Come Ernest Shackleton ha guidato la sua squadra attraverso 497 giorni di intrappolamento vicino all'Antartide

Nel 1914 Ernest Shackleton era determinato ad attraversare l'Antartide. Ma quando il ghiaccio ha intrappolato la sua nave Resistenza , la sua missione cambiò istantaneamente dall'esplorazione alla pura sopravvivenza.

Endurance Ship On Ice

Getty ImagesLa nave di Ernest Shackleton, Resistenza , intrappolato nel ghiaccio.

'Dammi Scott per il metodo scientifico, Amundsen per la velocità e l'efficienza, ma quando il disastro colpisce e ogni speranza è svanita, inginocchiati e prega per Shackleton.'



Questa era la valutazione di Sir Raymond Priestley su Ernest Shackleton, l'esploratore dell'Antartide le cui leggendarie avventure durante la sua vita sono diventate ancora più venerate dalla sua morte.



Nel 1914 era troppo tardi per Ernest Shackleton per essere la prima persona a raggiungere il Polo Sud; Roald Amundsen si era guadagnato quell'onore tre anni prima.

Tuttavia, Shackleton continuava a nutrire l'ambizione di avere il suo nome legato per sempre a quel vasto, brutale e bellissimo paesaggio di ghiaccio. Così quell'anno partì per l'Antartide con un nuovo obiettivo: essere il primo uomo ad attraversare l'intero continente e farlo interamente a piedi. 'Dal punto di vista sentimentale, è l'ultimo grande viaggio polare che si può fare', ha dichiarato Shackleton.



Ma come vuole il destino, la nave di Shackleton, la Resistenza , non raggiungerebbe mai il continente ghiacciato. La spedizione di Shackleton fallì, eppure la storia di come i suoi uomini sopravvissero sul ghiaccio per 497 giorni trasformò il Resistenza in uno dei racconti più memorabili di perseveranza e resilienza nella storia.

Le prime spedizioni al Polo Sud di Ernest Shackleton

Ernest Shackleton è nato a Kilkea, in Irlanda nel 1874. Quando la sua famiglia si è trasferita a Londra, un sedicenne Shackleton entrò a far parte della marina mercantile , deludendo le speranze di suo padre che avrebbe seguito le sue orme di medico.

Spinto dal desiderio di esplorare, Shackleton si unì alla spedizione antartica del 1901 guidata da Robert Scott. Shackleton e Scott hanno sfidato temperature sotto lo zero per avvicinarsi al Polo Sud, ma non sono stati all'altezza.



Ernest Shackleton

Archivio Hulton / Getty ImagesEsploratore antartico irlandese Ernest Henry Shackleton. Circa 1910.

Pochi anni dopo, nel 1907, Shackleton ha guidato la sua spedizione al Polo Sud sul Nimrod . Per aiutare il loro viaggio, gli esploratori hanno portato un sacco di farmaci per migliorare le prestazioni, che includevano le pillole 'Forced March', una miscela di cocaina / caffeina da fare quando era necessaria una maggiore resistenza.

Anche se questa spedizione si è avvicinata più di qualsiasi altro tentativo precedente, Shackleton ha deciso di tornare indietro quando era a soli 97 miglia dal polo. Sapeva che essere il primo a raggiungere il palo era nelle sue mani, ma con le scorte in calo, sapeva anche che il ritorno avrebbe significato una morte certa per i suoi uomini.



Abbandonando il suo tentativo, Shackleton avrebbe lasciato tre casse di scotch: “Raro whisky di malto delle Highlands, miscelato e imbottigliato da Chas. Mackinlay & Co. ' - che sarebbe rimasto perso nel permafrost antartico per quasi 100 anni fino a quando non fosse stato recuperato da un team di conservazione della Nuova Zelanda.

Nonostante non sia riuscito a raggiungere la sua destinazione, Shackleton è stato insignito del grado di cavalierato dal re Edoardo VII per i suoi sforzi. Sarebbero passati sei anni prima che Shackleton facesse un altro tentativo per raggiungere il palo.



Il Resistenza : Through The Ice

Sabato 1 agosto 1914, la Germania dichiarò guerra alla Russia e, in poco più di quattro settimane, la prima battaglia di prima guerra mondiale inizierebbe. Questo sarebbe lo stesso sabato in cui Ernest Shackleton ha iniziato il suo viaggio per marciare lungo l'Antartide, lasciandosi alle spalle Londra e il resto del mondo, mentre iniziava la sua fervida marcia verso la morte di massa.

