Come Mark David Chapman è passato dal superfan dei Beatles al killer di John Lennon

L'8 dicembre 1980, Mark David Chapman divenne per sempre famoso come l'uomo che uccise John Lennon. Ecco perché ha premuto il grilletto.

Mark David Chapman

Dominio pubblicoDopo aver ucciso John Lennon nel 1980, Mark David Chapman decise di non presentare una dichiarazione di follia e si dichiarò invece colpevole dell'omicidio. Oggi esprime rimorso per la morte di John Lennon.

L'8 dicembre 1980, Mark David Chapman divenne per sempre famoso come l'uomo che uccise John Lennon. Sebbene sia stato rapidamente arrestato, l'assassino di John Lennon ha causato un dolore incommensurabile ai cari dell'ex Beatle e ai suoi milioni di fan adoranti.



Con una dolorosa ironia, Lennon si era goduto la sua vita relativamente tranquilla a New York negli anni '70. Desideroso di sfuggire alla folla impazzita che lo affliggeva in Inghilterra, si è trasferito in un condominio storico chiamato The Dakota con sua moglie, l'artista d'avanguardia Yoko Ono. E gli piaceva il cambio di scenario.



'Le persone vengono e chiedono autografi, o dicono 'Ciao', ma non ti danno fastidio', ha detto Lennon al BBC .

Lennon non sapeva che un uomo che gli avesse chiesto il suo autografo sarebbe risultato essere il suo assassino. In quel fatidico giorno del 1980, Mark David Chapman si avvicinò a Lennon fuori dal suo appartamento e gli chiese di firmare un album. Lennon obbedì, pensando di essere solo un altro fan.



Quando Lennon tornò a casa verso le 23:00. quello stesso giorno, non sapeva che Chapman lo avrebbe ancora aspettato. E questa volta, voleva qualcosa di molto più sinistro di un autografo. Prima che Lennon sapesse cosa stava succedendo, Chapman gli sparò quattro proiettili a punta cava nella schiena. Lennon è stato portato d'urgenza in ospedale, ma era morto all'arrivo.

Quattro decenni dopo la morte di John Lennon, le domande sul suo assassino e su ciò che lo ha motivato rimangono le parti più oscure e misteriose della storia dell'ex Beatle. Allora chi era Mark David Chapman? Perché è diventato l'assassino di John Lennon? E cosa lo ha spinto a decidere di uccidere una persona che era tutta una questione di pace?

Come Mark David Chapman è diventato il killer di John Lennon

John Lennon e Yoko Ono

Bettmann / Getty ImagesYoko Ono afferma di aver visto il fantasma di John Lennon al Dakota sin dal suo omicidio nel 1980.



Mark David Chapman è nato il 10 maggio 1955 a Fort Worth, in Texas. Suo padre, il sergente dello staff dell'Aeronautica Militare degli Stati Uniti, David Chapman, abusava fisicamente di sua madre, che lavorava come infermiera.

In un'intervista con il giornalista James R. Gaines, Chapman ha spiegato : “L'avrebbe picchiata. Mi svegliavo sentendo mia madre gridare il mio nome, e mi spaventava il fuoco, e correvo lì dentro, alzavo i pugni e lo facevo andare via. A volte penso di averlo allontanato. '

Nei mesi prima di sparare a Lennon, Chapman aveva effettivamente considerato di uccidere suo padre.



Come ha detto Chapman: 'Stavo per volare ad Atlanta, irrompere in casa ed entrare nella stanza [di mio padre], avvicinargli la pistola e dirgli cosa pensavo di lui. E avrebbe pagato per quello che stava facendo a mia madre ... stavo per fargli saltare la testa '.

Ma quel piano non è mai stato realizzato. Nemmeno i suoi piani di uccidere altre celebrità, tra cui un altro ex Beatle, Paul McCartney, Jacqueline Kennedy Onassis, Elizabeth Taylor, Johnny Carson, George C. Scott e Ronald Reagan.



Allora cosa ha portato Chapman a diventare l'uomo che ha sparato a John Lennon?

John Lennon e Tom Snyder

Wikimedia CommonsTom Snyder intervista John Lennon su Domani nel 1975, l'ultima volta che è stato intervistato in TV.

Quando Chapman aveva solo 14 anni, aveva già iniziato a usare droghe e saltava regolarmente la scuola. Ha affermato di essere stato vittima di bullismo da altri bambini, ed è per questo che ha avuto così tante assenze, incluso un periodo di due settimane in cui ha vissuto per le strade di Atlanta.

