La vera storia del primo ringraziamento che non hai imparato a scuola

A molti americani viene insegnato che i pellegrini e gli indiani si riunirono per una festa storica a Plymouth nel 1621, ma la vera storia del primo Ringraziamento è molto più complicata.

Primo Ringraziamento

Frederic Lewis / Foto d'archivio / Getty ImagesMolte raffigurazioni dei pellegrini che condividono un pasto con i nativi americani non riflettono la vera storia del Ringraziamento.

Fin da quando chiunque può ricordare, la storia del primo Ringraziamento è stata venerata in America come un pacifico pasto celebrativo tra i pellegrini e i nativi americani nel 1621, un anno dopo che i pellegrini sbarcarono dal Mayflower.



Ma come la maggior parte degli eventi storici che contengono verità sgradevoli, questa festa è spesso descritta in modo impreciso. E la mitica storia del primo Ringraziamento oscura le dolorose verità su come sia effettivamente iniziata la relazione tra i coloni inglesi e gli indigeni.



Sebbene ci sia stata una festa condivisa tra i due gruppi, non si sa con certezza perché si siano riuniti o se i nativi americani siano stati addirittura invitati. E probabilmente non mangiavano tacchino, nonostante l'idea popolare che fosse sul tavolo.

Più significativamente, la mitica storia del primo Ringraziamento imbianca la violenza coloniale contro i nativi americani, avvenuta innumerevoli volte nonostante questo famoso raduno.



Diamo uno sguardo alla vera storia del Ringraziamento.

In realtà non era il primo giorno del Ringraziamento

Vera storia del Ringraziamento

Archivio Bettmann tramite Getty ImagesLe illustrazioni fuorvianti del Ringraziamento hanno contribuito a imbiancare la storia americana.

La storia comunemente raccontata sul primo Ringraziamento lo dipinge come una festa gloriosa che stabilì una pacifica convivenza tra i pellegrini ei nativi americani.



Dopo che i pellegrini arrivarono nell'odierno Massachusetts nel 1620, si ritiene che abbiano ricevuto aiuto dai membri della tribù Wampanoag. Con l'assistenza dei nativi, i pellegrini sono stati in grado di adattarsi a un nuovo ambiente.

Sono stati anche in grado di avere un raccolto autunnale di successo, che hanno segnato con un'elaborata celebrazione con la tribù Wampanoag. I festeggiamenti si sono svolti nell'arco di tre giorni, a volte tra la fine di settembre e la metà di novembre del 1621. Questo incontro sarebbe poi diventato noto come il primo Ringraziamento d'America.

Tuttavia, il concetto di un 'primo Ringraziamento' stesso rimane discutibile . Celebrare il raccolto era comune tra le società native americane ed europee, molto prima che avvenisse il cosiddetto primo Ringraziamento.



E il Ringraziamento non è diventato subito una festa annuale. Gli storici credono che George Washington sia stato il primo a dichiarare una giornata nazionale del Ringraziamento nel 1789. Ma questo non significava che tutti gli americani sapessero della 'prima' celebrazione.

Origine del Ringraziamento

Flickr CommonsL'alleanza tra i Pellegrini e la tribù Wampanoag è nata per necessità, non per gentilezza.



Secondo la Plimoth Plantation, un museo di storia vivente a Plymouth, nel Massachusetts, il primo Ringraziamento non fu nemmeno chiamato il primo Ringraziamento fino agli anni '30 dell'Ottocento. E la festa non fu ufficializzata fino al 1863, quando il presidente Abraham Lincoln la dichiarò come tale.

La sorprendente insignificanza del primo Ringraziamento si riflette nel modo in cui pochi resoconti storici lo menzionano. Solo due fonti primarie raccontano la prima festa del Ringraziamento - e sono entrambe dal punto di vista dei coloni.

Il primo racconto venne da Edward Winslow, uno dei fondatori della colonia di Plymouth, che ne scrisse nel dicembre 1621. Il suo racconto fu riscoperto a metà del XIX secolo da un antiquario di Filadelfia di nome Alexander Young.

Ha menzionato la storia di Winslow nel suo Cronache dei Padri Pellegrini . In una nota in calce allegata, Young ha detto: 'Questo è stato il primo Giorno del Ringraziamento, la festa del raccolto del New England'.

L'unico altro racconto era del governatore della colonia di Plymouth William Bradford, che ne ha scritto in Della Piantagione Di Plymouth - almeno un decennio dopo che è successo. Entrambi questi racconti erano piuttosto brevi, non molto più lunghi di un paragrafo.

Anche se la celebrazione di un raccolto abbondante non era esattamente un nuovo concetto, la tradizione di praticare la gratitudine il giorno del Ringraziamento ha preso piede ed è persistita fino ad oggi. Tuttavia, la vera storia del Ringraziamento rimane in gran parte nell'ombra.