Perce Blackborow e la signora Chippy

Frank Hurley / Scott Polar Research Institute, Università di Cambridge / Getty ImagesMarinaio gallese e clandestino Perce Blackborow e la signora Chippy, la Endurance's gatto.

Shackleton ha chiamato la sua nave Resistenza , prendendo in prestito dal motto della sua famiglia: 'Con la resistenza si vince'.

A bordo della nave da 300 tonnellate, che trasportava vele e un motore a vapore, c'era l'equipaggio di Shackleton composto da 26 uomini, 69 cani da slitta e un gatto soriano tigrato di nome Mrs. Chippy. Alla fine di ottobre, un clandestino gallese Perce Blackborow di 20 anni, naufragato al largo delle coste dell'Uruguay, salì a bordo della Resistenza prima che partisse da Buenos Aires.

Dopo aver scoperto il clandestino tre giorni dopo, Shackleton è volato in una filippica esplosiva. Avvicinandosi alla sua conclusione, Shackleton ringhiò: 'Sai in queste spedizioni spesso siamo molto affamati, e se c'è un clandestino disponibile è il primo a essere mangiato?'

'Ti toglierebbero molta più carne, signore', ribatté Blackborow.

Soffocando un sorriso, Ernest Shackleton mandò il furtivo per incontrare il cuoco della nave e poco dopo lo avrebbe nominato un amministratore della nave.

Nel novembre 1914, il Resistenza raggiunse la Georgia del Sud, un'isola baleniera che fungeva da ultimo porto prima dell'Antartide. I balenieri hanno avvertito Shackleton delle condizioni pericolose nel mare di Weddell. Il pack di ghiaccio insolitamente spesso si estendeva per miglia, il massimo che avessero mai visto. Non ascoltando i loro avvertimenti, Shackleton alla fine decise di andare avanti.

Il 5 dicembre, il Resistenza stabilito. Due giorni dopo, la nave ha colpito il ghiaccio. Per sei settimane, l'equipaggio di Shackleton ha pilotato la nave tra banchi di ghiaccio sciolti.

Ghiaccio intorno alla resistenza

James Francis Hurley / Museo Marittimo NazionaleIl Resistenza , visto attraverso il ghiaccio appena formato.

'Pack-ice potrebbe essere descritto come un gigantesco e interminabile puzzle ideato dalla natura', scrisse in seguito Shackleton in Sud , il suo libro sulla spedizione.

Il ghiaccio ha rallentato il viaggio. Frank Worsley, che era il capitano della nave, scrisse: 'Tutto il giorno abbiamo utilizzato la nave come ariete'.

Nove Mesi Intrappolati Nel Ghiaccio

L'equipaggio del Resistenza non lo sapevo, ma erano a pochi giorni dal disastro. Il 18 gennaio, la nave navigò in una densa banchisa. Ernest Shackleton e Worsley decisero di non usare il loro motore a vapore per passare e aspettarono invece che apparisse un'apertura.

Durante la notte, il ghiaccio si è sigillato intorno alla nave, intrappolandola 'come una mandorla nel mezzo di una barretta di cioccolato', come ha detto un membro dell'equipaggio, e ha trasportato il Resistenza in mare aperto.

Mancavano solo un giorno al loro punto di approdo nel continente. Per i prossimi nove mesi, il Resistenza vagò insieme al lastrone di ghiaccio, incapace di sfuggire al suo intrappolamento.

Frank Hurley, il fotografo della spedizione, scrisse in seguito: 'Com'è triste la prigionia congelata della nostra vita se non per i cani'. Mentre il gatto è rimasto a bordo, i cani si sono trasferiti in “canili di ghiaccio” o “dogloos” costruiti vicino alla nave. Gli uomini hanno sfruttato al meglio la loro situazione. Hanno esercitato i loro cani da slitta, giocato a calcio sul ghiaccio ed esplorato la calotta ghiacciata che li circondava.

Equipaggio di resistenza che gioca a calcio

Frank Hurley / Scott Polar Research Institute, Università di Cambridge / Getty ImagesL'equipaggio gioca a calcio sul lastrone mentre aspetta che il ghiaccio si rompa intorno al Resistenza .

