La 'Black Wall Street' di Tulsa prosperò all'inizio del 1900, fino a quando una mafia bianca non la bruciò

La rivolta razziale di Tulsa del 1921 causò danni per oltre 1,5 milioni di dollari e distrusse la famosa 'Black Wall Street' della città - in sole 24 ore.

Fumo su Black Wall Street durante la rivolta della corsa di Tusla

Wikimedia CommonsFumo su 'Black Wall Street' durante la rivolta di Tulsa.

Quasi 100 anni fa, in un edificio per uffici di una piccola città, un uomo di nome Dick Rowland inciampò in un ascensore. La macchina non si era fermata correttamente e Rowland non se n'era accorto, mettendo il piede sulla sporgenza irregolare. Mentre cadeva, allungò la mano, cercando qualcosa che lo fermasse. Quel qualcosa si è rivelato essere qualcuno - Sarah Page, la giovane addetta all'ascensore, che naturalmente ha urlato quando un uomo le cadeva addosso.



In un altro luogo, in un altro momento, tra chiunque altro, l'incidente potrebbe essere passato inosservato. Ma il posto era Greenwood, Oklahoma, allora noto come 'Black Wall Street'. Era il 1921. E Dick Rowland era un uomo di colore. A peggiorare le cose, Sarah Page era una donna bianca.



Gli spettatori che hanno assistito all'incidente lo hanno immediatamente definito 'stupro', vedendo un lustrascarpe maschio di 19 anni che afferrava una donna bianca di 17 anni addetta all'ascensore. Fu chiamata la polizia.

Nonostante l'insistenza di Rowland sul fatto che fosse semplicemente inciampato mentre andava a usare il bagno separato, è stato arrestato. Un articolo, pubblicato in modo sorprendentemente veloce sul giornale della città, chiedeva il linciaggio di Rowland.



In risposta, centinaia di persone si sono presentate al tribunale. Un piccolo numero di loro erano residenti neri che si presentavano per proteggere Rowland. Un numero molto maggiore era una folla bianca, ansiosa di soddisfare la richiesta del giornale.

In poco tempo, i residenti neri furono costretti a dimettersi, mentre si svolgeva la rivolta razziale più brutale e distruttiva della storia, in uno dei quartieri neri più importanti.

Cos'era Black Wall Street?

Red Wing Hotel

Tulsa Star / FlickrIl Red Wing Hotel a Greenwood, raffigurato intorno al 1918. Questo hotel sarebbe poi stato distrutto durante la rivolta razziale di Tulsa.



Il quartiere, chiamato Greenwood, era conosciuto come 'Black Wall Street' a causa degli importanti imprenditori neri che vi risiedevano e delle attività di successo che possedevano. Il quartiere aveva cominciato a prosperare solo con clienti neri e venditori, una prima volta per una città in quel momento.

Fondata nel 1906, Greenwood è stata costruita su quello che originariamente era il territorio indiano. Alcuni afroamericani che erano schiavi delle tribù furono finalmente in grado di integrarsi nelle comunità tribali e persino di acquisire un po 'di terra nel processo. O.W. Gurley - un ricco proprietario terriero nero - è stato colui che ha acquistato 40 acri di terreno a Tulsa e lo ha chiamato Greenwood.

'Gurley è accreditato di avere la prima azienda nera a Greenwood nel 1906', ha spiegato Hannibal Johnson, autore di Black Wall Street: dalla rivolta al rinascimento nello storico quartiere Greenwood di Tulsa , in un'intervista con The History Channel . 'Aveva una visione per creare qualcosa per i neri da parte dei neri.'



Gurley ha iniziato in piccolo con una pensione per afroamericani. Ma poi, ha iniziato a prestare denaro ad altre persone di colore che volevano avviare un'attività, dando loro opportunità che potrebbero non aver avuto altrove.

Lavanderia francese a Greenwood

Tulsa Star / FlickrUn annuncio per la lavanderia francese di Caver, un'azienda di lavanderia e sartoria a Greenwood prima della rivolta.



Non sorprende che altri imprenditori neri siano stati attratti da un posto come questo. Ad esempio, l'ex schiavo J.B. Stradford, che in seguito divenne avvocato, si trasferì a Greenwood e vi costruì un hotel di lusso che porta il suo nome.

