L'impero invisibile: famosi membri del KKK nella politica americana

Uno studio in contrasto: il senatore Theodore Bilbo e il rappresentante David Duke

Famosi membri del KKK Theodore Bilbo

Theodore Bilbo. Fonte immagine: Wikimedia Commons

i pellegrini hanno mangiato il tacchino per il ringraziamento?

Gli atteggiamenti verso il KKK sono cambiati radicalmente nel corso degli anni, come dimostrano gli archi contrastanti di due personaggi pubblici separati da appena mezzo secolo: Theodore Bilbo e David Duke.



Durante i suoi molteplici mandati, sia come governatore che come senatore del Mississippi all'inizio del XX secolo, il nome di Theodore Bilbo divenne sinonimo di razzismo in America. Il famoso giornalista H. L. Mencken ha persino coniato il termine 'Bilboismo' per il tipo di pregiudizio ufficiale su cui Bilbo ha fatto campagna.



Nel 1938, tentò di modificare il disegno di legge federale sul lavoro al Senato con una disposizione per deportare 12 milioni di neri americani in Liberia. Nello stesso anno, di fronte alla prospettiva di un disegno di legge federale anti-linciaggio, Bilbo ha sostenuto:

“Se riesci a far passare questo disegno di legge, aprirai le porte dell'inferno nel sud. Lo stupro, il mobbing, il linciaggio, le rivolte razziali e il crimine aumenteranno di mille volte; e sulle vostre vesti e sulle vesti di coloro che sono responsabili del passaggio del provvedimento ci sarà il sangue delle figlie violentate e oltraggiate di Dixie, così come il sangue degli autori di questi crimini che gli anglosassoni a sangue rosso Gli uomini bianchi del sud non tollereranno '.



KKK Picnic Photo

Fonte immagine: Wikimedia Commons

Verso la fine della sua vita, Bilbo è apparso nel programma radiofonico Incontra la stampa e ha ammesso di essere stato un membro del KKK per tutta la vita.

Con l'aria di un uomo che afferma un principio solenne, ha affermato: “Nessun uomo può lasciare il Klan. Presta giuramento di non farlo. Una volta un Ku Klux, sempre un Ku Klux '. Oggi, una statua di Theodore Bilbo adorna la stanza del Campidoglio del Mississippi dove si riunisce il Legislative Black Caucus. Secondo quanto riferito, è usato come attaccapanni.



In netto contrasto con la carriera generalmente di successo di Bilbo si trova la carriera di quattro decenni di David Duke. Come Bilbo, Duke è un politico del sud. A differenza di Bilbo, Duke non ha avuto generalmente successo nel vincere una carica pubblica, ad eccezione di un singolo mandato come rappresentante degli Stati Uniti dal suo stato di adozione della Louisiana.

Nel 1974, all'età di 24 anni, David Duke si unì e rapidamente salì in cima al KKK. A differenza di Bilbo, che manteneva i suoi membri relativamente tranquilli ma teneva discorsi raccapriccianti dall'aula del Congresso, Duke era sempre aperto sul suo coinvolgimento con il KKK, ma lavorava essenzialmente per riciclare l'immagine pubblica dell'organizzazione.

Piuttosto che tenere oscure cerimonie segrete e predicare spargimenti di sangue e omicidi, Duke incoraggiò i membri dei Cavalieri del KKK (da lui fondato) a indossare abiti da lavoro e ad appropriarsi del linguaggio del movimento per i diritti civili per descrivere la 'situazione' dei bianchi americani. Ha persino cambiato il suo titolo da Gran Mago a 'Direttore nazionale' meno cultuale. L'idea sembra essere stata quella di integrare il KKK nella società e nella politica.



la più antica civiltà urbana alfabetizzata nella valle dell'Indo è conosciuta come
Sigaro famoso del fucile dei membri di Kkk

Fonte immagine: Wikimedia Commons

Se l'integrazione del KKK fosse stato il piano di Duke, non avrebbe potuto fallire in modo più spettacolare. Durante il suo mandato come 'Direttore nazionale', i membri del Klan sono crollati fino agli attuali 5.000-8.000. L'organizzazione nazionale è stata citata in giudizio dal Southern Poverty Law Center, per essere sostituita con centinaia di Klavern ufficialmente indipendenti, pochi dei quali hanno l'iscrizione a tre cifre.



L'associazione con il KKK ha distrutto le ambizioni politiche di David Duke. Durante le elezioni presidenziali del 1988, l'unica vittoria di Duke fu nelle primarie vicepresidenti del New Hampshire. Correndo in 11 stati con il biglietto populista, ha vinto poco meno di 50.000 voti, in una gara che ha visto 91,5 milioni di voti espressi. Il candidato libertario Ron Paul ha ottenuto 10 volte il conteggio dei voti di Duke.

Le umiliazioni elettorali di Duke non finirono qui: dopo aver vinto un'elezione speciale alla Camera del 1989, Duke perse la sua candidatura del 1990 per il Senato quando il suo stesso Partito Repubblicano concesse l'elezione a un democratico piuttosto che lasciare che Duke corresse sul loro biglietto.

Nel 1991, Duke perse la sua offerta per diventare governatore della Louisiana. Nel 1992, ancora una volta non è riuscito a votare all'uno per cento alle primarie presidenziali repubblicane. Nel 1996, gli elettori hanno respinto la sua seconda offerta per il Senato. Nel 1999, è arrivato terzo alle elezioni speciali per la Camera.

Quell'anno, a 49 anni, Duke si ritirò dalla politica elettorale. Nel 2005, ha 'guadagnato' la sua storia 'Ph.D' da una 'università ucraina'. La sua tesi era intitolata: 'Il sionismo come forma di suprematismo etnico'. Al momento, sembra improbabile che David Duke venga mai commemorato con una statua, nemmeno una che funge anche da attaccapanni.