Guerre dell'oppio

Guerre dell'oppio , due conflitti armati in Cina a metà del XIX secolo tra le forze dei paesi occidentali e della dinastia Qing, che governò la Cina dal 1644 al 1911/12. La prima guerra dell'oppio (1839-1842) fu combattuta tra Cina e Gran Bretagna , e la seconda guerra dell'oppio (1856–60), nota anche come la Freccia La guerra o la guerra anglo-francese in Cina, fu combattuta dalla Gran Bretagna e Francia contro la Cina. In ogni caso le potenze straniere furono vittoriose e ottennero privilegi commerciali e legali e territoriali concessioni in Cina. I conflitti hanno segnato l'inizio dell'era dei trattati ineguali e di altre incursioni su Qing sovranità che ha contribuito a indebolire e infine a rovesciare il dinastia a favore della Cina repubblicana all'inizio del XX secolo.

patrioti del New England da dove vengono?
seconda battaglia della guerra dell

seconda battaglia della guerra dell'oppio Scena di battaglia di un assalto britannico durante la seconda guerra dell'oppio (o Freccia Guerra; 1856–60); illustrazione non datata. Dominio pubblico



Domande principali

Cosa furono le guerre dell'oppio?

Le guerre dell'oppio furono due conflitti combattuti in Cina a metà del XIX secolo tra le forze dei paesi occidentali e della dinastia Qing, che governò la Cina dal 1644 al 1911/12. La prima guerra dell'oppio (1839–42) fu combattuta tra Cina e Gran Bretagna e la seconda guerra dell'oppio (1856–60), nota anche come la Freccia La guerra o la guerra anglo-francese in Cina, fu combattuta da Gran Bretagna e Francia contro la Cina.



Dinastia Qing Leggi di più sulla dinastia Qing.

Cosa ha causato le guerre dell'oppio?

La prima guerra dell'oppio fu il risultato del tentativo della Cina di sopprimere il commercio illegale di oppio, che aveva portato a una diffusa dipendenza in Cina e stava causando gravi disagi sociali ed economici. I commercianti britannici erano la principale fonte di droga in Cina. La seconda guerra dell'oppio fu il risultato del desiderio di Gran Bretagna e Francia di ottenere ulteriori privilegi commerciali in Cina, inclusa la legalizzazione del commercio dell'oppio, nonché di ottenere più concessioni legali e territoriali in Cina.

Leggi di più di seguito: La prima guerra dell'oppio Commercio di oppio Per saperne di più sul commercio di oppio in Cina.

Chi furono i principali combattenti nelle guerre dell'oppio?

La prima guerra dell'oppio fu combattuta tra Cina e Gran Bretagna. La seconda guerra dell'oppio, conosciuta anche come la Freccia La guerra o la guerra anglo-francese in Cina, fu combattuta da Gran Bretagna e Francia contro la Cina. Gli Stati Uniti e la Russia, sebbene non combattenti, hanno anche ricevuto concessioni dalla Cina a seguito di questo conflitto.



Leggi di più di seguito: La prima guerra dell'oppio Leggi di più di seguito: La seconda guerra dell'oppio

Chi ha vinto le guerre dell'oppio?

Non la Cina. La Gran Bretagna vinse la prima guerra dell'oppio. Il commercio dell'oppio è continuato e la Cina ha dovuto risarcire la Gran Bretagna per le sue perdite Hong Kong Isola per gli inglesi e aumentare il numero di porti del trattato in cui gli inglesi potevano commerciare e risiedere. Gran Bretagna e Francia vinsero la seconda guerra dell'oppio. Le concessioni della Cina includevano la legalizzazione del commercio di oppio e l'apertura di più porti in Cina, viaggi all'estero nell'interno cinese, residenza per gli inviati occidentali a Pechino e libertà di movimento per i missionari cristiani. La Cina ha anche dato alla Gran Bretagna la parte meridionale del Penisola di Kowloon , adiacente a Hong Kong.

