La storia inquietante della morte di John Lennon per mano di un fan impazzito

L'8 dicembre 1980, un giovane di nome Mark David Chapman chiese a John Lennon il suo autografo a New York. Ore dopo, ha sparato quattro proiettili a punta cava nella schiena di Lennon, uccidendolo quasi all'istante.

Morte di John Lennon

RV1864 / FlickrLa morte di John Lennon nel 1980 è ancora considerata un'enorme perdita per l'industria musicale. I fan sono rimasti particolarmente sconvolti quando hanno saputo come è morto John Lennon.

La morte di John Lennon ha scioccato il mondo. L'8 dicembre 1980, l'ex Beatle fu ucciso a colpi d'arma da fuoco fuori dal suo condominio di Manhattan, The Dakota. In pochi minuti, una delle rock star più iconiche era scomparsa per sempre.



L'intensa personalità e il genio lirico di Lennon hanno lasciato un profondo impatto sul mondo dopo la sua morte, mentre i fan si sono rapidamente riuniti fuori dal suo appartamento per piangere la tremenda perdita. Per quanto riguarda Mark David Chapman, il folle fan dei Beatles che lo ha assassinato, è stato prontamente arrestato sul posto e rimane dietro le sbarre fino ad oggi.



Ma cosa è successo al Dakota in quella famigerata notte di dicembre? Come è morto John Lennon? E perché Mark David Chapman ha deciso di uccidere un uomo che una volta idolatrava?

Le ore prima della morte di John Lennon

Il Dakota

Wikimedia CommonsIl Dakota nel 2013. John Lennon ha vissuto in questo edificio ed è morto appena fuori.



L'8 dicembre 1980, John Lennon ha avuto un inizio di giornata abbastanza normale, per una rock star, cioè. Dopo aver preso una pausa dalla musica, Lennon - e sua moglie, Yoko Ono - avevano appena pubblicato un nuovo album chiamato Doppia fantasia . Lennon ha trascorso quella mattina a promuovere l'album.

In primo luogo, lui e Ono avevano un appuntamento con Annie Leibovitz. Il famoso fotografo era venuto a farsi una foto Rolling Stone . Dopo qualche discussione, Lennon decise che avrebbe posato nudo e sua moglie sarebbe rimasta vestita. Leibovitz ha scattato quella che sarebbe diventata una delle immagini più famose della coppia. Sia Ono che Lennon erano entusiasti della foto.

'Questo è,' Disse Lennon a Leibovitz quando gli ha mostrato la Polaroid. 'Questa è la nostra relazione.'



John Lennon e Yoko Ono

Bettmann / Getty ImagesYoko Ono afferma di aver visto il fantasma di John Lennon al Dakota sin dal suo omicidio nel 1980.

Poco tempo dopo, una troupe della RKO Radio arrivò al Dakota per registrare quella che sarebbe stata l'ultima intervista di Lennon. Ad un certo punto durante la conversazione, Lennon meditato sull'invecchiamento .

'Quando eravamo bambini, 30 era la morte, giusto?' Egli ha detto. 'Ora ho 40 anni e mi sento solo ... mi sento meglio di prima.' Durante l'intervista, Lennon ha anche riflettuto sulla sua vasta mole di lavoro: 'Ritengo che il mio lavoro non sarà finito finché non sarò morto e sepolto e spero che sia molto, molto tempo'.



Purtroppo, Lennon sarebbe morto più tardi quello stesso giorno.

Un fatidico incontro con Mark David Chapman

John Lennon e Mark David Chapman

Paul GoreshJohn Lennon firma un album per Mark David Chapman, un giovane fan che in seguito lo avrebbe ucciso.



Quando Lennon e Ono lasciarono il Dakota poche ore dopo, incontrarono brevemente l'uomo che avrebbe ucciso Lennon più tardi quel giorno. Aspettando fuori dal condominio, Mark David Chapman ha tenuto una copia di Doppia fantasia nelle sue mani.

Ron Hummel, un produttore che era con Lennon e Ono, ricorda bene il momento . Ricorda che Chapman tese silenziosamente la sua copia di Doppia fantasia , che Lennon ha firmato. '[Chapman] taceva', ha detto Hummel. 'John ha chiesto:' È tutto quello che vuoi? 'E ancora Chapman non ha detto nulla.'

Non sorprende che anche Chapman ricordi questo momento.

il lobo posteriore dell'ipofisi è anche conosciuto come il

'È stato molto gentile con me', ha detto Chapman di Lennon. “Ironia della sorte, molto gentile ed è stato molto paziente con me. La limousine stava aspettando ... e si è preso il suo tempo con me, ha messo in moto la penna e ha firmato il mio album. Mi ha chiesto se avevo bisogno di qualcos'altro. Ho detto no. No, signore. 'E se ne andò. Uomo molto cordiale e perbene. '

Ma la gentilezza di Lennon nei confronti di Chapman non ha cambiato nulla. Chapman aveva deciso. Il venticinquenne, che all'epoca viveva alle Hawaii, era volato appositamente a New York per uccidere John Lennon.

