Mexico's Disappeared: Uncovering The Secrets Of Mexico's New Dirty War

Messico scomparso murale

I messaggi spagnoli su questo murale leggevano da sinistra 'Coloro che muoiono per la vita, non possono essere chiamati morti', 'Non temo la repressione dello stato, temo il silenzio della gente' e 'Giustizia'. Fonte: ABC News

la persona più veloce del mondo

Con le sue spiagge di sabbia bianca, i ballerini abbronzati e l'agave succulenta, il Messico degli annunci di viaggio non è certo il Messico che molti suoi cittadini sperimentano quotidianamente nel mezzo della nuova sporca guerra del paese. In tutto il Messico, migliaia di persone sono scomparse con famiglie lasciate in cerca di risposte e corpi.



Nel 2006, la violenza è esplosa in tutto il Messico, in particolare lungo il confine con il Texas, quando l'ex presidente Felipe Calderón ha messo in atto la sua guerra alla droga militarizzata. La guerra di Calderón è durata sei anni e ha provocato la morte di almeno 60.000 persone in tutta la nazione. Infuria ancora sotto una nuova leadership.



Il Messico è scomparso

I manifestanti sono scesi nelle strade di Acapulco per chiedere risposte sulle più recenti sparizioni. Fonte: Paese

Nel 2012 Calderón è stato sostituito dall'attuale presidente Enrique Peña Nieto, che ora ha una polveriera da contenere. Nello stesso anno, la Procura federale e il Ministero degli interni hanno pubblicato un rapporto che raccoglieva i nomi di oltre 25.000 persone scomparse durante il mandato di Calderón. Il rapporto è stato successivamente divulgato al Washington Post. Pochi giorni dopo la fuga di notizie, il gruppo della società civile Propuesta Cívica ha pubblicato un database dell'Ufficio del Procuratore federale affermando che c'erano state solo 20.000 sparizioni.



Dove sono loro

La Marcia delle Madri si è svolta nel maggio 2012 nel centro di Città del Messico. I manifestanti portano striscioni chiedendo 'Dove sono?'
Fonte: Notizie IPS

Il governo messicano afferma spesso che le sparizioni sono state commesse solo da cartelli della droga rivali, mentre altri, tra cui Human Rights Watch, affermano che le vittime vengono rubate attraverso un processo di sparizione forzata. Simile agli scomparsi o 'Los desaparecidos' dell'Argentina che furono rapiti e assassinati dal governo tra il 1969 e il 1983 durante la loro Guerra Sporca, le autorità messicane raramente perseguono i casi e offrono alle famiglie colpite un'assistenza minima, citando il triste fatto che la mutilazione fisica e la decomposizione rende il processo di identificazione dei corpi incredibilmente macchinoso.

Segni Messico scomparsi

Una donna appende il segno di una persona scomparsa Fonte: Notizie NBC



Molte delle sparizioni avvengono lungo il confine con il Texas, ma recentemente sono scoppiate violenze negli stati messicani meridionali di Guerrero, Michoacán e Oaxaca, con il caso più degno di nota il rapimento del 26 settembre di 43 studenti messicani da Iguala da parte della polizia municipale.

Da allora la polizia federale messicana è stata schierata in dodici città a Guerrero e sta indagando sulle forze municipali che, secondo la BBC, hanno ammesso di aver dato gli studenti a una banda chiamata Guerreros Unidos o United Warriors. Gli studenti hanno studiato sotto un istruttore di sinistra e non si sa se siano stati presi a causa delle loro affiliazioni. Dopo i rapimenti, il sindaco e la sua famiglia sono fuggiti per evitare di essere accusati o intervistati. In un enorme passo avanti verso la giustizia, tuttavia, il sindaco è stato messo sotto accusa dal Congresso Guerrero.

Mexico Disappeared Pena Quit

I manifestanti portano uno striscione con la scritta 'Pena Quit', in risposta al rapimento di 43 studenti universitari.
Fonte: WBT



La polizia apparentemente apatica è spesso mal pagata e non qualificata, rendendola un facile bersaglio per bande criminali armate e pericolose che si impegnano in corruzione, estorsione e ritorsione. La ricerca continua a Iguala e da allora ha portato alla luce diverse fosse comuni che circondano la città, cementando l'ovvia realtà del destino di un rapito. Mentre Nieto afferma che gli omicidi sono in declino nel suo paese, volontari e cittadini continuano a ripescare l'oscuro passato, il che smentisce solo le affermazioni ottimistiche di Nieto.