Abbandonando il Resistenza

Con il passare dei mesi, il ghiaccio ha lentamente frantumato la nave. Il 27 ottobre, a quasi un anno dalla partenza da Buenos Aires, gli uomini furono costretti ad abbandonare il Resistenza .

Lasciando il Resistenza dietro, l'equipaggio ha allestito un campo sul ghiaccio, soprannominato 'Ocean Camp'. Ernest Shackleton si assicurò che i marinai ricevessero i sacchi a pelo più caldi, mentre lui e gli ufficiali presero quelli più drappeggiati. Dormivano sul ghiaccio in tende di lino sottili - così magre che i marinai potevano spiare la luna attraverso il tessuto delle tende.

'È al di là del concepimento, anche per noi, che stiamo dimorando su una colossale zattera di ghiaccio, con solo un metro e mezzo d'acqua che ci separa da 2.000 braccia di oceano, e alla deriva sotto i capricci del vento e delle maree, al cielo sa dove, 'Hurley ha scritto nel suo diario.

Ricordando quella prima notte sul ghiaccio, il capitano Worsley scriveva: “Ricordo di essermi chiesto perché la gente aveva sempre immaginato l'Inferno come un posto caldo. Ero certo che se ci fosse stato un posto simile sarebbe stato freddo - freddo come il mare di Weddell, freddo come il ghiaccio che sembrava destinato a diventare la nostra tomba '.

Affondamento della resistenza

Royal Geographic SocietyIl Resistenza affondando nel ghiaccio.

Tre giorni dopo, mentre gli uomini si preparavano a marciare verso terra, Shackleton decise di eliminare dalla spedizione qualsiasi ingombro non necessario. Come dimostrazione ai suoi uomini, lasciò il suo orologio d'oro e una Bibbia regalatagli dalla regina consorte del Regno Unito.

Uno dei suoi uomini, Thomas McLeod, un devoto cattolico, raccolse le Scritture e le tenne segrete, pensando che fosse sfortuna fare altrimenti.

Il settembre precedente, la nave si era voltata verso la signora Chippy dopo che il gatto era saltato in mare. La signora Chippy era rimasta bloccata nelle gelide acque dell'oceano per ben 10 minuti prima che l'equipaggio fosse in grado di salvare l'animale. Ma nuove circostanze hanno portato nuove priorità; Shackleton ha fatto sparare a tre dei cuccioli più giovani insieme al gatto.

La signora Chippy era appartenuta a Henry 'Chippy' McNish, il falegname della nave, che a 40 anni era il membro più anziano dell'equipaggio, un vedovo due volte e un socialista per tutta la vita che detestava le parolacce.

Alcuni giorni dopo l'omicidio del suo gatto, McNish ha tentato di organizzare un piccolo ammutinamento contro Shackleton, sostenendo che gli articoli della nave non erano più applicati dopo l'abbandono della nave e quindi non doveva più seguire gli ordini di Shackleton.

Con la pistola pronta, Shackleton ha minacciato di sparare a McNish. Il falegname cedette, ma Shackleton in seguito scrisse nel suo diario: “Tutti lavorano bene tranne il falegname. Non lo dimenticherò mai in questo periodo di tensione e stress. '

Gli uomini sono sfuggiti al Resistenza con tutto il cibo che potevano rimorchiare, sarebbe bastato solo per quattro settimane.

'Alcune scatole di biscotti dell'esercito imbevuti di acqua di mare sono state distribuite durante un pasto', ha scritto Shackleton. 'Erano in uno stato tale che non sarebbero stati guardati una seconda volta in circostanze normali.'

Con la loro scorta di cibo esaurita, hanno iniziato a cacciare pinguini e foche. Una volta attaccato da una foca leopardo, Frank Wild, il successivo al comando di Shackleton, ha sparato all'animale e ha scoperto una moltitudine di pesci non digeriti nelle sue viscere, consentendo un delizioso banchetto condiviso da tutto l'equipaggio.

Per celebrare il giorno bisestile, gli uomini avevano tre pasti completi. Orde-Lees, l'esperto di motori dell'equipaggio e futuro appassionato di paracadutisti diventato scalatore del Monte Fuji, ha esposto le specifiche:

quali sono i nomi dei sette peccati capitali?

