l'oceano Pacifico

l'oceano Pacifico , specchio d'acqua salata che si estende dalla regione antartica a sud all'Artico a nord e compreso tra i continenti di Asia e Australia a ovest e Nord e Sud America a est.

L

L'Oceano Pacifico, con profili di profondità e caratteristiche sottomarine Encyclopædia Britannica, Inc.



Domande principali

Dove si trova l'Oceano Pacifico?

L'Oceano Pacifico è un corpo di acqua salata che si estende dalla regione antartica a sud all'Artico a nord e si trova tra i continenti dell'Asia e dell'Australia a ovest e il Nord America e il Sud America a est.



Quanto si estende da nord a sud l'Oceano Pacifico?

L'Oceano Pacifico si estende dallo Stretto di Bering vicino al Circolo Polare Artico fino alle coste dell'Antartide attraverso 135° di latitudine, circa 9.600 miglia (15.500 km). La profondità media del Pacifico (esclusi i mari adiacenti) è 14.040 piedi (4.280 metri), e la sua massima profondità nota è 36.201 piedi (11.034 metri).

Qual è la temperatura della zona profonda dell'Oceano Pacifico?

La zona profonda dell'Oceano Pacifico, che contiene circa l'80% del volume dell'oceano, ha modelli di temperatura e salinità relativamente stabili; la sua temperatura media è di 38,3 ° F (3,5 ° C).



Qual è la salinità dell'Oceano Pacifico?

Le più alte salinità superficiali nell'Oceano Pacifico si verificano nella zona sud-orientale, dove raggiungono le 37 parti per mille; le salinità più basse, meno di circa 32 parti, si verificano nell'estrema zona settentrionale del Pacifico. La salinità nella fascia equatoriale può arrivare fino a 34 parti per mille.

Qual è la regione più profonda dell'Oceano Pacifico?

La Fossa delle Marianne, chiamata anche Fossa delle Marianne, è una fossa di acque profonde nel fondo dell'Oceano Pacifico settentrionale occidentale, ed è la fossa più profonda conosciuta sulla Terra. Fa parte del sistema di fosse oceaniche del Pacifico occidentale che coincidono con zone di subduzione, punti in cui due placche tettoniche adiacenti si scontrano, una sotto l'altra.

Dei tre oceani che si estendono verso nord dal antartico continente, il Pacifico è di gran lunga il più grande, occupando circa un terzo della superficie del globo. La sua area, escludendo adiacente essere, comprende circa 63,8 milioni di miglia quadrate (165,25 milioni di km quadrati). Ha il doppio della superficie e più del doppio del volume d'acqua dell'Oceano Atlantico, la successiva divisione più grande dell'idrosfera, e la sua area supera di più quella dell'intera superficie terrestre del globo. L'Oceano Pacifico si estende dalle rive del Antartide allo Stretto di Bering attraverso 135° di latitudine , circa 9.600 miglia (15.500 km). La sua massima estensione longitudinale misura circa 12.000 miglia (19.300 km) lungo 5° di latitudine N, tra le coste di Colombia in Sud America e nel Penisola Malese in Asia. La profondità media del Pacifico (esclusi i mari adiacenti) è 14.040 piedi (4.280 metri), e la sua massima profondità conosciuta è 36.201 piedi (11.034 metri) - nella Fossa delle Marianne - anche la massima profondità trovata in qualsiasi oceano.



Nell'emisfero settentrionale l'Oceano Pacifico incontra l'Oceano Artico nel Mare di Bering. Nell'emisfero australe il Pacifico e l'Atlantico si mescolano nel relativamente stretto Passaggio di Drake tra la Terra del Fuoco in Sud America e la Terra di Graham in Antartide. La separazione tra il Pacifico e indiano oceani è meno distinto, ma generalmente si considera che si trovi lungo la linea di isole che si estendono verso est da Sumatra , attraverso Giava a Timor, da lì attraverso il mare di Timor fino a Cape Londonderry in Australia. A sud dell'Australia il confine si estende attraverso lo Stretto di Bass e quindi dalla Tasmania all'Antartide. La porzione del Pacifico vicino all'Antartide a volte è considerata parte del Oceano meridionale .

quanti sudoku ci sono

A causa del modello dei principali sistemi montuosi del globo, una proporzione relativamente piccola (un settimo) del drenaggio continentale totale entra nel Pacifico, un'area di drenaggio totale inferiore a circa tre volte l'area totale dell'Australia. Dei fiumi che sfociano nel Pacifico, quelli di Cina e Sud-est asiatico sono della massima importanza; i bacini di quei fiumi sostengono più di un quarto della popolazione mondiale.

