Devastanti guerre civili che fanno sembrare minuscola l'America

L'America e la Gran Bretagna hanno aiutato la Russia a mangiare da sola

Corpi

Il tenente William C Jones, Corpo dei servizi ferroviari russi tramite Wikimedia CommonsBolscevichi uccisi dai legionari cecoslovacchi a Nikolsk-Ussuriysky, 1918.

Ancora nel 1863, il presidente Lincoln era preoccupato per la possibilità di un intervento britannico nella guerra civile. Il primo ministro britannico, Lord Palmerston, sostenne apertamente la Confederazione, e l'Impero britannico fu messo fuori combattimento dal blocco dell'Unione e dalla conseguente carenza di cotone per i mulini britannici. Quasi fino a Gettysburg, c'era il rischio reale che gli inglesi potessero intercedere come forza di 'mantenimento della pace', bloccare le ostilità e dividere definitivamente gli Stati Uniti.



Una tale mossa sarebbe stata catastrofica per l'America. Invece di una vittoria finale, in cui una Confederazione completamente sconfitta ha smesso di combattere e si è unita all'Unione, l'intervento straniero avrebbe potuto prolungare la guerra sostenendo artificialmente la ribellione. La guerra potrebbe non essere mai finita in quelle condizioni.



Questo è stato quasi il caso della guerra civile russa, che ha visto le truppe britanniche e americane invadere il paese per sostenere il governo e schiacciare la rivoluzione bolscevica nella sua culla.

Esercito volontario

Lodewijk Hermen Grondijs / Wikimedia CommonsMembri dell'esercito volontario anti-bolscevico nel sud della Russia, gennaio 1918.



La Russia ha attraversato non solo una, ma due rivoluzioni nel 1917. La prima è stata una rivolta socialista moderata in febbraio che ha installato Alexander Kerensky come capo di stato. Nel novembre di quell'anno, il suo governo fu deposto dalla fazione bolscevica di Vladimir Lenin, che promise di porre immediatamente fine al coinvolgimento della Russia nella prima guerra mondiale sempre più impopolare, che Kerensky aveva promesso di continuare.

I bolscevichi presero il potere e si mossero immediatamente per la pace con la Germania. Prima che l'inchiostro si asciugasse su quel trattato, tuttavia, Lenin stava combattendo su più fronti contro l'esercito 'bianco' di Kerensky - composto da monarchici, conservatori e moderati - che stava conquistando il territorio del sud e chiedendo sostegno straniero per reprimere il comunista di Lenin. 'Rossi'.

Discorso

OFF / AFP / Getty ImagesUn propagandista tiene un discorso ai soldati dell'Armata Rossa, giugno 1920.



Di fronte al crollo delle forze alleate sul fronte orientale della prima guerra mondiale, e temendo la diffusione del comunismo al proprio popolo, dieci paesi sono precipitati nella guerra civile russa per conto dei bianchi, compresi gli Stati Uniti e la Gran Bretagna.

L'intervento occidentale nella guerra civile russa è stato dappertutto fin dall'inizio.

Nell'agosto 1917, il ministro della difesa di Kerensky, Lavr Kornilov, selezionato con cura, cercò di deporlo con un colpo di stato. Era supportato da uno squadrone di blindati britannici, in divisa russa, comandato dall'addetto militare britannico, il generale Alfred Knox. Il tentativo fallì e, dopo la presa di potere di Lenin, gli inglesi si convertirono a convincere i loro alleati a invadere direttamente.



Nell'estate del 1918, più di 13.000 soldati americani invasero la Russia - 8.000 che sbarcarono a Vladivostok e gli altri 5.000 dall'altra parte del paese ad Arkhangelsk - per assicurarsi rifornimenti e rotte di trasporto. A loro si unirono 70.000 truppe giapponesi che invasero la Siberia per stabilire uno stato cuscinetto e una forza anglo-canadese che attaccò gli stati baltici.

In marcia

Wikimedia CommonsLe truppe americane sfilano a Vladivostok mentre i marines giapponesi guardano, agosto 1918.



qual è il secondo nome di Adolf Hitler?

Queste truppe internazionali si unirono alle forze bianche in quasi quattro anni di combattimenti in tutta la Russia, accompagnati da carestie e malattie, che avrebbero causato quasi 10 milioni di vittime, la maggior parte civili. Alla fine, tutti i partecipanti stranieri furono espulsi e i bianchi controrivoluzionari uccisi o esiliati dai comunisti trionfanti (sebbene gli ultimi resistenti siberiani offrissero resistenza fino al 1934).

Il ruolo americano nel prolungare la guerra è stata una delle ragioni principali per cui l'Unione Sovietica - formata nel 1922, alla fine della guerra - non si è mai più fidata degli Stati Uniti e il fallimento dell'America nel chiedere scusa o nel pagare le riparazioni per l'attacco ha esacerbato le tensioni durante la Guerra Fredda.