La tragica storia del massacro di Jonestown, il più grande 'suicidio' di massa della storia moderna

Fino agli attacchi dell'11 settembre, il massacro di Jonestown è stata la più grande perdita di vite civili come risultato di un atto deliberato nella storia americana.

Vista aerea del massacro di Jonestown

David Hume Kennerly / Getty ImagesI cadaveri circondano il complesso del culto del Tempio dei Popoli dopo che i suoi oltre 900 membri, guidati dal reverendo Jim Jones, morirono per aver bevuto Flavor Aid con l'aggiunta di cianuro. 19 novembre 1978. Jonestown, Guyana.

Oggi, il massacro di Jonestown che ha provocato la morte di oltre 900 persone in Guyana nel novembre del 1978 è ricordato nell'immaginario popolare come il tempo in cui gli espatriati creduloni del culto del Tempio dei Popoli hanno letteralmente 'bevuto il Kool-Aid' e sono morti contemporaneamente Avvelenamento da cianuro.



È un racconto così bizzarro che per molti la sua stranezza quasi eclissa la tragedia. Sconcerta l'immaginazione: quasi 1.000 persone erano così affascinate dalle teorie del complotto di un leader di una setta che si sono trasferite in Guyana, si sono isolate su un recinto, poi hanno sincronizzato i loro orologi e hanno bevuto una bevanda per bambini avvelenata.



Come hanno potuto così tante persone aver perso il controllo della realtà? E perché erano così facilmente ingannati?

La vera storia risponde a queste domande, ma togliendo il mistero, porta anche la tristezza del massacro di Jonestown al centro della scena.



Le persone nel complesso di Jim Jones si sono isolate in Guyana perché negli anni '70 volevano ciò che molte persone del 21 ° secolo danno per scontato che un paese dovrebbe avere: una società integrata che rifiuta il razzismo, promuove la tolleranza e distribuisce efficacemente le risorse.

Credevano a Jim Jones perché aveva potere, influenza e collegamenti con i leader tradizionali che lo sostenevano pubblicamente per anni.

E hanno bevuto una bevanda analcolica all'uva con aggiunta di cianuro il 19 novembre 1978, perché pensavano di aver appena perso il loro intero stile di vita. Ha aiutato, ovviamente, il fatto che non fosse la prima volta che pensavano di prendere del veleno per la loro causa. Ma è stata l'ultima.



Prima del massacro di Jonestown, Jim Jones era un attivista per i diritti civili

Jim Jones davanti alla bandiera

Archivi Bettmann / Getty ImagesIl reverendo Jim Jones alza il pugno in segno di saluto mentre predica in un luogo sconosciuto.

Trent'anni prima di mettersi di fronte a una vasca di punch avvelenato e di esortare i suoi seguaci a porre fine a tutto, Jim Jones era una figura benvoluta e rispettata nella comunità progressista.

Tra la fine degli anni Quaranta e l'inizio degli anni Cinquanta, era noto per il suo lavoro di beneficenza e per aver fondato una delle prime chiese di razza mista nel Midwest. Il suo lavoro ha aiutato a desegregare l'Indiana e gli è valso un seguito devoto tra gli attivisti per i diritti civili.



Da Indianapolis si è trasferito in California, dove lui e la sua chiesa hanno continuato a promuovere un messaggio di compassione. Hanno sottolineato aiutare i poveri e allevare gli oppressi, coloro che erano emarginati ed esclusi dalla prosperità della società.

A porte chiuse, abbracciarono il socialismo e speravano che con il tempo il paese sarebbe stato pronto ad accettare la teoria tanto stigmatizzata.



E poi Jim Jones iniziò a esplorare la guarigione per fede. Per attirare folle più grandi e portare più soldi per la sua causa, ha iniziato a promettere miracoli, dicendo che poteva letteralmente tirare fuori il cancro dalle persone.

Ma non era il cancro quello che scattava magicamente dai corpi delle persone: erano frammenti di pollo marcio che ha prodotto con il bagliore di un mago.

Jim Jones pratica la guarigione per fede davanti a una congregazione nella sua chiesa della California.

È stato un inganno per una buona causa, lui e il suo team hanno razionalizzato, ma è stato il primo passo lungo una strada lunga e buia che si è conclusa con la morte e 900 persone che non avrebbero mai visto l'alba il 20 novembre 1978.

Il tempio dei popoli diventa un culto

Jim Jones Rally

Nancy Wong / Wikimedia CommonsJim Jones a una manifestazione contro lo sfratto domenica 16 gennaio 1977 a San Francisco.

