The Harlem Renaissance: 41 immagini di quando New York era la capitale dell'America nera

Fai un tour fotografico del Rinascimento di Harlem, quando Langston Hughes, Duke Ellington e W.E.B. DuBois ha rivitalizzato l'America nera.

All'inizio del XX secolo, Harlem era destinata a diventare il fulcro della comunità afroamericana di New York. Abbandonato dalla classe media bianca alla fine del 1800, il quartiere rivitalizzato era un rifugio sicuro per coloro che fuggivano dal sud durante la Grande Migrazione, una destinazione per gli immigrati neri e una calamita per gli intellettuali afroamericani.

Scrittori come Langston Hughes e Zora Neale Hurston hanno iniziato la loro carriera nella vivace comunità letteraria di Harlem. Duke Ellington, Bessie Smith e Louis Armstrong si sono esibiti nei jazz club di Harlem, dove i clienti hanno creato per la prima volta la danza swing. E, cosa più importante, l'area ha permesso alla cultura nera e all'imprenditorialità di prosperare in una società perseguitata dal razzismo virulento.



quali sono le origini della guerra fredda

Oggi guardiamo 41 immagini che catturano in pieno il Rinascimento di Harlem:



Lenox Ave 369 fanteria Dubois Web Silent Parade La crisi dell

E se ti è piaciuto questo post, assicurati di dare un'occhiata a questi post popolari:



Santa Cruz de la Sierra, Bolivia
Glamour, gangster e razzismo: 30 foto all
Glamour, gangster e razzismo: 30 foto all'interno del famigerato Cotton Club di Harlem
27 immagini grezze di quando il punk dominava New York
27 immagini grezze di quando il punk dominava New York
35 immagini che catturano i Beatniks
35 immagini che catturano il periodo d'oro dei Beatnik a New York City
1 di 42Harlem divenne la patria di una vasta popolazione afroamericana in una confluenza di eventi: all'inizio del 1900, le chiese nere iniziarono a spostarsi più in alto nella città, portando con sé le loro congregazioni. Un crollo immobiliare nello stesso periodo ha portato le società immobiliari a coinvolgere famiglie afroamericane in cerca di alloggi più economici e, allo stesso tempo, oltre 400.000 persone di colore migrarono dal sud di Jim Crow, violentemente razzista, al nord più accogliente.

Lenox Avenue ad Harlem.
Archivio Bettman2 di 42 Nel 1919, il 369 ° reggimento di fanteria afroamericano altamente decorato tornò ad Harlem dopo la prima guerra mondiale. Mentre erano trattati come eroi in Francia, a casa, i soldati afroamericani continuarono a essere trattati male. Il linciaggio di Wilbur Little in Georgia, un afroamericano veterano della prima guerra mondiale, è servito da catalizzatore per la creazione del New Negro Movement. Il movimento è stato caratterizzato non solo dalla sua più famosa effusione artistica, ma dai primi tentativi di riforma degli alloggi per i neri poveri che vivono in case popolari e dalla lotta per porre fine alla discriminazione sul lavoro,

Il 369 ° reggimento di fanteria sfila per New York City 3 di 42Autore e attivista per i diritti civili W.E.B. Du Bois ha ispirato molti degli artisti centrali del Rinascimento di Harlem, tra cui Langston Hughes, che divenne famoso per la prima volta dopo essere stato pubblicato nella rivista Du Bois La crisi .

Inoltre, Du Bois ha anche fondato il Movimento del Niagara , un gruppo di intellettuali afroamericani che protestavano contro il razzismo e in seguito divenne un membro fondatore della National Association for the Advancement of Colored People.

Mentre si è affermato come mecenate delle arti durante i primi anni del Rinascimento di Harlem, presto si separò dalla comunità artistica, che secondo lui non utilizzava sufficientemente l'arte per promuovere cause politiche più importanti.

William Edward Burghardt Du Bois nel 1918.
Wikimedia Commons4 di 42Nel 1917 W.E.B. Du Bois e il NAACP hanno organizzato la Silent Parade, in cui più di 10.000 afroamericani hanno protestato contro il linciaggio e la violenza contro i neri. La protesta aveva lo scopo di incoraggiare l'allora presidente Woodrow Wilson a emanare leggi anti-linciaggio, cosa che non riuscì a fare. La parata è stata uno dei primi casi di tutte le manifestazioni nere per i diritti civili.Wikimedia Commons5 di 42Sotto la direzione di W.E.B. Du Bois, La crisi è diventata la rivista ufficiale della NAACP. Langston Hughes, Countee Cullen e Zora Neale Hurston hanno tutti pubblicato all'interno delle sue pagine. Oltre a presentare importanti personalità letterarie contemporanee, la rivista ha trattato anche questioni di giustizia sociale, cinema nero, istruzione superiore e politica.

