Gli omicidi sul lago Bodom: il triplo omicidio irrisolto più famoso della Finlandia

Nell'estate del 1960, quattro adolescenti partirono per il ritiro degli innamorati sulle rive del lago Bodom, in Finlandia. Solo uno sarebbe tornato e, 40 anni dopo, sarebbe diventato sospettato dell'omicidio dei suoi tre amici.

Sito degli omicidi del lago Bodom

Wikimedia CommonsLe rive del lago Bodom in Finlandia.

Doveva essere una piacevole gita in campeggio in riva al lago. Quattro adolescenti sono partiti per la fuga di un innamorato con l'intento di sfruttarlo in un'unica tenda arroccata sulle rive di un lago sereno. Ma la mattina dopo, tre sarebbero morti, il quarto ferito brutalmente e uno dei principali sospettati di quello che divenne noto come omicidio sul lago Bodom, il più famoso omicidio irrisolto della Finlandia.



Il viaggio di una coppia è andato storto

Il 4 giugno 1960, le quindicenni Maila Irmeli Björklund e Anja Tuulikki Mäki di Espoo, Finlandia, partirono per un campeggio. Ad accompagnare le due giovani donne c'erano i loro fidanzati di 18 anni Seppo Antero Boisman e Nils Wilhelm Gustafsson. Avevano scelto un noto campeggio sulle rive del Bodominjärvi, noto in inglese come Lago Bodom.



L'arrivo al campeggio e il pomeriggio successivo si sono svolti senza intoppi mentre gli adolescenti si sono goduti il ​​loro tempo nella natura. Fu solo nelle prime ore del mattino successivo che si verificò il disastro.

Nils Gustafsson, l'unico sopravvissuto all'incidente, avrebbe raccontato la storia centinaia di volte nel corso dell'anno successivo, la sua storia è andata selvaggiamente fuori controllo diverse volte, ma il i fatti sono rimasti gli stessi .



A volte tra le 4 e le 6 del mattino del 5 giugno, Björklund, Mäki e Boisman sono stati pugnalati e bastonati a morte attraverso la loro tenda. Un tentativo di attacco a Gustafsson lo ha lasciato con una commozione cerebrale, una mascella fratturata e diverse ossa facciali rotte.

Tenda strappata

Wikimedia CommonsUna delle poche foto della scena del crimine scattate prima che venisse calpestata.

La scena orribile è stata incappata per la prima volta da un gruppo di ragazzi che guardavano gli uccelli intorno alle 6 del mattino che hanno notato la tenda crollata degli adolescenti uccisi sulla riva del lago. Hanno anche riferito di aver visto un uomo biondo allontanarsi da esso.



I corpi di Mäki e Boisman sono stati trovati all'interno della tenda, ma Björklund, la ragazza di Gustafsson, è stata trovata in cima alla tenda, nuda dalla vita in giù e distesa accanto a Gustafsson. Anche Björklund si trovava nelle peggiori condizioni delle vittime ed era stata chiaramente pugnalata anche dopo la sua morte.

Non è stato fino alle 11 del mattino che i corpi sarebbero stati scoperti da un falegname di nome Risto Siren. Immediatamente, Siren ha allertato la polizia che è arrivata sul posto intorno a mezzogiorno. A quel punto, le vittime degli omicidi di Lake Bodom erano morte da più di sei ore.

Un'indagine tumultuosa - e fallita

Fin dall'inizio, la scena del crimine è stata confusa. Piuttosto che entrare nella tenda e pugnalare gli adolescenti dall'interno, sembrava che l'aggressore avesse attaccato alla cieca dall'esterno della tenda. Lui o lei aveva chiaramente usato un coltello per pugnalare le vittime, ma i loro corpi mostravano la prova di un'altra arma, un oggetto contundente non identificato.



Inoltre, diversi oggetti strani erano scomparsi dalla scena, aggiungendo un altro strato di mistero al crimine. Ad esempio, le chiavi delle motociclette dell'adolescente erano sparite, ma le motociclette stesse non erano state prese. Mancavano anche le scarpe di Gustafsson, anche se in seguito furono trovate a circa mezzo miglio dalla tenda insieme a parti dei suoi vestiti.

Più tardi, i giornali avrebbero criticato la polizia per la loro pessima gestione del caso da quel momento in poi.



marilyn monroe data di nascita e morte

Secondo quanto riferito, la polizia non è riuscita a prendere le registrazioni ufficiali dei loro risultati e non ha isolato l'area, lasciandola aperta alla contaminazione. Poco dopo la partenza della polizia, spettatori curiosi e campeggiatori incuranti hanno quasi distrutto la scena del delitto. Nel tentativo di correggere il loro errore, la polizia ha chiesto aiuto ai soldati per cercare gli oggetti mancanti. Il sito è stato invece ulteriormente calpestato e la maggior parte degli oggetti non è mai stata ritrovata.

Sospetti negli omicidi del lago Bodom

Lake Bodom oggi

Lake Bodom oggi.