'L'Oklahoma inizia a essere promosso come un rifugio sicuro per gli afroamericani che iniziano a venire soprattutto dopo l'emancipazione nel Territorio indiano', ha spiegato Michelle Place, direttore esecutivo della Tulsa Historical Society and Museum.

Sfortunatamente, questo 'rifugio sicuro' non sarebbe durato.

Non ci volle molto perché i bianchi notassero la prospera comunità di Greenwood. E inutile dire che non ne erano esattamente felici.

'Penso che la parola gelosia sia certamente appropriata in questo periodo', ha detto Place. 'Se hai bianchi particolarmente poveri che stanno guardando questa prospera comunità che ha grandi case, mobili raffinati, cristalli, porcellane, biancheria, ecc., La reazione è 'non se lo meritano''.

Probabilmente, questo diffuso risentimento che si infuria sotto la superficie ha preparato la scena per rendere le rivolte razziali ancora più distruttive.

La distruzione di Black Wall Street

Tulsa Race Riots

Wikimedia CommonsIl fumo riempiva i cieli sopra le nere zone residenziali di Tulsa.

Nel corso di 12 ore, una folla bianca, affiancata da altri rivoltosi, ha bruciato collettivamente quasi tutta Black Wall Street. Hanno saccheggiato aziende, sparato e attaccato residenti neri e lasciato la città in rovina.

In poco tempo, il governatore dell'Oklahoma aveva dichiarato la legge marziale, portando la Guardia Nazionale per porre fine alle violenze. Alcuni dicono che la polizia e la guardia si siano unite ai combattimenti, facendo cadere candelotti di dinamite dagli aerei e sparando con mitragliatrici contro sciami di residenti neri.

perché alcune persone odiano il coriandolo?

Un resoconto di un testimone oculare recentemente riemerso dall'avvocato dell'Oklahoma Buck Colbert Franklin dettagliato il caos :

“Potevo vedere gli aerei che volavano a mezz'aria. Crebbero di numero e canticchiavano, sfrecciavano e si abbassavano. Potevo sentire qualcosa come la grandine cadere in cima al mio edificio per uffici. Giù a East Archer, ho visto il vecchio hotel Mid-Way in fiamme, che bruciava dall'alto, e poi un altro, un altro e un altro edificio ha iniziato a bruciare dall'alto. '

Ha continuato: “Luride fiamme ruggivano, eruttavano e leccavano in aria le loro lingue biforcute. Il fumo saliva nel cielo in spessi volumi neri e in mezzo a tutto ciò, gli aerei - ora una dozzina o più di numero - ronzavano ancora qua e là con l'agilità degli uccelli naturali dell'aria. '

Franklin scrive che ha lasciato il suo ufficio e ha chiuso la porta prima di dare un'occhiata più da vicino alla scena terrificante che si svolge all'esterno.

“I marciapiedi erano letteralmente ricoperti di palline di trementina ardenti. Sapevo fin troppo bene da dove provenissero, e sapevo fin troppo bene perché ogni edificio in fiamme veniva prima preso dall'alto. Mi sono fermato e ho aspettato il momento opportuno per scappare. 'Dove oh dov'è il nostro splendido corpo dei vigili del fuoco con la sua mezza dozzina di stazioni?' Mi sono chiesto. 'La città è in cospirazione con la folla?' '

Uomini che guardano bruciare

Tulsa Historical Society & MuseumUn gruppo di uomini osserva il fuoco da lontano.

Ventiquattro ore dopo, era finita, ma il danno era già stato fatto.

Secondo i primi rapporti, più di 800 persone sono rimaste ferite e circa 35 sono morte. Più recentemente, nel 2001, un indagine dalla Tulsa Race Riot Commission ha affermato che il bilancio delle vittime era più vicino a 300.

Oltre 35 isolati di strade cittadine erano stati bruciati, provocando danni alla proprietà per oltre 1,5 milioni di dollari. Oggi sarebbero circa 30 milioni di dollari.

10.000 residenti neri sono rimasti senza casa e oltre 6.000 sono stati trattenuti dalla Guardia Nazionale, alcuni per otto giorni.

Pochi giorni dopo la rivolta, la comunità nera iniziò il lungo ed estremamente difficile processo di ricostruzione di Greenwood. Migliaia di persone furono costrette a trascorrere l'inverno del 1921 e del 1922 vivendo in fragili tende.