Non passò molto tempo prima che le cose iniziassero a diventare più strane. Jones stava diventando sempre più paranoico riguardo al mondo che lo circondava. I suoi discorsi hanno iniziato a fare riferimento a un giorno del giudizio imminente, il risultato di un'apocalisse nucleare causata da una cattiva gestione del governo.

Sebbene continuasse a godere del sostegno popolare e di forti relazioni con i principali politici del giorno, tra cui la First Lady Rosalynn Carter e il governatore della California Jerry Brown, i media stavano cominciando a rivoltarsi contro di lui.

Diversi membri di alto profilo del Tempio del Popolo hanno disertato, e il conflitto è stato sia violento che pubblico poiché i 'traditori' hanno criticato la chiesa e la chiesa li ha imbrattati in cambio.

La struttura organizzativa della chiesa si ossificò. Un gruppo di donne bianche principalmente benestanti sovrintendeva alla gestione del tempio, mentre la maggior parte delle congreghe era di colore.

Le riunioni delle alte sfere diventarono più riservate mentre pianificavano schemi di raccolta fondi sempre più complicati: una combinazione di guarigioni organizzate, marketing di gingilli e invii solleciti.

Allo stesso tempo, stava diventando chiaro a tutti che Jones non era particolarmente interessato agli aspetti religiosi della sua chiesa; Il cristianesimo era l'esca, non l'obiettivo. Era interessato al progresso sociale che avrebbe potuto ottenere con un seguito fanaticamente devoto alle sue spalle.

In questa riunione, i membri del Tempio del Popolo, a turno, lodano Jim Jones. Lo chiamano 'Padre' e lo ringraziano per i miracoli nella loro vita.

I suoi obiettivi sociali divennero più apertamente radicali e iniziò ad attirare l'interesse dei leader marxisti e dei gruppi violenti di sinistra. Il cambiamento e una serie di defezioni - le defezioni in cui Jones ha inviato squadre di ricerca e un aereo privato per reclamare i disertori - hanno portato i media su quella che ora era ampiamente considerata una setta.

Mentre le storie di scandali e abusi proliferavano sui giornali, Jones si mise a correre, portando con sé la sua chiesa.

Preparare il terreno per il massacro di Jonestown

Ingresso di Jonestown

Il Jonestown Institute / Wikimedia CommonsL'ingresso dell'insediamento di Jonestown in Guyana.

quanti anni hanno i marines?

Si stabilirono in Guyana, un paese che fece appello a Jones a causa del suo status di non estradizione e del suo governo socialista.

Le autorità della Guyana hanno cautamente permesso al culto di iniziare la costruzione del loro complesso utopico e nel 1977 il Tempio del Popolo arrivò per prendere residenza.

Non è andato come previsto. Ora isolato, Jones era libero di attuare la sua visione di una società marxista pura - ed era molto più cupa di quanto molti avessero previsto.

Le ore diurne erano consumate da giornate lavorative di 10 ore e le serate erano piene di conferenze mentre Jones parlava a lungo delle sue paure per la società e dei disertori condannati.

Nelle serate di cinema, i film divertenti sono stati sostituiti con documentari in stile sovietico sui pericoli, gli eccessi e i vizi del mondo esterno.

Le razioni erano limitate, poiché il complesso era stato costruito su un terreno povero; tutto doveva essere importato tramite negoziazioni su radio a onde corte - l'unico modo in cui il Tempio del Popolo poteva comunicare con il mondo esterno.

Ritratto della famiglia Jones

Don Hogan Charles / New York Times Co./Getty ImagesRitratto di Jim Jones, il fondatore del Tempio dei Popoli, e sua moglie, Marceline Jones, seduti di fronte ai loro figli adottivi e accanto a sua cognata (a destra) con i suoi tre figli. 1976.

E poi c'erano le punizioni. In Guyana sono circolate voci secondo cui i membri della setta erano stati severamente disciplinati, picchiati e rinchiusi in carceri delle dimensioni di una bara o lasciati a passare la notte in pozzi asciutti.

Si diceva che lo stesso Jones stesse perdendo il controllo sulla realtà. La sua salute stava peggiorando e, come cura, iniziò a prendere una combinazione quasi letale di anfetamine e pentobarbital.

chi è l'attuale papa della chiesa cattolica

I suoi discorsi, trasmessi dagli altoparlanti composti a quasi tutte le ore del giorno, stavano diventando cupi e incoerenti mentre riferiva che l'America era caduta nel caos.