Stranamente, l'uomo che ha sparato a John Lennon era sempre stato un fan dei Beatles e anche una volta dopo un lungo viaggio con l'LSD aveva detto a un amico che credeva di essere diventato Lennon.

'Ho sempre voluto essere un Beatle', ha detto. 'Ho sempre pensato, amico, come sarebbe essere un Beatle?'

Ma un'intervista del 1966 con il London Evening Standard , in cui Lennon proclamava che il suo gruppo era diventato 'più popolare di Gesù', inasprì l'adorazione di Chapman per Lennon. L'amico del liceo Miles McManus ha ricordato che Chapman ha cambiato le parole di 'Imagine' in 'Imagine if John were dead'.

Dopo essere diventato un presbiteriano rinato nel 1971 e aver lavorato come consulente di un campo estivo in Georgia, Chapman lesse J.D. Salinger Il cacciatore nella segale . Si sentiva particolarmente attratto dal protagonista del romanzo, Holden Caulfield.

'Mi sono davvero identificato con lui', ha detto Chapman a Gaines durante una visita all'Attica Correctional Facility tre anni dopo la morte di John Lennon. 'La sua situazione, la sua solitudine, la sua alienazione dalla società.'

PER CNN intervista con l'ex ufficiale del NYPD Steve Spiro, che ha arrestato Chapman.

Nel 1977, Chapman si trasferì alle Hawaii e alla fine cadde in una profonda depressione. Ciò avrebbe portato a un tentativo di suicidio fallito prima che Chapman incontrasse Gloria Abe, un'agenzia di viaggi che sposò due anni dopo.

Gaines ha affermato che dopo che Chapman ha letto Anthony Fawcett John Lennon: un giorno alla volta nel 1980, 'l'ossessione decennale di Chapman per i Beatles si è trasformata in un odio per John Lennon in particolare'.

Chapman credeva che Lennon fosse 'un poser' che 'abbracciava virtù e ideali che non praticava'. A ottobre Chapman aveva lasciato il suo lavoro di guardia di sicurezza, uscendo come John Lennon nel suo ultimo giorno. Quindi, si è preparato a fare un viaggio fatale a New York City.

La notte della morte di John Lennon

John Lennon e Mark David Chapman

Paul GoreshJohn Lennon firma un autografo per il suo assassino poche ore prima della sua morte.

L'8 dicembre 1980, il venticinquenne Chapman lasciò il suo hotel e acquistò una copia del romanzo di Salinger. Nel libro, ha scritto , 'Questa è la mia dichiarazione.' Lo firmò 'Holden Caulfield' prima di dirigersi al Dakota e aspettare all'ingresso tutto il giorno. Alle 17 Lennon e Ono uscirono e Chapman chiese un autografo.

'È stato molto gentile con me', ha detto Chapman. “Ironia della sorte, molto gentile ed è stato molto paziente con me. La limousine stava aspettando ... e si è preso il suo tempo con me, ha messo in moto la penna e ha firmato il mio album. Mi ha chiesto se avevo bisogno di qualcos'altro. Ho detto no. No, signore. 'E se ne andò. Uomo molto cordiale e perbene. '

Quando la coppia è tornata intorno alle 22:50, il portiere di Dakota Jose Perdomo ha visto Chapman in piedi vicino all'arco nell'ombra.

'Quando la macchina si è fermata e Yoko è scesa, qualcosa nella mia mente era 'Fallo, fallo, fallo'', ha detto Chapman. 'Sono sceso dal marciapiede, camminato, girato, ho preso la pistola e solo boom, boom, boom, boom, boom.'

Pistola usata da John Lennon

Jack Smith / NY Daily News Archive / Getty ImagesIl revolver Charter Arms .38 Special usato dall'assassino di John Lennon.

Chapman ha sparato cinque colpi dal suo revolver Charter Arms .38 Special, con uno mancante e colpendo una finestra. Il resto ha colpito Lennon alla schiena e alla spalla, perforandogli sia l'arteria succlavia che il polmone. Lennon barcollò verso la reception scioccato, urlando: 'Mi hanno sparato!'

'Ero congelato, in piedi lì congelato e la pistola era appesa al mio fianco, ancora nella mia mano', ha detto Chapman, fino a quando Perdomo ha fatto una mossa. “Mi ha scosso la pistola dalla mano e ha calciato la pistola sul marciapiede. Mi ha scosso dal mio shock. '

Sebbene pienamente consapevole di ciò che aveva fatto, l'uomo che ha sparato a John Lennon ha aspettato pacificamente sulla scena finché gli agenti non lo hanno arrestato. I suoi avvocati pianificarono immediatamente una difesa per follia e lo trasferirono all'ospedale Bellevue per essere esaminato dagli psichiatri di entrambe le parti del processo imminente.

