Incontra Hasekura Tsunenaga, il samurai del XVII secolo che ha viaggiato per il mondo ed è diventato un aristocratico romano

Nel 1613, Hasekura Tsunenaga partì dal Giappone per una spedizione che lo avrebbe portato in California, Messico e gran parte dell'Europa.

Hasekura Tsunenaga

Sendai City Museum, Miyagi, GiapponeIl samurai Hasekura Tsunenaga viaggiò a Roma e divenne cristiano.

Un samurai del XVII secolo partì alla ricerca di ricchezze e guida spirituale per il suo imperatore e ristabilire l'onore della sua famiglia in bilico. Ha circumnavigato il globo, è entrato a far parte del primo gruppo giapponese a Cuba, ha incontrato il Papa, ha contribuito ad avviare un ramo di coloni giapponesi in Spagna (ancora fiorente oggi) e divenne persino cittadino romano.



La vita di Hasekura Tsunenaga suona come il materiale di un manga particolarmente fantasioso o dell'epopea di Akira Kurosawa, ma è esistito davvero. Partì per questa missione (l'unica del suo genere che andava da Est a Ovest) per due ragioni ufficiali: stabilire accordi commerciali con le potenze europee e rifornirsi di missionari dalle terre cristiane.



Il segno che ha lasciato nel mondo come samurai avventuroso può ancora essere sentito quattro secoli dopo e in quasi altrettanti continenti. Questa è la storia di Hasekura Tsunenaga, il samurai che divenne un aristocratico romano.

Hasekura Tsunenaga 's Origins

Date Masamune Portrait

Tosa MitsusadaUn ritratto di Date Masamune, il signore feudale che ha organizzato il viaggio di Hasekura.



I primi anni di vita di Hasekura rimangono avvolti nell'oscurità. Discendeva dal ceppo imperiale - il figlio di un ufficiale di medio livello ritenuto colpevole di corruzione e costretto al suicidio . Di solito, Hasekura avrebbe condiviso un destino simile.

il viaggio alla mecca che ogni musulmano dovrebbe fare almeno una volta è noto come

Fortunatamente, il destino aveva piani più interessanti.

Date Masamune, Hasekura's signore feudale aveva la nave il San Giovanni Battista fece espressamente un viaggio per chiedere ai capi di stato in Occidente di commerciare con il Giappone, in particolare attraverso il Pacifico nella Nuova Spagna.



Un altro motivo ufficiale del viaggio è stato quello di richiedere più missionari cristiani. Quest'ultima è stata principalmente una mossa politica per appianare le relazioni tra i regni cristiani e il Giappone - dopo che un massacro di 26 cristiani in Giappone nel 1597 ha causato tensione.

Hasekura Tsunenaga Mappa di viaggio

World ImagingHasekura ha viaggiato dal Giappone a Roma, facendo tappa nella Nuova Spagna e nelle capitali europee.

Alcuni motivi surrettizi forse intessuti nel manifesto includono la ricerca sulle tecniche minerarie in Messico e le strategie militari utilizzate dagli europei.



Indipendentemente dalle intenzioni, Hasekura salpò con il suo equipaggio a bordo del San Juan Bautista nel 1613. Non avrebbe rivisto il Giappone fino al 1620.

Un samurai nella nuova Spagna

Quando la nave raggiunse l'altra sponda del Pacifico, sbarcarono nell'attuale California a Capo Mendocino, allora parte della Nuova Spagna. Da lì, navigarono lungo la costa fino ad Acapulco, dove proseguirono per terra.



Statua Del Samurai In Messico

Eduardo Francisco Vazquez MurilloUna statua del samurai ad Alcapulco.

Alla fine, l'entourage di Hasekura arrivò a Veracruz, quindi partì per Cuba, dove furono i primi giapponesi a mettere piede sull'isola. Cuba sarebbe diventato noto per una ricca influenza giapponese nei secoli successivi, in gran parte a causa di questa spedizione.

Nel 1614 Hasekura e il suo gruppo attraversarono l'Oceano Atlantico per arrivare in Spagna.

Hasekura diventa Francisco Felipe Faxicura in Spagna

Il tempo di Hasekura nel suo primo paese europeo è stato pieno, se non del tutto fruttuoso. La corte del re Filippo III e il Consiglio spagnolo lo accolsero come diplomatico in visita. Hasekura fu persino battezzato nel cattolicesimo, prendendo il nome di Francisco Felipe Faxicura.

Re Filippo di Spagna

Museo del PradoL'equipaggio di Hasekura si è sentito così accolto in Spagna che alcuni di loro sono rimasti. I loro discendenti vivono lì oggi.

Nonostante la conversione, il nuovo “Faxicura” non è riuscito a convincere i politici spagnoli ad aprire il commercio con il Giappone o ad inviare più missionari, probabilmente a causa della crescente ostilità verso i cristiani nella patria di Hasekura.

Il samurai non è riuscito a ottenere un pezzo di Spagna da portare a casa, ma parte del Giappone è rimasto in Spagna. Nel 2008, 650 famiglie a Coria del Rio con il cognome 'de Japon' (che significa 'del Giappone') potrebbe risalire al loro lignaggio ai membri dell'entourage di Hasekura che hanno deciso di rimanere in Spagna.

In tutto il Mediterraneo

Statua di Hasekura Tsunenaga

CarlosVdeHabsburgUna statua di Hasekura Tsunenaga a Coria del Río, Spagna.

