La sindrome di Stoccolma e la strana rapina in banca dietro di essa

Le prime vittime della sindrome di Stoccolma hanno trovato i sintomi inspiegabili quanto i medici che li hanno esaminati.

Edificio della banca di credito

Wikimedia CommonsL'edificio Kreditbanken, dove Jan-Erik Olsson ha preso i suoi ostaggi.

Nel 1973, il criminologo e psichiatra svedese Nils Bejerot ha coniato un fenomeno psichiatrico molto interessante. Lo ha chiamato Sindrome di Norrmalmstorg , dopo Norrmalmstorg, la zona di Stoccolma dove il aveva avuto origine . Per le persone al di fuori della Svezia, tuttavia, divenne nota come 'sindrome di Stoccolma'.



Il caso della sua nuova condizione era curioso. Si era verificata una rapina in banca e gli ostaggi erano stati presi. Tuttavia, a differenza di tutte le situazioni con ostaggi precedenti, gli ostaggi non avevano paura nei confronti dei loro sequestratori. In effetti, era proprio il contrario. Gli ostaggi sembravano aver sviluppato sentimenti positivi verso i loro rapitori, sconcertando quasi tutti gli agenti delle forze dell'ordine e gli psichiatri del mondo.



La mattina del 23 agosto 1973, Jan-Erik Olsson, in aspettativa dalla prigione, entrò nella Sveriges Kreditbanken a Norrmalmstorg, una banca nel centro di Stoccolma. Armato di un mitra, Olsson ha sparato diversi colpi al soffitto e ha annunciato che stava rapinando la banca.

Mentre sparava, gridò 'La festa è appena iniziata!'



All'arrivo di Olsson, uno degli impiegati della banca aveva attivato un allarme silenzioso e due poliziotti si sono presentati e hanno tentato di sottomettere Olsson. Ha sparato a uno dei poliziotti, colpendolo alla mano. L'altro lo costrinse a sedersi e disse di 'cantare qualcosa'. Mentre il poliziotto illeso cantava 'Lonesome Cowboy', Olsson raccolse quattro impiegati di banca e li fece entrare in un caveau.

quali sono le sette meraviglie del mondo

In cambio dei prigionieri, Olsson ha detto alla polizia, voleva alcune cose in cambio. Per prima cosa, voleva che il suo amico, il compagno di prigionia Clark Olofsson fosse portato in banca. Quindi, voleva tre milioni di corone svedesi (circa $ 376.000), due pistole, giubbotti antiproiettile, caschi e un'auto veloce.

AFP PHOTO / PRESS BILD FILES / ROLAND JANSSON / AFP PHOTO / SCANPIX SWEDEN / ROLAND JANSSONFotografi della stampa e cecchini della polizia giacciono fianco a fianco su un tetto di fronte alla banca Kreditbanken su Norrmalmstorg



Il governo ha permesso a Olofsson di essere rilasciato, per fungere da tramite di comunicazione tra la polizia e Olsson, e in poche ore è arrivato in banca con il riscatto, le richieste e una Ford Mustang blu con il serbatoio pieno. L'unica richiesta del governo per Olofsson e Olsson era di lasciare indietro gli ostaggi quando se ne andarono.

Sfortunatamente, al duo non sono piaciuti questi termini, poiché volevano partire con gli ostaggi per assicurarsi un passaggio sicuro fuori dalla banca. In preda alla rabbia, Olsson ha chiamato il primo ministro svedese, minacciando la vita di uno degli ostaggi, una giovane donna di nome Kristin Enmark.

Il mondo osservava con orrore le dozzine di troupe giornalistiche accampate fuori dalla banca. Il pubblico ha inondato i notiziari locali e le stazioni di polizia con suggerimenti su come far uscire gli ostaggi, che andavano da ostili a decisamente ridicoli.



Tuttavia, mentre il pubblico fuori dalla banca diventava sempre più supponente e preoccupato di giorno in giorno, all'interno della banca stava accadendo qualcosa di molto strano.

cosa ha fornito l'origine della common law inglese?
Clark Olofsson e la sindrome di Stoccolma ostaggi nel caveau

AFP / Getty ImagesClark Olofsson e due degli ostaggi.



Il primo segno che qualcosa non andava è arrivato il giorno dopo la chiamata minacciosa di Olsson. Il primo ministro ha ricevuto un'altra chiamata dal gruppo all'interno della banca, anche se questa volta era da uno degli ostaggi - Kristin Enmark.