Il primo sospettato degli omicidi era Karl Valdemar Gyllström, noto nella comunità locale come 'Kioskman' perché possedeva e gestiva una bancarella vicina.

Il chiosco di Gyllström vicino al lago Bodom era frequentato dai campeggiatori. Tuttavia era noto per essere ostile nei loro confronti e testimoni affermarono di averlo visto tagliare le tende e lanciare pietre agli escursionisti nel corso degli anni. Alcuni hanno persino ipotizzato di averlo visto lasciare la scena del delitto, ma poi hanno affermato di aver avuto troppa paura di lui per allertare le autorità. Gyllström avrebbe fatto diverse confessioni in cui ha mostrato di essere a conoscenza del crimine sia ubriaco che sobrio, sebbene siano state tutte ignorate dalla polizia.

Nove anni dopo gli omicidi del lago Bodom, Gyllström annegò nel lago Bodom, probabilmente per suicidio, rendendo impossibile raccogliere le prove del DNA come richiesto da diverse autorità nel corso degli anni.

Il secondo sospetto è rimasto interessante fino al 2004. Si chiamava Hans Assmann e si diceva fosse un ex spia del KGB che viveva molto vicino alle rive del lago Bodom. Nel corso degli anni, Assmann si è guadagnato la reputazione di un po 'un recluso e, in combinazione con le voci del KGB, di conseguenza è stato sospettato di diversi omicidi, anche se nessuna delle accuse è rimasta ferma.

Ma il giorno dopo l'attacco Hans Assmann era andato all'ospedale chirurgico di Helsinki con le unghie nere di sporco e gli abiti coperti di macchie rosse. Il personale dell'ospedale ha riferito che Assman era nervoso e aggressivo, ma a parte un breve interrogatorio, la polizia non ha perseguito Assmann ulteriormente poiché sostenevano che avesse un solido alibi riguardo agli omicidi di Lake Bodom.

I vestiti macchiati di Assman non sono mai stati indagati nonostante i medici insistessero sul fatto che si trattava di sangue. Assman ha anche abbinato una descrizione dell'uomo biondo in fuga dalla scena e si è tagliato i capelli poco dopo che è uscito un articolo di giornale che descriveva il caso.

Alla fine, la polizia ha effettuato un arresto 44 anni dopo gli omicidi.

Prova recente di Gustaffson

JUSSI NUKARI / AFP / Getty ImagesNils Gustafsson con il suo avvocato Riitta Leppiniemi presso il tribunale distrettuale di Espoo a Espoo, all'inizio del processo il 16 agosto 2005.

Nel marzo 2004, Nils Gustafsson, l'unico sopravvissuto agli omicidi di Lake Bodom, è stato arrestato e portato in giudizio. La polizia ha affermato di aver sospettato da sempre Gustafsson e ha insistito sul fatto che c'erano prove a sostegno delle loro affermazioni.

Per prima cosa, la polizia ha affermato che le scarpe di Gustafsson erano state indossate dall'assassino durante l'attacco, dimostrato dal fatto che erano coperte dal sangue delle vittime, ma non da quello di Gustafsson. Durante il processo, l'accusa ha raccontato una storia che coinvolgeva uno scontro tra Gustafsson e Boisman, che è culminato nel triplo omicidio.

L'accusa ha affermato che Gustafsson si era ubriacato e quindi esiliato dalla tenda. Quando Boisman ha tentato di parlargli, ne è seguito uno scontro che Boisman avrebbe vinto, provocando la frattura della mascella e le ossa facciali di Gustafsson. Arrabbiato per la rissa, Gustafsson deve essere tornato alla tenda e, in preda alla rabbia cieca, ha ucciso la sua ragazza e due amici. Quindi, si è inflitto il resto delle coltellate superficiali, ha cercato di nascondere le scarpe e ha messo in scena il resto della scena del crimine.

Il fatto che i giovani birdwatcher che hanno originariamente trovato il sito abbiano affermato di aver visto un uomo lasciare l'area ha confermato le affermazioni dell'accusa.

La difesa di Gustafsson, tuttavia, ha respinto questa storia, sostenendo che se Boisman e Gustafsson si fossero davvero litigati, Gustafsson sarebbe stato troppo ferito per uccidere brutalmente i suoi amici, figuriamoci camminare per più di mezzo miglio andata e ritorno per nascondere le sue scarpe.

Alla fine, la difesa ha vinto e un anno dopo essere stato arrestato, Gustafsson è stato prosciolto da tutte le accuse. Ad oggi, tuttavia, il sospetto rimane. Nessun altro sospetto è stato nominato, non sono state trovate ulteriori prove e gli omicidi sul lago Bodom rimangono il crimine più orribile e più lungo irrisolto della Finlandia.

Quindi, controlla il raccapricciante e ancora irrisolto, Wonderland Murders . Quindi, leggi circa sei serial killer che non sono mai stati catturati così come alcuni di gli omicidi più famosi mai registrati .