Storia dell'orsacchiotto: come il presidente Roosevelt ha ispirato il giocattolo classico

La storia dell'orsacchiotto inizia con una battuta di caccia, un presidente degli Stati Uniti e una decisione fatale.

Cartone animato che mostra la storia dell

Wikimedia CommonsIl fumetto politico di Clifford Berryman che ha ispirato l'orsacchiotto.

Il presidente Theodore Roosevelt era un grande cacciatore di selvaggina.



Durante la sua presidenza, andava spesso in vacanza per andare a caccia di orsi in montagna, tornando a casa con grandi trofei da mostrare ai suoi amici. Una particolare escursione, però, non si è conclusa con un solo trofeo. Invece, il viaggio lo farebbe garantire Il nome di Roosevelt sarebbe passato alla storia come ispirazione per il giocattolo preferito di ogni bambino.



Nel 1902, dopo un anno in carica particolarmente difficile in cerca di pace tra le compagnie di estrazione del carbone ei loro lavoratori in sciopero, Roosevelt decise di aver bisogno di una vacanza. In realtà, il governatore del Mississippi Andrew Longino lo aveva invitato a una battuta di caccia all'orso nel sud, e il presidente accettò felicemente.

Il presidente arrivò a Onward, Miss. Nel novembre del 1902, insieme a un equipaggio di trapper, cavalli, cani da caccia e giornalisti, tutti desiderosi di vedere il famoso cacciatore in azione. Inoltre, uno schiavo liberato locale di nome Hold Collier, che conosceva bene le paludi, era stato nominato guida per la spedizione di 10 giorni.



Anche se Roosevelt era un cacciatore esperto ed era particolarmente abile nella caccia alla selvaggina grossa, aveva uno svantaggio: era estremamente impaziente quando si trattava di localizzare la selvaggina.

Holt Collier

Wikimeda CommonsHolt Collier, l'ex schiavo che ha catturato l'orso che Roosevelt ha perdonato.

cosa è successo alla battaglia del rigonfiamento

'Devo vedere un orso vivo il primo giorno', ha detto a Collier. Sfortunatamente, non c'è stata tale fortuna. Volendo impressionare il presidente, Collier ha arruolato i suoi cani e alla fine ha raccolto il profumo di un vecchio orso nero.



I cani hanno messo all'angolo l'orso, ma l'orso ha reagito, uccidendo alcuni di loro. Volendo salvare l'uccisione per il presidente, che era ancora al campo, ma temendo per la vita dei suoi cani da caccia, Collier ha legato l'orso e l'ha legato a un albero.

Quando Roosevelt arrivò, si aspettava di poter cacciare l'orso da solo. Invece, ha trovato un orso insanguinato e agitato legato a un albero. Gli altri cacciatori hanno incoraggiato Roosevelt a sparare, ma il presidente ha rifiutato, credendo che uccidere un orso legato sarebbe stato antisportivo.

I giornalisti che avevano accompagnato il presidente nel viaggio hanno immediatamente risposto alle rispettive pubblicazioni, raccontando la compassione di Roosevelt, e in poco tempo la notizia si era diffusa in tutto il Paese.



Il 16 novembre 1902 a Washington Post Il fumettista di nome Clifford Berryman ha preso in giro l'incontro, pubblicando un fumetto politico che ritrae Roosevelt che risparmia un simpatico orsetto. Il cartone è diventato così popolare che Berryman ha incluso lo stesso orsetto, che ha chiamato un 'orsacchiotto', negli altri suoi cartoni durante la presidenza di Roosevelt.

Michtom Teddy Bear

Wikimedia CommonsUn orsacchiotto Michtom, di proprietà di Kermit Roosevelt, in mostra allo Smithsonian.



Quando è uscito il fumetto di Berryman, un uomo di nome Morris Michtom ha avuto un'idea. Lui e sua moglie Rose possedevano un piccolo negozio di penny a Brooklyn, New York, dove vendevano piccoli giocattoli fatti a mano. La notte in cui il fumetto è stato pubblicato, Rose ha modellato un piccolo orso di peluche di velluto. La mattina dopo, i Michtom hanno mostrato 'Teddy's Bear' nella loro finestra.

Con loro sorpresa, centinaia di persone hanno chiesto informazioni sull'acquisto del peluche di Rose. Prima di venderla, tuttavia, i Michtom hanno deciso di chiedere l'approvazione del presidente. Hanno spedito l'orso originale a Roosevelt come regalo per i suoi nipoti, insieme a una lettera che chiedeva il suo permesso di usare il suo nome sull'orso.

Fortunatamente, Roosevelt ha acconsentito e il resto è storia dell'orsacchiotto. La popolarità di Teddy's Bear, in seguito abbreviato in 'orsacchiotto', spinse i Michtom a dedicarsi interamente alla produzione di orsetti di peluche, e Roosevelt adottò persino l'orsacchiotto come simbolo del Partito Repubblicano per le elezioni del 1904.

In poco tempo, i produttori di giocattoli in tutta l'America iniziarono a vendere versioni dell'orsacchiotto. Una società di New York ha persino venduto un orso, chiamato 'orso berryman', chiamato in onore di Clifford Berryman, che portava una bandiera americana, e somigliava più da vicino all'orso del famoso cartone animato.

Steiff Teddy Bear

Un orsacchiotto di Steiff

L'orsacchiotto ha persino guadagnato fama internazionale, quando il produttore di giocattoli tedesco Richard Steiff rinominato gli orsetti di peluche della sua azienda come 'orsacchiotti' e iniziò a venderli nei negozi di giocattoli in Germania nel 1903. Entro un anno, negozi di giocattoli in tutta Europa portavano i prodotti di Steiff e la storia degli orsacchiotti non sarebbe più stata la stessa.

Roosevelt non ha mai previsto il successo dell'orso quando gli ha prestato il suo nome, né ha previsto che una caccia così infruttuosa sarebbe diventata una delle sue più famose. Nonostante sia tornato da Onward a mani vuote, Roosevelt ha continuato a caccia per la maggior parte della sua vita.

Dopo la sua presidenza e il contributo alla storia degli orsacchiotti, sarebbe diventato famoso per la spedizione Smithsonian-Roosevelt, che riforniva l'istituzione Smithsonian con quasi 12.000 esemplari.


Ti è piaciuto questo articolo sulla storia di Teddy Bear? Successivamente, scopri come il tuo orsacchiotto di peluche ha cambiato il tuo rapporto con gli animali della vita reale . Quindi, leggi la verità dietro a questo famosa immagine di Teddy Roosevelt che cavalca un alce .