Il declino dell'Impero Ottomano, 1566-1807

Problemi interni

Il regno di Salomone I il Magnifico segnò l'apice della grandezza ottomana, ma segni di debolezza segnarono l'inizio di un lento ma costante declino. Un fattore importante nel declino fu la crescente mancanza di capacità e potere degli stessi sultani. Süleyman stanco delle campagne e arduo doveri di amministrazione e si ritirò sempre più dagli affari pubblici per dedicarsi ai piaceri del suo harem. Per prenderne il posto, fu eretto l'ufficio di gran visir, secondo solo al sultano per autorità e rendita; l'autorità del gran visir comprendeva il diritto di esigere ed ottenere obbedienza assoluta. Ma, mentre il gran visir era in grado di sostituire il sultano nelle funzioni ufficiali, non poteva prendere il suo posto come centro di lealtà per tutte le diverse classi e gruppi nel impero . La conseguente separazione tra lealtà politica e autorità centrale ha portato a un declino della capacità del governo di imporre la propria volontà.

Il trionfo del spoliazione

La metà del XVI secolo vide anche il trionfo del spoliazione sulla nobiltà turca, che perse quasi tutto il suo potere e posizione nella capitale e tornò ai suoi antichi centri di potere nell'Europa sudorientale e in Anatolia. Di conseguenza, molti dei timar s precedentemente assegnato ai notabili per sostenere il sipahi la cavalleria fu catturata dal spoliazione e si trasformarono in grandi patrimoni - divenendo, a tutti gli effetti, proprietà privata - privando così lo Stato dei loro servizi e delle entrate che avrebbero potuto produrre se fossero stati trasformati in fattorie fiscali. Mentre il sipahi s non scomparve del tutto come forza militare, i giannizzeri e il relativo corpo di artiglieria divennero i segmenti più importanti dell'esercito ottomano.



Corruzione e nepotismo

Perché i sultani non potevano più controllare la spoliazione contrapponendolo ai notabili turchi, il spoliazione ottenne il controllo dei sultani e usò il governo a proprio vantaggio piuttosto che a beneficio di un sultano o del suo impero. Di conseguenza, la corruzione e il nepotismo presero piede a tutti i livelli dell'amministrazione. Inoltre, con la sfida dei notabili andata, il spoliazione La classe stessa si divise in innumerevoli fazioni e partiti, ognuno dei quali lavorava a proprio vantaggio sostenendo la candidatura di un particolare principe imperiale e formando strette alleanze con le corrispondenti fazioni di palazzo guidate dalle madri, sorelle e mogli di ciascun principe. Dopo Süleyman, quindi, le adesioni e le nomine agli incarichi sono avvenute non tanto per capacità quanto per conseguenza delle manovre politiche del spoliazione -partiti politici dell'harem. Coloro che erano al potere trovarono più conveniente controllare i principi mantenendoli ignoranti e inesperti, e l'antica tradizione con cui i giovani principi venivano educati sul campo fu sostituita da un sistema in cui tutti i principi erano isolati negli appartamenti privati ​​dell'harem e limitato all'istruzione che i suoi abitanti permanenti potrebbero fornire. Di conseguenza, pochi dei sultani dopo Süleyman ebbero la capacità di esercitare un potere reale, anche quando le circostanze avrebbero potuto dar loro l'opportunità. Ma la mancanza di capacità non ha influito sul desiderio di potere dei sultani; non avendo i mezzi sviluppati dai loro predecessori per raggiungere tale scopo, ne svilupparono di nuovi. Selim II (governato 1566-1574; noto come il Sot o la bionda) e Murad III (1574–95) entrambi guadagnarono il potere mettendo da parte le diverse fazioni e indebolendo la carica di gran visir, il principale veicolo amministrativo per l'influenza di fazioni e di partito nel declino dello stato ottomano. Quando i gran visir persero la loro posizione dominante in seguito alla caduta di Mehmed Sokollu (servito nel 1565-1579), il potere cadde prima nelle mani delle donne dell'harem, durante il Sultanato delle donne (1570-1578), e poi nel presa del capo Giannizzero ufficiali, gli aga s, che dominarono dal 1578 al 1625. Indipendentemente da chi controllasse l'apparato di governo in quel periodo, tuttavia, i risultati furono gli stessi: una crescente paralisi dell'amministrazione in tutto l'impero, anarchia e malgoverno, e la frattura della società in discreti e sempre più ostili comunità .