Con sorpresa del ministro, Enmark non ha espresso la sua paura . Invece, gli disse quanto fosse delusa dal suo atteggiamento nei confronti di Olsson, e gli sarebbe dispiaciuto lasciarli andare tutti liberi.

Sembrava che mentre il mondo esterno era preoccupato che gli ostaggi sarebbero stati uccisi, gli ostaggi avevano invece stretto una relazione con i loro carcerieri e avevano iniziato a legarsi con loro. Olsson aveva regalato a Enmark una giacca quando aveva freddo, l'aveva calmata durante un incubo e l'aveva lasciata prendere una pallottola dalla sua pistola come ricordo.

Un altro ostaggio, Birgitta Lundblad, aveva avuto il permesso di chiamare la sua famiglia e, quando non poteva contattarli, era stata incoraggiata a continuare a provare e non arrendersi. Quando un altro ostaggio, Elisabeth Oldgren, si è lamentato di claustrofobia, le è stato permesso di fare una passeggiata all'esterno della volta (anche se legata a un guinzaglio di 9 metri).

'Ricordo di aver pensato che è stato molto gentile a permettermi di lasciare il caveau', ha detto al Newyorkese un anno dopo.

Il suo compagno in ostaggio Sven Safstrom, l'unico ostaggio maschio, era d'accordo con lei, nonostante il fatto che Olsson avesse minacciato di sparargli a una gamba.

'Come pensavo che fosse gentile per aver detto che avrebbe sparato solo alla mia gamba', ha ricordato.

'Quando ci trattava bene, potevamo pensare a lui come a un Dio di emergenza', ha continuato.

AFP PHOTO PRESS PICTURE / AFP PHOTO / SCANPIX SWEDEN / EGAN PoliceJan-Erik Olsson è portato fuori dalla banca dopo che il gas lacrimogeno è stato rilasciato.

Alla fine, sei giorni dopo che Olsson era entrato per la prima volta in banca, la polizia fuori ha preso una decisione. A causa delle confuse richieste di pietà dell'ostaggio nei confronti dei loro rapitori, non sembrava esserci modo per tirarli fuori se non con la forza. Il 28 agosto, la polizia ha pompato gas lacrimogeni nel caveau per un piccolo foro nel soffitto. Olsson e Olofsson si sono arresi quasi immediatamente.

Tuttavia, quando la polizia ha chiesto che gli ostaggi uscissero per primi, la loro irrazionale fedeltà ai loro rapitori è rimasta ferma. Hanno insistito che i rapitori se ne andassero per primi, poiché credevano che la polizia li avrebbe sparati se fossero stati gli ultimi nel caveau. Anche se i carcerieri venivano presi in custodia e portati via, gli ostaggi li difendevano.

L'inspiegabile empatia che i prigionieri provavano per i loro rapitori, la loro 'sindrome di Stoccolma', confuse la polizia e gli operatori sanitari nei mesi successivi all'evento. Il giorno dopo essere stata rilasciata, l'ostaggio Elisabeth Oldgren ha ammesso di non sapere nemmeno perché si sentisse in quel modo.

'C'è qualcosa di sbagliato in me?' ha chiesto al suo psichiatra. 'Perché non li odio?'

la fondazione delle colonie americane da parte degli inglesi fu

In poco tempo, il termine sindrome di Stoccolma sarebbe stato utilizzato per descrivere la situazione e altre in cui l'ostaggio si è affezionato emotivamente ai loro rapitori. La sindrome di Stoccolma è stata nuovamente portata all'attenzione nazionale un anno dopo la rapina in banca, quando l'ereditiera del quotidiano americano Patty Hearst ha affermato che spiegava la sua fedeltà all'Esercito di liberazione simbionese, un gruppo di guerriglia urbana che l'aveva rapita.

Per le vittime originali, sembrava che la loro sindrome di Stoccolma persistesse. Dopo che Olofsson e Olsson furono imprigionati, gli ostaggi fecero visite di routine in prigione ai loro rapitori, senza mai trovarsi in grado di rompere l'inconcepibile legame che si era formato in circostanze così oscure.


Quindi, leggi informazioni su le più grandi organizzazioni criminali del mondo . Quindi, impara il origini di queste dieci parole gergali popolari .