Georges de La Tour

Georges de La Tour , (nato il 19 marzo 1593, Vic-sur-Seille, Lorena, Francia - morto il 30 gennaio 1652, Lunéville), pittore, principalmente di soggetti a lume di candela, che era ben noto ai suoi tempi ma poi dimenticato fino a buona parte del XX secolo, quando l'identificazione di molte opere precedentemente erroneamente attribuite stabilirono la sua moderna reputazione di gigante della pittura francese.

La Tour divenne un maestro pittore e alla fine si stabilì a Lunéville. Re Luigi XIII, Enrico II di Lorena e il Duca de La Ferté furono tra i collezionisti delle sue opere. Sebbene la cronologia della produzione di La Tour sia incerta, è chiaro che inizialmente dipinse in modo realistico e fu influenzato dal drammatico chiaroscuro di Caravaggio o i suoi seguaci.



I dipinti della maturità di La Tour, tuttavia, sono contrassegnati da una sorprendente semplificazione geometrica della forma umana e dalla rappresentazione di scene interne illuminate solo dal bagliore di candele o torce. I suoi dipinti religiosi realizzati in questo modo hanno una semplicità monumentale e un'immobilità che esprime sia quiete contemplativa che meraviglia.



Il corpo del suo lavoro è stato definitivamente identificato dallo storico dell'arte tedesco Hermann Voss e da altri studiosi dopo il 1915. Il lavoro di La Tour mostra anche un alto grado di originalità nel colore e nella composizione; la caratteristica semplificazione delle forme conferisce a molti dei suoi quadri un aspetto ingannevolmente moderno. Tra le scene a lume di candela più impressionanti di La Tour ci sono il neonato , San Giuseppe Falegname , e Il Compianto su San Sebastiano . Il suonatore di ghironda e Il più tagliente sono tra i suoi meno numerosi diurni composizioni .

San Giuseppe carpentiere, olio su tela di Georges de La Tour, c. 1645; al Louvre, Parigi

San Giuseppe falegname, olio su tela di Georges de La Tour, c. 1645; al Louvre, Parigi Giraudon/Art Resource, New York