Ricostruzione

Ricostruzione , nella storia degli Stati Uniti, il periodo (1865-1877) che seguì la guerra civile americana e durante il quale furono fatti tentativi per porre rimedio alle iniquità della schiavitù e alle sue implicazioni politiche, sociali ed economiche eredità e per risolvere i problemi derivanti dalla riammissione nell'Unione degli 11 stati che si erano separati prima o prima dello scoppio della guerra. A lungo descritto da molti storici come un'epoca in cui vendicativo I repubblicani radicali hanno fissato la supremazia nera sulla sconfitta della Confederazione, la ricostruzione è stata vista dalla fine del XX secolo con maggiore simpatia come un lodevole esperimento di interrazziale democrazia . La ricostruzione ha visto cambiamenti di vasta portata nella vita politica americana. A livello nazionale, nuove leggi e costituzionale modifiche alterato in modo permanente il sistema federale e la definizione di cittadinanza americana. Nel il Sud , un nero politicamente mobilitato Comunità unito con gli alleati bianchi per portare il partito repubblicano al potere, e con esso una ridefinizione delle responsabilità di governo.

suffragio maschile afroamericano

Il suffragio maschile afroamericano The First Vote,' illustrazione da Harper's Weekly , 16 novembre 1867, che mostra uomini afroamericani, il loro abbigliamento indicativo delle loro professioni, in attesa in fila per il loro turno di voto. A.R. Waud/Library of Congress, Washington, D.C. (neg. n. LC-USZ62-19234)



Quindicesimo emendamento

Quindicesimo emendamento Parata afroamericana in onore dell'adozione del quindicesimo emendamento. Biblioteca del Congresso, Washington, DC



che lingua parlano in birmania
Domande principali

Qual è stata l'era della Ricostruzione?

L'era della Ricostruzione fu il periodo successivo alla guerra civile americana dal 1865 al 1877, durante il quale gli Stati Uniti si trovarono alle prese con le sfide del reinserimento nell'Unione degli stati che si erano separati e della determinazione dello status giuridico di afroamericani . La ricostruzione presidenziale, dal 1865 al 1867, richiese poco agli ex stati e leader confederati. La Ricostruzione radicale ha tentato di dare agli afroamericani la piena uguaglianza.

Perché l'era della Ricostruzione è stata importante?

L'era della Ricostruzione ha ridefinito la cittadinanza degli Stati Uniti e ha ampliato il franchising, ha cambiato il rapporto tra il governo federale e i governi degli stati e ha evidenziato le differenze tra democrazia politica ed economica.



Quali erano le promesse dell'era della Ricostruzione?

Mentre il presidente degli Stati Uniti Andrew Johnson tentò di riportare gli stati del sud essenzialmente alle condizioni in cui si trovavano prima della guerra civile americana, repubblicani nel Congresso ha approvato leggi ed emendamenti che affermavano l'uguaglianza di tutti gli uomini davanti alla legge e proibivano la discriminazione razziale, che ha reso afroamericani cittadini statunitensi a pieno titolo e che vietavano le leggi per impedire agli afroamericani di votare.

L'era della Ricostruzione è stata un successo o un fallimento?

Durante un breve periodo nell'era della Ricostruzione, afroamericani ha votato in gran numero e ricoperto cariche pubbliche a quasi tutti i livelli, anche in entrambe le camere del Congresso . Tuttavia, questo ha provocato una violenta reazione da parte dei bianchi che non volevano rinunciare alla supremazia. Il contraccolpo è riuscito e le promesse di ricostruzione sono state per lo più disattese. Il XIV e il XV emendamento non furono applicati ma rimasero sui libri, formando la base della metà del 20 ° secolo movimento per i diritti civili .