Come un sopravvissuto ricordato :

“Ci diceva che negli Stati Uniti gli afroamericani venivano ammassati nei campi di concentramento, che c'era stato un genocidio nelle strade. Stavano venendo per ucciderci e torturarci perché avevamo scelto quello che lui chiamava la pista socialista. Ha detto che stavano arrivando. '

Jim Jones offre un tour idealistico del complesso di Jonestown.

Jones aveva iniziato a sollevare l'idea del 'suicidio rivoluzionario', l'ultima risorsa che lui e la sua congregazione avrebbero perseguito se il nemico si fosse presentato alle loro porte.

Aveva persino chiesto ai suoi seguaci di provare la propria morte, chiamandoli insieme nel cortile centrale e chiedendo loro di bere da una grande vasca che aveva preparato proprio per un'occasione del genere.

Non è chiaro se la sua congregazione sapesse che quei momenti erano esercitazioni; i sopravvissuti avrebbero poi riferito di aver creduto che sarebbero morti. Quando non l'hanno fatto, è stato detto loro che era stato un test. Il fatto che avessero bevuto comunque li ha dimostrati degni.

Fu in quel contesto che il membro del Congresso americano Leo Ryan venne a indagare.

L'indagine che ha dato origine al massacro di Jonestown

Leo Ryan

Wikimedia CommonsRappresentante Leo Ryan della California.

Quello che è successo dopo non è stata colpa del rappresentante Leo Ryan. Jonestown era un insediamento sull'orlo del disastro e, nel suo stato paranoico, Jones avrebbe probabilmente trovato un catalizzatore in breve tempo.

Ma quando Leo Ryan si è presentato a Jonestown, ha gettato tutto nel caos.

Ryan era stato amico di un membro del Tempio del Popolo il cui corpo mutilato era stato trovato due anni prima, e da allora lui - e molti altri rappresentanti degli Stati Uniti - si erano interessati al culto.

Quando i rapporti che uscivano da Jonestown suggerivano che era lontano dall'utopia libera dal razzismo e dalla povertà a cui Jones aveva venduto i suoi membri, Ryan decise di verificare le condizioni da solo.

Cinque giorni prima del massacro di Jonestown, Ryan è volato in Guyana insieme a una delegazione di 18 persone, tra cui diversi membri della stampa, e ha incontrato Jones ei suoi seguaci.

L'accordo non era il disastro che Ryan si aspettava. Mentre le condizioni erano magre, Ryan sentiva che la stragrande maggioranza dei cultisti sembrava voler sinceramente essere lì. Anche quando diversi membri hanno chiesto di partire con la sua delegazione, Ryan ha pensato che una dozzina di disertori su 600 circa adulti non fossero motivo di preoccupazione.

Jim Jones, tuttavia, era devastato. Nonostante le assicurazioni di Ryan che il suo rapporto sarebbe stato favorevole, Jones era convinto che il Tempio del Popolo avesse fallito l'ispezione e Ryan avrebbe chiamato le autorità.

Paranoico e in cattive condizioni di salute, Jones ha inviato la sua squadra di sicurezza dopo Ryan e il suo equipaggio, che erano appena arrivati ​​alla vicina pista di atterraggio di Port Kaituma. La forza del Tempio del Popolo ha sparato e ucciso quattro membri della delegazione e un disertore, ferendone molti altri.

Filmato dal massacro di Port Kaituma.

Leo Ryan è morto dopo essere stato colpito più di 20 volte.

Il massacro di Jonestown e gli aiuti al sapore avvelenato

Jonestown Massacre Contenitore di cianuro

Bettmann / Getty ImagesLa vasca di Flavor Aid cucita con cianuro che ha ucciso oltre 900 persone al massacro di Jonestown.

Con la morte del membro del Congresso, Jim Jones e il Tempio dei Popoli erano terminati.

Ma non era l'arresto quello che Jones aveva previsto; disse alla sua congregazione che le autorità sarebbero 'paracadutate' da un momento all'altro, poi tracciò un vago quadro di un terribile destino per mano di un governo squilibrato e corrotto. Ha incoraggiato la sua congregazione a morire ora piuttosto che affrontare la loro tortura:

“Muori con un certo grado di dignità. Deponi la tua vita con dignità; non sdraiarti con le lacrime e l'agonia ... ti dico, non mi interessa quante urla senti, non mi interessa quante grida angosciate ... la morte è un milione di volte preferibile a 10 giorni in più di questa vita. Se sapessi cosa ti aspetta, se sapessi cosa ti aspetta, saresti felice di passare stasera '.

Il Audio del discorso di Jones e il conseguente suicidio sopravvive. Sul nastro, un Jones esausto dice di non vedere alcuna via d'uscita; è stanco di vivere e vuole scegliere la propria morte.