Mentre Greenwood è stata alla fine ricostruita, molte famiglie non si sono mai completamente riprese dalle violenze.

Cosa è successo a Dick Rowland?

Nonostante Dick Rowland sia una figura centrale in questa storia, si sa molto poco di lui - o della sua vita dopo la rivolta. (A volte, anche il suo nome è contestato, poiché occasionalmente viene scritto Dick 'Roland' invece di Rowland.)

Quello che sappiamo dal Relazione della Commissione dell'Oklahoma sulla sommossa è che il caso contro Dick Rowland è stato infine archiviato nel settembre 1921. Sappiamo anche che Sarah Page (la donna bianca nell'ascensore) non è apparsa come testimone che si lamentava contro Rowland in tribunale - forse una grande ragione del perché il caso è stato archiviato.

Quanto a quello che è successo a Dick Rowland dopo essere stato scagionato, rimane ancora un mistero. Alcune fonti affermano che, dopo il suo rilascio, lasciò immediatamente Tulsa per Kansas City. Si diceva anche che si fosse spostato ancora più a nord di quello.

Tuttavia, gli esperti non sono stati in grado di verificare esattamente dove sia andato Dick Rowland dopo il suo rilascio. Anche la data precisa della sua morte rimane sconosciuta.

Considerando l'enorme violenza che si era appena verificata a Greenwood - e il fatto che una folla bianca arrabbiata aveva voluto linciarlo - non sarebbe stato sorprendente se Rowland avesse lasciato l'area il prima possibile.

Inoltre, anche se Rowland è stato esonerato, un gran giurì di soli bianchi avrebbe poi incolpato i Tulsani neri per l'illegalità in una serie di recriminazioni e manovre legali.

Nonostante un mucchio di prove, nessun bianco fu mai mandato in prigione per gli omicidi o l'incendio doloso del massacro.

Come viene ricordata oggi Black Wall Street

La Guardia Nazionale aiuta i feriti nella rivolta razziale di Tulsa

Wikimedia CommonsLa Guardia Nazionale si occupa dei feriti.

Nonostante sia stata la peggiore rivolta nella storia dell'Oklahoma (alcuni dicono del mondo), la rivolta razziale di Tulsa è stata quasi cancellata dalla memoria nazionale per decenni.

Ma nel 1971 le cose iniziarono a cambiare. Rivista d'impatto il direttore Don Ross ha pubblicato uno dei primi resoconti della rivolta razziale, quasi 50 anni dopo che è avvenuta. In seguito è diventato un rappresentante statale. Secondo NPR , Ross e il senatore di stato Maxine Horner sono spesso accreditati per aver portato l'attenzione nazionale su questa parte dimenticata della storia.

Tuttavia, una commissione statale non sarebbe stata costituita fino al 1997 per indagare sulle violenze che hanno avuto luogo a Greenwood tanti anni fa. E nel 2001, il rapporto della Commissione raccomandava che i sopravvissuti ricevessero un risarcimento. Il legislatore dello stato dell'Oklahoma ha rifiutato.

Anche se i sopravvissuti non hanno vinto le riparazioni, organizzazioni come la Tulsa Historical Society, il Greenwood Cultural Center e l'Università di Tulsa stanno lavorando verso nuovi obiettivi: aumentare la consapevolezza dell'esistenza della rivolta ed educare gli americani sul suo significato storico.

In particolare, gli attivisti stanno spingendo affinché la rivolta venga trattata più ampiamente nei libri di testo di storia. Sorprendentemente, l'incidente non faceva parte del programma di studi delle scuole pubbliche dell'Oklahoma fino al 2000 e la menzione dell'evento è stata aggiunta solo di recente a libri di storia americani più generali.

quando sono usciti per la prima volta i lego?

Forse anche più menzioni nei media faranno la differenza. Ad esempio, la rivolta è stata recentemente raffigurato in HBO serie 'Watchmen'.

Una cosa è certa: questo pezzo cruciale di storia è stato dimenticato per troppo tempo. Spetta alle generazioni future assicurarsi che non venga mai più dimenticato.


Ora che hai letto di Black Wall Street, dai un'occhiata al più orribile foto della rivolta razziale di Tulsa . Quindi scopri di più su le peggiori rivolte della storia .