Immurement: una storia di murato nel terrore e nella crudeltà

La storia dietro una delle forme più crudeli di pena capitale, l'impronta, dai tempi antichi ad alcuni resoconti sorprendentemente recenti.

Immissione di una suora

Wikimedia CommonsUna rappresentazione dell'imprigionamento di una suora, 1868.

“Ho ripreso la cazzuola e ho finito senza interruzione il quinto, il sesto e il settimo livello. Adesso il muro era quasi all'altezza del mio petto. Mi fermai di nuovo e, tenendo i flambeaux sopra l'opera da muratore, lanciai alcuni deboli raggi sulla figura all'interno. '



Nel 1846, il racconto di Edgar Allan Poe La botte di Amontillado ha consegnato ai lettori un racconto agghiacciante di omicidi veramente sadici. Il pezzo di Poe racconta la storia di un uomo che racconta a un amico di come si è vendicato di un ex conoscente attirandolo nelle catacombe con la promessa di una botte di vino molto pregiata. Il narratore della storia descrive quindi come ha incatenato il suo nemico al muro e ha proceduto a sigillarlo nella sua tomba con mattoni e malta, lasciandolo morire di una morte miserabile all'interno.



Il mezzo di omicidio descritto dal narratore di Poe è noto come immissione, una forma di punizione terribilmente crudele in cui la vittima viene essenzialmente sepolta viva e lasciata soffocare o contorcersi in agonia fino a quando la fame e la disidratazione non portano alla morte.

La pratica crudele è stata tipicamente eseguita chiudendo l'anima sfortunata in una sorta di scatola simile a una bara o, in altri casi, sigillandola in un muro o in un'altra struttura di qualche tipo.



La storia dell'impronta è senza dubbio, un punto nero sulla linea temporale dell'umanità e risale a secoli fa con esempi della pratica che si trovano in quasi tutti i continenti.

qual è la carica elettrica di un elettrone?

L'imposizione era tipicamente usata come una forma di pena capitale, in cui l'accusato veniva giudicato colpevole di qualche crimine e una morte lenta era la giustizia emessa. Il secondo uso dell'imprigionamento, sebbene altrettanto orribile e crudele ma forse anche più inquietante, era nel sacrificio umano, di solito per portare fortuna a coloro che facevano il sacrificio.

Altrimenti, uno dei primi usi dell'impero risale all'Impero Romano, quando veniva usato come punizione per una classe di sacerdotesse note come Vergini Vestali. Le Vestali erano ragazze di rispettate famiglie romane e considerate prive di difetti mentali e fisici. Avevano fatto un rigido voto di celibato e si erano impegnati a badare a un fuoco sacro in onore Vesta , la dea della casa e della famiglia.



Se una Vestale avesse infranto il suo voto di celibato, sarebbe stata punita con la morte e sepolta in città. Tuttavia, spargere il sangue di una Vestale era proibito e secondo la legge romana, nessuno doveva essere sepolto all'interno della città, il che significava che i romani dovevano diventare creativi.

Dopo essere stato condannato dal collegio dei pontifici, a I carnefici di Vestal preparava per lei una piccolissima volta nel terreno, di solito contenente un lettino e una piccola quantità di cibo e acqua. La Vestale sarebbe stata condotta nel caveau dove sarebbe stata lasciata morire.

Punizioni in modo simile venivano anche inflitte nel Medioevo dalla Chiesa cattolica romana a monache o monaci che avevano infranto un voto di castità o espresso idee eretiche.



A differenza delle Vergini Vestali, queste monache e monaci vergognosi dovevano essere sigillati in una tomba non per morire entro pochi giorni, ma invece per vivere una vita leggermente più lunga di completo isolamento. Conosciuto come 'vade in pacem' o 'vai in pace', il punito sarebbe andato senza alcun tipo di contatto o vista con il mondo esterno, avendo solo il cibo lasciato cadere attraverso una piccola apertura.

Immissione di una donna mongola

Stéphane Passet / Wikimedia CommonsUna donna mongola condannata a morire di prigionia, 1913.



Sebbene sia conveniente liquidare una pena capitale così tortuosa come pratica di un lontano passato, l'impronta è stata usata molto più recentemente di quanto tu possa immaginare. Resoconti di acquisti recenti fino all'inizio del XX secolo sono stati notati in Mongolia e in quello che allora era l'impero persiano (ora Iran).

