Incontra Geraldine Ferraro, la prima donna a candidarsi come vicepresidente su un biglietto per una festa importante

Scopri la storia completa di Geraldine Ferraro, la deputata di New York che ha fatto la storia come prima candidata alla vicepresidenza femminile nel 1984.

Il 19 luglio 1984, Geraldine Ferraro entrò nella storia quando salì sul palco della Convenzione Nazionale Democratica di San Francisco. Ferraro, una deputata del Queens, New York, ha accettato la nomina ufficiale come candidato alla vicepresidenza.

In quel momento, è diventata la prima donna ad essere nominata vicepresidente da un importante partito politico negli Stati Uniti. Come figlia di immigrati italiani, è diventata anche la prima italoamericana a ricevere la nomina alla vicepresidenza.



Sul biglietto democratico con Walter Mondale, Ferraro corse con lui contro l'allora presidente Ronald Reagan e l'allora vice presidente George H.W. Cespuglio. All'epoca, Reagan era al culmine della sua popolarità, quindi Mondale e Ferraro avevano sicuramente il loro bel da fare.



Mentre le elezioni si sono concluse male per la campagna Mondale-Ferraro, la nomina di Geraldine Ferraro è stata una pietra miliare significativa nel progresso della politica statunitense, che fino ad allora era stata prevalentemente dominata dagli uomini. La Ferraro è stata lodata per la sua performance come candidata alla vicepresidenza e per essere 'a suo agio con i ragazzi'.

La sua candidatura ha aperto la strada a più donne con ambizioni per cariche superiori. Da allora gli Stati Uniti hanno visto altre due donne ricevere la nomination per VP per un grande partito, l'ex governatore dell'Alaska Sarah Palin nel 2008 e la senatrice Kamala Harris nel 2020. Nel frattempo, il paese ha visto l'ex Segretario di Stato Hillary Clinton diventare il primo e unica donna a ricevere la nomina presidenziale da un grande partito nel 2016.



A detta di tutti, Ferraro è stato un pioniere. Diamo un'occhiata alla vita di Geraldine Ferraro e a come ha forgiato un percorso per le donne nella politica statunitense.

Chi era Geraldine Ferraro?

Geraldine Ferraro

Diana Walker / The LIFE Images Collection tramite Getty ImagesPrima di entrare nella storia come prima candidata alla vicepresidenza femminile, Geraldine Ferraro era un pubblico ministero e membro del Congresso del Queens, New York.

La nomina alla vicepresidenza che infrange le barriere di Geraldine Ferraro rimarrà per sempre impressa nella storia della politica statunitense. Ma prima di diventare una pioniera di Washington, Geraldine Anne Ferraro è nata a Newburgh, New York, il 26 agosto 1935, nel mezzo della Grande Depressione.



Ferraro, che spesso si chiamava 'Gerry', era la figlia di immigrati italiani. Suo padre, Dominick Ferraro, è morto quando lei era giovane. Così è stata allevata da sua madre, Antonetta, che ha cresciuto la famiglia nel South Bronx, lavorando come sarta per sbarcare il lunario.

Alla fine, sua madre ha guadagnato abbastanza soldi per mandare la sua unica figlia e il figlio più piccolo alla Marymount School, un collegio cattolico a Tarrytown, New York.

Gli ottimi voti di Ferraro le hanno permesso di guadagnare una borsa di studio al Marymount College di Tarrytown, da cui si è trasferita alla filiale di New York City. Dopo essersi diplomata al college con una laurea in inglese, Geraldine Ferraro ha continuato a diventare un'insegnante di scuola pubblica.



Di notte frequentava la facoltà di giurisprudenza e, come un segno di ciò che stava per accadere, era una delle due sole donne in una classe di 179 studenti.

Geraldine Anne Ferraro La prima donna candidata alla vicepresidente

Santi Visalli / Getty ImagesFerraro aveva la reputazione di femminista liberale, ma il suo curriculum legislativo a volte vacillava verso opinioni moderate.



Quando Ferraro era alla ricerca di un lavoro fuori dalla facoltà di giurisprudenza all'inizio degli anni '60, il mondo del diritto societario era ancora in gran parte inospitale per le donne. Si è dedicata a crescere una famiglia con suo marito mentre svolgeva un lavoro pro bono per le donne nel tribunale della famiglia. Si è anche occupata di politica locale.

Negli anni '70 Ferraro era tornato nel mondo del lavoro. Ha fatto domanda per un lavoro presso l'ufficio del procuratore distrettuale del Queens, dove suo cugino era stato appena nominato capo. È stata assunta come assistente procuratore distrettuale responsabile di un ufficio vittime speciali, dove ha gestito vari casi relativi a stupro, abusi sui minori e violenza domestica.

La Ferraro ha attribuito il suo tempo all'ufficio delle vittime speciali per il cambiamento delle sue opinioni politiche, passando da moderata a più liberale. Ma dopo anni di lavoro emotivamente svuotante e retribuzione ineguale presso l'ufficio del procuratore distrettuale, ha lasciato il suo lavoro nel 1978.