Dalla corte di Spagna, l'inviato giapponese ha viaggiato lungo il Mediterraneo in rotta verso il Papa a Roma. Dalla loro tappa a St. Tropez, lungo la Costa Azzurra francese, un barlume della meravigliosa impressione che hanno fatto è stato registrato da una donna sconosciuta:

'Non toccano mai il cibo con le dita, ma usano invece due piccoli bastoncini che tengono con tre dita', ha scritto la donna , probabilmente la sua prima interazione con le bacchette.

'Si soffiano il naso in fogli di carta morbida e setosa delle dimensioni di una mano, che non usano mai due volte, in modo da gettarli a terra dopo l'uso, ed erano felici di vedere la nostra gente intorno a loro precipitarsi a raccoglierli ... le spade tagliano così bene che possono tagliare una carta morbida semplicemente mettendola sul bordo e soffiandoci sopra. '

Hasekura diventa un romano

La tappa successiva di Hasekura è stata l'Italia. Arrivato nella città portuale di Civitavecchia, fece amicizia con la gente del posto. Il samurai e il suo entourage hanno fatto una tale impressione che 400 anni dopo la città rimane una città sorella di Ishinomaki, in Giappone.

L'entourage si è spostato nell'entroterra per l'evento principale: la visita del Papa a Roma. Nonostante provenisse da un paese al di fuori della cristianità, l'arrivo di Hasekura fu accolto con pompa e circostanza, e il samurai fu scortato in Vaticano a cavallo.

dove all'interno della cella è costruito in cima?
Accolto a Roma

Galleria BorgheseHasekura è stata accolta a Roma in splendore.

Hasekura ha presentato al Santo Padre una lettera del suo signore, contenente per lo più lusinghe standard . Il più profondo, tuttavia, legge:

“Sono disposto che il mio popolo diventi cristiano. Mandatemi dunque dei gentili padri che appartengono all'ordine di San Francesco. Li tratterò gentilmente ... Mando alcuni dei prodotti del Giappone. D'ora in poi per favore mandami qualcosa di buono dalla tua terra. '

C'era il punto cruciale del viaggio: la religione per acquiescenza e il commercio per desiderio.

Realpolitik papale

Da un lato, l'incontro di Hasekura con il Santo Padre è stato incredibile. Il samurai ha donato a Papa Paolo V i documenti di Lord Masamune che prometteva di permettere al cristianesimo di prosperare ai confini del Giappone. In cambio Tsunenaga ricevette la cittadinanza romana onoraria, titolo ambito dato solo a pochi fortunati.

Papa Paolo V

Museum SyndicateIl samurai ha incontrato Papa Paolo V.

Hasekura è diventato più di un romano. Ci sono prove per credere che con lo stemma conferito a lui - con una corona - anche il samurai fu accolto nell'aristocrazia romana. Questo figlio di un padre disonorato divenne pari a personaggi del calibro di Giulio Cesare e Marco Antonio.

Per quanto favoloso sia stato il suo tempo a Roma dimostrato personalmente, politicamente il romano appena coniato ha avuto pochissima fortuna.

Riluttante a indovinare il re spagnolo, il Papa ha respinto l'offerta commerciale di Hasekura.

Hasekura stava finalmente tornando in Giappone.

Un'eredità globale

Alcuni giorni dopo il ritorno a casa di Hasekura, è stata emessa un'interdizione contro il cristianesimo. A tutti i cristiani in Giappone è stato ordinato di abbandonare la loro fede. Coloro che non si sono ritratti hanno dovuto affrontare l'esilio o l'esecuzione.

Date Masamune, il signore feudale che organizzò il viaggio di Hasekura, prese le distanze dal cristianesimo e iniziò a riferirsi ai paesi occidentali nella sua corrispondenza ufficiale come 'nazioni barbare meridionali'.

Come un filo sciolto impigliato in una ruota, le gesta di Hasekura Tsunenaga furono annullate. Il Giappone si è chiuso per quasi due secoli, ponendo fine al commercio tra Giappone e Europa fino al XIX secolo. Le persone che lasciavano il Giappone furono persino giustiziate.

Lo stesso Hasekura morì di malattia nel 1622, appena due anni dopo il ritorno in Giappone. Fino ad oggi, la posizione della sua tomba rimane sconosciuta.

Le esecuzioni tagliano l'eredità di Hasekura come un coltello. Dopo la sua morte, sua moglie, suo figlio e persino i servi furono uccisi per la loro fede cristiana.

Hasekura Tsunenaga Statua In Italia

NotaflyUna statua del samurai viaggiante vicino a dove è arrivato in Italia.

Il viaggio Hasekura ha trascorso sette anni e ha attraversato due oceani per essere murati in un Giappone omogeneo.

il congresso di vienna nel 1815

Ma l'onore per cui Hasekura ha viaggiato per il mondo non si è dissolto completamente. Statue dei samurai nobilitano la terra da Porto Livorno in Italia all'Avana. I suoi viaggi potrebbero aver persino portato direttamente la moda dei paraventi decorati in Messico, accendendo una moda chiamata schermo in spagnolo proveniente dal giapponese byobu .

Da samurai disonorato a intrepido esploratore a nobile romano, Hasekura Tsunenaga divenne davvero il Marco Polo del Giappone.


Ora che hai letto di Hasekura Tsunenaga, guarda questi 50 splendide foto dell'era imperiale e leggi la storia di Onna Bugeisha, una delle uniche donne samurai del Giappone .