Il confine orientale del Pacifico è associato al sistema delle cordigliere americane, che si estende dall'Alaska a nord fino alla Terra del Fuoco a sud. Fatta eccezione per le sue sezioni estreme settentrionali e meridionali, caratterizzate da fiordi e dalle numerose isole al largo, e ad eccezione del Golfo di California profondamente frastagliato, il confine costiero è relativamente regolare e la piattaforma continentale stretta. Il confine costiero occidentale, o asiatico, invece, è irregolare. Sebbene i sistemi montuosi si trovino approssimativamente paralleli alla costa, come fanno sulle coste del Pacifico orientale, il Pacifico occidentale è noto per i suoi numerosi mari marginali. Da nord a sud comprendono il Mare di Bering, il Mare di Okhotsk, il Mare del Giappone (Mar Orientale), il Mar Giallo, il Mar Cinese Orientale e il Mar Cinese Meridionale . I loro confini orientali sono formati da penisole sporgenti verso sud o archi insulari o entrambi. È di importanza oceanografica che i grandi fiumi dell'Asia orientale, compreso l'Amur, il Huang He (Fiume Giallo), lo Yangtze, lo Xi e la Perla (Zhu) e il Mekong - entrano nel Pacifico indirettamente attraverso i mari marginali.



Questo articolo tratta la geografia fisica e umana dell'Oceano Pacifico. Per la discussione dell'oceanografia fisica e chimica e della geologia marina del Pacifico, vedere oceano .

Fisiografia

Sollievo

Il bacino del Pacifico può essere convenientemente suddiviso in tre principali regioni fisiografiche: le regioni del Pacifico orientale, occidentale e centrale.



cosa ha fatto George Washington da presidente?

Regione orientale

La regione del Pacifico orientale, che si estende a sud dall'Alaska alla Terra del Fuoco, è relativamente stretta ed è associata al sistema di cordigliere americano di catene montuose quasi ininterrotte, le cui catene costiere salgono ripide dalle coste occidentali del Nord e del Sud America. La piattaforma continentale, che le corre parallela, è stretta, mentre il versante continentale adiacente è molto ripido. Fosse oceaniche significative in questa regione sono la Fossa dell'America Centrale nel Pacifico settentrionale e la Fossa del Perù-Cile nel Pacifico meridionale.

Grande Sur

Big Sur Costa montuosa dell'Oceano Pacifico orientale, Big Sur, California. Jeremy Woodhouse/Getty Images

Regione occidentale

Il confine verso il mare della regione del Pacifico occidentale è segnato da una linea spezzata di fosse oceaniche, che si estende dalla Fossa delle Aleutine a nord attraverso il Kuril e Giappone trincee e verso sud fino alle trincee di Tonga e Kermadec, che terminano vicino a nord-est dell'Isola del Nord, Nuova Zelanda . La sua struttura è più complessa di quella della regione orientale. Caratteristicamente associati alle fosse oceaniche della regione occidentale sono i festoni delle penisole o delle isole o di entrambe. Le isole, che comprendono quelle di Giappone così come numerose isole minori, rappresentano le parti superiori dei sistemi montuosi che si innalzano bruscamente dal profondo fondale oceanico. I gruppi di isole del Pacifico occidentale formano i confini dei numerosi ampi e profondi mari continentali della regione.

Capo Iro

Capo Irō Capo Irō sulla penisola di Izu, Giappone. Satoshi Ohkoshi—Orion Press/FPG

Regione centrale

La regione del Pacifico centrale si trova tra i confini delle regioni orientali e occidentali. La più grande e la più geologicamente stabile delle province strutturali della crosta terrestre, è caratterizzata da vaste aree di bassorilievo, ad una profondità generale di circa 15.000 piedi (4.600 metri) sotto la superficie.

Principale creste e bacini

A est di 150° di longitudine W, il rilievo del fondale oceanico è considerevolmente meno pronunciato che a ovest. Nel Pacifico orientale il Cocos Ridge si estende verso sud-ovest dall'istmo centroamericano al Isole Galapagos . A sud delle Galapagos si trova il Bacino del Perù, che è separato dall'ampia dorsale Sala y Gómez dal Bacino del Pacifico sudorientale, che a sua volta è separato dal bacino del Pacifico sudoccidentale dalla dorsale del Pacifico orientale e dall'indeterminata dorsale pacifico-antartica, che va dalla Cresta Sala y Gómez all'Antartide nelle vicinanze di 150° W.

Palau: isole rocciose

Palau: isole rocciose Veduta aerea delle isole rocciose, Palau. nuccio/Fotolia

Si estende verso sud dal bacino della Tasmania (tra la Nuova Zelanda e l'Australia orientale) è il Macquarie Ridge , che forma un confine importante tra le acque profonde del Pacifico e dell'Oceano Indiano. La cresta hawaiana si estende verso ovest dalle Hawaii al meridiano di 180°.