Il numero dell'agosto 1920 di La crisi .
Wikimedia Commons6 di 42Una bandiera che annuncia il linciaggio di un afro-americano è appesa alla finestra del quartier generale della NAACP al 69 della Fifth Avenue. La pratica di annunciare i linciaggi iniziò nel 1920, ma sotto la minaccia di perdere il contratto di locazione, la NAACP fu costretta a fermarsi nel 1938.Libreria del Congresso7 di 42Scolari ad Harlem, 1930.Keystone-France / Gamma-Rapho tramite Getty Images8 di 42L'attivista per i diritti civili di origine giamaicana Marcus Garvey e la sua Universal Negro Improvement Association sono stati fondamentali nel creare l'atmosfera in cui le arti potessero prosperare ad Harlem.

Garvey ha fondato il Mondo nero , uno dei primi giornali a occuparsi di arte e politica afroamericana. Il giornale promuoveva scrittori neri emergenti e incoraggiava un interesse mondiale per il movimento culturale che si svolgeva ad Harlem.

Marcus Garvey nel 1924.
Wikimedia Commons9 di 42Nel 1920, l'UNIA organizzò un mese di conferenze, marce e parate durante quella che Garvey chiamò la Prima Convenzione Internazionale dei Popoli Negri del Mondo. Durante la prima convenzione, l'UNIA ha adottato la Dichiarazione dei diritti dei popoli negri del mondo, una delle prime dichiarazioni sui diritti umani.Collezione Smith / Gado / Getty Images10 di 42Marcus Garvey voleva insegnare 'ideali neri, industria nera, Stati Uniti d'America neri e religione nera' ai suoi compagni afroamericani. Più di 25.000 dei suoi seguaci si sono presentati per la prima parata. I manifestanti alle parate dell'UNIA hanno portato questo dipinto del 'Cristo etiope' come esempio di come volevano reincorporare la loro eredità in storie imbiancate.George Rinhart / Corbis tramite Getty Images11 di 42Anche dopo che Garvey fu deportato dagli Stati Uniti nel 1927, l'UNIA continuò a tenere manifestazioni come questa nel 1930.Archivio Bettman12 di 42I night club erano luoghi di rifugio per gli afroamericani durante il Rinascimento di Harlem. Questi erano gli spazi dove poter ascoltare musica e ballare swing in un ambiente accogliente.Archivio Bettman13 di 42Lo Small's Paradise era uno dei jazz club più popolari dell'epoca. Inaugurato nel 1925, il club era di proprietà di un afro-americano e accoglieva clienti bianchi e neri, rendendolo uno dei pochi club integrati ad Harlem. Questo club era noto per aver reso popolare l'ormai iconico stile di danza swing di Charleston.

Small's Paradise Club ad Harlem nel 1929.
Archivio Bettman14 di 42Anche se potresti non conoscere il nome del ballerino 'Piccoletto' George Snowden, probabilmente hai sentito parlare della sua creazione più famosa: il Lindy Hop, la forma più nota di ballo swing.

Ballerini swing in un club nel Mississippi, 1939.
Wikimedia Commons15 di 42Un altro luogo popolare era il Savoy Ballroom, dove giovani uomini, addobbati nella famosa suite zoot dell'epoca, si riunivano per ascoltare il jazz. Il Savoy era anche famoso per ospitare alcuni dei più talentuosi Lindy Hoppers di Harlem. Come Small's Paradise, il Savoy Ballroom consentiva l'ingresso a tutti gli avventori, indipendentemente dalla razza o dal background. Scrittore Barbara Englebrecht chiamato i Savoia l ''anima del quartiere'.Archivio Bettman16 di 42Coppie jitterbug al Savoy Ballroom.Archivio Bettmana17 di 42Anche se il punto caldo del jazz di Harlem The Cotton Club ammetteva solo clienti bianchi, il suo palco ospitava regolarmente i migliori musicisti e cantanti jazz afroamericani dell'epoca. Il club ha presentato orchestre guidate da grandi come Cab Calloway e Duke Ellington.