Leggi di più di seguito: La prima guerra dell'oppio Leggi di più di seguito: La seconda guerra dell'oppio Hong Kong: governo e società Maggiori informazioni sull'imperialismo britannico a Hong Kong.

Quali furono le conseguenze a lungo termine delle guerre dell'oppio?

Le guerre dell'oppio hanno segnato l'inizio dell'era dei trattati ineguali tra Cina e stranieri imperialista poteri (principalmente Gran Bretagna, Francia, Germania, Stati Uniti, Russia e Giappone) in cui la Cina è stata costretta a concedere molti dei suoi diritti territoriali e di sovranità. Questa e altre riduzioni della sovranità della dinastia Qing al potere in Cina hanno contribuito a indebolire e infine a rovesciare la dinastia, a partire da una rivoluzione il 10 ottobre 1911. Un governo repubblicano ha sostituito la dinastia Qing nel 1912.

Leggi di più di seguito: Guerre dell'oppio Rivoluzione cinese Per saperne di più sulla rivoluzione cinese.

La prima guerra dell'oppio

Conoscere la prima e la seconda guerra dell

Conoscere la prima e la seconda guerra dell'oppio tra Cina e paesi occidentali Domande e risposte sulle guerre dell'oppio. Enciclopedia Britannica, Inc. Guarda tutti i video per questo articolo



Le guerre dell'oppio nacquero dai tentativi della Cina di sopprimere il commercio dell'oppio. I commercianti stranieri (principalmente britannici) esportavano illegalmente oppio principalmente da India in Cina dal 18° secolo, ma quel commercio crebbe drammaticamente a partire dal 1820 circa. La conseguente dipendenza diffusa in Cina stava causando gravi disagi sociali ed economici lì. Nella primavera del 1839 il governo cinese confiscò e distrusse più di 20.000 casse di oppio - circa 1.400 tonnellate di droga - che erano immagazzinate a Canton ( Guangzhou ) da mercanti britannici. L'antagonismo tra le due parti è aumentato a luglio quando alcuni marinai britannici ubriachi hanno ucciso un abitante cinese. Il governo britannico, che non voleva che i suoi sudditi fossero processati nel sistema legale cinese, si è rifiutato di consegnare gli accusati ai tribunali cinesi.

Le ostilità scoppiarono nello stesso anno quando le navi da guerra britanniche distrussero un blocco cinese dell'estuario del fiume Pearl (Zhu Jiang) a Hong Kong . Il governo britannico decise all'inizio del 1840 di inviare un corpo di spedizione in Cina, che arrivò a Hong Kong a giugno. La flotta britannica risalì l'estuario del fiume Pearl fino a Canton e, dopo mesi di trattative, attaccò e occupò la città nel maggio 1841. Le successive campagne britanniche nel corso dell'anno successivo ebbero ugualmente successo contro le forze inferiori Qing, nonostante un deciso contrattacco da parte di Le truppe cinesi nella primavera del 1842. Gli inglesi resistettero a quell'offensiva, tuttavia, e catturarono Nanchino (Nanking) alla fine agosto , che pose fine ai combattimenti.

prima guerra dell

prima guerra dell'oppio Navi britanniche che attaccano una batteria cinese sul fiume delle Perle durante la prima guerra dell'oppio, 1841. Da Narrativa di un viaggio intorno al mondo: eseguita nella nave di Sua Maestà Sulphur, durante gli anni 1836-1842, compresi i dettagli delle operazioni navali in Cina, dal dicembre 1840 al novembre 1841 , dal capitano Sir Edward Belcher, R.N.



