Martin Van Buren

Scopri come Martin Van Buren ha fondato il Partito Democratico e ha gestito il panico del 1837

Scopri come Martin Van Buren ha fondato il Partito Democratico e ha gestito il panico del 1837 Una panoramica di Martin Van Buren. Enciclopedia Britannica, Inc. Guarda tutti i video per questo articolo

Martin Van Buren , (nato il 5 dicembre 1782, Kinderhook, New York , USA—morto il 24 luglio 1862, Kinderhook), ottavo presidente degli Stati Uniti (1837–41) e uno dei fondatori del partito Democratico . Era conosciuto come il Piccolo Mago dai suoi amici (e la Volpe furba dai suoi nemici) in riconoscimento della sua fama di astuzia e abilità come politico.



Eventi chiave nella vita di Martin Van Buren.

Eventi chiave nella vita di Martin Van Buren. Enciclopedia Britannica, Inc.



Primi anni di vita

Van Buren era il terzo di cinque figli nati da Abraham Van Buren, un contadino e taverniere, e Maria Hoes Van Alen, entrambi di origine olandese; aveva anche una sorellastra e due fratellastri da parte di madre dal suo precedente matrimonio. Martin, il cui soprannome d'infanzia era Little Mat, iniziò la sua educazione alla scuola del villaggio e in seguito frequentò l'Accademia Kinderhook. Dopo le lezioni, aiutava spesso nella taverna di suo padre, frequentata da importanti avvocati e politici, tra cui Alexander Hamilton e Aaron Burr . Nel 1796 fu apprendista dell'avvocato Francis Silvester e all'età di 15 anni partecipò alla sua prima causa in tribunale, che vinse. Dopo aver completato i suoi studi legali in New York City , Van Buren tornò a Kinderhook, dove aprì uno studio con il fratellastro James Van Alen nel 1803. Nel 1807 sposò sua cugina Hannah Hoes (Hannah Van Buren), dalla quale ebbe quattro figli; Hannah morì nel 1819 e Van Buren non si risposò mai.

Van Buren, Hannah

Van Buren, Hannah Hannah Van Buren. Everett Historical/Shutterstock.com



Carriera politica: Senato e vicepresidenza

Nel 1812 Van Buren si candidò al Senato di New York; durante la campagna elettorale, si oppose alla Banca degli Stati Uniti e sostenne l'imminente guerra con la Gran Bretagna per i diritti marittimi. Fu eletto di stretta misura e servì per due mandati (1812-1820). Durante la sua mandato fu anche nominato procuratore generale dello Stato, ricoprendo tale carica dal 1815 al 1819.

Van Buren ha sviluppato una reputazione come politico di talento e la sua abilità è stata evidente quando ha creato l'Albany Regency, un'organizzazione politica informale nello stato di New York che era un prototipo della moderna macchina politica. Divenne una forza potente nella politica statale e contribuì a garantire l'elezione di Van Buren al PIDOCCHIO. Senato nel 1821. Van Buren, che si considerava un discepolo di Thomas Jefferson , era un membro della fazione Jeffersonian del partito repubblicano . Ha sostenuto la dottrina dei diritti degli stati, si è opposto a un governo federale forte e disapprovava i miglioramenti interni sponsorizzati dal governo federale. Dopo che John Quincy Adams fu eletto presidente nel 1824, Van Buren riunì un vario coalizione di repubblicani jeffersoniani , compresi i seguaci di Andrew Jackson, William H. Crawford e John C. Calhoun, per fondare un nuovo partito politico, che fu presto chiamato Partito Democratico.

Nel 1828 Van Buren si dimise dal seggio al Senato e si candidò con successo alla carica di governatore di New York. Tuttavia, ha rinunciato al governatorato entro 12 settimane per diventare Pres. Segretario di Stato di Andrew Jackson. In questo ruolo è stato criticato per l'espansione del sistema di mecenatismo politico, anche se alcuni storici successivi hanno considerato il critica sleale. Dimettendosi da Segretario di Stato nel 1831 per consentire la riorganizzazione del gabinetto, prestò servizio brevemente come ministro in Gran Bretagna.



