Franz Jägerstätter ha scelto la ghigliottina per la fedeltà a Hitler

Ordinato di unirsi alle forze armate tedesche e diventare complice dei mali del regime nazista, Franz Jägerstätter scelse invece di rifiutare e pagò il prezzo più alto.

Franz Jägerstätter

Wikimedia CommonsFranz Jägerstätter

'Né la prigione né le catene né la condanna a morte possono derubare un uomo della Fede e del suo libero arbitrio', scrisse una volta Franz Jägerstätter. E mentre alla fine ha sopportato la prigione, le catene e la morte, non ha mai perso il suo libero arbitrio.



Il contadino austriaco e sant'uomo Franz Jägerstätter, oggetto del 2019 Una vita nascosta , ha visto i mali del regime nazista sia prima che durante la seconda guerra mondiale. Ma ha fatto qualcosa che relativamente pochi hanno avuto il coraggio di fare: resistere.



Più volte, ha rifiutato di giurare fedeltà a Hitler e unirsi alle forze armate tedesche, insistendo invece sul fatto che la sua fede cattolica e il suo codice morale personale non gli avrebbero permesso di partecipare a tali mali.

Anche se minacciato di morte, rimase fermo. E quando alla fine è arrivata quella morte, Franz Jägerstätter ha cementato un'eredità che rimane stimolante fino ad oggi.



Chi era Franz Jägerstätter?

Franz Jägerstätter all

Styria Verlag / Denver CatholicFoto non datata di Franz Jägerstätter

Franz Jägerstätter nacque nel piccolo villaggio di St. Radegund, in Austria nel 1907. Figlio illegittimo di Rosalia Huber, una domestica, e Franz Bachmeier, un contadino, fu inizialmente allevato dalla nonna, Elisabeth Huber, che era una devota donna. Sua madre sposò Heinrich Jägerstätter, un contadino di un villaggio vicino, nel 1917 e poco dopo adottò il ragazzo.

Il giovane Franz Jägerstätter aveva la reputazione di essere un po 'selvaggio, rafforzato dal fatto di aver avuto una figlia, Hildegard Auer, fuori dal matrimonio nel 1933. Il leader di una banda di motociclisti locale, lui è stato arrestato con altri membri nel 1934 per una rissa di strada.



Ma il giovedì santo del 1936 sposò Franziska Schwaninger, una donna cristiana estremamente devota. Questo matrimonio si è rivelato un punto di svolta nella vita di Jägerstätter quando ha iniziato a farsi strada come contadino e minatore.

I due iniziarono a pregare insieme e Jägerstätter iniziò a studiare la Bibbia, interessandosi particolarmente alla vita dei santi. Jägerstätter in seguito scrisse che la Bibbia divenne la guida della coppia per la vita di tutti i giorni, dicendo 'Ci siamo aiutati a vicenda ad andare avanti nella fede'.

Franz Jägerstätter ha resistito al nazismo dall'inizio

Franz Jägerstätter con sua moglie

Styria Verlag / Denver CatholicFranz Jägerstätter e sua moglie Franziska posano per la loro fotografia ufficiale di matrimonio nella primavera del 1936.



Alla prima notizia, Franz Jägerstätter ha immediatamente respinto connessione , l'annessione nazista dell'Austria nel marzo 1938. Senza alcun desiderio di entrare a far parte della burocrazia nazista in alcun modo, rifiutò la posizione di sindaco di St. Radegund che gli era stata offerta più tardi quel mese.

Inoltre, era l'unica persona nel villaggio a parlare contro connessione quando la sua città ha votato sulla questione in aprile. Tuttavia, le autorità della città hanno soppresso il suo voto e hanno annunciato l'approvazione 'unanime' della questione.



Nonostante la sua resistenza, Jägerstätter è stato arruolato nel Wehrmacht nel giugno 1940 e si è formato per alcuni mesi, ma presto ha ricevuto un rinvio. È stato arruolato di nuovo in ottobre, momento in cui ha completato la sua formazione.

Nel frattempo, nel dicembre 1940, entra a far parte del Terz'Ordine di San Francesco e lavora nella locale chiesa parrocchiale. Poi ha ricevuto un altro differimento nell'aprile 1941 in virtù di un'esenzione per gli agricoltori che lavorano.

A quel tempo, Jägerstätter iniziò solo ad esaminare ulteriormente la moralità del nazismo alla luce della soppressione della Chiesa da parte di Hitler e dei rapporti riguardanti il ​​programma di eutanasia nazista noto come Azione T4 .

Questo programma del 1940 ha visto i nazisti eutanasia circa 300.000 persone, vale a dire disabili mentali, compresi i bambini. Franz Jägerstätter non lo sopporterebbe.

Arresto, reclusione e morte

Bambini nel programma Aktion T4

Wikimedia CommonsDiversi bambini disabili costretti a partecipare al programma Aktion T4 dei nazisti che ha ucciso diverse centinaia di migliaia di vittime.

