La storia dei preservativi: dall'intestino di pecora al lattice

Un rinascimento del preservativo

Preservativo a membrana animale

Wikimedia CommonsUn preservativo realizzato da Bell & Croyden con una membrana animale intorno all'anno 1900.

Intorno al XVI secolo iniziò a diffondersi in tutta Europa una piccola e sgradevole malattia venerea nota come sifilide. Allora nota come la 'malattia francese' - un colpo preciso ai francesi - ha rappresentato un grosso problema fino a quando il medico italiano Gabriele Falloppio, l'omonimo dietro le tube di Falloppio, ha introdotto una versione più avanzata del preservativo per aiutare a combattere l'epidemia di sifilide.



in un organismo vivente cos'è un organo?

Questo preservativo nuovo e migliorato era una guaina di lino imbevuta di sostanze chimiche che si adattava al pene ed era legata con un nastro attorno all'albero per tenerlo in posizione. Una specie di introito regalo sul sesso sicuro.



Falloppio arrivò persino a condurre uno studio sul suo nuovo dispositivo anti-sifilide e lo fece provare a 1.000 partecipanti. Con sua grande gioia e probabilmente il loro sollievo, nessuno dei partecipanti ha contratto la malattia, rendendo Falloppio l'inventore del primo preservativo provato per proteggere dalle malattie sessualmente trasmissibili.

Sfortunatamente, con il successo del nuovo preservativo di Falloppio sono giunti scrutini e polemiche da parte sia della comunità religiosa che di quella scientifica. Nel 1605, Leonardus Lessius, un teologo cattolico, prese il titolo come il primo prude ad etichettare l'uso del preservativo come immorale.



Un secolo dopo, il medico inglese Daniel Turner lanciò una campagna contro l'uso del preservativo, stranamente, sostenendo che promuovevano il sesso non sicuro incoraggiando gli uomini ad avere molti partner sessuali.

Nonostante le critiche degli oppositori del preservativo, i preservativi fatti con intestini di animali iniziarono a diventare più ampiamente disponibili e potevano essere trovati nei pub e nei negozi di barbiere in tutta Europa e in Asia alla fine del XVIII secolo. A causa della loro natura costosa, però, chi li comprava spesso li riutilizzava. Una pratica che oggigiorno finirebbe quasi sicuramente con il proprio partner sessuale che corre verso la porta.