La partenza di Geraldine Ferraro ha portato alla sua prossima impresa: il Congresso.

qual è stata la causa della prima guerra mondiale?

La prima candidata alla vicepresidenza femminile nella storia degli Stati Uniti

Geraldine Ferraro accetta la sua storica nomina a VP alla Convention Nazionale Democratica del 1984.

Nel 1978, Geraldine Ferraro è stata eletta alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti dal nono distretto congressuale di New York. Ma questa vittoria non è stata facile.

Nella sua prima gara, la Ferraro si è scontrata con un membro dell'assemblea repubblicano di nome Alfred A. DelliBovi. Ha vinto per soli 10 punti percentuali, aiutata dal suo background di 'legge e ordine' e dal sostegno dell'establishment democratico locale.

Geraldine Ferraro è cresciuta attraverso i ranghi politici nella sua nuova posizione di membro del Congresso degli Stati Uniti. Ha raccolto un alleato cruciale nell'allora presidente della Camera, Thomas P. O'Neill Jr.

È stata anche coinvolta in leggi importanti, come l'Economic Equity Act nel 1981, che aveva lo scopo di riformare le opzioni pensionistiche per le donne, proteggere i diritti delle vedove e dei divorziati e consentire alle casalinghe di risparmiare tanto quanto i loro coniugi che lavorano nei conti pensionistici individuali .

'Se una donna può essere vicepresidente degli Stati Uniti, quale lavoro c'è che una donna non può fare?'

Geraldine Ferraro

Geraldine Ferraro si è guadagnata la reputazione di membro del Congresso senza fronzoli con un record legislativo progressista. Eppure, il suo personaggio pragmatico e da pane bianco era visto come meno 'minaccioso' rispetto ad altri politici infuocati dell'epoca, come Bella Abzug e Shirley Chisholm . Si pensava che questo la rendesse più attraente per i conservatori.

'La guardi e puoi immaginarla come la tua migliore amica, come tua sorella, come il tuo membro del Congresso, come qualcuno che vuoi ascoltare', ha detto Joan McLean, uno staff della US House che ha sostenuto la nomina alla vicepresidenza di Ferraro. 'Ha un profilo che hanno molte donne elettori'.

Walter F Mondale e Geraldine A Ferraro

Diana Walker / The LIFE Images Collection tramite Getty ImagesGeraldine Ferraro è stata scelta tra una serie di donne elette considerate la compagna di corsa del candidato alla presidenza Walter F. Mondale.

Ferraro è stato uno shoo-in come potenziale compagno di corsa per l'ex vicepresidente Walter F. Mondale, la cui campagna voleva utilizzare il 'divario di genere' tra uomini e donne a loro vantaggio.

Speravano che la scelta di una donna come vicepresidente alla vicepresidenza di Mondale avrebbe aiutato il candidato democratico a battere Ronald Reagan, il famoso popolare repubblicano che all'epoca era presidente. Sebbene l'elezione di una vicepresidente donna sarebbe estremamente difficile, sembrava anche un'opportunità entusiasmante.

E così, nel 1984, Geraldine A. Ferraro ha fatto la storia quando ha accettato la nomination democratica e ha puntato a diventare la prima vicepresidente donna d'America.

Ha subito una perdita devastante

La prima donna candidata alla vicepresidente e suo marito

Bill Turnbull / NY Daily News Archive tramite Getty ImagesLa relativa inesperienza di Ferraro e la controversia sulle finanze del marito sono state accusate della perdita di Mondale.

Durante la metà degli anni '80, condizioni per le donne in politica erano desolati. Solo 24 dei 535 membri votanti del Congresso degli Stati Uniti erano donne e nessun governatore era donna. L'idea di eleggere una vicepresidente donna sembrava a dir poco ambiziosa.

Alla fine, Ferraro e Mondale hanno subito una perdita devastante contro il presidente Ronald Reagan e il vicepresidente George H. W. Bush. Il biglietto democratico ha assicurato un solo stato alle elezioni - il Minnesota, lo stato di origine di Mondale - e il distretto di Columbia.

Come molte donne politiche, la Ferraro è stata ingiustamente presa di mira dai media e probabilmente ha dovuto affrontare più controlli rispetto al suo compagno di corsa. Ha lottato per convincere gli elettori che poteva essere la prima vice presidente donna. E il sessismo che ha affrontato sulla pista è stato testimoniato da vicino da Mondale.

serpente più aggressivo del mondo

'Siamo andati nel Mississippi, e un vecchio contadino ha detto: 'Giovane signora, fai dei buoni muffin ai mirtilli?' E lei ha detto: 'Sì. Davvero? 'Era il genere di cose contro cui andava a sbattere', Mondale ricordato .