Nel 1832 Van Buren fu nominato vicepresidente dal primo congresso nazionale del Partito Democratico; ha sostituito John C. Calhoun come Pres. Il compagno di corsa di Jackson. I due uomini corsero su una piattaforma che si opponeva al proseguimento delle operazioni della Banca degli Stati Uniti. Hanno facilmente sconfitto il biglietto repubblicano nazionale di Henry Clay e John Sergeant.

Presidenza

Con l'approvazione di Jackson, Van Buren fu nominato presidente all'unanimità nel maggio 1835. Nelle elezioni dell'anno successivo, Van Buren sconfisse tre candidati schierati dal smembrato partito Whig, raccogliendo 170 voti elettorali contro i 124 dei suoi avversari. Una situazione di stallo nel collegio elettorale il vicepresidente si è concluso con la nomina di Jackson a Richard M. Johnson.

Quando Van Buren si insediò nel 1837, divenne il primo presidente nato come cittadino degli Stati Uniti. Quasi immediatamente ha dovuto affrontare un panico finanziario nazionale causato in parte dal trasferimento di fondi federali dalla Banca degli Stati Uniti alle banche statali durante il secondo mandato di Jackson. Nel 1840 la proposta di Van Buren di trasferire i fondi federali dalle banche statali a un tesoro indipendente fu approvata dal Congresso dopo un'aspra lotta in cui molti conservatore Democratici disertati al nuovo partito Whig.



La popolarità di Van Buren fu ulteriormente erosa dalla lunga e costosa guerra con il seminole indiani in Florida (la seconda delle guerre Seminole) e dal suo fallimento nel sostenere la proposta di annessione del nuovo stato indipendente di Texas ; Il Texas sarebbe stato ammesso come stato schiavista e Van Buren voleva evitare qualsiasi conflitto di sezione che avrebbe ulteriormente diviso il nazione sulla questione. Nel 1839, dopo una serie di scontri armati tra americani e canadesi in territori contesi lungo il confine tra Maine e New Brunswick (la guerra di Aroostook), Van Buren inviò il generale Winfield Scott per ristabilire l'ordine e fu negoziato un accordo permanente nel Webster- Trattato di Ashburton del 1842. Nel tentativo di vincere il voto favorevole alla schiavitù nelle elezioni del 1840, Van Buren si schierò contro gli schiavi africani sotto processo negli Stati Uniti per la loro parte nell'ammutinamento di Amistad nel 1839. Tuttavia, la perdurante crisi economica e la negazione di stato in Texas ha contribuito alla schiacciante sconfitta di Van Buren dal candidato Whig William Henry Harrison, 234 a 60. Uno degli ultimi atti di Van Buren prima di lasciare l'ufficio è stato quello di ordinare che nessuna persona dovrebbe lavorare più di 10 ore al giorno sui lavori pubblici federali .

la fine dell'impero bizantino avvenne nel 1453 per mano del
Una vignetta politica della campagna presidenziale del 1840, in cui il Pres. Martin Van Buren, un democratico, è stato sconfitto dal candidato Whig, William Henry Harrison. Il fumetto mostra Van Buren alla guida di una carrozza chiamata Zio Sam

Una vignetta politica della campagna presidenziale del 1840, in cui il Pres. Martin Van Buren, un democratico, è stato sconfitto dal candidato Whig, William Henry Harrison. Il cartone mostra Van Buren alla guida di una carrozza chiamata Uncle Sam's Cab, che si rompe su un mucchio di argilla, che rappresenta il potente senatore Whig Henry Clay. Harrison, raffigurato come una locomotiva, si abbatte su Van Buren. Biblioteca del Congresso, Washington, DC (neg. n. LC-USZC4-2859)