'Per colazione abbiamo mangiato bistecche di foca grandi e tenere e un cucchiaio di cipolla secca fritta ciascuno ... Pranzo: fegato di pinguino, un bannock cane-pemmican ciascuno, un quarto di una scatola di Lax (salmone affumicato in olio) ciascuno e una pinta di latte scremato. Cena: uno stufato a base di carne di foca a cui sono state aggiunte sei lattine da 1 lb di stufato irlandese e una di lepre in salmì, che tenevamo da settimane appositamente per questa occasione. '

Entro la fine di marzo, più di un anno dopo essere rimasti intrappolati sul ghiaccio, gli uomini erano stati costretti a mangiare tutti i loro cani da slitta. A peggiorare le cose, il ghiaccio sotto il loro accampamento si era diradato; si spezzerebbe in qualsiasi momento.

Spedizione di Shackleton

Archivio Hulton / Getty ImagesI membri della spedizione di Shackleton trascinano una scialuppa di salvataggio sul ghiaccio dopo aver perso la loro nave.

Il 9 aprile 1916 l'equipaggio, ancora 28 uomini compreso Shackleton, salì su tre scialuppe di salvataggio che avevano salvato dal Resistenza . Lasciarono il ghiaccio, navigando verso un minuscolo e arido pezzo di terra chiamato Elephant Island. Dopo sette giorni in mare, l'equipaggio ha finalmente raggiunto la terraferma per la prima volta in 16 mesi.

800 miglia in una scialuppa di salvataggio

Nessuno sapeva che Ernest Shackleton e il suo equipaggio erano intrappolati su Elephant Island. Di fronte a una possibile morte, Shackleton ha scommesso su un altro viaggio per mare: di nuovo verso la Georgia del Sud.

Il viaggio era di 800 miglia e aveva solo una scialuppa di salvataggio, la James Caird . Il Caird La navigabilità era stata mantenuta dagli sforzi di McNish. Aveva calafatato la barca con una miscela di farina, pittura ad olio e sangue di foca. Ha sollevato i parapetti della nave per renderla più sicura in alto mare.

Di fronte a bufere di neve, mari in tempesta e probabilità inimmaginabili, Shackleton e altri cinque uomini si mettono in viaggio.

Partito lasciato alle spalle su Elephant Island

Hurley / Scott Polar Research Institute, Università di Cambridge / Getty ImagesGli uomini lasciati a Elephant Island quando Ernest Shackleton e altri cinque partirono sul James Caird .

Frank Wild è stato lasciato al comando del gruppo lasciato indietro. “Abbiamo fatto loro tre calorosi applausi e abbiamo visto la barca diventare sempre più piccola in lontananza. Poi, vedendo una parte della festa in lacrime, li ho immediatamente messi tutti al lavoro. '

Navigando ininterrottamente per due settimane e mezzo, i sei a bordo della James Caird soffriva di piaghe sanguinanti e bolle d'acqua salata; erano tutti congelati a livelli diversi e continuamente bagnati. Frank Worsley ha cercato di tracciare una rotta utilizzando un sestante e nessun punto di riferimento. Durante il periodo di 17 giorni, Worsley ha potuto eseguire solo quattro letture del sestante.

Se la James Caird la mancanza della Georgia del Sud, avrebbe condannato il loro equipaggio di sei persone e le vite degli uomini lasciati a Elephant Island.

Il 5 maggio, la catastrofe incombeva. Shackleton ha scritto:

“Ho chiamato gli altri uomini che il cielo si stava schiarendo, e poi un attimo dopo ho capito che ciò che avevo visto non era una spaccatura nelle nuvole ma la cresta bianca di un'enorme onda. Durante ventisei anni di esperienza dell'oceano in tutti i suoi stati d'animo non avevo incontrato un'onda così gigantesca. Era un potente sconvolgimento dell'oceano, qualcosa di completamente diverso dai grandi mari ricoperti di bianco che erano stati nostri instancabili nemici per molti giorni. Ho gridato: 'Per l'amor di Dio, resisti! ci ha presi. 'Poi arrivò un momento di suspense che sembrava prolungarsi in ore. Il bianco sollevava la schiuma del mare che si infrangeva intorno a noi. Abbiamo sentito la nostra barca sollevarsi e lanciarsi in avanti come un tappo di sughero che si infrangeva. Eravamo in un caos ribollente di acque torturate; ma in qualche modo la barca sopravvisse, mezzo piena d'acqua, cedendo al peso morto e tremando sotto il colpo. Ci siamo salvati con l'energia degli uomini che lottano per la vita, gettando l'acqua oltre i lati con ogni ricettacolo che ci è capitato tra le mani, e dopo dieci minuti di incertezza abbiamo sentito la barca rinnovare la sua vita sotto di noi '.