Origini della Ricostruzione

Il dibattito nazionale sulla Ricostruzione iniziò durante la Guerra Civile. Nel dicembre 1863, meno di un anno dopo aver emesso il Proclama di Emancipazione, Pres. Abraham Lincoln annunciato il primo completo programma per la ricostruzione, il piano del dieci per cento. Sotto di esso, quando un decimo degli elettori prebellici di uno stato prestava giuramento di lealtà, potevano stabilire un nuovo governo statale. Per Lincoln, il piano era un tentativo di indebolire la Confederazione piuttosto che un progetto per il Sud del dopoguerra. È stato messo in funzione in parti della Confederazione occupata dall'Unione, ma nessuno dei nuovi governi ha ottenuto un ampio sostegno locale. Nel 1864 il Congresso emanò (e Lincoln pocket pose il veto) il Wade-Davis Bill , che proponeva di ritardare la formazione di nuovi governi del sud fino a quando la maggioranza degli elettori non avesse prestato giuramento di fedeltà. Alcuni repubblicani erano già convinti che la parità di diritti per gli ex schiavi dovesse accompagnare la riammissione del Sud nell'Unione. Nel suo ultimo discorso, l'11 aprile 1865, Lincoln, riferendosi alla Ricostruzione in Louisiana , ha espresso l'opinione che alcuni neri - quelli molto intelligenti e quelli che avevano servito nell'esercito dell'Unione - dovrebbero godere del diritto di voto.



Ricostruzione presidenziale

Dopo l'assassinio di Lincoln nell'aprile 1865, Andrew Johnson divenne presidente e inaugurò il periodo della ricostruzione presidenziale (1865-1867). Johnson offrì il perdono a tutti i bianchi del sud tranne i leader confederati e i ricchi piantatori (sebbene la maggior parte di questi abbia successivamente ricevuto perdoni individuali), ripristinando i loro diritti politici e tutte le proprietà tranne gli schiavi. Ha anche delineato come sarebbero stati creati nuovi governi statali. A parte l'obbligo di abolire la schiavitù, ripudiare secessione, e abrogare il debito confederato, questi governi hanno avuto mano libera nella gestione dei loro affari. Hanno risposto emanando i codici neri, leggi che richiedevano afroamericani firmare contratti di lavoro annuali e in altri modi ha cercato di limitare le opzioni economiche dei liberti e ristabilire la piantagione disciplina . Gli afroamericani hanno resistito con forza all'attuazione di queste misure e hanno seriamente minato il sostegno del Nord alle politiche di Johnson.

Andrew Johnson

Andrew Johnson Andrew Johnson, fotografia di Mathew Brady. Biblioteca del Congresso, Washington, DC

Andrew Johnson

Andrew Johnson Andrew Johnson perdona i soldati confederati alla Casa Bianca, Washington, DC, illustrazione da Harper's Weekly , 1865. Harper's Weekly V. 9, n. 459, ottobre 1865



Quando il Congresso si riunì nel dicembre 1865, repubblicani radicali come il rappresentante Thaddeus Stevens della Pennsylvania e il senatore Charles Sumner del Massachusetts chiesero l'istituzione di nuovi governi del sud basati sull'uguaglianza davanti alla legge e sul suffragio universale maschile. Ma i repubblicani moderati più numerosi speravano di lavorare con Johnson modificando il suo programma. Il Congresso rifiutò di ospitare i rappresentanti e i senatori eletti dagli stati del sud e all'inizio del 1866 approvò l'Ufficio dei liberti e Diritti civili Fatture. Il primo prolungò la vita di un'agenzia che il Congresso aveva creato nel 1865 per sovrintendere al passaggio dalla schiavitù alla libertà. La seconda definiva tutte le persone nate negli Stati Uniti come cittadini nazionali, che dovevano godere dell'uguaglianza davanti alla legge.

Thaddeus Stevens

Thaddeus Stevens Thaddeus Stevens, foto di Mathew Brady. Biblioteca del Congresso, Washington, DC



Una combinazione di testardaggine personale, fervente fede nei diritti degli stati e razzista convinzioni ha portato Johnson a respingere queste leggi, causando una rottura permanente tra lui e il Congresso. Il Civil Rights Act è diventato la prima legislazione significativa nella storia americana a diventare legge sul veto di un presidente. Poco dopo, il Congresso ha approvato il Quattordicesimo Emendamento, che ha messo il principio della cittadinanza per diritto di nascita nel Costituzione e proibiva agli Stati di privare qualsiasi cittadino dell'eguale protezione delle leggi. Probabilmente l'aggiunta più importante alla Costituzione oltre al Carta dei diritti , il emendamento costituito un profondo cambiamento nelle relazioni federale-stato. Tradizionalmente, i diritti dei cittadini erano stati delineato e protetto dagli stati. Successivamente, il governo federale avrebbe garantito l'uguaglianza di tutti gli americani davanti alla legge contro la violazione dello stato.

dove si trova l'anello di fuoco?