Una donna coraggiosamente non è d'accordo. Dice che non ha paura di morire, ma pensa che i bambini almeno meritino di vivere; il Tempio dei Popoli non dovrebbe arrendersi e lasciare che i loro nemici vincano.

Morti abbracciati dopo il massacro di Jamestown

Frank Johnston / The Washington Post / Getty ImagesAll'indomani del massacro di Jonestown, le famiglie furono trovate insieme, tenendosi l'una con l'altra.

Jones le dice che i bambini meritano la pace e la folla urla la donna a terra, dicendole che ha solo paura di morire.

Quindi il gruppo che ha ucciso il membro del Congresso torna, annunciando la vittoria, e il dibattito finisce quando Jones implora qualcuno di affrettare il 'farmaco'.

Coloro che somministrano i farmaci - forse, suggeriscono i detriti sul composto, con le siringhe spruzzate in bocca - possono essere ascoltati su nastro assicurando ai bambini che le persone che hanno ingerito il farmaco non stanno piangendo dal dolore; è solo che le droghe sono 'un po 'amaro'.

Pappagallo che domina Jonestown morto

David Hume Kennerly / Getty Images

Altri esprimono il loro senso di obbligo nei confronti di Jones; non sarebbero arrivati ​​a questo punto senza di lui, e ora stanno togliendo le loro vite dal dovere.

Alcuni - chiaramente quelli che non hanno ancora ingerito il veleno - si chiedono perché i morenti sembrano soffrire quando dovrebbero essere felici. Un uomo è grato che suo figlio non venga ucciso dal nemico o cresciuto dal nemico per essere un 'manichino'.

L'audio del dibattito e del successivo massacro di Jonestown.

Jones continua a supplicarli di sbrigarsi. Dice agli adulti di smetterla di essere isterici e di “eccitare” i bambini urlanti.

E poi l'audio finisce.

eclissi solare e differenza di eclissi lunare

Le conseguenze del massacro di Jonestown

Grandangolo di Jonestown morto

David Hume Kennerly / Getty Images

Quando le autorità della Guyana si presentarono il giorno seguente, si aspettavano resistenza: guardie e pistole e un Jim Jones adirato che aspettava ai cancelli. Ma sono arrivati ​​in una scena stranamente tranquilla:

'All'improvviso iniziano a inciampare e pensano che forse questi rivoluzionari hanno messo dei tronchi a terra per farli inciampare, e ora inizieranno a sparare dall'imboscata - e poi un paio di soldati guardano in basso e possono vedono attraverso la nebbia e iniziano a urlare, perché ci sono corpi ovunque, quasi più di quanto possano contare, e sono così inorriditi. '

Bambino che domina il massacro di Jonestown

Archivio Bettmann / Getty Images

Ma quando hanno trovato il corpo di Jim Jones, era chiaro che non aveva preso il veleno. Dopo aver visto l'agonia dei suoi seguaci, ha scelto invece di spararsi alla testa.

I morti erano una cupa collezione. Circa 300 erano bambini che erano stati nutriti con il Flavor Aid arricchito di cianuro dai loro genitori e dai loro cari. Altri 300 erano anziani, uomini e donne che dipendevano da cultisti più giovani per il sostegno.

Pappagalli rivolti verso l

Per quanto riguarda il resto delle persone uccise nel massacro di Jonestown, erano un misto di veri credenti e senza speranza, come scrive John R. Hall in Andato dalla Terra Promessa :

“La presenza di guardie armate mostra almeno una coercizione implicita, anche se le stesse guardie hanno riferito le loro intenzioni ai visitatori in termini gloriosi e poi hanno preso il veleno. Né la situazione era strutturata come una scelta individuale. Jim Jones ha proposto un'azione collettiva e nella discussione che è seguita solo una donna ha offerto un'ampia opposizione. Nessuno si precipitò a rovesciare la vasca di Flavor Aid. Consapevolmente, inconsapevolmente o riluttante, hanno preso il veleno '.

Jonestown Massacre Vat

Questa persistente questione della coercizione è il motivo per cui la tragedia è oggi chiamata il massacro di Jonestown, non il suicidio di Jonestown.

Alcuni hanno ipotizzato che molti di coloro che hanno assunto il veleno avrebbero persino potuto pensare che l'evento fosse un altro esercizio, una simulazione da cui si sarebbero allontanati tutti proprio come avevano fatto in passato. Ma il 19 novembre 1978 nessuno si è più rialzato.


Dopo questo sguardo al massacro di Jonestown, leggi alcuni dei più culti estremi che sono ancora attivi oggi in America. Quindi, entra nel file comuni hippie dell'America degli anni '70.