Il 10 maggio 1916, il James Caird hit land - Georgia del Sud. Soprannominato un miracolo della navigazione, il viaggio di 800 miglia è stato definito il più grande viaggio in barca mai realizzato.

La missione di salvataggio

La missione di salvataggio di Ernest Shackleton non era finita. La scialuppa di salvataggio era atterrata sulla sponda occidentale disabitata dell'isola della Georgia del Sud; raggiungere la stazione baleniera sul lato orientale dell'isola richiederebbe un'escursione a piedi.

'La fase finale del viaggio doveva ancora essere tentata', ha scritto Shackleton. “Sull'isola degli elefanti 22 uomini stavano aspettando il sollievo che noi soli avremmo potuto garantire loro. La loro situazione era peggiore della nostra. Dobbiamo andare avanti in qualche modo. '

Shackleton, Worsley e un altro uomo, Tom Crean, si prepararono a lasciarsi alle spalle gli altri tre uomini e fare un'escursione per oltre 20 miglia di terra inesplorata piena di montagne e ghiacciai. Portarono razioni per tre giorni; altro sarebbe stato un peso eccessivo per l'ultima tappa del loro viaggio. McNish ha preso le viti di ottone dal Caird e li ha apposti come punte alle scarpe dei tre.

Dopo aver marciato per 36 ore consecutive, i tre uomini - cenciosi, stravolti e imbrattati di fuliggine di grasso - raggiunsero finalmente la comunità baleniera il 20 maggio 1916. Quando Shackleton disse al direttore della stazione chi era, una baleniera a portata d'orecchio iniziò a piangere.

Shackleton ha quindi dovuto trovare una nave per tornare a Elephant Island. Eppure il ghiaccio ancora una volta ha reso impossibile raggiungere la sua destinazione in Antartide. Per mesi Shackleton ha effettuato diversi tentativi di salvataggio, tutti falliti.

Shackleton era preoccupato: 'Se mi succede qualcosa mentre quei tipi mi stanno aspettando, mi sentirò un assassino'.

Shackleton salva gli uomini

Library of Congress / Corbis / VCG tramite Getty ImagesShackleton guida un tentativo di salvataggio per i suoi uomini bloccati a Elephant Island.

Alla fine, al suo quarto tentativo, Shackleton raggiunse Elephant Island. Era il 30 agosto 1916: erano passati quattro mesi da quando se n'era andato.

Quando la missione di salvataggio ha individuato Elephant Island, Shackleton ha tirato fuori il binocolo, contando gli uomini sulla spiaggia. 'Sono tutti lì!' lui pianse.

Il alba

Ernest Shackleton e il suo equipaggio tornarono a Londra nell'ottobre 1916, più di due anni dopo la partenza. Ogni singolo membro dell'equipaggio del Resistenza era sopravvissuto.

Ma un'altra nave doveva ancora tornare; il alba era salpato anche nell'agosto del 1914, incaricato di fornire cibo e rifornimenti di carburante per il previsto viaggio di Shackleton attraverso l'Antartide.

Dieci membri del alba L'equipaggio, il Ross Sea Party, lasciò la nave e marciò per 1.561 miglia attraverso le terre desolate dell'Antartide, lasciando rifornimenti a Shackleton e ai suoi uomini, a volte sopportando venti di bufera di neve che precipitavano a -92 gradi Fahrenheit.

Con il passare del tempo, l'approvvigionamento alimentare del partito iniziò a scarseggiare; disperati, gli husky della squadra hanno divorato le loro imbracature in pelle e metallo. Uno per uno, tutti tranne tre dei 26 cani morirono di stress e fame.

Il alba essa stessa fu portata in mare da una tempesta e intrappolata nel ghiaccio dal maggio 1915 al marzo 1916, lasciando la squadra di 10 a terra. Dopo che il ghiaccio si è finalmente sciolto, il file alba è stato in grado di spostarsi e rifornirsi in Nuova Zelanda. La nave non sarebbe stata in grado di salvare il Ross Sea Party fino al 10 gennaio 1917.