Sebbene avesse preso in considerazione altri omicidi di celebrità - compreso l'ex compagno di band di Lennon, Paul McCartney - Chapman aveva sviluppato un odio specifico verso Lennon. L'animosità di Chapman verso l'ex Beatle iniziò quando Lennon dichiarò infamemente che il suo gruppo era 'più popolare di Gesù'. Col passare del tempo, Chapman iniziò a vedere Lennon come un 'poser'.

Nel suo ultimo giorno di lavoro come guardia di sicurezza alle Hawaii, Chapman ha lasciato il suo turno come al solito, ma ha scritto 'John Lennon' invece del suo vero nome. Si è quindi preparato per volare a New York City.

Ma prima di uccidere Lennon, a quanto pare Chapman voleva prima un autografo. Dopo che Lennon ha obbedito, Chapman è tornato di nascosto nell'ombra vicino all'appartamento. Guardò Lennon e Ono salire sulla loro limousine e andarsene. Poi, ha aspettato.

La notte in cui morì John Lennon

Come morì John Lennon

Wikimedia CommonsL'arco del Dakota, dove è stato girato John Lennon.

Alle 22:50 l'8 dicembre 1980, John Lennon e Yoko Ono tornarono a casa al Dakota. Chapman ha poi detto , 'John è uscito e mi ha guardato, e penso che abbia riconosciuto ... ecco il tizio con cui ho firmato l'album in precedenza, e mi è passato accanto.'

Mentre Lennon camminava verso casa, Chapman sollevò la sua arma. Ha sparato cinque volte e quattro dei proiettili hanno colpito Lennon alla schiena. Lennon barcollò nell'edificio, gridando: 'Mi hanno sparato!' Ono, che, secondo Chapman, si è rifugiata al riparo quando ha sentito gli spari, si è precipitata a trattenere suo marito dopo aver capito che era stato aggredito.

'Sono rimasto lì con la pistola appesa floscia alla mia destra', ha raccontato Chapman in una successiva intervista. 'Jose il portiere si è avvicinato e sta piangendo, mi sta afferrando e mi sta scuotendo il braccio e mi ha scosso la pistola dalla mano, cosa molto coraggiosa da fare a una persona armata. E ha calciato la pistola sul marciapiede. '

Chapman rimase pazientemente in piedi e aspettò di essere arrestato, leggendo Il cacciatore nella segale , un romanzo di cui era ossessionato. In seguito sarebbe stato condannato a 20 anni di vita per l'omicidio di John Lennon.

Mark David Chapman

Jack Smith / NY Daily News Archive / Getty ImagesLa pistola che ha ucciso John Lennon.

Secondo i rapporti, John Lennon è morto quasi istantaneamente dopo essere stato colpito. Sanguinando copiosamente e troppo ferito per aspettare un'ambulanza, Lennon è stato messo in una macchina della polizia e portato al Roosevelt Hospital. Ma era troppo tardi.

storia di Abramo nella Bibbia

Lennon è stato dichiarato morto all'arrivo e la notizia della sparatoria si era già diffusa a macchia d'olio. Stephen Lynn, il medico che è emerso per parlare alla stampa, ha fatto la dichiarazione ufficiale che Lennon se n'era andato.

'Sono stati compiuti ampi sforzi di rianimazione', ha detto Lynn. 'Ma nonostante le trasfusioni e molte procedure, non è stato possibile rianimarlo'.

I medici hanno ufficialmente dichiarato morto Lennon alle 23:07. l'8 dicembre 1980. E come disse Lynn alla folla, la causa della morte di John Lennon fu probabilmente una grave ferita dovuta agli spari.

'C'è stata una lesione significativa dei principali vasi all'interno del torace, che ha causato una massiccia perdita di sangue, che probabilmente ha portato alla sua morte', ha detto Lynn. 'Sono certo che fosse morto nel momento in cui i primi colpi hanno colpito il suo corpo.'

Reazioni degli ex Beatles

Persone in lutto al Dakota

Keystone / Getty Images
Le persone in lutto si riuniscono al Dakota, dove è stato ucciso John Lennon.

Milioni di persone piansero l'omicidio di John Lennon. Ma nessuno - a parte Ono - lo aveva conosciuto come gli altri ex Beatles: Paul McCartney, Ringo Starr e George Harrison. Allora come hanno reagito alla morte di John Lennon?