Difficoltà economiche

In tali condizioni era inevitabile che il governo ottomano non potesse affrontare i problemi sempre più difficili che affliggevano l'impero nei secoli XVI e XVII. Le difficoltà economiche iniziarono alla fine del XVI secolo, quando gli olandesi e gli inglesi chiusero completamente le vecchie rotte commerciali internazionali attraverso il Medio Oriente. Di conseguenza, la prosperità delle province mediorientali diminuì. L'economia ottomana fu sconvolta da inflazione , causato dall'afflusso di prezioso metalli in Europa dalle Americhe e da un crescente squilibrio commerciale tra Oriente e Occidente. Poiché il Tesoro ha perso più delle sue entrate a causa dei depredamenti del spoliazione , iniziò ad adempiere ai suoi obblighi abbassando la moneta, aumentando drasticamente le tasse e ricorrendo a confische, il che non fece che peggiorare la situazione. Tutti coloro che dipendevano dagli stipendi si sono trovati sottopagati, con conseguenti ulteriori furti, tasse eccessive e corruzione. I titolari del timar s e tax farm hanno iniziato a utilizzarli come fonti di reddito da sfruttare il più rapidamente possibile, piuttosto che come aziende a lungo termine la cui prosperità doveva essere mantenuta per provvedere al futuro. L'influenza politica e la corruzione hanno anche permesso loro di trasformare quei possedimenti in proprietà privata, sia come beni vitali ( malikâne ) o doni religiosi ( vakif ), senza ulteriori obblighi nei confronti dello Stato.

L'inflazione ha anche indebolito le industrie ei commerci tradizionali. Funzionando secondo rigide regole sui prezzi, le corporazioni non erano in grado di fornire beni di qualità a prezzi abbastanza bassi da competere con i manufatti europei a basso costo che entrarono nell'impero senza restrizioni a causa degli accordi delle capitolazioni. Di conseguenza, l'industria tradizionale ottomana cadde in un rapido declino. I sudditi cristiani si unirono a diplomatici e mercanti stranieri, che furono protetti dalle Capitolazioni, in gran parte per guidare il sultano musulmano e ebreo sudditi fuori dall'industria e dal commercio e nella povertà e nella disperazione.



disordini sociali

Quelle condizioni erano esasperato da una forte crescita della popolazione durante il XVI e il XVII secolo, parte dell'aumento generale della popolazione che si verificò in gran parte dell'Europa a quel tempo. La quantità di sussistenza disponibile non solo non è riuscita ad espandersi per soddisfare i bisogni della popolazione in aumento, ma di fatto è diminuita a causa delle condizioni politiche ed economiche anarchiche. Il disagio sociale è aumentato e il disordine è risultato. I contadini senza terra e senza lavoro fuggirono dalla terra, così come i coltivatori sottoposti a tassazione confiscatoria per mano di timariota s e tassare gli agricoltori, riducendo così ancora di più le scorte di cibo. Molti contadini fuggirono nelle città, esacerbando la scarsità di cibo, e ha reagito contro i loro problemi sollevandosi contro l'ordine stabilito. Molti altri rimasero nelle campagne e si unirono alle bande ribelli, note come vita s e Jelālīs (Celâlis) —quest'ultimo fomentando quelle che divennero note come le Rivolte Jelāl —che presero ciò che potevano da coloro che rimasero a coltivare e commercio.

Il governo centrale si indebolì e, man mano che più contadini si univano alle bande ribelli, furono in grado di conquistare gran parte dell'impero, tenendo per sé tutte le rimanenti entrate fiscali e spesso tagliando le normali forniture di cibo alle città e agli eserciti ottomani ancora di guardia le frontiere. In tali condizioni gli eserciti si sciolsero, con la maggior parte delle posizioni stipendiate nel giannizzero e in altri corpi che diventarono nient'altro che nuove fonti di reddito, senza che i loro detentori svolgessero in cambio alcun servizio militare. Così, gli eserciti ottomani furono composti principalmente da combattimenti contingenti forniti dai vassalli del sultano, in particolare dai khan tartari di Crimea, insieme a tutta la plebaglia che poteva essere trascinata dalle strade delle città quando richiesto dalle campagne. L'esercito ottomano rimase ancora abbastanza forte da frenare le rivolte provinciali più pressanti, ma le rivolte proliferarono durante i secoli di declino, rendendo quasi impossibile un'amministrazione efficace al di fuori delle principali città ancora sotto il controllo del governo. Per molti versi il sostrato della società ottomana, formato dal nazione s e varie corporazioni economiche, sociali e religiose e sostenute dall'organizzazione degli ulema ottomani, hanno protetto la massa del popolo e la stessa classe dirigente dagli effetti peggiori di quella disintegrazione multiforme e hanno permesso all'impero di sopravvivere molto più a lungo di quanto altrimenti non sarebbe sono stati possibili.