Alla luce di questo doppio standard, il poeta Langston Hughes criticato Le politiche razziste del Cotton Club, definendolo 'un club di Jim Crow per gangster e bianchi ricchi'.

Nel 1935, il club chiuse dopo che scoppiarono disordini razziali ad Harlem, trasferendosi brevemente a Midtown, per poi chiudere definitivamente nel 1940.

Cab Calloway nel 1947.
Wikimedia Commons18 di 42Un ideatore del jazz big-band, Duke Ellington era il leader della band al Cotton Club. Originario di Washington D.C., Ellington si trasferì a New York quando il jazz divenne il predominio della musica durante il Rinascimento di Harlem. I suoi impegni al Cotton Club hanno portato alla band un programma radiofonico settimanale che ha diffuso la mania del jazz in tutto il paese.

Duke Ellington all'Hurricane Ballroom.
Wikimedia Commons19 di 42Mentre Louis Armstrong è diventato uno dei musicisti più famosi e importanti del 20 ° secolo, ha iniziato in gran parte dal Rinascimento di Harlem.

Armstrong ha ottenuto il riconoscimento per la prima volta a New York suonando al Connie's Inn di Harlem, uno dei principali rivali in affari del Cotton Club.

Louis Armstrong nel 1955.
Wikimedia Commons20 di 42La cantante jazz Ethel Waters è passata dalla povertà estrema per diventare una delle cantanti più celebri del Rinascimento di Harlem.

Tutto sommato, ha registrato più di 50 canzoni di successo negli anni '30, si è esibita al Cotton Club e alla Carnegie Hall, e nel 1939, un critico chiamato lei la 'migliore attrice di qualsiasi razza'.

Ethel Waters nel 1938.
Carl Van Vechten / Biblioteca del Congresso21 di 42Soprannominata 'Empress of the Blues', la cantante Bessie Smith era una delle intrattenitrici afroamericane più pagate di quest'epoca. Nel 1921, Harry Pace fondò la Black Swan Records e introdusse cantanti come Bessie Smith e Ma Rainey al grande pubblico. Smith ha venduto centinaia di migliaia di dischi negli anni Venti e Trenta e ha lavorato con Ethel Water e Billie Holiday.Carl Van Vechten / Biblioteca del Congresso22 di 42Nel 1930, un poliziotto sparò e uccise Gonzalo Gonzales mentre si recava a una riunione per il Partito Comunista . Solo poche ore prima, la polizia ha picchiato a morte Alfred Levy, residente ad Harlem, mentre era in transito verso una riunione del partito comunista. Il comunismo aveva un forte punto d'appoggio nelle comunità afroamericane in questo momento, poiché il Partito Comunista aiutava a organizzare sindacati che includevano lavoratori bianchi e neri e teneva proteste multirazziali contro il razzismo in tutti gli Stati Uniti.Keystone-France Gamma-Rapho tramite Getty Images23 di 42Nel 1935 Mussolini invase Etiopia nel tentativo di espandere il suo impero facista. Harlem si è mobilitata per combattere la minaccia: uomini neri (quasi 8.000 dalla sola New York), addestrati per il potenziale servizio militare per combattere le forze italiane invasori. Italiani antifascisti e afroamericani si sono uniti per una marcia ad Harlem per protestare contro l'invasione. Nel 1936, quasi 3.000 americani si erano offerti volontari per combattere il fascismo in Spagna e in Etiopia.Keystone-France / Gamma-Keystone tramite Getty Images24 di 42Il 19 marzo 1935 scoppiò una rivolta razziale ad Harlem. Dopo che un giovane ragazzo portoricano è stato fermato per aver rubato da un grande magazzino prevalentemente bianco, è stata chiamata la polizia ma i proprietari del negozio hanno deciso di non sporgere denuncia. La polizia lo ha portato via attraverso l'uscita sul retro del negozio, ma quando è scomparso con un poliziotto, la folla riunita pensava che avrebbe picchiato il ragazzo. Le voci si diffusero fino a quando le persone credettero che fosse stato ucciso dalla polizia, anche se non gli era stato fatto del male.Archivio NY Daily News tramite Getty Images25 di 42Sebbene questo incidente abbia scatenato la rivolta, Harlem aveva raggiunto un punto di ebollizione affrontando condizioni di vita sempre più difficili. I residenti di Harlem hanno provato a lungo risentimento per la brutalità della polizia e una crisi di disoccupazione nel quartiere: circa il 50% delle persone che vivevano erano senza lavoro. Sebbene i disordini siano durati solo un giorno, tre persone sono state uccise, altre centinaia sono rimaste ferite e il saccheggio e la distruzione di proprietà hanno causato 200 milioni di dollari di danni.