Ricostruzione radicale

Nelle elezioni congressuali dell'autunno 1866, gli elettori del Nord in modo schiacciante ripudiato Le politiche di Johnson. Il Congresso decise di ricominciare la ricostruzione. Il Atti di ricostruzione del 1867 divise il Mezzogiorno in cinque distretti militari e delineò come dovevano essere istituiti nuovi governi, basati sul suffragio virile senza riguardo alla razza. Iniziò così il periodo della Ricostruzione radicale o congressuale, che durò fino alla fine degli ultimi governi repubblicani meridionali nel 1877.

Thomas Nast: Questo è un uomo bianco

Thomas Nast: questo è il governo di un uomo bianco Questo è il governo di un uomo bianco, vignetta politica di Thomas Nast, pubblicata in Harper's Weekly , 5 settembre 1868. Raffigurati in piedi in cima a un veterano della guerra civile nera sono un irlandese di Five Points, il fondatore del Ku Klux Klan Nathan Bedford Forrest e il finanziere di Wall Street e il democratico August Belmont. Thomas Nast/Library of Congress, Washington, D.C. (neg. n. LC-USZ62-121735)

Nel 1870 tutti gli ex stati confederati erano stati riammessi nell'Unione e quasi tutti erano controllati dal Partito Repubblicano. Tre gruppi costituivano il repubblicanesimo meridionale. I carpetbagger, o arrivati ​​di recente dal nord, erano ex soldati dell'Unione, insegnanti, agenti dell'Ufficio per i liberti e uomini d'affari. Il secondo grande gruppo, scalawags, o repubblicani bianchi nativi, comprendeva alcuni uomini d'affari e piantatori, ma la maggior parte erano piccoli agricoltori non schiavisti del sud del paese. Fedeli all'Unione durante la guerra civile, videro il Partito Repubblicano come un mezzo per impedire ai Confederati di riconquistare il potere nel sud.

Thomas Nast: L

Thomas Nast: L'uomo con le borse (tappeto) L'uomo con le borse (tappeto), cartone animato di Thomas Nast raffigurante un atteggiamento comune del sud nei confronti dei nordisti durante la ricostruzione, 1872. The Granger Collection, New York

In ogni stato, afroamericani formava la stragrande maggioranza degli elettori repubblicani del sud. Fin dall'inizio della Ricostruzione, le convenzioni ei giornali neri in tutto il Sud avevano chiesto l'estensione dei pieni diritti civili e politici agli afroamericani. Composta da coloro che erano stati liberi prima della Guerra Civile più ministri degli schiavi, artigiani e veterani della Guerra Civile, la leadership politica nera premette per l'eliminazione del sistema delle caste razziali e l'elevazione economica degli ex schiavi. Sedici afroamericani servito nel Congresso durante la Ricostruzione, tra cui Hiram Revels e Blanche K. Bruce nel Senato degli Stati Uniti, più di 600 nelle legislature statali e centinaia di altre negli uffici locali dallo sceriffo al giudice di pace sparsi in tutto il sud. La cosiddetta supremazia nera non è mai esistita, ma l'avvento degli afroamericani in posizioni di potere politico ha segnato una drammatica rottura con le tradizioni del paese e ha suscitato un'aspra ostilità da parte degli oppositori della Ricostruzione.

Il primo senatore e rappresentanti di colore

Il primo senatore e rappresentanti di colore Hiram Revels (seduto all'estrema sinistra) del Mississippi, il primo senatore americano afroamericano, insieme ai membri neri della Camera dei rappresentanti (seduto, da sinistra a destra) Benjamin S. Turner dell'Alabama, Josiah T. Walls della Florida, e Joseph H. Rainey e Robert Brown Elliott della Carolina del Sud e (in piedi) Robert C. De Large della Carolina del Sud e Jefferson H. Long della Georgia. Biblioteca del Congresso, Washington, DC (neg. n. LC-USZC2-2325)

Blanche K. Bruce

Blanche K. Bruce Blanche K. Bruce, senatore del Mississippi. Biblioteca del Congresso, Washington, DC

Al servizio di una cittadinanza allargata, i governi della Ricostruzione hanno istituito i primi sistemi scolastici pubblici finanziati dallo stato del Sud, hanno cercato di rafforzare il potere contrattuale dei lavoratori delle piantagioni, hanno reso la tassazione più equa e hanno messo al bando la razza razziale. discriminazione nei trasporti pubblici e negli alloggi. Offrirono anche generosi aiuti alle ferrovie e ad altre imprese nella speranza di creare un Nuovo Sud la cui espansione economica avrebbe beneficiato sia i neri che i bianchi. Ma il programma economico ha generato corruzione e aumento delle tasse, alienando un numero crescente di elettori bianchi.