Le parti sommerse della serie di creste che sono ricoperte dagli arcipelaghi insulari del Pacifico occidentale sono continue e si trovano a profondità inferiori a circa 2.000 piedi (610 metri). Queste creste includono la cresta delle Aleutine nel Pacifico nordoccidentale; la serie di creste che si estendono verso sud attraverso i gruppi di isole Kuril, Bonin e Mariana e gli arcipelaghi di Yap e Palau; quelli che si estendono verso est dalla Nuova Guinea, compreso l'arcipelago di Bismarck e il Salomone e le catene di isole di Santa Cruz; e, infine, le creste che si estendono verso sud, da cui sorgono i gruppi di isole Samoa, Tonga, Kermadec e Chatham, nonché l'isola Macquarie.

Depositi di fondo

A parte la stretta zona costiera della regione orientale e gli ampi mari continentali della regione occidentale, il Pacifico è solcato da materiale pelagico (oceanico) derivato dai resti di piante e animali marini che un tempo abitavano le acque sovrastanti. La melma radicolare rossa o marrone si trova lungo la zona della Corrente Equatoriale Nord del Pacifico, ad est di 170° di longitudine O, e sui fondali di alcuni profondi bacini indonesiani. Una cintura di melma di diatomee si trova tra le latitudini 45° e 60° S e attraverso il Pacifico settentrionale, tra il Giappone e l'Alaska. La melma calcarea di globigerina si verifica nelle parti meno profonde del Pacifico meridionale, il potere dissolvente dell'acqua di mare a grandi profondità è sufficiente a dissolvere il materiale calcareo a tal punto che queste melme non si trovano generalmente a profondità superiori a circa 15.000 piedi (4.600 metri ). Il materiale contenente silice, come la melma di radiolari e diatomee, si trova a profondità maggiori, ma anche questi resti silicei si dissolvono a profondità molto elevate, dove il deposito caratteristico è l'argilla rossa. Si ritiene che l'argilla rossa, che copre non meno della metà del fondo del Pacifico, sia formata da argille colloidali (estremamente finemente suddivise) derivate essenzialmente dalla terra.

noduli di manganese

Noduli di manganese Noduli di manganese sul fondo dell'Oceano Pacifico meridionale. Per gentile concessione dell'Osservatorio geologico Lamont-Doherty, Columbia University

Nelle pianure abissali, dove i sedimenti si accumulano lentamente, i processi chimici e biologici portano alla formazione di rivestimenti metallici intorno a oggetti come le ossa delle orecchie dei pesci. I noduli così formati contengono manganese, ferro, nichel, rame, cobalto e tracce di altri metalli come il platino. Coprono vaste aree del fondo oceanico nel Pacifico. Processi simili formano rivestimenti, chiamati croste di manganese, sulle superfici rocciose dei monti sottomarini.

Tra le numerose e diverse forme di fanghi di derivazione terrestre (formati dall'azione erosiva di fiumi, maree e correnti) che solcano le piattaforme continentali e le pendici del Pacifico, di particolare interesse è il fango giallo del Mar Giallo. Il fango viene convogliato sul fondo del mare dallo Huang He, che drena una vasta area della Cina settentrionale ricoperta di loess, un terreno a grana fine.

Isole

Le isole della regione occidentale, comprese le Aleutine , le Curili, le Ryukyus , Taiwan , il Arcipelago Malese (compresa la Nuova Guinea) e la Nuova Zelanda, sono di carattere continentale. Geologicamente sono costituiti in parte da rocce sedimentarie e le loro strutture sono simili a quelle delle catene montuose costiere del continente adiacente.

Baia di Kraternaya

Baia di Kraternaya La sommità di un vulcano parzialmente sommerso forma il profilo della baia di Kraternaya, sull'isola di Yankich, nelle Isole Curili in Russia. Michael V. Propp

Un confine geologicamente importante tra le isole continentali, o alte, e le numerose isole veramente oceaniche, o basse, del Pacifico è la Linea Andesite, una regione di intensa attività vulcanica e sismica. Nel Pacifico settentrionale e occidentale la linea andesite segue verso il mare l'andamento degli archi insulari dalle Aleutine verso sud fino agli archi di Yap e Palau, da lì verso est attraverso gli arcipelaghi di Bismarck, Salomone e Santa Cruz e da lì verso sud attraverso le Samoa Tonga e gruppi di Chatham e Macquarie Island in Antartide. Le isole a ovest della linea sono ricche di andesite, un tipo di roccia ignea intrusiva; le isole ad est (lato oceanico) di esso sono essenzialmente di basalto, una roccia ignea estrusiva.

