Cosa c'è dentro la piramide di Chichén Itzá?

Il Castillo, una piramide in stile tolteco, si erge a 79 piedi (24 metri) sopra la piazza di Chichen Itza nello stato dello Yucatan, in Messico. La piramide fu costruita dopo che gli invasori conquistarono l

diegograndi/iStock.com

Due volte l'anno migliaia di visitatori si accalcano nell'antica città Maya di Chichen Itza , situata nella penisola messicana dello Yucatán , in previsione della discesa di Kukulcan . Si radunano intorno alla piramide del sito, chiamata El Castillo (il Castello) dai conquistadores spagnoli, dove, secondo la leggenda, Kukulcán, il dio serpente piumato, scende dal cielo, benedice i suoi adoratori sulla terra e poi si dirige verso gli inferi , o Xibalba. In realtà, il sole al tramonto durante gli equinozi di primavera e autunno proietta un'ombra sulla balaustra nord di El Castillo che ricorda la forma di un serpente che striscia giù per le scale, un effetto che è accentuato dalle teste di animali scolpiti alla base. Mentre gli spettatori osservano il fenomeno dall'esterno, gli archeologi esplorano l'interno della piramide da quasi cento anni. Le esplorazioni archeologiche di El Castillo hanno rivelato non solo le macerie o la terra da cui sono costruite molte piramidi mesoamericane, ma anche due piramidi precedenti e forse un ingresso per l'inferno, ehm, Xibalba.



quale paese occupa la maggior parte della penisola dello Jutland?

Con la sua piacevole simmetria radiale, le ordinate piattaforme a gradini e il tempio incoronato, El Castillo è una delle piramidi mesoamericane più riconoscibili. Fu probabilmente costruito dai Maya toltechi tra il 1050 e il 1300 d.C. quando il resto della popolazione Maya stava diminuendo. È famoso non solo per la discesa di Kukulcán, ma anche per la sua relazione con il calendario Maya. Ciascuno dei quattro lati della piramide ha una scala di 91 gradini. Il numero totale di gradini, se combinato con il tempio alla sua sommità, è uguale a 365, il numero di giorni dell'anno solare Maya. Il tempio in cima era utilizzato esclusivamente dai sacerdoti che eseguivano rituali sacri ad un'altezza che li avvicinava agli dei del cielo.



I sacerdoti salirono su una delle quattro scale per raggiungere il tempio: la piramide non era mai stata concepita per entrare. Negli anni '30, tuttavia, un gruppo di scavatori iniziò ad esplorare e scoprì che un altro tempio-piramide era incastonato all'interno della piramide più grande. Ulteriori scavi hanno rivelato che aveva nove piattaforme, un'unica scala e un tempio contenente resti umani, un trono di giaguaro tempestato di giada e un cosiddetto Chac Mool. Il Chac Mool è un tipo di scultura Maya di una figura maschile astratta sdraiata e con in mano una ciotola usata come ricettacolo per i sacrifici. I ricercatori teorizzano che questa piramide sia stata costruita tra l'800 e il 1000 d.C. A metà degli anni 2010 gli archeologi, utilizzando tecniche di imaging non invasive, hanno scoperto un'altra piramide sepolta all'interno delle altre due. Teorizzano che sia stato probabilmente costruito tra il 550 e l'800 d.C. e potrebbe aver avuto un'unica scalinata e un altare.

El Castillo non è insolito per avere non una ma due piramidi di templi al suo interno: gli archeologi hanno trovato strutture precedenti all'interno di diverse piramidi mesoamericane. Ad esempio, gli scavi della Piramide del Sole a Teotihuacán, costruita da un'antica cultura senza nome vicino a Città del Messico intorno al 100 d.C., hanno scoperto che la piramide era stata probabilmente costruita su tre strutture precedenti. Gli studiosi ipotizzano che i sovrani spesso costruissero su edifici esistenti come mezzo per superare i loro predecessori. È interessante notare che gli archeologi che hanno lavorato negli anni '70 hanno anche trovato un sistema di grotte e tunnel sotto la Piramide del Sole, che si collegava ai vari fiumi sotterranei della città. La scoperta ha suggerito una decisione mirata per costruire proprio in quel punto.



qual è la funzione della dura madre?

Gli archeologi hanno fatto una scoperta simile a Chichén Itzá negli anni 2010. Usando ancora una volta tecniche di imaging non invasive, hanno trovato quello che credono essere un cenote, o una grande dolina, sotto la base di El Castillo. La depressione è simile al Cenote Sagrado (Sacro Cenote) di Chichén Itzá, situato all'estremità settentrionale della città. Associato al culto degli dei della pioggia, chiamati Chacs, era il luogo di offerte regolari che includevano oggetti preziosi come giada, oro e rame, oltre a esseri umani. Questo cenote si collega ai numerosi fiumi sotterranei e grotte sotto la roccia calcarea di Chichén Itzá, una formazione geologica chiamata carso. Tali cavità sotterranee non erano solo fonti di acqua dolce per i Maya ma anche, secondo le loro credenze, l'ingresso a Xibalba, o il luogo della paura.

Nel 2018 un team di archeologi ha iniziato a esplorare il sistema idrico sotterraneo sotto Chichén Itzá nel tentativo di trovare un collegamento con il presunto cenote sotto El Castillo. Se gli archeologi riuscissero a dimostrare l'esistenza del cenote, El Castillo sarebbe servito non solo come una scala che avvicinava i sacerdoti agli dei dei cieli, ma anche come una porta per i demoni degli inferi. Sarebbe essenzialmente un axis mundi, il centro del mondo, che unisce la terra con il cielo e gli inferi. El Castillo, quindi, potrebbe aver avuto un ruolo più significativo nella religione Maya di quanto gli archeologi e i turisti avessero pensato in precedenza, ma tale affermazione richiede ulteriori esplorazioni.