Miti comuni sull'origine del Ringraziamento

Sbarco dei pellegrini

Libreria del CongressoI separatisti inglesi furono rinominati Pellegrini attraverso il mito dell'origine del Ringraziamento.

Si ritiene comunemente che dopo arrivarono i pellegrini nel Nuovo Mondo, sono stati immediatamente accolti dagli indigeni locali.

Ma non è del tutto vero. Come sottolinea lo storico David J. Silverman, il mito del primo Ringraziamento è stato spogliato delle sue realtà politiche , propagando l'errata percezione che i nativi americani cedessero volontariamente la loro terra ai coloni.

'I Wampanoag avevano una storia di diverse migliaia di anni prima dell'arrivo degli inglesi', ha detto Silverman, che ha scritto il libro Questa è la loro terra: gli indiani Wampanoag, la colonia di Plymouth e la travagliata storia del Ringraziamento .

'Quella storia ha plasmato chi erano, come hanno risposto alle altre persone, i loro legami con la terra e ha plasmato fondamentalmente la storia della colonizzazione inglese e della risposta indiana nel sud del New England'.

Questa storia include la politica intertribale, in particolare tra la tribù Wampanoag e i loro rivali, la tribù Narragansett. E coinvolge anche le precedenti esperienze dei nativi con gli europei.

Quando i pellegrini erano arrivati, gli indigeni americani locali erano già in contatto con gli europei da circa un secolo. E questo 'contatto' spesso coinvolgeva gli indigeni che venivano rapiti dai bianchi e venduti come schiavi.

Così, quando si presentarono i pellegrini, la tribù Wampanoag era ragionevolmente diffidente nei confronti dei nuovi arrivati. Il sentimento era reciproco, soprattutto perché il popolo di Wampanoag era più numeroso dei Pellegrini di 'parecchie volte'. Ma nonostante le preoccupazioni di entrambe le parti, c'erano innegabili vantaggi di un'alleanza.

Dopotutto, l'unico modo in cui i pellegrini avrebbero potuto sopravvivere su questa terra straniera era stringere un rapporto con i nativi che potevano offrire loro provviste e protezione. Allo stesso modo, la tribù Wampanoag trarrebbe vantaggio dall'alleanza commerciale e militare con i coloni inglesi, che potrebbe aiutarli a proteggerli dai loro rivali Narragansett.

Per molti nativi americani, il Ringraziamento è considerato un giorno di lutto nazionale.

C'è anche il mito persistente che i pellegrini abbiano esteso un caloroso invito alla tribù Wampanoag a condividere la festa.

Ma alcuni esperti ritengono che i nativi americani non siano stati affatto invitati - e invece si sono presentati solo quando sono venuti per indagare dopo che i pellegrini hanno sparato colpi di avvertimento nella loro direzione. Altri pensano che il capo dei Wampanoag Massasoit abbia portato i suoi uomini a visitare i coloni in un giro diplomatico - ed è successo alla festa per coincidenza.

Per quanto riguarda la festa stessa, ci sono stati anche molti miti al riguardo diffuso tra il pubblico americano . La maggior parte dei dipinti del Ringraziamento raffigurano diversi pellegrini con pochi nativi americani. Ma la vera storia del Ringraziamento mostra che i Pellegrini erano effettivamente in inferiorità numerica di circa due a uno dai loro ospiti indigeni.

Anche i nativi americani portato la maggior parte del cibo per il pasto, e il menu era molto diverso dai piatti 'tradizionali' del Ringraziamento che mangiamo oggi.

Invece di tacchino e torta di zucca, probabilmente mangiavano selvaggina e crostacei. Sicuramente non c'erano purè di patate, dal momento che questo raccolto non era ancora disponibile nella zona. Sebbene i mirtilli possano essere stati inclusi, probabilmente erano usati come guarnizione aspra piuttosto che come salsa dolce.

E poiché probabilmente avevano una scorta limitata di birra, probabilmente hanno semplicemente lavato il cibo con acqua.

L'impatto di un Ringraziamento imbiancato

Pilgrim Guida di Squanto

Getty ImagesUna rappresentazione di Squanto, un nativo americano precedentemente ridotto in schiavitù che parlava inglese e faceva da collegamento tra le popolazioni indigene e i coloni.

Quattrocento anni da quando ha avuto luogo il cosiddetto primo Ringraziamento, il Ringraziamento è diventato una delle festività più celebri negli Stati Uniti, ma è difficile ignorare le conseguenze dannose che il mito del primo Ringraziamento ha avuto, soprattutto sulle comunità dei nativi americani.

La mitica storia dietro la vacanza ha portato a una falsa rappresentazione del rapporto tra nativi americani e pellegrini, che alcuni ritengono fosse totalmente armonioso.

qual era lo scopo del tabernacolo?

In realtà, la loro irta alleanza è stata segnata dall'espansione coloniale della terra, dalla diffusione della malattia europea e dallo sfruttamento bianco delle risorse indigene. In poco tempo, le tensioni scoppiarono in una sanguinosa guerra.

