Vasil Levski

Vasil Levski , per nome di Vasil Ivanov Kunchev , (nato il 18 luglio [6 luglio, vecchio stile], 1837, Karlovo, Rumelia - morto il 18 febbraio [6 febbraio, vecchio stile], 1873, vicino a Sofia), leader rivoluzionario bulgaro nella lotta per la liberazione di Bulgaria dal dominio ottomano.

Inizialmente monaco (1858-1864), Vasil Kunchev si dedicò presto all'opera di liberazione della Bulgaria e per il suo coraggio fu soprannominato Levski (Leone). Levski unì le due legioni di volontari bulgari organizzati in Serbia (1862 e 1868) ma, deluso dal governo serbo, decise di tornare in Bulgaria per organizzare una rivolta. Ha introdotto una nuova fase nel movimento nazionale bulgaro trasferendo l'attività rivoluzionaria dall'estero nella stessa Bulgaria.



Nel 1869 a Bucarest, Levski, insieme a Lyuben Karavelov, organizzò il Comitato Centrale Rivoluzionario Bulgaro, che istituì una rete di agenti (chiamati apostoli) in Bulgaria. Nel 1872, durante una delle sue missioni segrete in Bulgaria, Levski fu catturato dai turchi e successivamente impiccato.