“Doveva mantenere la calma. Doveva essere gentile a riguardo. Eppure stava subendo una rivoluzione. Non era solo automatico. Sono state le sue viscere, la sua visione e la profondità delle sue convinzioni che l'hanno aiutata a farlo. '

La focosa risposta di Ferraro alle osservazioni condiscendenti fatte da Bush durante il loro dibattito le è valsa un punteggio elevato tra gli osservatori politici.

Anche i rapporti dannosi sulle finanze del marito di Ferraro, John Zaccaro, hanno pesato sulla sua campagna. E poiché era italoamericana, alcune notizie hanno persino tentato di collegarla alla criminalità organizzata a New York.

Considerando tutti questi fattori, non sorprende che Ferraro non sia riuscita a diventare la prima vicepresidente donna. Tuttavia, ha comunque vinto elogi per la sua performance come candidata. Uno dei suoi momenti migliori è avvenuto durante il suo dibattito altamente televisivo contro Bush.

La deputata, che ha subito critiche per quella che è stata percepita come la sua mancanza di esperienza per la posizione della Casa Bianca, respinto contro le osservazioni condiscendenti di Bush durante il loro dibattito:

il nucleo della cellula è responsabile di

“Sono quasi risentito, vicepresidente Bush, del tuo atteggiamento condiscendente che devi insegnarmi sulla politica estera. Sono membro del Congresso da sei anni ... In secondo luogo, per favore non classificare nemmeno le mie risposte. Lascia l'interpretazione delle mie risposte al popolo americano che sta guardando questo dibattito '.

Dopo la sconfitta elettorale del 1984, Ferraro si candidò due volte al Senato ma perse entrambe le gare. Alla fine è diventata ambasciatrice della Commissione per i diritti umani delle Nazioni Unite.

Nel 2008, ha fatto una campagna per il candidato alla presidenza Hillary Clinton, che ha parlato dell'impatto dell'eredità di Ferraro.

'Le dobbiamo così tanto', ha detto Clinton. “Ha ispirato noi donne e ragazze. Tutti noi abbiamo pensato a nuovi pensieri e immaginato nuove possibilità grazie a Gerry. '

Candidata Vice Presidente donna

TEMPOLo storico risultato di Ferraro come prima donna nominata per VP nel 1984 ha aperto la strada ad altre donne.

Ferraro era attiva nella campagna di Clinton prima di fare un passo indietro a causa dei commenti controversi che ha fatto sulla candidatura presidenziale di Barack Obama. E anche se non ha ricoperto più cariche elettive, Ferraro ha continuato a essere una figura attiva in politica.

Ferraro è morta a Boston nel 2011, a causa delle complicazioni del mieloma multiplo, un cancro del sangue con cui aveva combattuto per oltre un decennio. Aveva 75 anni.

L'eredità di Geraldine Ferraro

Gerry Ferraro

Emmert / AFP tramite Getty ImagesFerraro si candidò due volte al Senato degli Stati Uniti e divenne ambasciatore della Commissione per i diritti umani delle Nazioni Unite.

Geraldine Anne Ferraro potrebbe non essere arrivata fino alla Casa Bianca, ma la sua storica candidatura è ancora considerata una pietra miliare significativa in termini di rottura delle barriere per le donne nella politica statunitense. Ferraro ha aperto la strada ad altri per seguire l'esempio, un'impresa vista come impegnativa anche oggi.

'Sessantaquattro anni dopo che le donne avevano ottenuto il diritto di voto, una donna aveva rimosso il cartello 'solo uomini' dalla porta della Casa Bianca', il New York Times ha scritto della storica candidatura della defunta deputata.

Mentre ci sono state altre donne che hanno cercato di diventare la prima vicepresidente donna dai tempi di Ferraro, ci sono voluti 24 anni perché un'altra donna seguisse le sue orme. Nel 2008, il candidato alla presidenza, il senatore John McCain, ha scelto il governatore dell'Alaska Sarah Palin come sua compagna di corsa sul biglietto repubblicano.

Dodici anni dopo Palin, il senatore Kamala Harris è stato scelto come candidato alla vicepresidenza dall'ex vicepresidente Joe Biden sul biglietto democratico.

Harris ha raggiunto un paio di altre pietre miliari con la sua storica candidatura nel 2020: è diventata la prima donna di colore e la prima donna asiatica americana a ricevere la nomination di VP da un importante partito politico.

Nonostante le sfide che Geraldine Ferraro affrontò nel 1984, è innegabile che abbia lasciato un impatto sulla politica degli Stati Uniti e abbia incoraggiato altre donne a seguire i loro sogni di candidarsi a cariche superiori.

Come disse una volta la stessa Ferraro: 'Ogni volta che una donna corre, le donne vincono'.


Dopo aver letto di Geraldine Ferraro, la prima candidata alla vicepresidenza donna, scopri come Edith Wilson , la moglie del presidente degli Stati Uniti Woodrow Wilson, ha assunto le funzioni di presidente dopo l'ictus del marito. Allora incontra Jill Ruckelshaus , la repubblicana progressista che si è opposta al suo partito nella lotta per i diritti delle donne.