Monarchia

Monarchia , sistema politico basato sulla sovranità o governo indiviso di una sola persona. Il termine si applica agli stati in cui l'autorità suprema è conferita al monarca, un singolo sovrano che funge da capo di stato e che raggiunge la sua posizione attraverso l'ereditarietà. La maggior parte delle monarchie consente solo la successione maschile, di solito di padre in figlio.

Domande principali

Che cos'è la monarchia?

La monarchia è un sistema politico in cui l'autorità suprema è conferita al monarca, un singolo sovrano che funge da capo di stato. Agisce tipicamente come organizzazione politico-amministrativa e come gruppo sociale di nobiltà noto come società di corte.



Qual è la differenza tra monarchia e democrazia?

La monarchia è un sistema politico basato sulla sovranità di un singolo sovrano. La democrazia, un termine che significa governo del popolo, è un sistema politico in cui le leggi, le politiche, i leader e le principali imprese statali sono decise direttamente o indirettamente dai cittadini.



fluoro cloro e bromo sono membri di

Qual è il diritto divino di governare in una monarchia?

Il diritto divino a governare, noto anche come diritto divino dei re, è una dottrina politica che afferma che i monarchi derivano la loro autorità da Dio e non possono essere ritenuti responsabili delle loro azioni con mezzi umani. La teoria del diritto divino può essere fatta risalire alla concezione europea medievale secondo cui Dio attribuiva il potere terreno all'autorità politica e il potere spirituale alle autorità ecclesiastiche.

Che cos'è una monarchia costituzionale?

Una monarchia costituzionale è un sistema politico in cui un monarca condivide il potere con un governo costituzionalmente organizzato. I monarchi nelle monarchie costituzionali agiscono come capi di stato simbolici mentre rinunciano alla maggior parte del potere politico. I paesi governati da monarchie costituzionali oggi includono Regno Unito, Belgio, Norvegia, Giappone e Thailandia.



Funzioni delle monarchie

Una monarchia è costituita da istituzioni distinte ma interdipendenti - un governo e un'amministrazione statale da un lato, e un tribunale e una varietà di cerimonie dall'altro - che provvedono alla vita sociale dei membri della dinastia, dei loro amici e del élite associata. La monarchia implica quindi non solo un'organizzazione politico-amministrativa ma anche una società di corte, termine coniato dal sociologo di origine tedesca del XX secolo Norbert Elias per designare vari gruppi di nobiltà legati alla monarchia dinastia (o casa reale) attraverso una rete di legami personali. Tutti questi legami sono evidenti nelle proprietà simboliche e cerimoniali.

qual è il serpente velenoso nel mondo?

Durante la storia di una data società ci sono alcuni cambiamenti e processi che creano condizioni favorevole all'ascesa della monarchia. Poiché la guerra era il mezzo principale per acquisire terre fertili e rotte commerciali, alcuni dei monarchi più importanti del mondo antico hanno lasciato il segno iniziale come leader guerrieri. Così, le conquiste militari di Ottaviano (in seguito agosto ) portò alla sua posizione di imperatore e all'istituzione della monarchia nell'Impero Romano. Anche i programmi infrastrutturali e la costruzione dello stato hanno contribuito allo sviluppo delle monarchie. Il bisogno, comune nell'arido culture , per allocare terra fertile e gestire un regime di distribuzione dell'acqua dolce (ciò che lo storico americano tedesco Karl Wittfogel chiamò civiltà idraulica) spiegò la fondazione delle antiche monarchie cinese, egiziana e babilonese sulle rive dei fiumi. I monarchi dovevano anche dimostrarsi costruttori di stati.

dove fu costruita la torre di babele?
agosto

Augustus Augustus, scultura in bronzo proveniente da Meroe, Sudan, I secoloQuesto; al British Museum. Per gentile concessione dei fiduciari del British Museum



La monarchia deriva anche dal desiderio di una società, sia essa una popolazione cittadina, una tribù o un popolo multi-tribale, di governare un indigeno leader che rappresenterà adeguatamente i suoi successi storici e ne promuoverà gli interessi. La monarchia, quindi, si basa sull'identità culturale e sul simbolismo della società che rappresenta, e così facendo reifica quell'identità all'interno della società proiettandola anche verso gli estranei. Forse ancora più importante, si credeva che i monarchi di successo e popolari avessero un sacro diritto di governare: alcuni erano considerati dei (come nel caso degli egiziani). faraoni o i monarchi giapponesi), alcuni furono incoronati da sacerdoti, altri furono designati da profeti (il re Davide d'Israele), e altri ancora erano teocrati, che guidavano sia la sfera religiosa che quella politica della loro società, come fecero i califfi dello stato islamico da il VII secoloQuesto. Provenendo da questi diversi ambienti, i leader sono saliti al potere per la prima volta sulla base delle loro capacità e del loro carisma. Di conseguenza, le monarchie si sono dimostrate capaci di adattarsi alle varie strutture sociali pur resistendo dinamico condizioni culturali e geopolitiche. Pertanto, alcune antiche monarchie si sono evolute come piccole città-stato mentre altre sono diventate grandi imperi, l'impero romano è il più cospicua esempio.