Qual è la differenza tra ispanico e latino?

Globo Sud America, mappa

Anson_iStock/iStock.com

gli elementi litio sodio e potassio

America Latina, che si estende dai deserti del Messico settentrionale alle gelide terre selvagge della Terra del Fuoco in chili e Argentina , abbraccia molti paesi e popoli diversi. Sebbene la maggior parte di questi paesi siano in gran parte cattolico e spagnolo -parlando, grazie a una storia condivisa di colonizzazione da parte della Spagna, hanno almeno tante differenze quante somiglianze tra loro. Negli Stati Uniti i termini 'ispanico' e 'latino' (o 'latina' per una donna; a volte scritti come Latinx per essere neutrali rispetto al genere) sono stati adottati nel tentativo di raggruppare liberamente immigrati e i loro discendenti che provengono da questa parte del mondo. I termini sono spesso usati in modo intercambiabile, sebbene le parole possano trasmettere connotazioni leggermente diverse. È importante chiarire che le categorie si riferiscono solo all'origine e all'ascendenza di una persona. Un latino/a o ispanico può essere di qualsiasi razza o colore.



In generale, 'Latino' è inteso come una scorciatoia per la parola spagnola latino americano (o il portoghese latino americano ) e si riferisce a (quasi) chiunque sia nato o abbia antenati dell'America Latina e che viva negli Stati Uniti, compresi i brasiliani . 'Latino' non include gli altoparlanti di lingue romanze dall'Europa, come gli italiani o gli spagnoli, e alcune persone hanno (tenuamente) sostenuto che esclude gli spagnoli dal caraibico . Sebbene le persone della Guyana francese a volte siano accettate come latine poiché francese condivide radici linguistiche con lo spagnolo e il portoghese, si discute molto sul fatto che le persone provenienti da inglese -parlando Belize e Guyana e olandese -A proposito di Suriname rientrano veramente nella categoria poiché le loro culture e storie sono così distinte.



'Ispanico' è generalmente accettato come un termine più ristretto che include solo persone dell'America Latina di lingua spagnola, compresi quei paesi/territori dei Caraibi o della stessa Spagna. Con questa comprensione, un brasiliano potrebbe essere latino e non ispanico, uno spagnolo potrebbe essere ispanico e non latino, e un colombiano potrebbe usare entrambi i termini. Tuttavia, questa è anche una categorizzazione imperfetta, poiché ci sono molti popoli indigeni dei paesi di lingua spagnola che non si identificano con la cultura spagnola e non parlano la lingua dominante.

Per semplificare (o forse confondere ulteriormente) le cose, il censimento degli Stati Uniti del 2010 ha elencato entrambi i termini insieme e menzionato specificamente i paesi/territori di lingua spagnola dei Caraibi, ma escludeva vagamente i paesi non di lingua spagnola (molti brasiliani, ad esempio, non erano sicuri se selezionare la casella). Nella vita di tutti i giorni, molti immigrati e discendenti latinoamericani preferiscono semplicemente dichiarare direttamente i loro paesi di origine.