Giorgio VI

Giorgio VI , chiamato anche (1920-1936) Principe Alberto, duca di York , in toto Albert Frederick Arthur George , (nato il 14 dicembre 1895, Sandringham , Norfolk, Inghilterra - morto il 6 febbraio 1952, Sandringham), re del Regno Unito dal 1936 al 1952.

Il secondo figlio del futuro re Giorgio V , il principe prestò servizio nella Royal Navy (1913–17), nel Royal Naval Air Service (1917–19) e nella Royal Air Force (1919) e poi frequentò il Trinity College di Cambridge (1919–20). Il 3 giugno 1920 fu creato duca di York. Ha sponsorizzato l'annuale Duke of York's Camp (1921-1939), in cui un numero uguale di ragazzi delle scuole pubbliche (private) e ragazzi delle aree industriali ha trascorso una settimana insieme come suoi ospiti. Il 26 aprile 1923 sposò Lady Elizabeth Angela Marguerite Bowes-Lyon , figlia più giovane del 14° conte di Strathmore e Kinghorne. Ebbero due figli: la principessa Elisabetta (poi regina Elisabetta II ) e la principessa Margaret (poi contessa di Snowdon).



La regina Elisabetta, il re Giorgio VI, la principessa Margaret e la principessa Elisabetta

La regina Elisabetta, il re Giorgio VI, la principessa Margaret e la principessa Elisabetta (da sinistra) la regina Elisabetta, il re Giorgio VI, la principessa Margaret e la principessa Elisabetta, 1939. Encyclopædia Britannica, Inc.



Il duca di York salì al trono l'11 dicembre 1936, in seguito all'abdicazione del fratello Edoardo VIII ; fu ufficialmente proclamato re il giorno seguente. Prese il nome di Giorgio VI e fu incoronato il 12 maggio 1937. Prima dello scoppio del seconda guerra mondiale , il re ha affermato la solidarietà anglo-francese e ha stretto una stretta amicizia con il presidente degli Stati Uniti. Franklin D. Roosevelt , ma ha sostenuto il Primo Ministro Neville Chamberlain la politica di pacificazione verso la Germania e Italia . Nel maggio 1940, quando il Camera dei comuni costretto Chamberlain a dimettersi, il re desiderava nominare Edward Frederick Lindley Wood (in seguito primo conte di Halifax) alla premiership, ma fu indotto a selezionare Winston Churchill , la cui leadership in tempo di guerra ha poi sostenuto senza riserve.

qual è stato il congresso di vienna?
Giorgio VI

Giorgio VI Giorgio VI. Enciclopedia Britannica, Inc.



Durante la guerra, George divenne un potente simbolo di coraggio e forza d'animo per il popolo britannico. Piuttosto che trasferire la sua famiglia nella sicurezza del Canada, è rimasto nel Regno Unito durante il Battaglia d'Inghilterra . Ha anche visitato i suoi eserciti su diversi fronti di battaglia. Inoltre, George fornì un modello di determinazione nella sua ben nota lotta per superare la grave balbuzie che lo aveva afflitto fin dall'infanzia. Quella lotta e l'enorme forza di volontà di George sono catturati nel film Il discorso del re (2010), che descrive la sua relazione a lungo termine con il logopedista australiano non convenzionale Lionel Logue e culmina con il l'ispirato discorso radiofonico dal vivo del re il 3 settembre 1939, quando la Gran Bretagna entrò nella seconda guerra mondiale.

Il re

Il discorso del re Colin Firth (al centro) interpreta Re Giorgio VI in Il discorso del re , affiancato da Geoffrey Rush che interpreta il logopedista Lionel Logue e da Helena Bonham Carter come moglie del re. 2010 La società Weinstein; tutti i diritti riservati

qual è il grido di dolore

Sebbene re Giorgio avesse cessato di essere imperatore di... India quando India e Pakistan divennero paesi indipendenti separati, fu formalmente riconosciuto, il 27 aprile 1949, come capo del Commonwealth delle Nazioni dai governi dei suoi stati membri. Dal 1948 in poi, la salute del re peggiorò e morì pochi mesi dopo aver subito un'operazione per cancro ai polmoni .



Nonostante la leadership simbolica di George del popolo britannico durante la seconda guerra mondiale, il suo regno fu forse il più importante per l'evoluzione accelerata dell'Impero britannico nel Commonwealth delle Nazioni e la trasformazione del dopoguerra di Gran Bretagna in un stato sociale . Ha guadagnato rispetto osservando scrupolosamente le responsabilità e i limiti di a costituzionale monarca.