale di una superstar moderna, o di 'riportare tutte le possibili prove della sua morte'.

Henry Morgan Stanley

Wikimedia CommonsIl giornalista Henry Morgan Stanley ha avuto un'avventura tutta sua all'inseguimento di Livingstone.

Stanley partì da Zanzibar nel marzo del 1871 a quel punto Livingstone era scomparso da quasi sette anni.

In un viaggio impressionante da solo, nei successivi sette mesi, Stanley ha anche combattuto la malattia e l'abbandono del suo gruppo. Come la sua preda, tuttavia, Stanley era determinato a portare a termine la sua missione, dichiarando “dovunque sia [David Livingstone], assicurati che non rinuncerò alla caccia. Se vivo, ascolterai quello che ha da dire. Se morto, lo troverò e ti porterò le sue ossa. '

Nel 1871 Livingstone si era recato in Africa più a ovest di quanto qualsiasi europeo avesse mai fatto. Ma era, per sua stessa ammissione, 'ridotto a uno scheletro' e gravemente malato di dissenteria. Quando raggiunse la città di Ujiji sul lago Tanganica nell'ottobre 1871, stava deperendo e cominciando a perdere la speranza. Poi, un mese dopo, proprio quando le cose sembravano essere più terribili, accadde un incidente straordinario. Un giorno per le strade di Ujiji, vide una bandiera americana sventolare sopra la carovana di un 'viaggiatore di lusso ... e non uno alla fine come me'.

Con sorpresa dell'esploratore, lo straniero della carovana gli si avvicinò a grandi passi, gli tese la mano e, come se fossero stati presentati in un teatro di Londra, piuttosto un villaggio remoto negli angoli più remoti dell'Africa, chiese educatamente, 'Dr. Livingstone, presumo? '

L'eredità e la morte di David Livingstone

Stanley aveva portato a David Livingstone le provviste di cui aveva così disperatamente bisogno, lo stesso scozzese dichiarò 'Mi hai portato una nuova vita'. Quando il giornalista tornò a casa e pubblicò il suo racconto dell'incontro e l'unica frase che forse è diventata più famosa dello stesso medico, cementò l'eredità dell'esploratore.

Sebbene Stanley abbia implorato Livingstone di tornare con lui, Livingstone ha rifiutato. Due anni dopo, nel maggio del 1873, fu trovato morto nello Zambia settentrionale, ancora alla ricerca della sua ricerca per trovare la sorgente del Nilo. Il suo cuore è stato rimosso e sepolto nel suolo africano. Il suo corpo fu restituito in Inghilterra dove fu sepolto nell'Abbazia di Westminster nel 1874.

Livingstone presumo

L'incontro di Livingstone e Stanley è stato immortalato dopo che il giornalista ha raccontato la sua famosa frase “Dr. Livingstone, presumo. '

Sebbene David Livingstone fosse una celebrità enorme ai suoi tempi e una volta considerato un eroe nazionale, la sua eredità oggi è un po 'più complicata. Per quanto notevoli fossero le sue scoperte, i suoi racconti delle sue avventure in Africa suscitarono l'interesse per il continente e innescarono la 'corsa per l'Africa'.

Sebbene questo non fosse certo l'intento di Livingstone e morì prima ancora che il peggio fosse iniziato, la colonizzazione dell'Africa da parte di varie potenze europee ebbe conseguenze devastanti per gli abitanti che si svolgono ancora oggi.


Dopo questo sguardo a David Livingstone, leggi le sfortunate conseguenze delle esplorazioni di Livingstone con la storia del genocidio in Africa orientale e del Belgio coloniale Re Leopoldo .