Imperativo ipotetico

Imperativo ipotetico , nell'etica del filosofo tedesco del XVIII secolo Immanuel Kant , una regola di condotta che si intende applicarsi a un individuo solo se desidera un determinato fine e ha scelto (voleto) di agire in base a tale desiderio. Sebbene ipotetico imperativi possono essere espressi in vari modi, la loro forma logica di base è: Se lo desideri X (o no X ), dovresti (o non dovresti) fare . La condotta sollecitata in un ipotetico imperativo può essere uguale o diverso da quello comandato da un convenzionale morale legge. Ad esempio: se vuoi essere attendibile, dovresti sempre dire la verità; Se vuoi diventare ricco, dovresti rubare ogni volta che puoi farla franca; e se vuoi evitare il bruciore di stomaco, non dovresti mangiare la capsaicina. Gli imperativi ipotetici sono contrapposti agli imperativi categorici, che sono regole di condotta che, per la loro forma: Fare (o non fare) -si intendono applicabili a tutti gli individui, indipendentemente dai loro desideri. Esempi corrispondenti a quelli di cui sopra sono: dire sempre la verità; Ruba ogni volta che puoi farla franca; e non mangiare capsaicina. Per Kant c'è un solo imperativo categorico nel regno morale. Tuttavia, l'ha formulata in due modi: Agire solo secondo quella massima per cui si può nello stesso tempo volere che diventi una legge universale e agire in modo da trattare l'umanità... sempre come fine, e mai solo come mezzo . Guarda anche imperativo categorico ; Immanuel Kant: The Critica della ragion pratica ; ed Etica: La tradizione continentale da Spinoza a Nietzsche: Kant.

i sette peccati capitali nella Bibbia