I negoziati di pace procedettero rapidamente, con conseguente Trattato di Nanchino, firmato il 29 agosto. Con le sue disposizioni, la Cina era tenuta a pagare alla Gran Bretagna una grossa indennità, a cedere l'isola di Hong Kong agli inglesi e ad aumentare il numero di porti del trattato dove gli inglesi potevano commerciare e risiedere da uno (Cantone) a cinque. Tra i quattro porti designati aggiuntivi c'era Shanghai, e il nuovo accesso agli stranieri segnò l'inizio della trasformazione della città in uno dei principali centri commerciali della Cina. Il Trattato supplementare britannico della Bogue (Humen), firmato l'8 ottobre 1843, conferiva ai cittadini britannici l'extraterritorialità (il diritto di essere giudicati dai tribunali britannici) e lo status di nazione più favorita (alla Gran Bretagna furono concessi tutti i diritti in Cina che potevano essere concessi ad altri paesi esteri). Altri paesi occidentali hanno rapidamente richiesto e hanno ricevuto privilegi simili.

Trattato di Nanchino

Trattato di Nanchino La firma del Trattato di Nanchino. Anne S.K. Brown Military Collection, Biblioteca della Brown University



La seconda guerra dell'oppio

A metà degli anni 1850, mentre il governo Qing era coinvolto nel tentativo di sedare la ribellione dei Taiping (1850-1864), gli inglesi, cercando di estendere i loro diritti commerciali in Cina, trovarono una scusa per rinnovare le ostilità. All'inizio di ottobre 1856 alcuni ufficiali cinesi si imbarcarono sulla nave registrata in Gran Bretagna Freccia mentre era attraccato a Canton, ha arrestato diversi membri dell'equipaggio cinese (che sono stati successivamente rilasciati) e avrebbe abbassato la bandiera britannica. Più tardi quel mese una nave da guerra britannica risalì l'estuario del fiume Pearl e iniziò a bombardare Canton, e ci furono scaramucce tra le truppe britanniche e cinesi. Il commercio cessò come seguì una situazione di stallo. A dicembre i cinesi a Canton hanno bruciato fabbriche straniere (magazzini commerciali) e le tensioni sono aumentate.

I francesi decisero di unirsi alla spedizione militare britannica, usando come scusa l'omicidio di un missionario francese all'interno della Cina all'inizio del 1856. Dopo i ritardi nell'assemblaggio delle forze in Cina (le truppe britanniche che erano in viaggio furono prima deviate verso India per aiutare a sedare l'ammutinamento indiano), gli alleati iniziarono le operazioni militari alla fine del 1857. Catturarono rapidamente Canton, deposero la città intransigente governatore, e ha installato un funzionario più conforme. Nel maggio 1858 le truppe alleate su navi da guerra britanniche raggiunsero Tianjin (Tientsin) e costrinsero i cinesi a negoziare. I trattati di Tianjin, firmati nel giugno 1858, prevedevano la residenza a Pechino per gli inviati stranieri, l'apertura di numerosi nuovi porti al commercio e alla residenza occidentali, il diritto di viaggiare all'estero all'interno della Cina e la libertà di movimento per i missionari cristiani. In ulteriori negoziati a Shanghai nel corso dell'anno, l'importazione di oppio è stata legalizzata.



Gli inglesi si ritirarono da Tianjin nell'estate del 1858, ma tornarono nell'area nel giugno 1859 in rotta verso Pechino con diplomatici francesi e britannici per ratificare i trattati. I cinesi si rifiutarono di lasciarli passare dai forti di Dagu alla foce del fiume Hai e proposero un percorso alternativo per Pechino. Le forze guidate dagli inglesi decisero di non prendere l'altra strada e cercarono invece di spingersi oltre Dagu. Furono respinti con pesanti perdite. I cinesi successivamente si rifiutarono di ratificare i trattati e gli alleati ripresero le ostilità. Nell'agosto 1860 una forza considerevolmente più grande di navi da guerra e truppe britanniche e francesi distrusse le batterie di Dagu, risalì il fiume fino a Tianjin e, in ottobre, catturò Pechino e saccheggiò e poi incendiò il giardino Yuanming, il palazzo estivo dell'imperatore. Più tardi quel mese i cinesi firmarono la Convenzione di Pechino, in cui accettarono di osservare i trattati di Tianjin e cedettero agli inglesi anche la parte meridionale del Penisola di Kowloon adiacente ad Hong Kong.