Il primo fiore cresciuto nello spazio è un altro punto di riferimento nell'esplorazione spaziale

Dopo alcuni piccoli contrattempi e problemi di muffa, l'astronauta Scott Kelly ha annunciato che il primo fiore è sbocciato nello spazio.

Primo fiore spaziale

Il primo fiore a sbocciare nello spazio è stato un fiore di zinnia.

Lo spazio è diventato un po 'più colorato durante il fine settimana quando un fiore è sbocciato sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS). L'astronauta statunitense Scott Kelly ha dato la notizia su Twitter, condividendo la foto sopra di una pianta di zinnia a bordo della ISS:



Le zinnie sono la seconda pianta ad essere testata nel laboratorio ISS Veggie e sono state scelte per testare il modo in cui le piante fioriscono in un ambiente a bassa gravità. Come la lattuga coltivata prima, le zinnie sono commestibili. Mentre fiorivano ora, gli astronauti non erano sicuri che ce l'avrebbero fatta: le domande sulla vitalità delle piante di zinnia sono emerse a dicembre dopo che Kelly aveva twittato una foto di muffa che cresceva sulle foglie della zinnia.



La NASA ha spento un post sul blog spiegando perché, anche se lo stampo sembrava un fallimento, è stata un'opportunità di successo per gli scienziati per capire come le piante crescono nell'ambiente duro e eone dello spazio.

qual è la bandiera del canada?

'Anche se le piante non sono cresciute perfettamente', ha detto al blog della NASA il capo del team scientifico vegetariano, la dott.ssa Gioia Massa, 'penso che abbiamo guadagnato molto da questo e stiamo imparando sia di più su piante e fluidi che su come operare meglio tra terra e stazione. Indipendentemente dal risultato finale della fioritura, avremo guadagnato molto '.

quanti elettroni hanno gli alogeni nel loro guscio esterno?

La pianta è più sensibile al suo ambiente e alle condizioni di luce rispetto alla lattuga e impiega più tempo per crescere. Far fiorire la zinnia, ha detto il project manager di Veggie Trent Smith, è un precursore della coltivazione delle piante di pomodoro. Oltre all'ovvio potenziale alimentare delle piante commestibili, i fiori offrono anche benefici psicologici.



'Nelle missioni future, l'importanza delle piante aumenterà probabilmente data la connessione limitata degli equipaggi alla Terra', ha detto al blog della NASA Alexandra Whitmire, una scienziata della sezione Behavioral Health and Performance del NASA Human Research Program. 'Studi da altri ambienti isolati e confinati, come le stazioni antartiche, dimostrano l'importanza delle piante in confinamento e quanto il cibo fresco diventa psicologicamente più importante quando ci sono pochi stimoli in giro'.