Quando uno degli arenati, Andrew Keith Jack, si rese conto che una nave si stava avvicinando, pianse 'lacrime di gioia' credendo che la notizia fosse 'troppo bella per essere vera'. A bordo del alba era lo stesso Shackleton; presto scoprì che tre dei 10 erano morti, compreso il capitano della nave, Aeneas Mackintosh, che aveva navigato con Shackleton nel 1907 Nimrod spedizione.

Il biografo Hugh Robert Mill ha scritto che il cuore di Shackleton 'era pesante dentro di lui per scoprire che il disastro era accaduto a questa sezione della sua spedizione, sebbene fosse anche pieno di orgoglio, per il modo in cui il lavoro per cui erano stati inviati era stato svolto'.

L'eredità di Shackleton e del Resistenza

La Polar Medal, conferita dal Regno Unito, viene assegnata a coloro che hanno ottenuto risultati significativi nel regno dell'esplorazione polare.

Quando a Ernest Shackleton è stato chiesto di presentare un elenco di destinatari del Resistenza e alba equipaggi per il premio, ha elencato tutti tranne tre pescherecci e Henry McNish. Fedele alla sua parola, Shackleton non ha mai perdonato McNish per l'insubordinazione che ha mostrato sul lastrone di ghiaccio nel 1915.

Shackleton avrebbe continuato a ricevere più medaglie e premi di qualsiasi altro esploratore polare prima o dopo; McNish non avrebbe ricevuto nulla.

Proprio come quasi tutti i membri dell'equipaggio di Shackleton hanno ricevuto una medaglia polare, così quasi tutti si sono uniti allo sforzo bellico durante la prima guerra mondiale; due sono stati uccisi in guerra.

Quest dal London Bridge

Rivista popolare di meccanicaL'ultimo viaggio di Ernest Shackleton in Antartide con il Ricerca .

Nel 1921, Shackleton ancora una volta partì per l'Antartico, sperando ancora di raggiungere il Polo Sud. Quando il gruppo ha raggiunto Rio de Janeiro, Shackleton ha subito quello che probabilmente era un attacco di cuore, ma ha rifiutato una visita medica.

Quando raggiunsero la Georgia del Sud il 4 gennaio 1922, le condizioni di Shackleton erano peggiorate. Al suo capezzale quella notte c'era Alexander Macklin, il medico della nave. Shackleton gli disse: 'Vuoi sempre che rinunci alle cose, a cosa dovrei rinunciare?'

'Principalmente alcol, capo, non credo che sia d'accordo con te', ha risposto Macklin. Poco dopo lo scambio, Shackleton ha avuto un altro attacco di cuore ed è morto improvvisamente intorno alle 2:50 del mattino del 5 gennaio, poco più di un mese prima del suo 48 ° compleanno. Shackleton fu sepolto nella Georgia del Sud.

Per quanto riguarda McNish, è stato lasciato incapace di lavorare a causa di un infortunio e ha dovuto dormire in un capannone del molo e sopravvivere con una raccolta mensile fornita dai lavoratori del molo. Alla fine ha preso residenza in una casa di riposo di beneficenza. Mentre la sua morte si avvicinava nel 1930, McNish fu avvicinato da uno storico dell'Antartide, che disse: 'Rimase sdraiato lì a ripetere più e più volte:' Shackleton ha ucciso il mio gatto ''.

McNish ricevette un funerale navale e fu sepolto nella tomba di un povero in Nuova Zelanda. Nel 1959, la New Zealand Antarctic Society, lo stesso gruppo che avrebbe recuperato il whisky abbandonato di Shackleton quasi 50 anni dopo, eresse una lapide sulla tomba del falegname, scrivendo male il suo nome come 'McNeish'. Nel 2004 è stata aggiunta alla tomba una statua in bronzo della signora Chippy.

Nel Sud , Shackleton riassume il Resistenza spedizione in quanto tale:

“Di ricordi eravamo ricchi. Avevamo trafitto il rivestimento delle cose esterne. Avevamo 'sofferto, affamato e trionfato, umiliato ma aggrappato alla gloria, cresciuto nella grandezza del tutto'. Avevamo visto Dio nei Suoi splendori, ascoltato il testo che la Natura rende. Avevamo raggiunto l'anima nuda degli uomini '.


Il viaggio di Ernest Shackleton non ha mai raggiunto la sua destinazione, ma ha comunque fatto la storia. Quindi, leggi di altri esploratori che hanno cambiato il mondo e poi controlla foto d'epoca di spedizioni in Antartide .