Le numerose isole oceaniche del Pacifico sono distribuite in modo non uniforme. Si trovano, principalmente, tra i Tropici del Cancro e del Capricorno e si trovano in gran numero nel Pacifico occidentale. La catena più settentrionale di isole oceaniche è associata alla cresta hawaiana. L'arcipelago hawaiano è composto da circa 2.000 isole, anche se il termine isole hawaiane viene solitamente applicato al piccolo gruppo che si trova all'estremità orientale dell'arcipelago.

Le numerose piccole isole della Micronesia si trovano principalmente a nord dell'Equatore ea ovest del meridiano 180°. Quasi tutti sono corallini; i gruppi principali sono i Marianas, i Marshalls, i Carolines, Kiribati (Isole Gilbert), e Tuvalu (Isole Ellice).

Atollo di Funafuti

Atollo di Funafuti Vista aerea dell'atollo di Funafuti, Tuvalu. Dipartimento degli affari esteri e del commercio, Australia

A sud della Micronesia si trova la Melanesia, che consiste principalmente di piccole isole coralline. La fisiografia della regione è tuttavia dominata da un gruppo di grandi isole continentali, compresa la Nuova Guinea. I principali gruppi di isole melanesiane sono l'arcipelago di Bismarck, le Salomone, Vanuatu (Nuove Ebridi), Nuova Caledonia , e Figi .

L'immensa area della Polinesia comprende le Isole Hawaii, le Isole Phoenix, le Samoa, le Tonga, le Isole Cook, le Isole della Società, le Tuamotu e le Marchesi.

Geologia

Prove tratte da vari campi geofisici: sismologia, vulcanologia , gravimetria e paleomagnetismo (magnetismo residuo): indica la validità generale della teoria della tettonica a zolle . Si ritiene che tutte le principali caratteristiche fisiche del Pacifico abbiano origine nella tettonica delle placche. Gli archi del Pacifico occidentale delle isole vulcaniche e delle fosse profonde sono zone convergenti in cui due placche si scontrano, una subdotta (forzata sotto l'altra). L'East Pacific Rise è un centro di diffusione attivo in cui viene creata una nuova crosta. Il margine nord-orientale del Pacifico è la zona strike-slip dove la placca americana e la placca del Pacifico scivolano lateralmente l'una sull'altra attraverso il principale sistema di faglia di Sant'Andrea. Nel Pacifico sud-orientale, tuttavia, la placca di Nazca e la placca sudamericana si scontrano per formare il Ande lungo il Sudamerica occidentale e, a breve distanza al largo, la Fossa Perù-Cile. Il fondo del Pacifico nord-orientale è notevole per le sue numerose zone di frattura maggiori, che si estendono a est ea ovest e che, in alcuni casi, sono identificabili su distanze di migliaia di miglia.

nel 1940, la battaglia d'Inghilterra:

Di grande interesse geologico sono i sottomarini (vulcani sommersi), i guyot (montagni sottomarini piatti) e isole oceaniche del Pacifico. Le numerose isole tropicali del Pacifico sono principalmente coralline. I principali tipi di barriere coralline - frange, barriera e atollo - così come i guyot, che sorgono nel Pacifico dal fondo dell'oceano alle latitudini nord e sud dei tropici, sono spiegati in parte dalla teoria della lenta subsidenza avanzata dagli inglesi naturalista Charles Darwin durante il XIX secolo e in parte dalla teoria della tettonica a zolle.

Isole Salomone

Isole Salomone Barriere coralline frange, Isole della Nuova Georgia, Isole Salomone. Michael Pitts/Biblioteca di immagini naturali

Clima

I sistemi di vento e pressione del Pacifico sono strettamente conformi al sistema planetario: i modelli di pressione dell'aria e i conseguenti modelli di vento che si sviluppano nell'atmosfera della Terra come risultato della sua rotazione ( forza di Coriolis ) e l'inclinazione del suo asse (eclittica) verso il Sole. Sono, in sostanza, una disposizione latitudinale a tre celle della circolazione atmosferica, con i sistemi negli emisferi settentrionale e meridionale che si specchiano l'un l'altro sui lati opposti dell'equatore. La vasta estensione dell'acqua aperta nel Pacifico influenza i modelli di vento e pressione su di esso e le condizioni climatiche nel Pacifico meridionale e orientale, dove la stabilità del Alisei e i venti occidentali sono notevoli: sono i più uniformi del globo. Nel Pacifico settentrionale, tuttavia, le condizioni non sono così uniformi, in particolare le notevoli differenze climatiche tra le regioni orientali e occidentali della stessa latitudine. Il rigore degli inverni al largo della costa orientale della Russia, ad esempio, contrasta nettamente con la relativa mitezza degli inverni nella regione della Columbia Britannica.