Elizabeth Van Lew - L'improbabile donna che ha avviato un anello di spionaggio dell'Unione

Come Elizabeth Van Lew, una donna nata da ricchi schiavisti della Virginia, divenne una delle spie più importanti dell'Unione.

Elizabeth Van Lew

Wikimedia CommonsElizabeth Van Lew

Le spie hanno svolto un ruolo cruciale su entrambi i lati del conflitto durante la guerra civile americana. E poiché tutte le persone coinvolte erano americane, è stato più facile di quanto non sarebbe stato durante un impegno straniero piantare con successo spie che fossero in grado di fondersi con la gente del posto e trasmettere informazioni importanti ai loro comandanti.



Per dissipare ulteriormente i sospetti, questi agenti in incognito potrebbero talvolta presentarsi in forme inaspettate. Essere una donna, ad esempio, potrebbe spesso essere un grande vantaggio per una spia in tempo di guerra. Le donne erano semplicemente viste con meno sospetto e gli uomini sarebbero stati meno cauti con ciò che veniva detto in loro presenza.



Forse la più famosa di queste spie femminili della guerra civile, Bellissimo Boyd ha usato il suo fascino femminile nella misura massima mentre fungeva da spia per la Confederazione.

Bellissimo Boyd

Wikimedia CommonsBellissimo Boyd



Questa figlia debuttante di un proprietario di schiavi, conosciuta come la 'Sirena di Shenandoah', viveva a Martinsburg, Virginia, occupata dall'Unione e flirtava spudoratamente con i soldati occupanti per estrarre informazioni e contrabbandare armi ai generali confederati di stanza nelle vicinanze.

E altrettanto affascinante della storia di Boyd è quella di una delle sue controparti dell'Unione più famose: Elizabeth Van Lew.

I primi anni di vita di Elizabeth Van Lew

Come Boyd, Elizabeth Van Lew (nata il 12 ottobre 1818) era la figlia di un ricco schiavista della Virginia. Tuttavia, invece di frequentare una scuola di finitura di lusso come aveva fatto Boyd, Van Lew è stata educata secondo i desideri della sua famiglia a Scuola quacchera a Philadelphia, che l'ha introdotta a idee ferocemente abolizioniste. Quando suo padre morì nel 1843, Van Lew liberò prontamente tutti gli schiavi che aveva ereditato, quindi usò il resto dei $ 10.000 che le erano stati lasciati per acquistare e liberare i loro familiari.



quali paesi sono nelle Indie Occidentali

Ma le idee di Elizabeth Van Lew erano generalmente sgradite nella sua città natale di Richmond, che servì come capitale confederata per la maggior parte della guerra civile.

Sebbene Van Lew cercasse di evitare i sospetti e si definisse semplicemente 'una brava meridionale che si opponeva alla schiavitù', molti locali non si fidavano di lei, in particolare dopo che lei e sua madre si rifiutarono di unirsi alle altre ricche signore di Richmond nel confezionare vestiti per i soldati confederati .

Ben presto, la resistenza di Elizabeth Van Lew alla Confederazione passò da una varietà più passiva a una attiva.



La vita come una spia dell'Unione

Prigione di Libby

Wikimedia CommonsElizabeth Van Lew contrabbandava messaggi di soldati dell'Unione tenuti a Richmond, in Virginia, nella prigione di Libby (qui raffigurata nel 1865).

Elizabeth Van Lew fece la sua prima incursione nel mondo delle spie della Guerra Civile quando iniziò a visitare i soldati dell'Unione nella prigione di Libby di Richmond intorno al 1862. Con il pretesto di portare loro coperte e libri, avrebbe nascosto informazioni che i prigionieri avevano sentito dai loro rapitori e inviarlo ai generali dell'Unione utilizzando un codice cifrato che lei stessa aveva inventato.



Mentre la guerra continuava e tutti diventavano sempre più sospettosi, Van Lew decise di abbracciare pienamente il soprannome che le era stato dato molto tempo prima: 'Crazy Bet'. Borbottando intenzionalmente a se stessa per le strade e apparendo costantemente scarmigliata, Van Lew appariva al resto di una semplice zitella pazza che nutriva alcune idee stravaganti sulla schiavitù.

Questo stratagemma ha aiutato a sviare i sospetti da Van Lew come lei ha aiutato i prigionieri dell'Unione scappare da sotto il naso dei Confederati. Avrebbe usato i suoi contatti come residente di lunga data e ricco della zona per ottenere simpatizzanti dell'Unione nominati allo staff della prigione. Questi membri dello staff avrebbero aiutato a liberare i prigionieri mentre Van Lew forniva informazioni sulle case sicure e usava persino la sua villa per nascondere alcuni fuggitivi.

Costantinopoli cadde infine nel 1453 sotto il

Inoltre, Van Lew usava spesso i suoi domestici neri per raccogliere informazioni nella capitale confederata.

Indossando scarpe con minuscoli spazi di stoccaggio nascosti nelle suole o trasportando una cassa contenente uova scavate per nascondere le note, questi servi scrivevano e poi trasmettevano le informazioni ascoltate per caso all'interno degli edifici confederati all'Unione mentre sembravano svolgere i loro normali affari.

Uno dei servi che Van Lew ha reclutato nel suo anello di spie era l'ex schiavo di suo padre Mary Bowser , che aveva liberato ereditando. Van Lew riuscì persino a ottenere un posto a Bowser nella casa di Jefferson Davis, lo stesso presidente della Confederazione.

Supponendo che Bowser fosse analfabeta come molti altri neri del sud, Davis ei suoi soci lasciarono con noncuranza documenti contenenti informazioni importanti in bella vista quando lei era nei paraggi. Non sapevano che la Bowser istruita avrebbe riferito i dettagli di ciò che aveva visto al resto del gruppo di spie di Van Lew, che a sua volta lo passò all'esercito dell'Unione.

Quando l'esercito dell'Unione stava invadendo Richmond nel 1865, l'anello di spionaggio di Van Lew era tenuto in così alta considerazione che lei comunicava regolarmente con lo stesso generale dell'Unione Ulysses S. Grant.

E mentre le truppe di Grant conquistarono la città in aprile, Elizabeth Van Lew finalmente (e letteralmente) rivelò i suoi veri colori quando alzò una bandiera americana sulla sua casa. Riuscì persino a disperdere la folla inferocita che si era radunata in risposta gridando: “Il generale Grant sarà qui in città tra un'ora. Fai una cosa a casa mia e tutta la tua verrà bruciata prima di mezzogiorno! '

Quando il grato generale arrivò, si fermò per un tè con la felice amante della spia, che lui avrebbe detto più tardi , 'Mi hai inviato le informazioni più preziose ricevute da Richmond durante la guerra.'

In effetti, senza Elizabeth Van Lew, gli sforzi dell'Unione in Virginia e il corso della guerra civile stessa avrebbero potuto benissimo svolgersi in modo leggermente diverso.


Dopo questo sguardo a Elizabeth Van Lew, continua a leggere le spie più famose della storia . Quindi, vedi alcuni di le fotografie più potenti scattate durante la Guerra Civile .