Jägerstätter è stato chiamato di nuovo per il servizio militare nel Wehrmacht il 23 febbraio 1943 e fece rapporto agli ufficiali militari a Enns, in Austria, il 1 ° marzo.

Tuttavia, si rifiutò di prestare giuramento di fedeltà ad Adolf Hitler, affermando le sue obiezioni al servizio militare per motivi morali. Jägerstätter fu immediatamente arrestato e trasportato in una cella di detenzione a Linz, dove rimase fino al 4 maggio 1943, momento in cui fu trasferito alla prigione di Berlino-Tegel in attesa del processo.

Un prete del suo villaggio lo ha visitato mentre era in prigione e ha cercato di convincerlo a servire. Ma non poteva essere convinto. E quando gli giunse la notizia che il prete austriaco Franz Reinisch era stato giustiziato per aver rifiutato di prestare il giuramento di fedeltà di Hitler, Jägerstätter era determinato a tenere altrettanto fermo la sua sfida.

Jägerstätter è stato successivamente processato dalla corte marziale e condannato a morte presso il Corte marziale imperiale nel Berlino-Charlottenburg il 6 luglio 1943.

Secondo un estratto dalla sua udienza alla corte marziale, Jägerstätter ha informato i funzionari militari 'che, a causa delle sue opinioni religiose, ha rifiutato di svolgere il servizio militare con un'arma, che avrebbe agito contro la sua coscienza religiosa se avesse combattuto per lo Stato nazista ... non poteva essere sia un nazista che un cattolico '.

Ha aggiunto “che c'erano alcune cose in cui bisogna ubbidire a Dio più degli uomini; a causa del comandamento 'Amerai il prossimo tuo come te stesso', disse che non poteva combattere con un'arma. Tuttavia, era disposto a servire come paramedico militare '.

Dopo il processo, Jägerstätter è stato trasferito a Prigione di Brandenburg-Görden il 9 agosto 1943 e fu giustiziato dalla ghigliottina più tardi quel pomeriggio. Dopo la guerra, le sue ceneri furono sepolte nel cimitero locale di St. Radegund.

Un'eredità duratura di una vita nascosta

Targa Franz Jägerstätter

Wikimedia CommonsUna targa commemorativa al Museo Franz Jägerstätter di St. Radegund, Austria.

Franz Jägerstätter rimase in gran parte dimenticato per decenni dopo la sua esecuzione alla giovane età di 36 anni. Ma tutto iniziò a cambiare nel 1964 con la pubblicazione della sua biografia, In solitario testimone , pubblicato dal sociologo, pacifista e professore americano Gordon Zahn.

cosa ha fatto la rivoluzione americana?

Nel 1965, l'arcivescovo Thomas Roberts presentò una dichiarazione formale in cui affermava l'eroicità di Jägerstätter. 'Martiri come Jägerstätter non dovrebbero mai sentirsi soli', ha scritto. Sei anni dopo, la televisione austriaca mandò in onda un documentario sulla sua vita intitolato rifiuto ( Il rifiuto ).

Il 7 maggio 1997, la condanna a morte originale di Jägerstätter fu ufficialmente annullata dal Tribunale distrettuale di Berlino , Tribunale distrettuale di Berlino.

Il trailer del film di Terrence Malick del 2019 Una vita nascosta sull'eroismo di Franz Jägerstätter.

La procedura per la beatificazione di Jägerstätter - una dichiarazione cattolica ufficiale che una persona ha vissuto una vita santa e un trampolino di lancio verso la santità - è stata ufficialmente avviata nel 1997 dopo che la Conferenza episcopale austriaca ha votato all'unanimità a sostegno di essa. Il Vaticano ha confermato ufficialmente il martirio di Jägerstätter il 1 giugno 2007, e sua moglie e tre figlie si sono riunite nella cattedrale di Linz il 26 ottobre 2007 per osservare la sua beatificazione ufficiale da parte di Papa Benedetto.

Con quell'alto onore conferitogli, un giorno Jägerstätter potrebbe essere dichiarato un vero santo per la sua sfida ai nazisti. Ma anche al di fuori della Chiesa, la sua eredità è stata celebrata in tutto il mondo.

Durante la sua incarcerazione, Jägerstätter ha scritto una serie di lettere a sua moglie, che sono state pubblicate nel 2009 come Franz Jagerstatter: Lettere e scritti dalla prigione .

Quelle lettere sono state una fonte importante per il film del 2019 Una vita nascosta , scritto e diretto da Terrence Malick e sicuro di portare la straziante storia della vita di Franz Jägerstätter a più persone che mai.


Ora che hai letto la storia ispiratrice di Franz Jägerstätter, leggi la storia di Desmond T. Doss , un obiettore di coscienza americano che si è rifiutato di portare un'arma ma è stato insignito della medaglia d'onore per il suo eroismo durante la seconda guerra mondiale come medico da combattimento. Poi leggi la storia di Irena Sendler , l'assistente sociale polacco che ha salvato la vita a 2.500 bambini ebrei durante l'Olocausto.