McCartney, messo alle strette fuori da uno studio, è stato notoriamente citato come dicendo: 'È una seccatura'. Fortemente criticato per questo commento, McCartney in seguito ha chiarito le sue osservazioni: 'C'era un giornalista, e mentre stavamo andando via, ha semplicemente infilato il microfono nel finestrino e ha gridato: 'Cosa ne pensi della morte di John?' Avevo appena finito un'intera giornata sotto shock e ho detto: 'È una seccatura'. Intendevo trascinare nel senso più pesante della parola '.

Decenni dopo, McCartney ha detto un intervistatore , 'Era così orribile che non potevi sopportarlo - non potevo accettarlo. Solo per giorni, non potevi pensare che se ne fosse andato.'

Quanto a Starr, all'epoca si trovava alle Bahamas. Quando seppe che Lennon era stato ucciso, Starr volò a New York City e andò direttamente al Dakota e chiese a Ono come poteva aiutare. Gli disse che poteva tenere Sean Lennon - suo figlio con John - occupato. 'Ed è quello che abbiamo fatto' disse Starr .

Nel 2019, Starr ha ammesso di essersi commosso ogni volta che pensa a come è morto John Lennon: 'Continuo a pensare che un bastardo gli abbia sparato'.

Per quanto riguarda Harrison, ha fornito questa dichiarazione alla stampa: “Dopo tutto quello che abbiamo passato insieme, avevo e ho ancora un grande amore e rispetto per lui. Sono scioccato e sbalordito. Rubare una vita è l'ultima rapina nella vita. La perpetua invasione dello spazio altrui viene portata al limite con l'uso di una pistola. È un oltraggio che le persone possano togliere la vita ad altre persone quando ovviamente non hanno le loro vite in ordine '.

Ma in privato, Harrison avrebbe detto ai suoi amici: “Volevo solo essere in una band. Eccoci qui, 20 anni dopo, e un po 'di lavoro ha sparato al mio amico. Volevo solo suonare la chitarra in una band. '

L'eredità della morte di John Lennon oggi

Immagina Memorial

Wikimedia CommonsRoses in Strawberry Fields, un memoriale di Central Park dedicato a John Lennon.

Nei giorni che seguirono la morte di John Lennon, il mondo pianse con sua moglie e gli ex compagni di band. La folla si è radunata fuori dal Dakota, dove Lennon è stato ucciso. Le stazioni radio trasmettevano vecchi successi dei Beatles. Le veglie a lume di candela si sono svolte in tutto il mondo. Purtroppo, alcuni fan hanno trovato la notizia della morte di John Lennon così devastante che si sono tolti la vita.

Ono, con l'aiuto dei funzionari di New York City, ha creato un giusto tributo al suo defunto marito. Pochi mesi dopo la morte di Lennon, la città chiamato una piccola sezione di Central Park 'Strawberry Fields' dopo una delle canzoni più iconiche dei Beatles.

Negli anni successivi, questo tratto del parco ha diventare un memoriale per John Lennon. Tra i 2,5 acri di Strawberry Fields c'è un mosaico circolare in marmo bianco e nero, impressionato dalla parola 'Imagine' al centro - un cenno a una delle canzoni più famose di Lennon.

'Durante la sua carriera con i Beatles e nel suo lavoro da solista, la musica di John ha dato speranza e ispirazione alle persone di tutto il mondo', ha detto in seguito Ono. 'La sua campagna per la pace vive, simbolizzata qui a Strawberry Fields.'

John Lennon vive in più modi di Strawberry Fields. La sua musica continua a deliziare e incantare generazioni. E 'Imagine', la canzone iconica di Lennon sull'immaginazione di un mondo pacifico, lo è considerato da alcuni per essere la più grande canzone di tutti i tempi.

Per quanto riguarda l'assassino di Lennon, Mark David Chapman, è rimasto dietro le sbarre fino ad oggi. La sua condizionale è stato negato 11 volte . Per ogni udienza, Yoko Ono ha inviato una lettera personale esortando il consiglio a tenerlo in prigione.

Mark David Chapman

Dominio pubblicoUna foto segnaletica aggiornata di Mark David Chapman. Circa 2010.

Chapman in precedenza ha affermato di aver ucciso Lennon per notorietà. Nel 2010, ha detto: 'Ho sentito che uccidendo John Lennon sarei diventato qualcuno, e invece sono diventato un assassino, e gli assassini non sono qualcuno'. Nel 2014 ha detto: 'Mi dispiace di essere stato un tale idiota e di aver scelto la strada sbagliata per la gloria', e che Gesù 'mi ha perdonato'.

Da allora ha descritto le sue azioni come 'premeditate, egoiste e malvagie'. Ed è sicuro dire che innumerevoli persone sono d'accordo.


Dopo aver appreso della morte di John Lennon, dai un'occhiata a questi fatti sorprendenti su John Lennon . Quindi, approfondisci la mente dell'ex Beatle con questa raccolta di citazioni sorprendentemente oscure di John Lennon .