La polizia arresta due saccheggiatori durante le rivolte del 1935.
Archivio Bettman26 di 42Langston Hughes è senza dubbio la figura più importante del Rinascimento di Harlem. I suoi scritti si sono concentrati sulle esperienze degli afroamericani della classe operaia, sia protestando contro il razzismo che celebrando l'identità nera nelle sue diverse forme.

Noto per aver sperimentato strutturalmente nel suo lavoro, Hughes spesso incorporava ritmi jazz nelle sue poesie. Secondo alcuni, è stato il primo artista afroamericano a guadagnarsi da vivere esclusivamente scrivendo.

Langston Hughes nel 1943.
Wikimedia Commons27 di 42Nel 1922, il filantropo William E. Harmon fondò la Harmon Foundation, che sarebbe diventata uno dei più grandi mecenati degli artisti afroamericani durante il Rinascimento di Harlem. Il William E. Harmon Foundation Award for Distinguished Achievement Among Negroes ha riconosciuto un talento artistico eccezionale tra artisti neri altrimenti non riconosciuti ed è stato assegnato a Langston Hughes e Countee Cullen tra gli altri.

Langston Hughes con Charles S. Johnson, E. Franklin Frazier, Rudolph Fisher e Hubert T. Delaney a una festa per Hughes nel 1924.
Biblioteca pubblica di New York28 di 42Zora Neale Hurston è stata una degli scrittori più influenti del Rinascimento di Harlem.

Quando Hurston arrivò a New York per frequentare Barnard nel 1925, l'Harlem Renaissance era in pieno svolgimento e lei divenne rapidamente uno degli scrittori al centro del movimento. Oltre ai suoi acclamati romanzi, Hurston ha pubblicato anche opere di folklore e antropologia letteraria della cultura e delle tradizioni africane.

Zora Neale Hurston tra il 1935 e il 1943.
Wikimedia Commons29 di 42Countee Cullen ha usato la poesia per rivendicare l'arte africana in un movimento chiamato 'Negritudine', che era centrale per il Rinascimento di Harlem.

Tuttavia, Cullen sperava che gli scrittori afroamericani avrebbero tratto le loro influenze dalla tradizione poetica europea. Ciò è in parte dovuto al fatto che, secondo il Fondazione di poesia , Cullen sperava in un mondo 'daltonico'.

Countee Cullen a Central Park, 1941.
Carl Van Vechten / Biblioteca del Congresso30 di 42 Dunbar Bank , finanziata dalla potente famiglia Rockefeller, serviva Harlem come unica banca nell'area che impiegava afroamericani. Sebbene abbia chiuso negli anni '30, la banca è stata la prima del suo genere, fondata appositamente per i residenti neri di Harlem.Keystone-France / Gamma-Keystone tramite Getty Images31 di 42 Il pittore James Porter è stato la forza trainante dietro la creazione del campo degli studi di storia dell'arte afroamericani. Durante il Rinascimento di Harlem, ha frequentato l'Art Institute. Alla fine del movimento, ha pubblicato Moderna arte negra , il primo studio completo sull'arte afroamericana negli Stati Uniti.

Nudo africano di Palmer Hayden, 1930. 32 di 42Pittore Palmer Hayden chiamato Il bidello che dipinge 'una sorta di pittura di protesta' della situazione economica e sociale degli afroamericani negli anni Trenta. Proprio come questo importante ed evocativo lavoro, la maggior parte della produzione di Hayden descrive la vita quotidiana ad Harlem durante il Rinascimento.

Il bidello che dipinge di Palmer Hayden, 1930.
Palmer haden33 di 42Un altro dei principali architetti del Rinascimento di Harlem fu lo scrittore e attivista James Weldon Johnson, che credeva che gli afroamericani avrebbero sperimentato i veri risultati artistici solo quando fossero diventati uguali nella società.

Johnson si è unito all'illustratore Aaron Douglas, che ha anche prodotto lavori per la rivista Du Bois, La crisi ed era considerato il 'padre delle arti afroamericane' - creare Tromboni di Dio , un libro di poesie realizzato in omaggio al 'predicatore negro dei vecchi tempi', secondo il Libreria del Congresso .

