Geoffrey Rush

Geoffrey Rush , in toto Geoffrey Roy Rush , (nato il 6 luglio 1951, Toowoomba , Queensland , Australia), film australiano e Teatro attore che schierato i suoi lineamenti rocciosi e il suo spirito astuto hanno un effetto memorabile, in particolare come personaggi malvagi o squilibrati.

in che stato si trovano le isole aleutine

Rush è cresciuto in un sobborgo di Brisbane, nel Queensland, in Australia. Nel 1968 si unì a una compagnia teatrale collegata all'Università del Queensland a Brisbane e si iscrisse all'università l'anno successivo. È stato reclutato dalla Queensland Theatre Company (QTC) nel 1971 e ha debuttato nella loro produzione di Lato sbagliato della luna . Si è laureato in inglese nel 1972 e, dopo un periodo con QTC, si è iscritto a un corso di regia a Londra e a una scuola di mimo a Parigi. Al ritorno in Australia nel 1977, Rush riprese la sua relazione con QTC.



Rush ha fatto il suo debutto cinematografico come detective nel thriller poliziesco ingannevole nel 1981, ma rimase principalmente un attore di teatro per il decennio successivo. È apparso in produzioni di Sogno di una notte di mezza estate (1982, 1983), Dodicesima notte (1984), e re Lear (1988) per Lighthouse (ora chiamato State Theatre Company of South Australia) in Adelaide . Nel 1988 ha girato lo stato di Victoria come Jack Worthing nel Melbourne Produzione della compagnia teatrale di L'importanza di essere seri ; lui ripreso il ruolo per un tour nazionale e un'ulteriore produzione (1990-91, 1992). Rush è stato anche acclamato per le sue esibizioni in Diario di un pazzo (1989), an adattamento di un racconto di Nikolay Gogol messo in scena dal Belvoir Street Theatre, e Oleanna (1993), per il Sydney Compagnia Teatrale.



Rush è arrivato all'attenzione di un pubblico internazionale quando ha interpretato imparato il pianista David Helfgott nel film Brillare (1996), ruolo per il quale ha vinto un riconoscimento accademico per il miglior attore. Rush poi si è trasformato in sfumato interpretazioni dell'ispettore Javert in miserabile (1998) e il maestro di spionaggio Sir Francis Walsingham in Elisabetta (1998); ha ripreso quest'ultimo ruolo nel sequel del 2007. Come direttore di teatro Philip Henslowe in Shakespeare innamorato (1998) e come supercriminale nella parodia uomini del mistero (1999), Rush ha dimostrato le sue abilità comiche, che erano in mostra più sottile nella sua interpretazione birichina del Marchese de Sade nel aculei (2000).

Rush ha attirato ulteriore attenzione per la sua interpretazione esagerata del capitano pirata Hector Barbossa nella serie di successo Pirati dei Caraibi: La Maledizione della Perla Nera (2003), Il petto di un uomo morto (2006), Alla fine del mondo (2007), In maree più strane (2011), e I morti non parlano (2017). Anche Rush ha continuato ad apparire sul palco e nel 2009 ha fatto il suo debutto a Broadway in Esci dal re nel ruolo del monarca morente Berenger I, per il quale ha vinto il Tony Award come miglior attore. L'anno successivo ha ricevuto ulteriori consensi per la sua performance come logopedista che assiste King Giorgio VI d'Inghilterra nel film drammatico Il discorso del re ; Rush ha ottenuto una nomination all'Oscar come miglior attore non protagonista. È stato anche lodato per la sua esibizione relativamente smorzata nel seconda guerra mondiale Dramma Il ladro di libri (2013), in cui interpreta un uomo tedesco che, con sua moglie, dà rifugio a una ragazza abbandonata e a un rifugiato ebreo. Nel 2016 Rush è apparso nell'action fantasy Dei dell'Egitto , e l'anno successivo ha interpretato Albert Einstein nella prima stagione della serie TV Genio . In seguito ha interpretato il celebre artista svizzero Alberto Giacometti in Ritratto finale (2017), incentrato su un breve periodo nel 1964 in cui l'artista lavorò a un ritratto dell'amico e critico d'arte James Lord.



Pirati dei Caraibi: At World

Pirati dei Caraibi: Ai confini del mondo Johnny Depp (a destra) con Geoffrey Rush e Keira Knightley in Pirati dei Caraibi: Ai confini del mondo (2007). Bonifici di mercato/immagini AP

Il re

Il discorso del re (Da sinistra a destra) Helena Bonham Carter, Colin Firth e Geoffrey Rush in Il discorso del re (2010). 2010 La società Weinstein; tutti i diritti riservati

Nel 2017 Il Daily Telegraph articoli pubblicati che sostenevano che Rush avesse molestato sessualmente una costar donna. Rush ha negato le accuse e ha citato in giudizio l'editore del giornale per diffamazione . Nel 2019 ha vinto la causa, con il giudice che ha stabilito che gli articoli erano un pezzo di giornalismo sensazionalista sconsideratamente irresponsabile della peggior specie. Rush ha ricevuto quasi 2 milioni di dollari (USA), un record in Australia per un risarcimento per diffamazione a una persona.



chi abbiamo combattuto in vietnam

Oltre a vincere un Oscar, Rush ha ricevuto vari riconoscimenti. In particolare, nel 2012 è stato nominato australiano dell'anno.