Palembang

Palembang , città (città) e capitale di South Sumatra (Sud Sumatra) Provincia (o Provincia ; provincia), Indonesia. Si trova su entrambe le rive del fiume Musi, attraversato dal ponte Ampera, uno dei ponti più lunghi dell'Indonesia. Palembang è la seconda città più grande dell'isola di Sumatra (dopo Medan). La sua popolazione è prevalentemente malese, con una notevole minoranza cinese.

Palembang: Grande Moschea

Palembang: Grande Moschea La fontana di fronte alla Grande Moschea, Palembang, Sud Sumatra, Indonesia. Sonyasgar/Dreamstime.com



Palembang: Ponte Ampera

Palembang: Ampera Bridge Il ponte Ampera che attraversa il fiume Musi a Palembang, nel sud di Sumatra, in Indonesia. Katerynazakorko/Dreamstime.com



Palembang è stata la capitale dei buddisti Impero Srivijaya dal VII alla fine del XII secolo, quando il centro dell'impero si spostò nella città di Jambi a nord-ovest. Nel XIII secolo Palembang passò sotto il dominio degli indù Impero Majapahit , che aveva sede nella vicina isola di Giava . Quando Palembang rifiutò l'autorità giavanese alla fine del XIV secolo, l'impero rispose distruggendo la città. Anche se il devastato Palembang è rimasto a nominale vassallo di Majapahit, la città fu governata da mercanti cinesi fino alla disgregazione di Majapahit verso la fine del XVI secolo. Nel frattempo, Palembang si era convertito a Islam , e alla metà del XVII secolo la città divenne sede di un sultanato.

un altro nome per la ghiandola pituitaria è:

Nel 1617 la Compagnia Olandese delle Indie Orientali stabilì un avamposto commerciale a Palembang e nel 1659, in seguito a diversi massacri dei suoi dipendenti da parte della popolazione locale, costruì un forte. Il sultanato a intermittenza era sotto la sovranità britannica (1811–14; 1818–21) e fu infine abolito dagli olandesi nel 1823 (sebbene il sultano non si arrese fino al 1825). Palembang fu occupata (1942–45) dal Giappone durante seconda guerra mondiale . Nel 1948 la città divenne la capitale del autonomo stato del Sud Sumatra, che è entrato a far parte della Repubblica di Indonesia nel 1950. Nel 2006 il sultanato di Palembang è stato rianimato grazie all'insediamento di un nuovo sultano, Mahmud Badaruddin III, che fungeva non tanto da amministratore quanto da simbolo del patrimonio sociale e culturale della città .



Oltre al ponte Ampera, i punti di riferimento notevoli di Palembang includono la Grande Moschea (1740; minareto 1753), il Museo Sultan Mahmud Badaruddin II, che è ospitato nel palazzo del sultano della città all'inizio del XIX secolo, le tombe di diversi sultani e l'Università Sriwijaya ( 1960). La città portuale è accessibile al traffico oceanico sul fiume Musi e ha un notevole commercio con i porti sul Penisola Malese e in Thailandia e Cina così come altri porti indonesiani. Le esportazioni includono gomma, caffè, legname, prodotti petroliferi, carbone, tè, spezie, resina, rattan, china e pepe. Ci sono anche cantieri navali, fonderie di ferro, officine meccaniche, impianti di gomma e fabbriche di fertilizzanti. I sobborghi di Sungaigerong e Plaju, situati a est, hanno grandi raffinerie di petrolio. Palembang è collegata all'area circostante tramite ferrovia e strada, e ha anche un aeroporto che offre voli nazionali e un servizio internazionale limitato verso la Malesia. Pop. (2010) 1.440.678.

Palembang

Palembang Una barca sul fiume Musi a Palembang, nel sud di Sumatra, in Indonesia. Byelikova/Dreamstime.com