Cinque fatti sul controllo delle armi Entrambi i lati devono smetterla di sbagliare

Da chi sta sostenendo il dibattito a chi sta effettivamente approfittando delle sparatorie di massa, questi sono i cinque che fanno riflettere controllo delle armi fatti tutti e due le parti devono smetterla di sbagliare se le cose stanno per migliorare.

Fatti sul controllo delle armi

È difficile conoscere i fatti sul controllo delle armi e c'è un motivo.



Nel dicembre del 2012, Adam Lanza, armato di una pistola Sig Sauer da 9 mm, una pistola Glock da 10 mm e un fucile Bushmaster AR-15, ha spalancato la porta della Sandy Hook Elementary a Newtown, nel Connecticut. Nei dieci minuti successivi, ha ucciso 20 bambini e sei docenti adulti prima di puntare la pistola su se stesso.



Tre anni dopo, la coppia radicalizzata Syed Farook e Tashfeen Malik entrò nell'Inland Regional Center (un'organizzazione senza scopo di lucro che fornisce servizi per i disabili) a San Bernardino, in California, e uccise 14 colleghi di Farook. La coppia era anche armata con lo stesso fucile Bushmaster AR-15.

E tre anni dopo, Nikolas Cruz ne uccise 17 in una sparatoria di massa alla Marjory Stoneman Douglas High School, ancora una volta con un AR-15.



Con recenti sparatorie come queste - e molte altre - il dibattito sul controllo delle armi ha, comprensibilmente, raggiunto il culmine.

Gun Control Obama

Il blog della Casa Bianca'Non dovremmo mai pensare che questo sia solo qualcosa che accade nel corso ordinario degli eventi, perché non accade con la stessa frequenza in altri paesi', ha detto il presidente Barack Obama.

Articoli di notizie, discorsi di politici, post di Facebook dei tuoi amici e sermoni del tuo vicino sono tutti pieni di statistiche e citazioni che sembrano supportare qualsiasi opinione venga espressa.



perché l'impero ottomano è crollato?

La verità è che una parte schiacciante dei 'fatti' sul controllo delle armi sono fuorvianti. Separiamo il grano dalla pula e diamo uno sguardo a cinque fatti centrali nel dibattito sul controllo delle armi che entrambe le parti devono accettare.

Fatti sul controllo delle armi: ci sono Un sacco Di Soldi In Gioco

Milioni vengono spesi ogni anno per lobbying sulle armi e il mercato delle armi è invaso da più soldi dopo ogni sparatoria di massa.

Gunshop di controllo delle armi

Reuters



Sondaggi recenti lascia pochi dubbi sul fatto che un sorprendente 90% di tutti gli americani sostenga, per lo meno, controlli obbligatori dei precedenti prima che un'arma possa essere acquistata. Allora perché non è stato fatto di più per colmare le lacune nel sistema di controllo dei precedenti?

La risposta è il denaro.



Tra il 1998 e il 2017, il sostegno politico alle armi è valso la pena $ 203 milioni alla National Rifle Association.

Nonostante quello che alcuni potrebbero pensare, questi soldi non finiscono esclusivamente nelle tasche dei repubblicani: l'NRA andrà a letto con la maggior parte dei candidati, aziende o responsabili politici che sosterranno la loro agenda.

Se continui a seguire i soldi, non sarai affatto sorpreso di apprendere che le pistole lo sono grande attività commerciale. Le entrate annuali dell'industria produttrice di armi e munizioni negli Stati Uniti sono circa $ 13,5 miliardi e, in modo agghiacciante, le entrate tendono a salire subito dopo le sparatorie di massa.

Dopo la sparatoria a Sandy Hook, le vendite sono aumentate e le armi da fuoco hanno avuto il loro anno migliore nella storia. Fucili d'assalto ad alta potenza, come quello preferito da Adam Lanza, volarono via dagli scaffali.

Nei cinque mesi successivi alla sparatoria a Sandy Hook del dicembre 2012, negli Stati Uniti sono stati acquistati circa tre milioni di pistole in più del solito, secondo Scienza e l'aumento potrebbe aver provocato altre 60 morti accidentali.

dove si trova mona lisa oggi?

Allo stesso modo, dopo la sparatoria a San Bernardino, il produttore di armi Smith & Wesson ha visto aumento delle scorte del 17% in meno di una settimana.

Il picco nelle vendite di armi dopo le sparatorie di massa è generalmente attribuito al timore tra i consumatori che le restrizioni sulle armi si irrigidiscano a causa della violenza, rendendo più difficile ottenere armi per protezione.

Questi numeri puntano i riflettori su uno dei fatti più incontrovertibili sul controllo delle armi: con cifre così grandi coinvolte, la volontà del pubblico è solo una piccola parte della legislazione sulla politica di controllo delle armi.