Inoltre, la favola descrive gli indigeni americani come 'esotici', nonostante si trovassero sulla terra molto prima dei pellegrini. I miti sui nativi americani sono anche alimentati dalla lunga tradizione di giovani studenti che si travestono da pellegrini e indigeni, spesso vestiti con costumi errati e copricapi sgargianti.

'Quello che penso che molte persone non riconoscano, mentre chiediamo ai nostri bambini delle scuole elementari di partecipare ai concorsi del Ringraziamento e di celebrare questo mitico consenso dei nativi americani al colonialismo: ciò che chiediamo loro di fare è identificarsi con i coloni inglesi come' noi 'e pensare agli attori storici dei nativi come' loro '”, ha detto Silverman.

'In altre parole, è davvero un modo per cercare di convincere gli americani, specialmente quelli di discendenza europea, a identificarsi con i pellegrini come compagni bianchi e a pensare a loro come i proprietari del paese'.

Per molti nativi americani, il Ringraziamento ha oggi un significato complicato.

Quando i non nativi americani parlano del Ringraziamento, si parla poco di quello che è successo dopo. Nel 1630, il La guerra di Pequot è scoppiata tra il popolo Pequot e i coloni inglesi, che erano alleati con altri nativi americani.

Nel 1643, le colonie di Plymouth, Massachusetts Bay, Connecticut e New Haven avevano formato un'alleanza militare. Negli anni successivi, questa Confederazione del New England avrebbe combattuto contro diverse tribù native, inclusi i Wampanoag. Tuttavia, c'erano un paio di tribù che rimasero alleate con gli inglesi durante questo periodo, come le tribù Mohegan e Mohawk.

E nel 1670 scoppiò una grande battaglia tra i nativi americani ei coloni in tutto il New England. In seguito sarebbe stata conosciuta come la Guerra di Re Filippo, l'ultimo tentativo dei nativi americani per evitare di riconoscere l'autorità inglese e fermare gli insediamenti inglesi sulla loro terra.

Tuttavia, la violenza dei coloni persistette in America e continuò ben dopo che gli Stati Uniti ottennero l'indipendenza. Ironia della sorte, alcuni che hanno sentito parlare di questa storia violenta presumono che i nativi americani non esistano più.

In realtà, oggi negli Stati Uniti ci sono 574 tribù riconosciute a livello federale con culture fiorenti. E ci sono ancora persone Wampanoag in Massachusetts.

La mancanza di consapevolezza sulle origini del Ringraziamento ha gravi conseguenze quando si tratta di come gli americani comprendono il loro passato. In breve, imbiancando il vero rapporto tra i nativi e i coloni si dimentica l'orribile violenza contro le tribù indigene - che è durata per secoli.

Riscoprire la vera storia del Ringraziamento

Cerimonia dell

Liu Guanguan / China News Service / VCG tramite Getty ImagesOgni anno, le tribù intorno a San Francisco si riuniscono sull'isola di Alcatraz per la cerimonia dell'alba del popolo indigeno (o giorno del non-ringraziamento).

Fu solo negli anni '60 che alcune persone non native iniziarono a ripensare il modo in cui vedevano la storia degli indigeni americani. Più o meno nello stesso periodo del movimento per i diritti civili dei neri, gli attivisti nativi hanno lavorato instancabilmente per far sentire anche la loro voce.

Volevano che le persone non native imparassero la storia in gran parte dimenticata della violenza coloniale contro di loro, che ha continuato a influenzare le loro comunità.

Da allora, i progressi sono stati lenti. Ma il mito della storia dell'origine del Ringraziamento è stato sempre più sfidato negli ultimi anni. Invece di celebrare l'arrivo dei pellegrini, molti non nativi americani hanno semplicemente scelto di sottolineare il tempo trascorso con la famiglia e gli amici durante le vacanze.

Alcuni scelgono anche di concentrarsi sostenere le comunità dei nativi americani il giorno del ringraziamento.

Cerimonia dell

Liu Guanguan / China News Service / VCG tramite Getty ImagesIl Ringraziamento è un giorno di lutto per molte comunità native.

Il movimento per riconoscere la storia indigena è cresciuto abbastanza da richiedere un certo sostegno da parte dei governi statali. Nel 2019, il governatore della California Gavin Newsom ha rilasciato scuse formali ai nativi americani per i crimini storici dello stato.

Nel frattempo, gli insegnanti nelle scuole di tutta l'America stanno attivamente cercando modi per farlo istruire meglio i propri studenti sulla brutta verità sul cosiddetto primo Ringraziamento.

'Credo che sia mio obbligo come educatrice', ha detto l'insegnante della Virginia Kristine Jessup, 'assicurarmi che la storia non venga nascosta'.


Ora che hai appreso le vere origini del Ringraziamento, dai un'occhiata a queste strani annunci vintage del Ringraziamento . Quindi, dai un'occhiata a questi splendide maschere tribali dei nativi americani .