Nel frattempo, la trasformazione sociale ed economica del Sud procedeva a ritmo sostenuto. Per i neri, libertà significava indipendenza dal controllo bianco. La ricostruzione ha fornito l'opportunità per afroamericani consolidare i loro legami familiari e creare istituzioni religiose indipendenti, che divennero centri di vita comunitaria che sopravvissero molto tempo dopo la fine della Ricostruzione. Gli ex schiavi chiedevano anche l'indipendenza economica. Le speranze dei neri che il governo federale avrebbe fornito loro terra erano state sollevate dal Field Order No. 15 del gennaio 1865 del generale William T. Sherman, che riservava una vasta area di terra lungo la costa della Carolina del Sud e Georgia per il esclusivo insediamento delle famiglie nere e dal Freedmen's Bureau Act di marzo, che autorizzava l'ufficio ad affittare o vendere terreni in suo possesso a ex schiavi. Ma il presidente Johnson, nell'estate del 1865, ordinò che la terra in mani federali fosse restituita ai suoi precedenti proprietari. Il sogno di 40 acri e un mulo era nato morto. Mancando di terra, la maggior parte degli ex schiavi aveva poche risorse economiche alternativa altro che riprendere il lavoro nelle piantagioni di proprietà dei bianchi. Alcuni lavoravano per salario, altri come mezzadri, che a fine anno dividevano il raccolto con il proprietario. Nessuno dei due status offriva molte speranze per la mobilità economica. Per decenni, la maggior parte dei neri del sud è rimasta senza proprietà e povera.

Thomas Nast: Pazienza su un monumento

Thomas Nast: Patience on a Monument Patience on a Monument, vignetta politica di Thomas Nast che cataloga gli oltraggi subiti dagli afroamericani che le politiche di ricostruzione repubblicana stavano cercando di correggere, 1868. Rare Book and Special Collections Division/Library of Congress, Washington, D.C.

Tuttavia, la rivoluzione politica della Ricostruzione ha generato un'opposizione sempre più violenta da parte dei meridionali bianchi. Organizzazioni suprematiste bianche che hanno commesso atti terroristici, come il Ku Klux Klan , ha preso di mira i leader repubblicani locali per pestaggi o assassinii. Anche gli afroamericani che affermavano i propri diritti nei rapporti con datori di lavoro, insegnanti, ministri e altri bianchi che cercavano di aiutare gli ex schiavi divennero bersagli. A Colfax, in Louisiana, nel 1873, decine di miliziani neri furono uccisi dopo essersi arresi ai bianchi armati intenti a prendere il controllo del governo locale. I nuovi governi del Sud guardavano sempre più a Washington, D.C. , per assistenza.

gruppo terroristico durante la Ricostruzione

gruppo terroristico durante la Ricostruzione Rappresentazione delle società segrete che terrorizzarono gli afroamericani durante la Ricostruzione. Biblioteca del Congresso, Washington, DC

Nel 1869 il Partito Repubblicano aveva saldamente il controllo di tutti e tre i rami del governo federale. Dopo aver tentato di rimuovere il Segretario alla Guerra Edwin M. Stanton, in violazione del nuovo Tenure of Office Act, Johnson era stato messo sotto accusa dalla Camera dei Rappresentanti nel 1868. Sebbene il Senato, con un solo voto, non fosse riuscito a rimuoverlo dall'incarico, Il potere di Johnson di ostacolare il corso della Ricostruzione era svanito. Repubblicano Ulisse S. Grant fu eletto presidente quell'autunno ( vedere elezioni presidenziali americane del 1868). Poco dopo, il Congresso approvò il quindicesimo emendamento, che vietava agli stati di limitare il diritto di voto a causa della razza. Quindi ha emanato una serie di atti di applicazione che autorizzano l'azione nazionale per reprimere la violenza politica. Nel 1871 l'amministrazione lanciò un'offensiva legale e militare che distrusse il Klan. Grant fu rieletto nel 1872 nelle elezioni più pacifiche del periodo.

chi è il dio del mare?