Una pagina da Tromboni di Dio .
Libreria del Congresso34 di 42Il fotografo James Van Der Zee ha catturato la vita della classe media ad Harlem negli anni '20 e '30. In effetti, il suo studio ha operato per 50 anni, catturando funerali, matrimoni e persino celebrità come il ballerino Bill 'Bojangles' Robinson.

Come lo ha detto lo storico Sharon Patton , Van Der Zee 'ha contribuito a creare il periodo, non solo a documentarlo'.

Coppia con una Cadillac, Harlem; 1932.
James Van Der Zee / YouTube35 di 42Con l'aiuto della Negro Theatre Unit finanziata dal governo - parte del Federal Theatre Project, un programma New Deal - le produzioni teatrali fiorirono durante il Rinascimento di Harlem.

Con sede al Lafayette Theatre di Harlem, la Negro Theatre Unit ha messo in scena più di 30 spettacoli diversi durante quest'epoca.

Locandina per la produzione della Negro Theatre Unit di Il caso di Philip Lawrence , 1937.
Libreria del Congresso36 di 42L'attrice Rose McClendon è stata determinante nel dare vita alla Negro Theatre Unit. Ha poi contribuito a creare versioni di questo progetto in altre città del paese.

Rose McClendon nel 1935.
Carl Van Vechten / Biblioteca del Congresso37 di 42Come uno degli attori neri più famosi del 20 ° secolo, Paul Robeson doveva la sua fama al Rinascimento di Harlem.

Robeson inizialmente ha praticato la legge a New York, ma era così disgustato dal razzismo che ha dovuto affrontare in quella professione che ha smesso di recitare a tempo pieno. Ha guadagnato notorietà per la prima volta quando ha recitato in Eugene O'Neill's Tutto il Chillun di Dio ha le ali (che presentava una controversa storia d'amore interrazziale), e poi ha continuato a fare breccia reclamando ruoli solitamente riservati agli attori bianchi.

Più Robeson recitava, più si appassionava anche ai diritti civili e il suo movimento verso il comunismo lo portò a essere inserito nella lista nera negli anni '50.

Paul Robeson guida i lavoratori dei cantieri navali in 'The Star-Spangled Banner', 1942.
Wikimedia Commons38 di 42Paul Robeson protagonista nella produzione del 1943 di Otello .Wikimedia Commons39 di 42Sebbene la scultrice Augusta Savage abbia iniziato la sua carriera in Europa, tornò negli Stati Uniti all'inizio degli anni '30 e nel 1934 divenne la prima donna di colore ammessa alla National Association of Women Painters and Sculptors.

Ha quindi fondato la Savage School of Arts, che ha fornito una vasta gamma di corsi d'arte gratuiti aperti al pubblico. Verso la fine del Rinascimento di Harlem, Savage aprì la prima galleria per vendere ed esporre arte di afroamericani ad Harlem, chiamata Salon of Contemporary Negro Art.

Augusta Savage nel 1938.
Wikimedia Commons40 di 42Oltre ad Augusta Savage, la Harlem Renaissance ha prodotto un altro grande scultore femminile a Selma Burke. Burke inizialmente lavorava come infermiera ad Harlem, ma la fiorente comunità artistica del quartiere l'ha ispirata a perseguire la sua vera passione.

Sebbene i suoi soggetti fossero spesso membri di spicco della comunità afroamericana come Booker T. Washington e Duke Ellington, è meglio conosciuta per il suo busto di Franklin D. Roosevelt.

Nel 1946, dopo aver portato a termine molte opere degne di nota, fonda a New York la Selma Burke Art School in modo che altri possano seguire le sue orme.

Selma Burke con il suo busto di Booker T. Washington nel 1935.
Wikimedia Commons41 di 42Lo stesso Langston Hughes ha specificato che la fine ufficiale del Rinascimento di Harlem coincise con la fine dell'età del jazz, dopo che il crollo del mercato azionario del 1929 segnò l'inizio della Grande Depressione. Tuttavia, l'impatto del movimento ha permesso ad artisti neri come Augusta Savage, Palmer Hayden e Countee Cullen di prosperare e Harlem è rimasta un punto focale della cultura nera per decenni.Wikimedia Commons42 di 42 The Harlem Renaissance: 41 immagini di quando New York era la capitale dell'America nera Visualizza la galleria

Quindi, controlla le nostre gallerie su Harlem negli anni '70 e le più grandi citazioni di Maya Angelou .