Nella mente dell'uomo che ha ucciso John Lennon

Il Dakota dopo John Lennon

Keystone / Getty ImagesIl primo gruppo di persone in lutto si riunisce fuori dal Dakota dopo aver appreso la tragica notizia della morte di John Lennon.

La prosecuzione avrebbe affermato che Chapman aveva 'commesso un'esecuzione deliberata e premeditata di John Lennon e ha agito in modo freddo, calmo e calcolato'.

Anche se la difesa ha sostenuto che l'assassino di John Lennon era 'delirante e psicotico', lo stesso Chapman ha detto di rifiutarlo e di non aver commesso l'omicidio 'a causa di una malattia mentale o di un difetto'.

Quando gli è stato chiesto perché avesse usato proiettili a punta cava nel crimine, ha semplicemente risposto: 'Per garantire la morte di Lennon'.

Chapman ha detto ad Allen F. Sullivan dell'ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan che aveva sentito voci che gli dicevano di uccidere Lennon - e che era sia sua che volontà di Dio.

L

Bettmann / Getty ImagesMark David Chapman nasconde la sua faccia mentre la polizia lo scorta all'ospedale Bellevue dopo un'udienza in tribunale.

Sebbene gli esperti abbiano concluso nei mesi precedenti il ​​processo che Chapman fosse uno psicotico, uno schizofrenico paranoico o entrambi, è stato ritenuto competente per affrontare il processo. Alla fine, Chapman ha annullato i suoi stessi avvocati e ha deciso di dichiararsi colpevole e rinunciare alla richiesta di follia.

quali materiali sono composti di dna

L'assassino di John Lennon è stato condannato a 20 anni di vita il 24 agosto 1981. Dopo essere stato messo dietro le sbarre, l'uomo che ha sparato a John Lennon ha rivalutato il suo orribile crimine ed ha espresso rammarico per la morte di John Lennon.

Mark David Chapman oggi

Larry King intervista Mark David Chapman nel dicembre 1992.

Oggi, Chapman sta scontando la sua pena presso il Wende Correctional Facility di Alden, New York.

Gli è stata negata la libertà sulla parola per l'undicesima volta nell'agosto 2020. Per ogni udienza sulla libertà vigilata, Yoko Ono ha inviato una lettera personale esortando il consiglio a tenere dietro le sbarre l'assassino di John Lennon.

Il suo primo tentativo di libertà condizionale nel 2000 è stato negato in parte perché il consiglio riteneva che Chapman avesse un interesse continuo a 'mantenere la [sua] notorietà'.

Mark David Chapman

Dominio pubblicoMark David Chapman intorno al 2010. La sua undicesima udienza sulla libertà vigilata è stata negata nell'agosto 2020.

Dopotutto, Chapman aveva precedentemente affermato di aver ucciso Lennon per notorietà. E nel 2010, ha detto: 'Ho sentito che uccidendo John Lennon sarei diventato qualcuno, e invece sono diventato un assassino, e gli assassini non sono qualcuno'. Ha anche detto di aver scelto Lennon perché 'mi sembrava più accessibile' di altre star.

È stato nel 2014 che Mark David Chapman ha detto a una commissione per la libertà vigilata: 'Mi dispiace di essere stato un tale idiota e di aver scelto la via sbagliata per la gloria', e che Gesù 'mi ha perdonato'. Impassibile, il consiglio ha sostenuto che Chapman non sarebbe stato in grado di 'rimanere in libertà senza violare nuovamente la legge'.

Memoriale di John Lennon

Wikimedia CommonsLe rose sono collocate a Strawberry Fields, un memoriale di Central Park dedicato a John Lennon nel 1985.

L'uomo che ha sparato a John Lennon ha da allora descritto le sue azioni come 'premeditate, egoiste e malvagie'.

'Ero troppo in là', ha ricordato Chapman durante la sua udienza sulla libertà vigilata del 2018. 'Ricordo di aver pensato, ehi, ora hai l'album, guarda questo, l'ha firmato, vai a casa, ma non avrei potuto tornare a casa.'


Dopo aver appreso di Mark David Chapman, l'uomo che ha ucciso John Lennon, leggi questi 21 fatti sorprendenti di John Lennon . Quindi, impara la storia completa dell'assassinio di Martin Luther King Jr. .