Uno dei primi resoconti di immissione in Persia risale al XVII secolo da un mercante di gemme, Jean Baptiste Tavernier, che notò tombe di pietra nelle pianure con ladri racchiusi nella pietra fino al collo. Tavernier ha scritto che gli uomini furono lasciati con la testa esposta 'non per gentilezza, ma per esporli alla ferita del tempo e agli assalti degli uccelli rapaci'.

Nel suo libro Dietro il velo in Persia e Arabia turca , viaggiatore M. E. Hume-Griffith ha scritto di viaggiare in Persia tra il 1900 e il 1903 e le inquietanti immagini e suoni di uomini sigillati e lasciati morire in colonne di pietra:

'Un altro triste spettacolo da vedere a volte nel deserto, sono i pilastri di mattoni in cui una sfortunata vittima è murata viva ... Gli uomini murati in questo modo sono stati sentiti gemere e chiamare l'acqua alla fine di tre giorni.'

Simili casi di punizione tramite immissione sono stati documentati in Mongolia solo nel 1914, con persone rinchiuse in casse di legno che impedivano loro di sedersi o sdraiarsi comodamente. Solo un piccolo foro potrebbe consentire loro di spingere fuori la testa o le braccia per prendere qualsiasi cibo o acqua che un misericordioso boia potrebbe offrire.

Botte Di Amontillado Immurement

Arthur Rackham / Wikimedia CommonsUn'illustrazione del 1935 raffigurante l'immissione descritta in 'The Cask of Amontillado' .

Per quanto snervante sia l'impronta, il suo uso come mezzo di sacrificio umano nella costruzione di edifici è forse ancora più inquietante. In alcune parti d'Europa, ci sono storie e ritrovamenti di corpi sepolti in edifici e ponti risalenti al Medioevo. Vari canti popolari attestano questo uso dell'impronta come sacrificio umano per porre rimedio a problemi in un progetto di costruzione o per conferirgli forza.

Uno di questi esempi è il poema serbo ' La costruzione di Skadar “, Che descrive un operaio che ha dovuto murare la sua sposa nella costruzione di una fortezza.

qual è la differenza tra bufalo e bisonte?

Tuttavia, la cosa più inquietante era l'uso riferito dell'impronta in Germania in cui i bambini venivano occasionalmente usati come sacrifici umani con l'idea che l'innocenza di un bambino avrebbe reso invincibili le fondamenta di un castello.

Uno in particolare orribile esempio è quella che coinvolge il castello di Burg Reichenstein. Durante la ricostruzione del castello già di 400 anni a metà del XVI secolo, il nobile Christoph von Haim fu assassinato da un contadino che affermava che von Haim aveva immerso suo figlio nella fondazione del castello. Oggi, il castello funge da Hotel e luogo popolare per matrimoni.

È stato anche riferito che l'immissione è stata utilizzata nella costruzione di chiese, come quella di Vilmnitz, un distretto della città tedesca di Putbus. Durante la costruzione di queste chiese, subito dopo l'introduzione del cristianesimo nell'area, il progetto fu afflitto da problemi. Piuttosto che cercare la causa di tali problemi, la colpa è stata data al diavolo e l'imprigionamento di un bambino nelle chiese è stata considerata la soluzione praticabile.

Purtroppo, le prove fisiche attestano effettivamente questa pratica in vari luoghi in tutta Europa. I resoconti del 1800 della demolizione di un ponte a Brema, in Germania, riportavano lo scheletro di un bambino nelle fondamenta della struttura. E un adulto lo scheletro è stato trovato all'interno delle mura di una chiesa a Holsworthy, in Inghilterra, nel 1885.

Che sia usata come una forma di pena capitale o di sacrificio umano, l'immunità può essere riassunta solo come un esempio di indicibile crudeltà che numerose culture sono colpevoli di aver praticato per troppo tempo.


Successivamente, dopo aver appreso la storia dell'immissione, leggi il file dieci peggiori metodi di esecuzione nella storia umana . Quindi, scopri l'antica arte cinese di lingchi, forse la punizione più terrificante mai concepita .