Il Messico è scomparsa nella tomba di massa

Nel febbraio 2014, la polizia messicana ha scoperto una fossa comune lungo le rive del fiume Lerma contenente 17 cadaveri.
Fonte: PressTV



Molti hanno affermato che il governo messicano ha storicamente operato in collaborazione con una cabala di cartelli della droga e leader politici. È risaputo che la polizia e l'esercito fanno ben poco per indagare su una qualsiasi delle sparizioni, con Nieto che si rifiuta persino di riconoscere ufficialmente - e di agire - l'elenco di 25.000 persone scomparse fino a quando mesi di pressione dei cittadini lo hanno costretto a fornire una 'soluzione'. A seguito di altre proteste pubbliche, il governo è stato anche spinto ad ammettere che la polizia ha preso parte a sparizioni forzate e ha assunto membri di bande per fungere da polizia.

La polizia del Messico è scomparsa

Un agente di polizia porta una mitragliatrice mentre la polizia federale sorveglia l'area circostante le fosse comuni scoperte a Iguala.
Fonte: BBC

Nel frattempo, il governo cerca di sminuire l'entità dei rapimenti sostenendo che sono un tragico risultato di guerre di cartelli o scelte di vita sbagliate. Ma quando gli scomparsi includono spesso attivisti politici e leader di comunità, una serie così consistente di 'coincidenze' è difficile da digerire. Questa conclusione diventa ancora più difficile da accettare quando, ad esempio, testimoni oculari hanno indicato la Marina messicana quando spiegano le molteplici sparizioni a Nuevo Laredo dal 2011.

Veglia per le vittime del cartello messicano

I familiari dei 43 studenti scomparsi pregano per il loro ritorno sicuro.
Fonte: La nazione

Sono stati istituiti numerosi gruppi di sensibilizzazione e investigativi per affrontare il problema di Los Desaparecidos. Le persone hanno bisogno del sostegno, della ricerca e della voce di organizzazioni come Human Rights Watch, Amnesty International e il gruppo per i diritti Tlachinollan di Guerrero che aiutano a raccogliere e diffondere un messaggio più veritiero al pubblico.

Recentemente, il governo di Nieto ha approvato una legge sulle vittime che fornisce più risorse per la ricerca degli scomparsi, inclusa un'unità di ricerca. Questo è un passo positivo verso la giustizia, tuttavia sarà ancora difficile per molti fidarsi del governo quando avrà ammesso di essere almeno parzialmente responsabile di sparizioni forzate su larga scala.

Messico donne scomparse

I parenti dei 43 studenti marciano con fiori e candele.
Fonte: Il Rakyat Post

La guerra alla droga del Messico e la sua risposta 'lenta e limitata' descritta da Amnesty International ha portato molti a chiedersi come il coinvolgimento degli Stati Uniti nel paese abbia influenzato la lotta. Gli Stati Uniti hanno fornito miliardi di dollari alle forze armate messicane nell'ambito della Merida Initiative, una partnership intesa 'a combattere la criminalità organizzata e la violenza associata promuovendo il rispetto dei diritti umani e dello stato di diritto', ma con scarsa supervisione su come tali aiuti vengono utilizzati . Non sorprende che gli effetti positivi dell'iniziativa non siano immediatamente evidenti, poiché i rapimenti nel paese sono aumentati del 25% nel 2013 secondo il Congressional Research Service.

La protesta del Messico è scomparsa

Gli studenti hanno organizzato una protesta contro il governo per il rapimento dei 43 studenti scomparsi Fonte: DW

Il tasso di sparizioni in Messico è sbalorditivo. Anche con maggiori fondi, interventi e assistenza, molte agenzie federali fanno poco per cercare i perduti. I cartelli della droga e le forze armate hanno trasformato le strade in campi di sterminio, mentre le persone sono quelle che continuano a soffrire. Le famiglie dissotterrano i corpi e scoprono le sanguinose eredità nascoste dai frammenti televisivi dalla sabbia bianca del cosiddetto paradiso messicano. Intanto la guerra continua.